Dire Straits - Dire Straits (1978)

Moderatori: MrMuschiato, Harold Barrel, Watcher, Hairless Heart, reallytongues


trickster017
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 15
Iscritto il: 15/09/2017, 12:37

Re: Dire Straits - Dire Straits (1978)

Messaggioda trickster017 » 25/09/2017, 18:19

Narcissus ha scritto:trickster017 la tua più che una passione sembra una sindrome di Stoccolma :lol:
Anche per me i Dire Straits sono stati uno dei primi gruppi mai sentiti: mio padre ha iniziato a svezzarmi con Blues Brothers, Queen, Dire Straits e Phil Collins. Tutti grandi nomi e tutti di facile ascolto che mi hanno aiutato ad approcciare prima al rock e poi al prog... mio padre aveva pianificato tutto sin nei minimi dettagli [smile]

A mio avviso i Dire Straits sono uno di quei gruppi facili da ascoltare e che non annoiano mai, senza infamia e con qualche lode, che permettono di passare bene i 40-50 minuti di un viaggio in macchina o di un pomeriggio tranquillo. Molto belle alcune loro canzoni, un po' meno i loro album in toto (imho), per ovviare a questo problema generalmente metto su la raccolta Money for Nothing e prendo due piccioni con una fava.


Hai assolutamente ragione. Il mio caso conferma appiena la validità della suddetta sindrome. Tu pensa che se torno a casa dei miei genitori e magari mio fratello è già arrivato prima di me, sento mio fratello ripassare qualcosa con la chitarra e so già di chi si tratta. A quel punto dico a mia madre: "ah, vedo che Giovanni (mio fratello) finalmente ha cambiato genere". E mia madre sbotta a ridere. Ha costretto tutta una famiglia alla sindrome.
La per cui mi affascinano i Dire Straits è il modo in cui praticano uno stile musicale che ancora non so definire. Chet Atkins, JJ Cale sono tutti nomi a cui Knopfler si è ispirato, ma questi due suonano un genere molto definito, in cui il folk o il blues sono chiaramente riconoscibili. E' come se i Dire Straits praticassero una musica tutta loro. Di questo do atto a Knopfler. E infatti mio fratello vive perfettamente in quel mondo disdegnando tutto il resto.

Avatar utente

theNemesis
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1305
Iscritto il: 23/09/2013, 11:29
Località: Svizzera e Piemonte

Re: Dire Straits - Dire Straits (1978)

Messaggioda theNemesis » 27/09/2017, 9:29

Sono abbastanza d'accordo sulle vostre affermazioni riguardo i Dire.
Hanno fatto grandi canzoni, indimenticabili. Ancora oggi, nonostante siano passati anni e migliaia di ascolti, quando sento Romeo & Juliet e arriva il solo di chitarra acustica mi commuovo.
D'altro canto li ho anche sempre trovati un po' monocordi, troppo legati, se vogliamo, a loro personali clichè che li hanno un po' troppo "ingessati".
Ho un DVD live interessante, dove c'è molta musica e poche parole. Se non lo conoscete, vale la spesa. S'intitola "Alchemy" e si trova facilmente su Web
Dancing on time way...

Avatar utente

Narcissus
Apprendista Rocker
Apprendista Rocker
Messaggi: 66
Iscritto il: 20/01/2017, 20:32

Re: Dire Straits - Dire Straits (1978)

Messaggioda Narcissus » 02/10/2017, 11:52

trickster017 ha scritto:[...] E' come se i Dire Straits praticassero una musica tutta loro [...]


E questa a mio avviso è una cosa molto positiva per un gruppo che suona musica "facile": crearsi una nicchia, un sound specifico ed inconfondibile in un genere orecchiabile è una cosa apprezzabile che posiziona l'artista (in questo caso il gruppo) una spanna sopra gli altri.
Prima o poi tutti ascoltano i Genesis, anche voi dovrete ascoltarli. E quando questo avverrà, desidererete averlo fatto dall'inizio.
- Keith Emerson


Torna a “Dire Straits”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron