...And Then There Were Three...

Moderatori: MrMuschiato, Hairless Heart, Harold Barrel, Watcher

Avatar utente

Progknight94
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1199
Iscritto il: 21/05/2011, 19:09
Località: Cartelfranco Veneto (tv)

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggioda Progknight94 » 19/12/2011, 7:40

rispetto ad altri gruppi prog i Genesis nella costruzione delle loro composizioni avevano come base melodie parecchio poppeggianti che arricchivano poi con digressioni strumentali d'effetto.


certo. ma io lo vedo anche negli yes, nei floyd post barrett, nei tull "PROG" eccetera... E' perfettamente normale credo. la gente a quel tempo era così fortunata ad avere standard qualitativi così alti! [hearts]

suono soddisfacente, capace di semplificare e allo stesso tempo valorizzare l'impeto romantico espressivo (come in un certo senso sono riusciti a fare i Pink Floyd e i K.C.). Secondo me quello che dico lo hanno raggiunto in poche composizioni , il disco più compiuto credo che sia Selling (e rivaluto molto Wind e ...And Then)


ovviamente sono pareri, ma io trovo il suono genesis migliore ad esempio di quello floyd, molto diluito e spesso annacquato. i KC kasciamoli stare, che il suono lo cambiavano ogni 2 album :D

Avatar utente

prog91
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 258
Iscritto il: 10/07/2011, 21:55

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggioda prog91 » 20/12/2011, 16:31

Missà che fate confusione tra due cose:
una sono le melodie facili...
... l'altra le melodie orecchiabili.

Invisible Touch oppure Follow You sono melodie facili.
L'assolo di Cinema Show oppure di Firth of Fifth sono melodie orecchiabili.

Anche Mozart è orecchiabile.
Allevi, invece, è facile e banale.



I King Crimson NON sono orecchiabili [smile] [smile]

Avatar utente

Progknight94
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1199
Iscritto il: 21/05/2011, 19:09
Località: Cartelfranco Veneto (tv)

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggioda Progknight94 » 20/12/2011, 17:26

I King Crimson NON sono orecchiabili [smile] [smile]


Per questo gli sbavo dietro!!! [approve]

Avatar utente

aorlansky60
Apprendista Rocker
Apprendista Rocker
Messaggi: 78
Iscritto il: 09/07/2018, 12:09

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggioda aorlansky60 » 13/07/2018, 16:31

al GFI in alcuni anni di frequentazione ho "sparato" quintali di BOMBE ATOMICHE su quest'album, devo andare a rivedere i miei scritti poi ne posto qui una rece, che prevedibilmente non sarà troppo positiva... [smile]
Ama tutti, credi a pochi, non far male a nessuno.

Avatar utente

theNemesis
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1440
Iscritto il: 23/09/2013, 11:29
Località: Svizzera

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggioda theNemesis » 13/07/2018, 23:22

Tempo fa, su questo album, scrissi:

Quindi... eccoli in tre... Già, perchè di trovare un altro chitarrista ai livelli di Steve manco ci pensano, anzi, i più maligni dicono che la torta divisa in tre è meglio che in quattro... Ormai il successo è planetario e quando esce ATTWT i Genesis sono conosciuti in tutto il mondo, soprattutto per le loro performances live da sballo (progettano i famosi fari Varilight, i primi a cambiare colore senza dover usare venti lampadine...).
ATTWT è il tipico album di transizione. Non so ancora cosa farò da grande, non posso ancora tradire le mie origini... Alcuni brani interessanti (Burning rope e The lady lies, oltre che la carinissima Say it's allright Joe) salvano l'opera dalla pattumiera... Il resto è pop collinsiano in nuce, con qualche guizzo, ma poco altro. Voto 6,5

E confermo.
Dancing on time way...


Torna a “Genesis”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti