JOHN - PAUL (testi)

Moderatori: Harold Barrel, Watcher, Hairless Heart, MrMuschiato, twoofus

Avatar utente

Topic author
twoofus
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1302
Iscritto il: 19/06/2015, 13:29

Re: JOHN - PAUL (testi)

Messaggio da twoofus » 18/08/2019, 7:23

THE FOOL ON THE HILL (1967)
Paul era a Primrose Hill, Londra, insieme a Derek Taylor, quando gli sembrò di vedere un tizio strano e solitario, che un attimo dopo non c’era più. E non aveva fumato niente, disse lui. Mah...

IL PAZZO SULLA COLLINA

Giorno dopo giorno
da solo sopra una collina
un uomo col ghigno da folle
se ne sta perfettamente immobile;
ma nessuno vuole conoscerlo
tutti sanno che è solo un pazzo
e lui non dà mai risposte.

Ma il pazzo sulla collina
guarda il sole che tramonta
e con gli occhi della mente
vede tutto il mondo che gira intorno.

Lungo la strada
con la testa nelle nuvole,
l’uomo dalle mille voci
parla in modo chiaro;
eppure nessuno lo sente mai,
né lui, né il suono che sembra emettere,
e lui nemmeno se ne accorge.

Ma il pazzo sulla collina
guarda il sole che tramonta
e con gli occhi della mente
vede il mondo che gira intorno.

Sembra che non piaccia proprio a nessuno,
gli altri possono solo immaginare quello che fa
perché lui non mostra mai i suoi sentimenti.

Il pazzo sulla collina
guarda il sole che tramonta
e con gli occhi della mente
vede il mondo che gira intorno

E gira gira e gira gira e gira e gira
e gira

Ma lui non li ascolta mai,
lui è sicuro che i pazzi sono loro
perchè a loro lui non piace.

Il pazzo sulla collina
guarda il sole che tramonta
e con gli occhi della mente
vede il mondo che gira intorno

Gira gira gira gira gira.
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead.

Avatar utente

Topic author
twoofus
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1302
Iscritto il: 19/06/2015, 13:29

Re: JOHN - PAUL (testi)

Messaggio da twoofus » 18/08/2019, 7:28

IMAGINE (1971)
Non ha bisogno di spiegazioni: inno generazionale e universale, spesso male interpretata: parla della pace che non c'è e delle guerre che ci sono, e di tutte le cause che le scatenano, compresa la religione, scritta 30 anni prima dell'attentato alle Torri Gemelle che molti considerano l'inizio della terza guerra mondiale, scatenata, manco a dirlo, dal fanatismo religioso. Immagina che non esistono le religioni, le punizioni o i premi (Inferno ep paradiso). Che non ci siano proprietà, nè il potere che ne deriva, quindi niente per cui uccidere. Questa canzone è un'utopia? Resta comunque l'unica canzone dei Beatles solisti ad essere ricordata alla pari (a volte anche di più) dei classici del gruppo.
IMMAGINA

Immaginate che non esista il paradiso,
è facile se ci provate,
nessun inferno sotto di noi,
e sopra solo il cielo,
Immagina tutta la gente
che vive solo per il presente...
Immaginate che non vi siano Nazioni,
non è difficile da fare,
che non ci sia niente per cui uccidere o per cui morire
e neanche le religioni,
Immagina tutta la gente
che vive la vita in pace…
Direte che sono un sognatore
ma non certo sono il solo,
Spero che un giorno vi unirete a noi
e che il mondo sarà una cosa sola.
Immaginate che non vi siano proprietà
mi chiedo se ci riuscite,
che non ci sia nessun bisogno di avidità o cattiveria,
solo una fratellanza tra gli uomini.
Immaginate tutta la gente
che si divide il mondo...
Dite che sono un sognatore?
Ma io non sono l’unico,
e spero che un giorno sarete d’accordo con noi
e solo allora il mondo vivrà unito.
Ultima modifica di twoofus il 18/08/2019, 7:38, modificato 1 volta in totale.
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead.

Avatar utente

Topic author
twoofus
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1302
Iscritto il: 19/06/2015, 13:29

Re: JOHN - PAUL (testi)

Messaggio da twoofus » 18/08/2019, 7:35

JUNK (1970)
CIANFRUSAGLIE

Macchine, manubri,
biciclette per due,
è il giubileo dei cuori infranti.
Paracaduti, stivali militari,
sacchi a pelo per due,
sembra una riunione sentimentale.
Compra, compra dice il cartello
nella vetrina del negozio,
Perché, perché?
Rispondono le cianfrusaglie
abbandonate nel prato.
Portacandele, mattoni da costruzione,
qualche cosa vecchia e qualche cosa nuova,
ricordi per te e per me.
Compra, compra dice il cartello
nella vetrina del negozio.
Perché, perché?
rispondono le cianfrusaglie
abbandonate nel giardino.
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead.

Avatar utente

Topic author
twoofus
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1302
Iscritto il: 19/06/2015, 13:29

Re: JOHN - PAUL (testi)

Messaggio da twoofus » 18/08/2019, 7:41

(JUST LIKE) STARTING OVER (1980)
(PROPRIO COME) COMINCIARE DA CAPO

La nostra vita insieme è così preziosa, insieme
Siamo cresciuti, Siamo cresciuti
Anche se il nostro amore è ancora speciale,
cogliamo l’occasione e voliamo via
da qualche parte da soli.
È da tanto che non ci prendiamo un po’ di tempo per noi, e non è colpa di nessuno,
lo so che il tempo vola così veloce.
Ma quando ti vedo, cara
È come se noi due ci stessimo innamorando di nuovo
Sarà proprio come cominciare da capo,
cominciare da capo.
Prima ogni giorno per noi diventava amore,
e perché oggi non possiamo fare l’amore
in modo puro e semplice?
È il momento di aprire le ali e volare
non lasciamo che passi un solo altro giorno, amore
sarà proprio come cominciare da capo,
cominciare da capo.
Perché non partiamo da soli
e facciamo un viaggio da qualche parte, lontano?
Saremo di nuovo insieme per conto nostro
come ai vecchi tempi,
dai, dai, cara
È da tanto che non prendiamo un po’ di tempo per noi,
e non è colpa di nessuno
Lo so che il tempo vola così veloce.
Ma quando ti vedo, cara
è come se noi due ci stessimo innamorando di nuovo
sarà proprio come cominciare da capo,
cominciare da capo.
La nostra vita insieme
è così preziosa, insieme
Siamo cresciuti, siamo cresciuti
Anche se il nostro amore è ancora speciale
cogliamo l’occasione e voliamo via
da qualche parte da soli.
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead.

Avatar utente

Topic author
twoofus
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1302
Iscritto il: 19/06/2015, 13:29

Re: JOHN - PAUL (testi)

Messaggio da twoofus » 18/08/2019, 7:42

LIVE AND LET DIE (1973)
VIVI E LASCIA MORIRE

Quando eri giovane
ed il tuo cuore era come un libro aperto
dicevi sempre vivi e lascia vivere
E lo sai che lo dicevi
sai che è vero
sai che è vero.
Ma se questo mondo in continuo cambiamento
in cui noi viviamo
ti costringe ad arrenderti e a piangere,
allora devi dire vivi e lascia morire.
Vivi e lascia morire
Vivi e lascia morire
Vivi e lascia morire.
Ma a te cosa importa?
Quando hai qualcosa da fare
devi farla bene,
devi mandare al diavolo gli altri.
Tu dicevi sempre vivi e lascia vivere
Lo sai che è vero
Lo sai che è vero
Lo sai che è vero,
Ma se questo mondo che cambia sempre
in cui viviamo
ti costringe ad arrenderti e a piangere,
allora che sia vivi e lascia morire
Vivi e lascia morire
Vivi e lascia morire.
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead.

Avatar utente

aorlansky60
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1123
Iscritto il: 09/07/2018, 12:09

Re: JOHN - PAUL (testi)

Messaggio da aorlansky60 » 19/08/2019, 11:07

"...l'attentato alle Torri Gemelle che molti considerano l'inizio della terza guerra mondiale, scatenata, manco a dirlo, dal fanatismo religioso."

questa è la versione "ufficiale" data al parco buoi e all'opinione pubblica mondiale in genere, dai vertici politici dei Paesi direttamente interessati, avvalorata anche dai media;

sotto sotto c'è dell'altro; ben altro...

le guerre fanno comodo -a chi detiene le maggiori industrie produttrici di apparati bellici/militari- perchè generano un profitto a livello mondiale di 1800 miliardi di US $ all'anno (fonte dati SIPRI YearBook 2018), una torta GIGANTESCA le cui fette maggiori sono prese, in ordine di importanza a decrescere, da :

USA
RUSSIA
CHINA
FRANCIA
UK
Germania
Spagna
Israele
ITALIA

una TORTA di PROFITTI cui nessuno di questi Stati vuole rinunciare. nonostante le belle parole spese periodicamente "in onore della pace nel mondo" da parte dei vertici politici di queste Nazioni; considerando questo, sono-siamo tutti quanti IPOCRITI. l'11 Settembre 2001 ha costituito l'innesco per far ripartire in grande stile la vendita e l'uso di armi in determinati scenari di guerra (il conflitto tuttora irrisolto in SIRIA è uno di questi); è stato profetico in tal senso un film degli anni '70 con Alberto Sordi come protagonista "Finchè c'è guerra c'è speranza" che al di là della chiave ironica con cui è stato affrontato il tema, è stato a dir poco RIVELATORIO, per chi l'ha voluto leggere nelle pieghe...
Ama tutti, credi a pochi, non far male a nessuno.

Rispondi