Serie tv

Qui parliamo di qualsiasi argomento non pertinente alla musica (sport, attualità, cinema,...). La sezione è comunque sottoposta a eventuale moderazione.

Moderatori: Watcher, Harold Barrel, MrMuschiato, Hairless Heart

Avatar utente

Topic author
Carlo Maria
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 669
Iscritto il: 03/06/2015, 22:34

Serie tv

Messaggio da Carlo Maria » 16/05/2018, 14:48

Ho utilizzato la funzione "Cerca", ma non ho trovato quest'argomento tra quelli già trattati... strano! Sono l'unico appassionato di serie tv nel forum? :o
Io ne seguo veramente tante, anche se ovviamente non è possibile star dietro a tutte: leggevo che l'anno scorso hanno esordito QUATTROCENTO nuove serie, negli Stati Uniti. Numeri folli. Ovviamente, in questo grande calderone ci dev'essere anche tanto ciarpame... ma roba buona ne è stata presentata ed è poi arrivata anche in Italia.
Se possibile, le serie tv preferisco seguirle in lingua originale.
Faccio un breve riassunto delle varie serie tv che sto seguendo: alcune si protraggono da anni, altre sono già terminate ma le ho scoperte solo ora, altre ancora sono tuttora in corso.

- The Big Bang Theory: è una delle più famose sit-com americane. Segue le gesta di quattro nerd clamorosi, tre dei quali sono fisici (il quarto è un ingegnere) e delle tre donne che inizialmente ruotano nel loro entourage e poi diverranno le compagne e infine le mogli di alcuni dei protagonisti. Basato su ritmi comici molto sostenuti e su una sceneggiatura ricca di verve, la serie è giunta ormai alla decima o undicesima stagione. Io sono in pari. È vero che non è più come ai primi tempi, ma in realtà io mi ci diverto ancora molto.

- How I Met Your Mother: altra sit-com molto famosa, è terminata da alcuni anni, ma io l'ho scoperta solo nel dicembre dell'anno scorso. E mi ci sono divertito davvero parecchio. Ha alcuni vertici davvero alti... ma l'ultima stagione è davvero bruttina.

- Sherlock: con Benedict Cumberbatch, aggiorna il mito del personaggio inventato dalla fantasia di Arthur Conan Doyle ai giorni nostri. E lo fa in modo davvero splendido. È una serie tv inglese e ne presenta l'impostazione classica: poche puntate per stagione (3) e molto lunghe (un'ora e mezza)... praticamente ciascuna di esse è un film. Veramente valida.

- Happy Valley: altra serie inglese poliziesca, è molto tesa e dura, ottimamente recitata. Narra le vicende legate a una cittadina di provincia inglese in cui arriva un maniaco seriale. Una tra le chicche degli ultimi anni.

- River: questa è una miniserie, conclusa in poche puntate. Anch'essa inglese, pure questa un poliziesco, ha la particolarità di un protagonista non canonico: l'ispettore River è psicotico. Ha proprio una patologia, che qui non descrivo per non far spoiler, che gli rende complesso il relazionarsi con le persone. La serie ha un andamento lento e introspettivo, è recitata molto bene ed è piuttosto dolente, triste, ma molto bella e ben fatta.

- Marcella: altro poliziesco, altra serie inglese, questa è invece adrenalinica e coinvolgente, ricca di colpi di scena e di personaggi ambigui. Appassionante.

- Westworld: sono appena uscite le prime puntate della seconda stagione, ma devo ancora mettermi in pari. Fantascienza distopica. Uno dei protagonisti è il grandissimo Anthony Hopkins, qui in una parte davvero accattivante. Immagina un futuro in cui i ricchi si possano permettere di far le vacanze in un parco a tema western in cui tutto è ricostruito come se si fosse sul finire del 1800. All'interno del parco non ci sono attori, ma androidi programmati per calarsi nella propria parte e variare adattandosi ai dialoghi e agli eventi con gli umani paganti. All'interno del parco puoi fare ciò che vuoi: uccidere, stuprare, andare in gita, creare la tua storia d'amore... tutto è permesso e gli androidi uccisi sono ritirati, ricostruiti e rimessi in circolo.

- DareDevil: finalmente un'opera che rende degnamente la grandezza del più bel supereroe Marvel! Della serie sono uscite solo due stagioni e servivano per introdurre il personaggio, ma intanto hanno costruito trame molto valide ed è recitato benissimo. Su tutti, uno strepitoso Vincent D'Onofrio (ricordate il soldato Palla di Lardo di kubrickiana memoria?) nelle parti del futuro Kingpin.

- Black Mirror: tasto dolente. La serie è nata inglese, con tutte le caratteristiche che citavo prima (poche puntate, ma lunghe), ma grazie al successo planetario è sbarcata su Netflix... e si è rovinata. Le prime due stagioni e l'episodio natalizio sono spettacolari. Di nuovo eccoci nel territorio della fantascienza distopica, ma qui si vola ALTISSIMO, al punto che questa serie è stata per anni la mia preferita in assoluto. Gli autori cercano di intuire il futuro, di anticiparlo, ci forniscono frammenti di una desolazione dura da mandar giù... eppure, pensate: la Cina sta introducendo il "punteggio sociale" che definirà il credito che una persona debba avere... Black Mirror l'aveva ipotizzato l'anno scorso. La terza stagione è stata quella del passaggio su Netflix. Francamente, l'ho adorata e quindi non avevo colto questa variazione. Diverso conto è coi sei episodi usciti quest'anno: una merda. Mi sia permesso di dirlo apertamente. Sono cambiati i registi (gente famosa, ad esempio una puntata è diretta da Jody Foster) e soprattutto gli sceneggiatori. Il risultato è un format molto meno brillante, che non ha nulla della visionarietà di prima, autoreferenziale, ripetitivo e che ha deluso in ogni suo aspetto. Tristezza...


- Better Call Saul: questa è lo spin-off di Breaking Bad, serie di qualche anno fa, già terminata, e che ha avuto un successo strepitoso a livello mondiale. Lo spin-off riprende il personaggio di Saul, l'avvocato della mala, simpatico, maneggione e corrotto fino al midollo e ne narra il passato, spiegando come sia arrivato a diventare ciò che è. Serie ben recitata, ha il pregio di valide trame e di ripresentare i vecchi personaggi amati nella serie tv originale.


- Game of Thrones: ovviamente. Come avrei potuto esimermi dal vedere il prodotto tratto dai romanzi di George Martin???? [hearts] La serie è giunta alla settima stagione e come sanno anche i sassi terminerà l'anno prossimo con le uniche sei puntate mancanti. In cui si prevede uno spettacolo pirotecnico clamoroso e un bagno di sangue. Già sono previsti due spin-off, tanto è stato il successo di questo programma, un vero e proprio colossal. Che dirne? Fintanto che gli sceneggiatori hanno potuto beneficiare della supervisione di Martin, il gioco è stato davvero meritevole. Nelle ultime due stagioni, però, sarei pronto a scommettere che l'autore se ne sia distaccato, anche perché ormai (ignominia!!!) la serie tv aveva raggiunto e superato i libri. E allora le magagne sono emerse in modo molto più elevato. Sarei pronto a scommettere la mia mano destra che alcuni clamorosi ritorni e inaspettate resurrezioni siano opera della fantasia dei soli sceneggiatori della serie tv e che nulla abbiano a che fare col libro (se mai fuoriuscirà). Nella settima stagione, vi sono un paio di punti molto difficili da digerire per un fan che come me si sia letto i romanzi: delle emerite puttanate. Alcuni personaggi, nel mentre, si sono appiattiti fino a risultare banalissimi, mentre inizialmente non erano così. Nel complesso, era partita come serie tv da 9, ora è giusto un 6 e mezzo, ma ormai la si guarda con convinzione fino alla fine.


- Godless: appena nata, ne è presente solo una stagione. È un western crepuscolare, con personaggi ottimamente delineati e una validissima recitazione. Il plot? Un rapinatore si ribella alla sua banda di appartenenza, fugge e trova riparo in un paesino popolato praticamente solo da donne in quanto gli uomini sono morti tutti in un incidente in miniera. Il capo bandito annuncia che laverà nel sangue e col fuoco chiunque lo aiuti. Come si salveranno le giovani vedove dall'ira del bandito e della sua enorme banda? Potente e affascinante.


- Humans: gli androidi sono tra noi, hanno forma umana perfetta e si distinguono solo per gli occhi verdi e per una scarsa espressività emotiva. La serie è il remake di un telefilm svedese di successo. Gli androidi sono trattati come schiavi... ma cominciano ad acquisire autoconsapevolezza. Cosa succederà? Recitato non a meraviglia, ma godibile, è una valida serie di rincalzo.

- La casa di carta: miniserie spagnola in 15 episodi, poi acquistata da Netflix e rimontata su 22 puntate. Narra di una rapina alla zecca di Spagna. Dire che sia appassionante e vibrante è dire poco. È l'ultima mia scoperta e davvero me la rivedrei anche ora. Da capo. È appena terminata. Intensa, con qualche assurdità, ma su cui si chiudono gli occhi senza particolari problemi.

- Lost in Space: grandi effetti speciali e climax ascendente come in nessun altro posto, la serie è di fantascienza pura e narra le vicissitudini dei primi coloni spaziali umani, alla ricerca di mondi abitabili dopo il tracollo del microclima terrestre. Inizialmente l'ho quasi adorata... poi via via che le puntate fluivano, me ne sono un po' stufato perché è eccessivo il desiderio di stupire che gli sceneggiatori mettono in atto. Vi è una costante e interminabile escalation di eventi, che però alla fine rompe la barriera della tollerabilità per quanto riguarda la sospensione dell'incredulità. È una serie nuovissima: per ora ne è uscita una sola stagione.


- Mindhunter: anche questa è nuova, solo una stagione per lei. Storico-poliziesca, è ambientata negli anni Settanta e narra dei primi passi della neonata sezione FBI dedicata ai serial killer. La nascita del mestiere di profiler. Per far ciò, i federali andranno di carcere in carcere a intervistare i più grandi serial killer già arrestati, al fine di capire se vi siano schemi comportamentali in comune da rintracciare.


- Rick and Morty: questa è una serie disegnata! Ed è un hellzapoppin di trovate, un poutpourri in cui vi è di tutto: la fantascienza delle sue trame, contiene tanti sottofiloni, dagli universi alternativi agli alieni, dalla distopia ai viaggi nel tempo. È una chicca totalmente irriverente e davvero geniale, di cui sono uscite tre stagioni, osannatissime.


- Stranger Things: il vertice della produzione televisiva degli ultimi anni. Per ora ne sono uscite due stagioni. Ambientato negli anni Ottanta, non ne possiede volutamente la sensibilità un po' vacua e scanzonata, ma risulta molto evocativa e nostalgica per i contenuti: da Dungeon&Dragons ai Goonies, da Stand by Me-Ricordo di un'estate a Labirynth. contribuiscono le canzoni della colonna sonora: niente Donna Summer o Michael Jackson, ma ecco invece i Clash, i Joy Division e tanta altra roba ottima. Recitato benissimo, presenta una serie di personaggi davvero ottimamente costruiti e non banali. I ragazzini giganteggiano: nella prima stagione adorerete Eleven! [hearts]


- The Crown: la storia della corona inglese del Novecento. Prende il via con Giorgio VI, ma poco dopo ecco che già salirà al trono Elisabetta II. La serie è stata premiata anche ai Golden Globe e se lo merita: davvero un prodotto di qualità, attento sulle psicologie, recitato molto bene (e alcuni attori sono IDENTICI ai protagonisti, per esempio il principe Filippo e la principessa Margherita). È un modo per approfondire la storia recente inglese, le dinamiche politiche e di corte, ma anche per appassionarsi delle diverse caratteristiche di personaggi storici reali e in parte ancora esistenti. Molto meritevole.


- The Deuce: la miglior serie uscita l'anno scorso. Per ora una sola stagione. Ambientata negli Stati Uniti degli anni Settanta, narra della nascita dell'industria del porno! I protagonisti sono un gruppo di prostitute di strada, i loro protettori, alcuni poliziotti di quartiere ed un barista che si metterà a lavorare per la mafia locale. Recitato benissimo, gode di una sceneggiatura davvero solida e fitta e di un argomento inusuale ed interessante. Assolutamente valida.


- The Handmaid's Tale: ecco... ho appena detto di The Deuce che si tratti dell'apice dell'anno scorso, ma in realtà questa serie la colloco a pari merito sul primo gradino! Fantascienza distopica un'altra volta, la serie è tratta da un libro di Margaret Atwood. Immagina un mondo futuro in cui quasi tutte le donne del mondo siano divenute sterili. E quelle che invece possono ancora partorire divengono bestie da monta. Atroce, destabilizzante, ci ha messo un paio di puntate per carburare e farmi appassionare, ma dopo è stato un crescendo magnifico che mi ha incollato allo schermo. Gioiello.


- The last man on Earth: sit-com che mi ha deluso davvero parecchio. Parte benino, ma svacca pressoché subito. Inizia col narrare dell'ultimo uomo rimasto sulla Terra dopo un'epidemia. E però già alla fine della prima puntata non risulterà più esser da solo... il gruppo col passare delle puntate incrementerà e diventerà profondamente irritante. Pagliaccesco, esagerato, infantile... diventa noioso.


- The man in the high castle: tutta un'altra cosa. Tratto dal romanzo La svastica sul sole di Philip K. Dick, è un'altra opera di eccellente fantascienza distopica e, caso strano, sta andando oltre il libro e si sta mantenendo su grandi livelli! Per ora ne sono uscite due stagioni, davvero belle. Immagina che i nazisti e l'impero nipponico abbiano vinto la guerra, abbiano bombardato con l'atomica Washington e poi abbiano colonizzato gli Stati Uniti, spartendoseli: a ovest i giapponesi (San Francisco), a est i nazisti (New York). La serie narra le vicende di entrambi i gruppi dominatori ed alterna ciò con le azioni della resistenza. Davvero un gran bel vedere!


- True Detective: poliziesco con qualche contenuto di genere fantastico che fa capolino a sorpresa. Ne sono uscite due stagioni per ora e i protagonisti sono diversi ad ogni stagione. Bello e molto ben fatto. Strepitosa la prima stagione, con un buon Woody Harrelson ed un eccezionale Matthew McConaughey.


- Fargo: tre stagioni. Poliziesco prodotto dai fratelli Cohen e ispirato al loro famoso film di venticinque anni fa. Anche qui, ogni serie cambia i personaggi. La prima stagione è di livello molto alto, tesa e appassionata. La seconda cala un poco, è più lenta, ma cresce nelle puntate finali fino ad una resa dei conti che è quasi tarantiniana. La terza stagione vede un simpatico Ewan MacGregor vestire i panni di due fratelli diversissimi tra loro. Bellina assai!
Nel complesso, un prodotto davvero meritevole.


- Vikings: arrivato alla quinta stagione, io ne ho viste quattro. È assai tamarro, ma godibile, riporta le vicende mitologiche di Ragnar Lothbrock, leader epico del popolo vichingo danese fino alle conquiste e alle razzie fatte in Inghilterra e in terra francese. La serie ha abbastanza coraggio, segue per molti aspetti la narrazione mitologica di riferimento ed è suggestiva, ma presenta anche una recitazione non sempre soddisfacente, qualche snodo piuttosto discutibile e qualche psicologia non del tutto convincente. Nel complesso, un simpatico prodotto di seconda o terza fascia.


Ce ne sono sicuramente diverse altre... ma al momento mi sfuggono e comunque mi fermo qui! [smile]

Avatar utente

MrMuschiato
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 2260
Iscritto il: 12/09/2012, 0:57
Località: Veneto

Re: Serie tv

Messaggio da MrMuschiato » 16/05/2018, 16:43

Un paio insomma hahahaha io ho seguito, dall'inizio alla fine (o sto seguendo) veramente poche serie tv. Supernatural, che racconta di due fratelli cacciatori di demoni (e vampiri, licantropi, angeli, divinità antiche, LEVIATANI e chi più ne ha più ne metta) nelle terre americane, Game of Thrones (non ho letto i libri ma il calo nelle ultime due stagioni è palese) e Chuck, serie tv action-comica in cui un commesso nerd dientava per caso una super spia. Da piccolo ho seguito altre serie tv come Buffy, Xena ed Hercules, ma le guardavo in tv e non son mai andato a recuperarle, anche perchè risulta parecchio difficile recuperare materiale vecchio di 20 anni! E visto che hai incluso Rick & Morty rilancio con I Simpson (che ormai sono l'ombra di loro stessi) e Futurama (anche qui il calo con le prime, geniali stagioni è notevole).
Gobelini, coboldi, elfi, eoni, la mandragora, il fico sacro, la betulla, la canfora, l'incenso, le ossa dei morti lanciate contro il nemico, i nani!

Avatar utente

Watcher
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 3544
Iscritto il: 06/12/2010, 8:47

Re: Serie tv

Messaggio da Watcher » 16/05/2018, 16:52

Ci prenderemo una settimana di ferie per leggere il post, Carlo Maria.
Mi piace assai Vikings del quale provvederò con calma a fornirmi dei dvd.
Ricorderei anche la serie "Spartacus" in 4 cofanetti: un pochino splatter (pochino?) ma comunque ottima fotografia e sequenze alla "300".
Quando mi contraddico ho ragione due volte.

Avatar utente

Topic author
Carlo Maria
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 669
Iscritto il: 03/06/2015, 22:34

Re: Serie tv

Messaggio da Carlo Maria » 16/05/2018, 16:59

Watcher ha scritto:Ci prenderemo una settimana di ferie per leggere il post, Carlo Maria.
Mi piace assai Vikings del quale provvederò con calma a fornirmi dei dvd.
Ricorderei anche la serie "Spartacus" in 4 cofanetti: un pochino splatter (pochino?) ma comunque ottima fotografia e sequenze alla "300".
E in effetti io ho una settimana di ferie, ecco perché probabilmente scrivo più del solito! [slurp] [slurp]
Domani però parto per la Bretagna, per cui non so se riuscirò a votare questa settimana!

Avatar utente

Mick Channon
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1634
Iscritto il: 19/09/2012, 15:35

Re: Serie tv

Messaggio da Mick Channon » 16/05/2018, 19:34

Carlo Maria ha scritto:
E in effetti io ho una settimana di ferie, ecco perché probabilmente scrivo più del solito! [slurp] [slurp]
Domani però parto per la Bretagna, per cui non so se riuscirò a votare questa settimana!
Come no???Mi devi votare il brano di Nick Drake [fisc]
Tutti sognano di tornare bambini,anche i peggiori fra noi.Forse i peggiori lo sognano più di tutti.

Avatar utente

rim67
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1905
Iscritto il: 06/04/2013, 22:23

Re: Serie tv

Messaggio da rim67 » 16/05/2018, 21:07

Carlo Maria ha scritto:.....
- Sherlock: con Benedict Cumberbatch, aggiorna il mito del personaggio inventato dalla fantasia di Arthur Conan Doyle ai giorni nostri. E lo fa in modo davvero splendido. È una serie tv inglese e ne presenta l'impostazione classica: poche puntate per stagione (3) e molto lunghe (un'ora e mezza)... praticamente ciascuna di esse è un film. Veramente valida.
ho seguito diversi episodi, molto belli e con risvolti inaspettati. Mi piace Benedict Cumberbatch, l'ho aprezzato tantissimo nel film Into Darkness - Star Trek nell'ottima parte di "Khan".
Carlo Maria ha scritto:- DareDevil: finalmente un'opera che rende degnamente la grandezza del più bel supereroe Marvel! Della serie sono uscite solo due stagioni e servivano per introdurre il personaggio, ma intanto hanno costruito trame molto valide ed è recitato benissimo. Su tutti, uno strepitoso Vincent D'Onofrio (ricordate il soldato Palla di Lardo di kubrickiana memoria?) nelle parti del futuro Kingpin.
D'Onofrio ha dato una marcia in più a questa buona serie....speriamo nella terza stagione.
La vita dentro agli occhi dei bambini denutriti, allegramente malvestiti, che nessun detersivo potente può aver veramente sbiaditi.

Avatar utente

rim67
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1905
Iscritto il: 06/04/2013, 22:23

Re: Serie tv

Messaggio da rim67 » 16/05/2018, 21:23

Seguo (alcune sono terminate) molte serie marvel (Agents of S.H.I.E.L.D., Agent Carter, Daredevil (appunto), Jessica Jones, Luke Cage, Iron Fist, The Defenders) e pure della DC-Comics (Arrow‎, Flash, Legends of Tomorrow‎, Smalville)....Da piccolo leggevo i fumetti [hearts] [hearts]

Sto vedendo ultimamente the walking dead, che non è, come può sembrare, la solita storia di vampiri (che è un genere che non mi piace), cioè si i vampiri ci sono ma la storia è molto bella ricca di colpi di scena e alla fine i veri animali non sono gli zombi ma, come succede spesso, i peggiori sono gli uomini capaci di qualsiasi nefandezza. Fa riflettere parecchio.
La vita dentro agli occhi dei bambini denutriti, allegramente malvestiti, che nessun detersivo potente può aver veramente sbiaditi.

Avatar utente

Topic author
Carlo Maria
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 669
Iscritto il: 03/06/2015, 22:34

Re: Serie tv

Messaggio da Carlo Maria » 16/05/2018, 22:04

rim67 ha scritto: Sto vedendo ultimamente the walking dead, che non è, come può sembrare, la solita storia di vampiri (che è un genere che non mi piace), cioè si i vampiri ci sono ma la storia è molto bella ricca di colpi di scena.
:o Hanno introdotto in The Walking Dead anche i vampiri, adesso???? :o :o :o :o
Io l'ho visto fino a metà quinta stagione, se non erro, o metà della quarta, poi proprio gli ho messo una X sopra e mi sono detto: "Mai più!"
Alla fine, lo trovavo profondamente ripetitivo, anche se mi hanno detto che l'ultima stagione abbia introdotto qualche buono spunto. E poi, in verità, odio provare paura e sono insofferente verso le pellicole horror. :D

Avatar utente

rim67
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1905
Iscritto il: 06/04/2013, 22:23

Re: Serie tv

Messaggio da rim67 » 17/05/2018, 4:44

No scusa intendevo sempre zombie [smile]
La vita dentro agli occhi dei bambini denutriti, allegramente malvestiti, che nessun detersivo potente può aver veramente sbiaditi.

Avatar utente

rim67
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1905
Iscritto il: 06/04/2013, 22:23

Re: Serie tv

Messaggio da rim67 » 17/05/2018, 10:58

Poi tante serie poliziesche/investigative tipo: ncis, csi, bones.... ecc..
La vita dentro agli occhi dei bambini denutriti, allegramente malvestiti, che nessun detersivo potente può aver veramente sbiaditi.

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 6695
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: Serie tv

Messaggio da Hairless Heart » 17/05/2018, 11:13

Carlo Maria ha scritto:Ho utilizzato la funzione "Cerca", ma non ho trovato quest'argomento tra quelli già trattati... strano! Sono l'unico appassionato di serie tv nel forum?
Avevamo trattato l'argomento, in maniera approfondita, qui

http://vintagerockforum.altervista.org/ ... =545#p6174
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

theNemesis
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1555
Iscritto il: 23/09/2013, 11:29
Località: Svizzera

Re: Serie tv

Messaggio da theNemesis » 18/05/2018, 23:26

Una delle più belle per approfondimento di personaggi.... Desperates housewives. Ormai purtroppo terminata...
Dancing on time way...

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 6695
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: Serie tv

Messaggio da Hairless Heart » 19/05/2018, 12:03

L'avrei citata io. L'ho seguita, credo tutta. Ne apprezzavo soprattutto il racconto giallo all'interno delle trame "di stagione", ma per altri motivi non mi convinceva del tutto. Questa serie è stata spesso definita la versione adulta di Sex & the City, per me non c'è paragone.
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

theNemesis
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1555
Iscritto il: 23/09/2013, 11:29
Località: Svizzera

Re: Serie tv

Messaggio da theNemesis » 20/05/2018, 0:30

In che senso "non c'è paragone"? Meglio Sex o Desperates per te?
Dancing on time way...

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 6695
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: Serie tv

Messaggio da Hairless Heart » 20/05/2018, 12:42

Molto meglio Sex & the City.
...attualmente non riesco a seguire alcuna serie (Carlo Maria, posso ipotizzare che "non tieni famiglia" ? [smile] ).
L'unica a cui cerco di star dietro è NCIS Unità anticrimine, non a caso la più vista sia in Italia che negli States. Ma ho perso il giro da anni con la programmazione Rai. Netflix non so bene cosa sia, ma non ho motivi per cambiare: mi sono sempre trovato bene col Dixan. Mi procuro le puntate in qualche modo, ma sono indietro ormai di quasi due stagioni.
NCIS Los Angeles l'ho seguito credo fino alla 5a stagione, poi ho dovuto lasciare qualcosa.
La famiglia Bradford vale? [fisc]
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

Il mago di Floz
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1068
Iscritto il: 11/12/2014, 15:32
Località: Provincia di Como

Re: Serie tv

Messaggio da Il mago di Floz » 24/05/2018, 16:38

Concordo su diverse cose: The man in the high castle (ottima, molto più del libro), il calo de Il trono di spade (pur senza aver letto i libri. Il recente episodio oltre barriera è stato mooolto meh) e quello di Black Mirror, la beltà di Chuck (serie a tratti ripetitiva, ma veramente bella), il livello ancora più che dignitoso dell'ottima The big bang theory.

Seguo ancora Grey's anatomy, serie che adoro nonostante le bizze autorali; ne seguo anche il recente spin-off Station 19 e ho ripreso il primo, Private practice.

The crown è una serie clamorosa. Sarà che adoro le monarchie e quel che ci gravita attorno, ma la qualità è pazzesca. A proposito, la nuova regina sarà Olivia Colman, che, se vi piacciono le serie britanniche (a me tantissimo), vi consiglio di guardare in Broadchurch, che è un gioiello.

Due serie clamorose: Battlestar Galactica, che ho recuperato con notevole ritardo, e The americans (spie sovietiche in terra statunitense, recitazione da urlo): forse - ma anche senza forse - tra le tre serie più belle che abbia mai visto.
I can't bring you, 'cause it's just too cold; and while I'm out here digging alone, well: I'll bring you home gold nuggets in the spring.

Avatar utente

Topic author
Carlo Maria
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 669
Iscritto il: 03/06/2015, 22:34

Re: Serie tv

Messaggio da Carlo Maria » 24/05/2018, 22:06

Il mago di Floz ha scritto:Concordo su diverse cose: The man in the high castle (ottima, molto più del libro), il calo de Il trono di spade (pur senza aver letto i libri. Il recente episodio oltre barriera è stato mooolto meh) e quello di Black Mirror, la beltà di Chuck (serie a tratti ripetitiva, ma veramente bella), il livello ancora più che dignitoso dell'ottima The big bang theory.

Seguo ancora Grey's anatomy, serie che adoro nonostante le bizze autorali; ne seguo anche il recente spin-off Station 19 e ho ripreso il primo, Private practice.

The crown è una serie clamorosa. Sarà che adoro le monarchie e quel che ci gravita attorno, ma la qualità è pazzesca. A proposito, la nuova regina sarà Olivia Colman, che, se vi piacciono le serie britanniche (a me tantissimo), vi consiglio di guardare in Broadchurch, che è un gioiello.

Due serie clamorose: Battlestar Galactica, che ho recuperato con notevole ritardo, e The americans (spie sovietiche in terra statunitense, recitazione da urlo): forse - ma anche senza forse - tra le tre serie più belle che abbia mai visto.
Le mie serie preferite sono due polizieschi, entrambe già concluse e perfette:
- The Shield
- The Wire.

La prima parla di un gruppo di quattro poliziotti corrotti fino al midollo, della loro centrale di polizia e delle vicissitudini in cui ci si trovano calati, tra gang di Los Angeles, mafiosi armeni, messicani, russi ed ecuoadoregni. Sette stagioni, davvero notevole.
La seconda, cinque stagioni, parla del mondo delle intercettazioni telefoniche della polizia. Anche qui altissimo livello di dialoghi e dell'approfondimento dei personaggi. Tra l'altro, il creatore di quest'ultima è anche l'ideatore di The Deuce, di cui ho parlato sopra.

Riguarde serie che suggerisci tu, ho invece da ridire su BattlestAr Galactica: una serie quasi perfetta per quasi tutto il tempo, viene letteralmente gettata al vento nel modo più totale con una semplice scena di forse 10 secondi nell'ultima puntata. Ha del clamoroso, dovrebbe essere un record, ma è un punto che ha una tale centralità da rendere impossibile il fatto di chiudere gli occhi o dimenticare la scena incriminata in cui una serie di ottima fantascienza si tramuta in terribile fantasy!

Avatar utente

Il mago di Floz
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1068
Iscritto il: 11/12/2014, 15:32
Località: Provincia di Como

Re: Serie tv

Messaggio da Il mago di Floz » 25/05/2018, 11:43

Carlo Maria ha scritto:Riguarde serie che suggerisci tu, ho invece da ridire su BattlestAr Galactica: una serie quasi perfetta per quasi tutto il tempo, viene letteralmente gettata al vento nel modo più totale con una semplice scena di forse 10 secondi nell'ultima puntata. Ha del clamoroso, dovrebbe essere un record, ma è un punto che ha una tale centralità da rendere impossibile il fatto di chiudere gli occhi o dimenticare la scena incriminata in cui una serie di ottima fantascienza si tramuta in terribile fantasy!
Commento in spoiler, per chi non volesse leggere.
► Mostra testo
I can't bring you, 'cause it's just too cold; and while I'm out here digging alone, well: I'll bring you home gold nuggets in the spring.

Avatar utente

Topic author
Carlo Maria
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 669
Iscritto il: 03/06/2015, 22:34

Re: Serie tv

Messaggio da Carlo Maria » 25/05/2018, 19:34

► Mostra testo

Avatar utente

Il mago di Floz
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1068
Iscritto il: 11/12/2014, 15:32
Località: Provincia di Como

Re: Serie tv

Messaggio da Il mago di Floz » 31/05/2018, 12:20

Carlo Maria ha scritto:
► Mostra testo
I can't bring you, 'cause it's just too cold; and while I'm out here digging alone, well: I'll bring you home gold nuggets in the spring.

Rispondi