Intervista: Anderson e il Punk

Moderatori: Harold Barrel, Watcher, Hairless Heart, MrMuschiato

Rispondi
Avatar utente

Topic author
Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8113
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Intervista: Anderson e il Punk

Messaggio da Hairless Heart » 25/04/2015, 18:40

http://www.repubblica.it/spettacoli/mus ... ef=HRERO-1

Intervista a Ian Anderson, ad anticipare il mini tour italiano dei giorni scorsi.
Il passo più curioso:

Ieri, siamo intorno alla fine degli anni Settanta, dovette affrontare, come altri, l'odio e gli "sputi" della rivoluzione punk. "Per me era solo una campagna pubblicitaria orchestrata da Malcom McLaren. Johnny Rotten nel 1978 sbraitava contro di noi dicendo che eravamo i dinosauri del rock, il male assoluto. Più recentemente ha ammesso che i Jethro Tull erano uno dei suoi gruppi preferiti e Aqualung era il disco con cui era cresciuto musicalmente. Poi, l'atteggiamento, il look, il modo con cui Rotten stava sul palco fanno apprezzare le somiglianze con la copertina di quel disco, se ci pensate bene. Io sono un testimone vivente per aver visto Rotten/Lydon abbracciare Phil Collins come se fosse uno dei suoi migliori amici. Quelli erano giorni in cui il business ci metteva contro. Io ho comprato i dischi dei Sex Pistols, il primo degli Stranglers e anche di alcune band che venivano considerate punk o fingevano di esserlo per essere notate: penso ai Police. Sting ascoltava la mia musica quando era uno studente a Newcastle. E che dire di Stewart Copeland, il batterista, che suonò sullo stesso palco dei Jethro Tull, con i Curved Air, agli inizi degli anni Settanta. Probabilmente è vero che alcune band mi odiavano a morte, e alcune di esse non mi piacevano neanche, ma io sono una persona generosa. Alcuni gruppi che all'epoca non mi piacevano adesso invece li apprezzo. Tipo Marc Almond e i suoi Soft Cell: esempio di ottima synth pop music".
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow


elio77
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 619
Iscritto il: 09/05/2014, 15:37

Re: Intervista: Anderson e il Punk

Messaggio da elio77 » 26/04/2015, 17:38

persona di ampie vedute,colta,sincera ed umile. ce ne fossero così

Avatar utente

2Old2Rock2Young2Die
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1392
Iscritto il: 20/09/2013, 16:15

Re: Intervista: Anderson e il Punk

Messaggio da 2Old2Rock2Young2Die » 27/04/2015, 9:06

E pensare che a Rotten piaceva anche Peter Hammill, era un vero progger.
Non per correggere il buon vecchio Ian, ma Copeland si unì ai Curved Air solo dal 75 in poi, e già non suonavano più prog.
Immagine
Clicca qui o sull'immagine per ingrandire
"But don't you think that I know that walking on the water, Won't make me a miracle man?"

Avatar utente

Scardy in Exile
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 529
Iscritto il: 23/03/2015, 11:38

Re: Intervista: Anderson e il Punk

Messaggio da Scardy in Exile » 27/04/2015, 14:38

2Old2Rock2Young2Die ha scritto:E pensare che a Rotten piaceva anche Peter Hammill, era un vero progger.

E se non erro, pure i Can di Damo Suzuki...

Avatar utente

Lorenzo Mentasti
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 563
Iscritto il: 11/11/2019, 16:14

Re: Intervista: Anderson e il Punk

Messaggio da Lorenzo Mentasti » 02/01/2020, 20:22

Rotten ha anche candidamente ammesso in un'intervista del 2007 per il ciclo di trasmissioni sul Rock "Seven ages of Rock" sulla BBC (in Italia trasmesso su Sky nel 2009 con il titolo di "Le sette vite del Rock", con Enrico Ruggeri a fare da anfitrione) che la famosa maglietta che indossava ai tempi con su scritto "I hate Pink Floyd" non significava niente, se l'era messa solo perché gli piaceva l'idea.
"Mother, didn't need to be so high."

Rispondi