Moody Blues - Procol Harum

Sezione dedicata a tutti i gruppi Progressive Rock.

Moderatori: Harold Barrel, Watcher, Hairless Heart, MrMuschiato

Avatar utente

aorlansky60
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1456
Iscritto il: 09/07/2018, 12:09

Re: Moody Blues - Procol Harum

Messaggio da aorlansky60 » 10/07/2018, 9:47

Queste due band, insieme a NICE, sono quelle che in qualche modo hanno tracciato il solco iniziale per la nascita del PROG;

cosa aveva che li accomunava ? un elemento fondamentale : l'uso delle TASTIERE quale elemento guida, o almeno a rivaleggiare con la ELECTRIC GUITAR regina incontrastata del ROCK(almeno fino al 1967), nel ruolo di linea guida delle rispettive band.

Mike Pinder dei MOODY BLUES fu il primo in assoluto [del panorama rock del tempo] ad usare il MELLOTRON (1967) (*) e a scoprirne le potenzialità che potevano essere utilizzate in campo rock; di Keith EMERSON inutile parlare, fu il primo a contaminare pagine classiche condite da spunti, strumenti ed armonie rock presentandoli al grosso pubblico, segnando di fatto uno spartiacque.

(*) i Beatles si erano muniti di un mellotron all'inizio del 1967, ne sperimentarono l'utilizzo ma non con quella sapienza cui ne seppe fare uso Mike Pinder per i primi album della band, 1967-68-69 rispettivamente DAYS of FUTURE PASSED, IN SEARCH OF THE LOST CHORD e ON THE THRESHOLD OF A DREAM, tre titoli altamente rappresentativi;

per quanto riguarda NICE, importanti "ARS LONG VITA BREVIS"(1968), "NICE"(1969)

per i PROCOL HARUM, importanti i primi albums : PROCOL HARUM(1967), SHINE ON BRIGHTLY(1968) A SALTY DOG (1969)

I titoli qui segnati, CONTESTUALMENTE ALL'ANNO di pubblicazione, fanno ben comprendere l'importanza che hanno avuto per quanto riguarda l'influenza musicale, cosa di cui sapranno fare buon uso molte prog band che nasceranno dal 1969 in avanti.
Ama tutti, credi a pochi, non far male a nessuno.

Avatar utente

Lorenzo Mentasti
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 563
Iscritto il: 11/11/2019, 16:14

Re: Moody Blues - Procol Harum

Messaggio da Lorenzo Mentasti » 07/12/2019, 19:41

I Procol Harum sono stati considerati, non ricordo più da chi, i precursori del Progressive: le loro songs migliori, per me, sono "A whiter shade of pale" (con amorevole citazione di "Aria sulla 4a corda" di Bach), "Homburg" (dalle atmosfere sognanti), "Good Captain clack" (favoletta folk inglese) e "Conquistador" (antesignana del Prog più duro).
"Mother, didn't need to be so high."

Rispondi