Sting - The Police

Moderatori: Watcher, Harold Barrel, MrMuschiato, Hairless Heart

Avatar utente

Topic author
Burning Rope
Apprendista Rocker
Apprendista Rocker
Messaggi: 114
Iscritto il: 14/12/2010, 20:43

Sting - The Police

Messaggio da Burning Rope » 28/12/2010, 21:02

Posso dire una cosa? :|

Non ho mai amato troppo il Sig. Summer e soprattutto il suo gruppo :o

Lo so forse sono l'unico al mondo... Ma ad esempio lo aprezzavo di più da solista. The dream of blue turtles e Nothing like the sun sono due ottimi dischi creati con gran gusto ad esempio. Ma proprio mi riesci a trascinare...

Avatar utente

TRE
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 495
Iscritto il: 21/12/2010, 14:55

Re: Sting.

Messaggio da TRE » 28/12/2010, 22:23

i primi due dischi di sting sono in effetti dei gran bei dischi.
ma zeniatta mondatta e syncronicity sono, a mio parere molto superiori.

il video di sting che ho postato è preso dal secret police ball concert del 1981, il primo concerto dove phil collins si è esibito da solista.

certo la voce di sting è invecchiata male, nell'ultimo tour dei police e nello scopazziamento sbiadito di PG con l'orchesta sembra l'ombra di se stesso.

a onor del vero nel 2007 secondo me i genesis ai police davano un bel distacco.

nel 1981 aveva trent'anni, e la voce era chiara e limpida, senza gigioneggiamenti vari.

peter, bono e sting comunque sono il mio podio

Avatar utente

Harold Barrel
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2308
Iscritto il: 03/12/2010, 15:43
Località: Udine
Contatta:

Re: Sting

Messaggio da Harold Barrel » 29/12/2010, 17:52

Ragazzi, parliamone qua ;)

Io di Sting non conosco molto. Ho di lui 2 LP con i Police (Reggata de Blanc- molto carino e Outlandos d'Amour - non molto riuscito, a mio parere), 1 LP di solista (il sogno delle tartarughe blu- molto bello anche questo) e per finire un CD sempre da solista (Nothing like sun). Nemmeno io lo amo moltissimo, perciò non sei l'unico. Specialmente nei lavori successivi da solista è terribilmente soporifero a mio parere... Ascolti due canzoni e poi ti dici BASTA :lol:
« La vita è la palingenetica obliterazione dell’io trascendentale che s’infutura nell’archetipo prototipo dell’autocoscienza cosmica. »

Ettore Petrolini

Avatar utente

Maggie May
Apprendista Rocker
Apprendista Rocker
Messaggi: 68
Iscritto il: 08/12/2010, 17:18
Località: Udine
Contatta:

Re: Sting

Messaggio da Maggie May » 06/02/2011, 18:04

avete visto sting che imita peter gabriel?ma è orribile sting con l'orchestra! [stop]
Io sono il Conte Draculaaaaaaaaaaaaaaa

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 6781
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: Sting - The Police

Messaggio da Hairless Heart » 26/02/2011, 15:15

Considero i Police una delle pochissime band (si contano sui diti di una mano) assolutamente IMPRESCINDIBILI di tutta la storia. Come pochi hanno saputo essere contemporaneamente per il vasto pubblico e per quelli di più alte pretese; si pensi ad esempio ad un pezzo come Message in a bottle, elaborato mica uno scherzo eppure popolarissimo. In uno stesso albume (o in uno stesso 45 giri) mettevano pezzi da classifica e chicche strumentalmente superbe, come certe cose di Summers.
OUTLANDOS D'AMOUR voto 7,5 . Altro che poco riuscito, i capolavori non mancano, come la celeberrima (ma inizialmente ignorata) Roxanne, Can't stand losing you, Hole in my life.
REGGATTA DE BLANC voto 8,5. Il loro capolavoro. Message in a bottle, Bring on the night, The bed's too big without you (!!!!!!!) su tutte.
ZENYATTA MONDATTA voto 7,5. Forse l'album più commerciale, con pezzi come Don't stand so close to me e De do do do de da da da. Ottime Driven to tears e Behind my camel.
GHOST IN THE MACHINE voto 8. Disco spesso sottovalutato, io invece lo amo molto, a partire da Spirits in the material world. One world è praticamente un trattato di batteria
SYNCHRONICITY voto 8,5. Molto diversi dagli esordi, ma sempre dei maestri. Le due title-track (specie la prima), King of pain e Wrapped around your finger i pezzi migliori. Ed Every breath you take a smaronarci di continuo dai juke-box dell'epoca.
Ognuno dei tre un maestro del proprio strumento. Copeland è uno dei miei batterari preferiti, Summers ha lavorato fra gli altri con Fripp (scusate se è poco), Sting lo conosciamo tutti, famosissimo produttore di vino in Toscana (o era olio??? boh).
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

Lamia
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1578
Iscritto il: 11/01/2014, 14:55

Re: Sting - The Police

Messaggio da Lamia » 22/07/2014, 15:33

Penso che Sting solista sia uno dei rari esempi di un percorso interiore e musicale che prende direzioni lontane e differenti dal suo 'guscio' iniziale, ovvero in questo caso i Police. Cosa che ho sempre ammirato, a prescindere dai risultati piu' o meno interessanti, perche' in genere chi tenta una carriera solista si adagia su un tappeto di sonorita' 'accomodanti' - se cosi posso dire - e che richiamano quasi sempre la linea intrapresa con il gruppo , giusto per non spiazzare troppo i fan e vender poco.
Invece lui si e' spinto verso strade completamente differenti, addirittura chiamando a se musicisti jazz , vuoi per una sua ricerca , vuoi per allontanarsi il piu' possibile da un qualsiasi richiamo Police. Molti provano con risultati scadenti e poveri, lui, invece , riesce , e non e' cosa da poco. Ricordo ancora i primi ascolti di "The Dream of the blue turtles", si stentava a credere fosse lui!

Chi apprezza e chi no, chi ritiene sia antipatico, ma certo non si puo' negare un talento smisurato per la musica.

Questo pezzo , "The Wild wild sea" lo trovo sublime, per esempio: http://youtu.be/ZtTMxBVFVSg


elio77
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 619
Iscritto il: 09/05/2014, 15:37

Re: Sting - The Police

Messaggio da elio77 » 24/07/2014, 21:21

è idubbiamente bravo sia solista che con i police ma la sua musica mi lascia del tutto indifferente

Avatar utente

2Old2Rock2Young2Die
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1392
Iscritto il: 20/09/2013, 16:15

Re: Sting - The Police

Messaggio da 2Old2Rock2Young2Die » 25/07/2014, 13:10

Premetto che i Polisss sono uno di quei gruppi per i quali non posso essere molto obiettivo. Li ho amati follemente e devo anche a loro il mio interesse per il rock.
Ci sono gruppi che esordiscono timidamente e trovano la lora identità ed affermazione solo lentamente col tempo e altri come appunto i Police che sono, per così dire, "nati pronti". Questo anche perchè quando si formarono non erano più di primo pelo (tutti sulla trentina ma, fortuna loro, ne dimostravano meno (specialmente Summers che aveva la stess età di George Harrison|), erano già abbastanza scafati e sapevano che quello, forse, era per loro l'ultimo tram da afferrare al volo.
Da quì tutta una serie di equivoci e incompresioni. Innanzitutto con i gruppi punk che li consideravano una sorta di "infiltrati" e non avevano tutti i torti, in quanto, l'unico vero punk era il primo chitarrista, il "pirata corso" Henry Padovani che venne ben presto, senza tanti complimenti, liquidato per il più esperto e raffinato Andy Summers.
Ma Copeland e Sting (che il punk lo disprezzava proprio e non lo nascondeva) avevano capito che serviva un mezzo, il più rapido possibile, per arrivare all'orecchio dell'ascoltatore, e questo se, inizialmente, fu il furore punk, ben presto fu sostituito dalla contaminazione reggae-rock per cui sono giustamente rimasti famosi (non sono stati gli unici, ovviamente, ma sono stati fra i migliori per me).
All'epoca della loro esplosione si sprecarono i paragoni con i Beatles, e, secondo me, non erano affatto campati in aria. Non tanto per l'enorme successo commerciale avuto ma per il fatto che riuscivano a coniugare l'immediata presa dei loro brani (per cui non potevi fare a meno di ascoltarli più e più volte) ad una sofisticazione musicale e profondità dei testi che arrivavano dulcis in fundo. In particolare rileggendosi le parole scritte da Sting si nota una carica di angoscia e disperazione notevole (che chi ha letto la sua biografia sa essere autentica) appena smussati da un'ironia tutta british.
Quanti ai dischi, son pochi ma tutti di livello per me. I primi due (Outlandos D'amour e Regatta de Blanc) sono fondamentali sopratutto musicalmente (e non è un caso che la maggior parte dei brani della reunion del 2007-2008 li hanno ripescati da questi).
Nel loro esordio, ci sono ancora brani sparati al massimo volume che risentono degli esordi punk ("Next To You", "Truth Hits Everybody", "Penauts") ma già si avverte il tentativo di utilizzare lo spazio offerto dal reggae (esemplari, in questo senso, l'ipnotica "Masoko Tanga" e la disperata "Hole In My Life"). E poi ci sono i tre classicissimi Roxanne (tango-rock nato come "riempitivo" diventato l'hit in assoluto meno pronosticabile del rock), la rimbalzante "Can't Stand Losing You" (che tratta anch'essa un tema scottante come il suicidio) e la stupenda "So Lonely", di sicuro uno dei reggae-rock più riusciti del gruppo, di cui è a buon diritto celebre il climax finale.
Con il successivo Reggatta de Blanc i Police mettono finalmente a punto quella forma musicale perfetta sublimata nelle hit "Message in a Bottle" e "Walking on the Moon" e nelle quasi-hit "Bring on the night" e "The Bed's too big without you". Ma tutti i brani del disco viaggiano ad una velocità supersonica verso l'obiettivo.
Zenyatta Mondatta, per me, è invece il classico disco di transizione. Uscito nel pieno della Police madness, con il gruppo in tour per il mondo, mi risulta è un po’ troppo tirato via (Summers lo definì "un'erezione") e soffre di un'eccessiva monotonia negli arrangiamenti. Le cose migliori sono sul lato A, soprattutto l’R&B di "When the world…” e lo ska di "Canary in a coalmine". "Bombs away"è uno dei migliori pezzi di Copeland. La claustrofobica "Shadows in the rain", invece, non mi ha mai convinto del tutto e la preferisco rifatta molto meglio da Sting solista in chiave Fusion.
Forse consci dell'impasse, in Ghost in the Machine il gruppo - insieme a Hugh Padgham già produttore degli XTC - ibrida il sound con fiati R&B e tastiere proponendo anche un reggae più schietto con "One world". I testi di Sting crescono di spessore (bellissima la dolente "Invisible Sun" sul conflitto irlandese) ma di rilievo sono anche i contributi di Copeland ("Darkness") e Summers ("Omega man") che in "Demolition man" si scatena in una serie di riff quanti forse non ne aveva mai registrati in carriera.
Ma il migliore del nuovo corso, e vera chiusura in bellezza, è l'ultimo Synchronicity, commiato di un gruppo che, per certi versi, non era più tale. Certo dominano sequencer e Synth e molta della ruvida energia iniziale si è persa per strada ma le due Synchronicity hanno ancora un tiro pazzesco e la seconda, in particolare, è quanto di più vicino all'hard rock abbiano suonato.
Certo Sting spadroneggia lasciando agli altri le briciole (la gelida Miss Gradenko di Copeland e la crimsoniana Mother di Summers) ma, grazie a Dio, è in uno stato di grazia. L’album è un congedo coi fiocchi con l’animista King of Pain, la retrò Every Breath you take (grande inchino a Summers per quella cadenza di chitarra), la sottile perversione di Wrapped Around your finges, il raffinatissimo esotismo di Tea in the Sahara e la jazzata e cinica "Murder by Numbers".
La vena felice di Sting per me continua anche in The Dream of the blu turtles (che, comunque, a parte la cover contiene anche un paio di pezzi ("Love is the Seventh wave" e "Fortress around you heart") che sembrano appartenere più al repertorio dei Police), nel live Bring on the night (dove ripesca un'oscura perla come "I Burn for you" dalla colonna sonora di Brimstone & Treacle), nel doppio Nothing like the sun - l'album della consacrazione - e nel più intimista The Soul Cages.
Da lì in poi, per me, ha perso un pò di smalto, ma resta sempre un grande; magari non è simpaticissimo, spesso risulta pedante, ma a livello di songwriting è stato e rimane un grande.

VOTI

THE POLICE

OUTLANDOS D'AMOUR voto 8,5
REGGATTA DE BLANC voto 10
ZENYATTA MONDATTA voto 7,5
GHOST IN THE MACHINE voto 8
SYNCHRONICITY voto 9
LIVE! voto 7,5
CERTIFIABLE LIVE IN BUENOS AIRES voto 8

STING

THE DREAM OF THE BLUE TURTLES voto 9
BRING ON THE NIGHT LIVE voto 8,5
NOTHING LIKE THE SUN voto 8,5
THE SOUL CAGES voto 7,5
Ten Summoner's Tales voto 7,5



In conclusione, il migliore best of dei police: Message in a Box (finalmente sul tubo)

Ultima modifica di 2Old2Rock2Young2Die il 03/04/2015, 18:09, modificato 4 volte in totale.
Immagine
Clicca qui o sull'immagine per ingrandire
"But don't you think that I know that walking on the water, Won't make me a miracle man?"

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 6781
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: Sting - The Police

Messaggio da Hairless Heart » 25/07/2014, 17:00

A dire il vero "Message in a box" non è un best of ma l'Opera Omnia, che più omnia non si può. Contiene infatti i brani dei 5 album, più le canzoni apparse solo su 45 giri (con alcune chicche da paura, cito solo Shambelle), il primissimo 45 giri inciso con ancora Padovani alla chitarra, vari brani live apparsi su compilation di varia natura, i pezzi della colonna sonora compreso la stupenda I burn for you, e la Don't stand so close to me versione 1986.
Uno dei migliori acquisti mai fatti. [approve]

Noto, 2old, che siamo d'accordo nel considerare Zenyatta Mondatta come il disco meno convincente. ;)
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

2Old2Rock2Young2Die
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1392
Iscritto il: 20/09/2013, 16:15

Re: Sting - The Police

Messaggio da 2Old2Rock2Young2Die » 25/07/2014, 18:06

Hairless Heart ha scritto:A dire il vero "Message in a box" non è un best of ma l'Opera Omnia, che più omnia non si può. Contiene infatti i brani dei 5 album, più le canzoni apparse solo su 45 giri (con alcune chicche da paura, cito solo Shambelle), il primissimo 45 giri inciso con ancora Padovani alla chitarra, vari brani live apparsi su compilation di varia natura, i pezzi della colonna sonora compreso la stupenda I burn for you, e la Don't stand so close to me versione 1986.
Uno dei migliori acquisti mai fatti. [approve]
Sottoscrivo, anche il booklet era molto ben fatto.
Hairless Heart ha scritto:Noto, 2old, che siamo d'accordo nel considerare Zenyatta Mondatta come il disco meno convincente. ;)
ed anche sul migliore [nw]

Volevo aggiungere una cosa sull'ultima reunion e mi piacerebbe sapere che ne pensi Hairless. Non sono tanto d'accordo col post di TRE in merito. A parte la voce di Sting (che ovviamente è scesa e non è più quella di un tempo) io li ho trovati in buona forma (anzi Sting forse anche migliorato al basso, ha anche imparato a slappare...). L'unica delusione è che non hanno proposto pezzi nuovi ma gli arrangiamenti scarni e grintosi di quelli vecchi a me son piaciuti e qualche pezzo (penso ad Invisible Sun) l'ho trovato anche migliorato.
Per cui non sono così tanto sicuro che QUEI Genesis del 2007 abbiano surclassato i Police....
Immagine
Clicca qui o sull'immagine per ingrandire
"But don't you think that I know that walking on the water, Won't make me a miracle man?"

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 6781
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: Sting - The Police

Messaggio da Hairless Heart » 25/07/2014, 22:39

Non sono in grado di esprimere un giudizio, non avendo visto dal vivo né gli uni né gli altri (per i Police ci sarei andato, a Monaco se non ricordo male, se trovavo compagnia) e non avendo neppure dato un'occhiata ai vari live.
Però potrei azzardare a dire che:
-non ho dubbi nel dire quale dei due tour mi è dispiaciuto perdere, di gran lunga quello dei Police;
-i tre Police, o almeno Sting e Summers, credo siano migliorati tecnicamente nel tempo; mi risultano invece alcuni problemini nel concerto a Roma dei Genesis, in particolare qualche stecca di Collins e di Banks.
Ondepercui mi sentirei di darti ragione anche qui.
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

Lamia
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1578
Iscritto il: 11/01/2014, 14:55

Re: Sting - The Police

Messaggio da Lamia » 26/07/2014, 15:14

Per me il loro disco migliore e' "Ghost in the machine", trovo sia molto ispirato e , pur portando con se il loro 'marchio' che al tempo fu coniato col termine 'reagge n' roll' , e' anche intimista, vedi per es. la bellissima "Secret Journey", e curato nei particolari. Ovviamente senza nulla togliere agli altri album, anzi, trovo che mai come nei Police vi sia una progressione del loro percorso artistico, forse uno dei tanti motivi che li ha resi memorabili.

Riguardo "Shadows in the rain", invece diversamente da 2Old2rock preferisco la versione originale, proprio perche', come ben detto, i tre riescono musicalmente a dar al pezzo, abbinata al testo, quell'atmosfera claustrofobica e lunare, cupa e inquietante , mentre Sting solista ne fa una cover in tinte leggere, forse piu' orecchiale ma meno coinvolgente.

Avatar utente

zeppelin
Apprendista Rocker
Apprendista Rocker
Messaggi: 63
Iscritto il: 18/04/2013, 18:39

Re: Sting.

Messaggio da zeppelin » 12/02/2015, 19:06

TRE ha scritto:i primi due dischi di sting sono in effetti dei gran bei dischi.
ma zeniatta mondatta e syncronicity sono, a mio parere molto superiori.
synchronicity grandissimo disco !!
Disco fortemente voluto da Sting che scrive quasi tutte le canzoni, diciamo che e' un suo album !!
questo e' anche uno dei motivi della separazione dei Police :|

Avatar utente

Lamia
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1578
Iscritto il: 11/01/2014, 14:55

Re: Sting - The Police

Messaggio da Lamia » 22/05/2015, 15:48

A me piace molto anche "The Soul Cages", che sto riascoltando in questo periodo.

Il pezzo piu' bello di tutto l'album, per me, e che metterei in cima ad una mia ipotetica classifica di pezzi di Sting solista.

The Wild wild sea. . [hearts]



Avatar utente

Carlo Maria
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 669
Iscritto il: 03/06/2015, 22:34

Re: Sting - The Police

Messaggio da Carlo Maria » 08/06/2015, 23:51

Li ho visti live a Torino, nel settembre del 2007. Ricordo ancora la figata di aver preso un biglietto per il primo anello dello stadio, essermi appoggiato alle transenne, aver chiesto a uno dei ragazzi che correva in direzione del prato di cambiare il mio biglietto col suo (che tanto lo aveva già mostrato), lui che accetta, io che vado con faccia di bronzo verso uno dello staff e gli dico che ho sbagliato ingresso, lui che mi fa passare, io che volo sul prato fino alla zona transennata, io che non so come riesco a passare e a finire a 3 metri dal palco. [hearts]
Fu un concerto fantastico!!!!
I Police hanno composto pochi dischi, ma tutti ottimi, in effetti. Non arrivo a definirlo uno dei gruppi basilari del rock, ma il loro stile fu davvero originale e personale e loro sono musicisti di grande livello.
Quanto a Sting, la sua carriera solista iniziò con qualche disco davvero non inferiore a quelli dei Police, per bellezza, ma dopo si è a parer mio esaurito. Segnalo invece una chicca: nel 2000, Stewart Copeland fece un vero e proprio supergruppo con la S maiuscola, unendosi a Les Claypool dei Primus e a Trey Anastasio dei Phish e creò gli Oysterhead!!
Parliamo davvero di tre maestri assoluti del proprio strumento!
Hanno un solo disco all'attivo: "The Grand Pecking Order", del 2001, che a me non dispiace affatto!

Avatar utente

theNemesis
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1601
Iscritto il: 23/09/2013, 11:29
Località: Svizzera

Re: Sting - The Police

Messaggio da theNemesis » 09/06/2015, 0:20

I Police hanno creato un sound innovativo e originale in un momento in cui c'era una certa crisi di inventiva dominata dal punk e da poco altro.
Mixando in modo perfetto sonorità reggae con altre più tipicamente rock, sono riusciti a definire uno stile unico che in molti hanno successivamente imitato senza grandi risultati.
Ancora oggi, è incredibile come i soli tre elementi base basso, batteria e chitarra (escludendo brevi interventi di tastiera) riescano a creare un sound così pieno e orchestrale.
La magistrale chitarra di Summer crea tappeti sonori inusuali, mentre il basso di Sting restituisce ritmo e melodia e si accorda perfettamente con il drumming fantasioso e mai banale di Copeland.
Peccato che si siano sciolti così presto quando ancora potevano dare molto alla musica... si sa... le prime donne (Sting) vogliono il loro spazio...
Dancing on time way...

Avatar utente

Lamia
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1578
Iscritto il: 11/01/2014, 14:55

Re: Sting - The Police

Messaggio da Lamia » 09/06/2015, 15:21

Eppure. ...ricordo che nelle interviste di allora, anche se ero giovanissima ma in qualche maniera indefinita qualcosa capivo ( [smile] ), Sting dicesse come i Police stessero per diventare una band macina-soldi , e che questo avrebbe fatto di loro dei fantocci della musica, quindi, per coerenza, lo scioglimento. A ruota pure Copeland e Summers ripetevano piu' o meno la stessa cosa. Ora, a distanza di anni, sinceramente concordo con lui, anzi, forse e' anche per questo che sono diventati un mito. Sempre Sting ho letto tempo fa una dichiarazione che mi ha fatto riflettere: secondo lui un gruppo musicale lo puoi capire veramente dai primi tre album, nei quali, secondo lui, tutto si concentra, poi e' solo formalita' per vendere. . . [chin]

Avatar utente

2Old2Rock2Young2Die
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1392
Iscritto il: 20/09/2013, 16:15

Re: Sting - The Police

Messaggio da 2Old2Rock2Young2Die » 09/06/2015, 16:44

Si io conoscevo anche queste: "Credo ci siano pochissimi gruppi che valgono più di tre album" e poi un'altra in cui diceva che non voleva ritrovarsi dopo vent'anni come jagger costretto a rifare sempre jagger (una cosa del genere, vado a memoria). Certo che all'epoca le sparava grosse, ma se lo poteva permettere perchè veramente erano arrivati al top.
Ovviamente la regola del tre album è una panzana, ci sono gruppi che hanno cominciato a carburare anhe dopo il terzo album e, quanto, agli stessi Police, non credo che Ghosts e Synchronicity non abbiano aggiunto niente, anzi. Forse, volendo essere cattivi, potrebbe valere però per lo stesso Sting... [fisc]
Immagine
Clicca qui o sull'immagine per ingrandire
"But don't you think that I know that walking on the water, Won't make me a miracle man?"

Avatar utente

Carlo Maria
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 669
Iscritto il: 03/06/2015, 22:34

Re: Sting - The Police

Messaggio da Carlo Maria » 09/06/2015, 23:13

I Deep Purple al terzo album non erano neanche partiti. :D
Si fossero fermati lì, ora ce li ricorderemmo forse solo per la bella Hush!
E invece la storia riporta che la loro scalata è partita addirittura col quinto album (In Rock), e si può dire che almeno fino al dodicesimo (Perfect Stranger) decisamente abbiano avuto voce in capitolo. :)

Avatar utente

theNemesis
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1601
Iscritto il: 23/09/2013, 11:29
Località: Svizzera

Re: Sting - The Police

Messaggio da theNemesis » 09/06/2015, 23:22

La "regola del terzo album" non è generalizzabile. Se fosse vera, dove li metteremmo Foxtrot, The Lamb, A Trick e W&W, solo per fare un esempio... o, ancora, Atom earth mother, Meddle, TDSOTM etc...?
@Lamia: eri giovane e forse non ci hai fatto caso, ma durante quelle interviste il naso dei protagonisti si allungava a dismisura.... [smile]
Pecunia non olet, e lo ha dimostrato proprio il buon Sting che, terminata l'esperienza nei Police, ha sfornato album macina-soldi e non sempre artisticamente validi.
Dancing on time way...

Rispondi