VELVET UNDERGROUND: La classifica degli album!

Moderatori: Harold Barrel, Watcher, Hairless Heart, MrMuschiato

Rispondi
Avatar utente

Topic author
Harold Barrel
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2331
Iscritto il: 03/12/2010, 15:43
Località: Udine
Contatta:

VELVET UNDERGROUND: La classifica degli album!

Messaggio da Harold Barrel » 16/06/2015, 18:16

In questo topic ciascuno può proporre la classifica personale degli album ufficiali dell'artista in oggetto.
Potete metterne quanti volete: tre, sette, tutta la loro produzione, a scelta vostra. Sono consentiti i live (purché ufficiali), ma non i bootleg.
Non devono essere presenti pari merito.
Cercate inoltre di evitare grosse abbreviazioni del titolo e acronimi.
« La vita è la palingenetica obliterazione dell’io trascendentale che s’infutura nell’archetipo prototipo dell’autocoscienza cosmica. »

Ettore Petrolini

Avatar utente

reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3852
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: VELVET UNDERGROUND: La classifica degli album!

Messaggio da reallytongues » 16/06/2015, 22:33

Molto difficile fare una classifica perchè per quanto mi riguarda sono tra i miei favoriti.
Inserisco anche qualche Live e una raccolta di inediti e versioni alternative che ormai è diventata imprescindibile nella discografia del gruppo.
Tra parentesi la data di pubblicazione.

1. Velvet Underground & Nico (1967) 10
2. White Light/White Heat (1968) 9,5
3. Velvet Underground Live With Lou Reed (1974) 9
4. VU (inediti e alt. tracks 1984) 8,5
5. The Velvet Underground (1969) 8
6. Live MCMXCII (1993] 7,5
8. Loaded (1970) 7
9. Live at Max's Kansas City (1974) 6,5
nel continente nero paraponzi ponzi bo

Avatar utente

Carlo Maria
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 673
Iscritto il: 03/06/2015, 22:34

Re: VELVET UNDERGROUND: La classifica degli album!

Messaggio da Carlo Maria » 18/06/2015, 0:35

Sostanzialmente concordo con reallytongues. Velvet Underground & Nico il disco più importante della storia e uno dei più belli in assoluto.


conte_mascetti
Apprendista Rocker
Apprendista Rocker
Messaggi: 61
Iscritto il: 01/02/2017, 1:31
Località: firenze

Re: VELVET UNDERGROUND: La classifica degli album!

Messaggio da conte_mascetti » 07/02/2017, 1:01

1 - velvet underground (banana)
2- white light
3- the velvet underground (69)
4 - loaded
5 -VU

Avatar utente

twoofus
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1535
Iscritto il: 19/06/2015, 13:29

Re: VELVET UNDERGROUND: La classifica degli album!

Messaggio da twoofus » 08/03/2017, 12:49

1 - Velvet Underground & Nico feat. Andy Warhol
2- Loaded
3- The Velvet Underground (1969)
4 - White light White heat
5 -VU
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead.

Avatar utente

Lorenzo Mentasti
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 563
Iscritto il: 11/11/2019, 16:14

Re: VELVET UNDERGROUND: La classifica degli album!

Messaggio da Lorenzo Mentasti » 12/12/2019, 14:06

Io prendo in considerazione solo gli album ufficiali e dunque:

1. The Velvet Underground & Nico (1967): secondo me, l'Album Rock PERFETTO! Non c'è una canzone sbagliata una e tutto il disco è in magnifico equilibrio tra pre-noise ("European son"), rhythm'n'blues ("There she goes again", che cita nell'introduzione "Hitch-hike" di Marvin Gaye), Rock'n'roll ("Waiting for the man"), raga ("Venus in furs", "All tomorrow's parties"), psichedelia ("Heroin") e Motown in salsa garage ("Run, run, run").

2. "White light/white heat" (1968): sorprendente il risultato, se si considera che il produttore, mentre la band registrava, stava in cabina di regia a sbattersi le groupies. Da segnalare il Rock'n'roll della title-track, il call-and-response di "I heard her call my name" e la ballata jazzy "Here she comes now". Non pesa l'assenza di Nico, già imbarcatasi nella sua carriera solista.

3. "Velvet Underground" (1969): se ne va Cale, si abbassano le sperimentazioni. Resta alta la qualità delle canzoni, come il Rhythm'n'blues di "What goes on", il country-rock di "Beginning to see the light" e la ballata quasi coheniana "Pale blue eyes".

4. "Loaded" (1970): discreto passo d'addio di una band fondamentale per lo sviluppo del Rock ma riconosciuta a posteriori dopo il successo da solisti di John Cale, Nico e, soprattutto, Lou Reed. Belle le ballate dylaniane "Sweet Jane" e "Rock'n'roll".

Non considero l'album del 1973 senza Reed né Cale, quanto alla reunion concertistica del 1993, fu un bene per chi volle vedere insieme due dei maggiori sperimentatori Rock e sapere di cosa erano stati capaci ai tempi della fame più che della fama ma nulla aggiunge all'epopea artistica di una band che, nel pieno dell'Estate dell'Amore, seppe immaginare il nichilismo Punk, Dark, Gothic e Noise con due lustri d'anticipo.
Ultima modifica di Lorenzo Mentasti il 11/07/2020, 17:55, modificato 1 volta in totale.
"Mother, didn't need to be so high."

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8098
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: VELVET UNDERGROUND: La classifica degli album!

Messaggio da Hairless Heart » 15/04/2020, 22:48

Non avevo mai postato la mia classifica!

1) The Velvet Underground & Nico (Andy Warhol) - "Il disco più importante della storia" è un tantino esagerato. Ma nel novero dei più importanti c'è senz'altro.
2) The Velvet Underground
3) Loaded
4) VU
5) Another View
6) White Light/White Heat - Disco di una bruttezza infinita.
Lorenzo Mentasti ha scritto:
12/12/2019, 14:06
sorprendente il risultato, se si considera che il produttore, mentre la band registrava, stava in cabina di regia a sbattersi le groupies.
In più di un frangente, l'impressione è che i musicisti stiano facendo la stessa cosa.
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

Lorenzo Mentasti
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 563
Iscritto il: 11/11/2019, 16:14

Re: VELVET UNDERGROUND: La classifica degli album!

Messaggio da Lorenzo Mentasti » 28/04/2020, 14:43

Hairless Heart ha scritto:
15/04/2020, 22:48

In più di un frangente, l'impressione è che i musicisti stiano facendo la stessa cosa.
Bé, ma lo scopo credo fosse quello ;-)
"Mother, didn't need to be so high."

Rispondi