Fusion-Jazzrock

Moderatori: Harold Barrel, Watcher, Hairless Heart, MrMuschiato


roberto63
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1347
Iscritto il: 07/03/2013, 16:23
Località: Savona

Re: Fusion-Jazzrock

Messaggio da roberto63 » 12/03/2013, 18:06

reallytongues ha scritto:Molto belli questi due pezzi !!
A proposito di Santana, il loro lavoro in "Love Devotion Surrender" è vero che è una mezza delusione?
Non direi. Certo, gli album solisti di Carlos Santana non sempre hanno soddisfatto i suoi fans tra i quali c'è anche il sottoscritto.
Ho trovato ben riuscito l'omaggio a John Coltrane con Naima e altrettanto convincente è Let us go into the House of Lord . Apprezzabile complessivamente il lavoro dell'organista Khalid Yasin (Larry Young) un musicista fondamentale nell'evoluzione del suono dell'hammond prima monopolizzato da Jimmy Smith.



Il primo solo di chitarra è di Carlos.
Teorema di Stockmayer:
Se sembra facile, è dura.
Se sembra difficile, è fottutamente impossibile.

Avatar utente

Watcher
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4194
Iscritto il: 06/12/2010, 8:47

Re: Fusion-Jazzrock

Messaggio da Watcher » 12/03/2013, 19:02

Questo è un brano che ha 3 minuti di introduzione. [smile]
Quando mi contraddico ho ragione due volte.


roberto63
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1347
Iscritto il: 07/03/2013, 16:23
Località: Savona

Re: Fusion-Jazzrock

Messaggio da roberto63 » 13/03/2013, 12:45

Alla discografia di John McLaughlin pre Mahavisnu appartiene anche questo album che non conosco, ma che merita menzione: Where fortune smiles del '71 con una formazione da capogiro comprendente l'amico John Surman; il vibrafonista Karl Berger noto per i suoi trascorsi free jazz; il contrabbassista Dave Holland, uno dei musicisti più importanti del jazz contemporaneo e il batterista Stu Martin.

Ho trovato qualcosa sul tubo che mi pare molto interessante; siamo sulla lunghezza d'onda di Extrapolation, anzi forse più verso un jazz influenzato dall'avanguardia, depurato dei ritmi rock:

Teorema di Stockmayer:
Se sembra facile, è dura.
Se sembra difficile, è fottutamente impossibile.

Avatar utente

Progknight94
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1199
Iscritto il: 21/05/2011, 19:09
Località: Cartelfranco Veneto (tv)

Re: Fusion-Jazzrock

Messaggio da Progknight94 » 13/03/2013, 15:32

Questo jazz mi piace troppo, troppo... [slurp]

Avatar utente

Topic author
reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3852
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: Fusion-Jazzrock

Messaggio da reallytongues » 13/03/2013, 16:42

Ieri ascoltavo il brano di Santana-McLaughlin
molto particolare
forse non bellissimo, ma vive più che altro di una sua urgenza selvaggia
si sente che è un disco "spirituale"
davvero interessante il lavoro all' hammond, come diceva roberto
nel continente nero paraponzi ponzi bo


roberto63
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1347
Iscritto il: 07/03/2013, 16:23
Località: Savona

Re: Fusion-Jazzrock

Messaggio da roberto63 » 14/03/2013, 13:38

Prima o poi un topic su Larry Young o Khalid Yasin lo aprirò. Ci sono suoi lavori incisi con la Blue Note di notevole pregio.
Teorema di Stockmayer:
Se sembra facile, è dura.
Se sembra difficile, è fottutamente impossibile.

Avatar utente

Magic Bus
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 6
Iscritto il: 24/03/2013, 19:40
Località: Bergamo

Re: Fusion-Jazzrock

Messaggio da Magic Bus » 16/05/2013, 16:20

la ricerca di nuove frontiere musicali negli anni 70 ha spinto i musicisti a contaminarsi e spaziare dal progressive, space rock al jazzrock piu' raffinato.
Gong: Gazeuse, Expresso II
Immagine
http://www.youtube.com/watch?v=ylKvglDz ... C65E679E26
http://www.youtube.com/watch?v=znchZzjRfuU

Avatar utente

Antonio Banche
Novellino
Novellino
Messaggi: 45
Iscritto il: 12/01/2013, 14:27
Località: Trento

Re: Fusion-Jazzrock

Messaggio da Antonio Banche » 03/06/2013, 15:21

A fine febbraio è uscito il nuovo album di Steven Wilson, caratterizzato da un piacevole connubio tra Jazz-Fusion e Progressive tardo-kingcrimsoniano.
The Holy Drinker è la terza traccia del disco e vede al basso lo stesso Wilson, Nick Beggs al chapman stick ed un "ospite leggendario": Alan Parsons, che esegue un assolo di chitarra.


Avatar utente

Watcher
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4194
Iscritto il: 06/12/2010, 8:47

Re: Fusion-Jazzrock

Messaggio da Watcher » 04/06/2013, 7:51

Antonio Banche ha scritto:connubio tra Jazz-Fusion e Progressive tardo-kingcrimsoniano.
Avrei voluto smentirti, perchè leggendo non ci credevo ad un connubio di questo tipo ... invece è proprio così.
Bel pezzo, interessante e da approfondire.
Quando mi contraddico ho ragione due volte.

Avatar utente

Topic author
reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3852
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: Fusion-Jazzrock

Messaggio da reallytongues » 04/06/2013, 11:14

Fantastico! Ma è Parsons che suona la chitarra? Che manico!
Il suono di tastiera mi ricorda molto i Brand X.
nel continente nero paraponzi ponzi bo

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8098
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: Fusion-Jazzrock

Messaggio da Hairless Heart » 04/06/2013, 12:17

Davvero gustoso! In tutte le sue sezioni. Molto belle anche le sequenze armoniche con le tastiere-voci.
E poi, non c'è niente da fare: il piano elettrico nobilita ogni canzone in cui viene impiegato.
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

Antonio Banche
Novellino
Novellino
Messaggi: 45
Iscritto il: 12/01/2013, 14:27
Località: Trento

Re: Fusion-Jazzrock

Messaggio da Antonio Banche » 04/06/2013, 17:41

reallytongues ha scritto:Ma è Parsons che suona la chitarra? Che manico!
Sarebbe un po' strano se fosse proprio lui a suonare per tutta la canzone la chitarra ;) infatti esegue solo il secondo solo.
In realtà il chitarrista è Guthrie Govan, già membro del gruppo jazz "The Aristocrats" ed ex Asia. E' una tra le figure di spicco della tecnica chitarristica moderna: infatti ha evoluto lo stile detto jazz shred.
Poi c'è il tastierista Adam Holzman, musicista tutto d'un pezzo con un retroscena jazz e fusion e, giusto per fare un esempio, ha registrato Tutu con Davis (ecco forse spiegate le analogie con i Brand X :) ), mentre al flauto e sassofono troviamo l'ormai "veterano di ambienti progressive" Theo Travis..
Il disco The Raven That Refused to Sing è veramente il capolavoro di Wilson (supera qualsiasi produzione dei Porcupine Tree) ed è prodotto eccellentemente, ne consiglio l'ascolto.

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8098
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: Fusion-Jazzrock

Messaggio da Hairless Heart » 04/06/2013, 18:49

Già, anche Progknight nella sua top10 ha inserito un brano solo di Wilson, a supporto della tua opinione.
Per essere un giovincello, hai una cultura musicale coi fiocchi (al contrario di ciò che mi dicesti in privato). [approve]
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

Antonio Banche
Novellino
Novellino
Messaggi: 45
Iscritto il: 12/01/2013, 14:27
Località: Trento

Re: Fusion-Jazzrock

Messaggio da Antonio Banche » 05/06/2013, 15:01

Grazie.. Penso comunque che merito sia del VRF, sempre ricco di spunti interessanti! :D

Avatar utente

rim67
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2386
Iscritto il: 06/04/2013, 22:23

Re: Fusion-Jazzrock

Messaggio da rim67 » 19/12/2013, 2:46

Mick Channon ha scritto:Nessun problema,allora ci ascoltiamo i Weather Report senza Jaco e con al basso Miroslav Vitous ;)
Wow, bellissimo, ma il resto dell'album è tutto cosi? Perché allora ci devo proprio fare un pensierino!
Una convinzione non è solo un'idea che la mente possiede, è un'idea che possiede la mente.

Avatar utente

Mick Channon
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2100
Iscritto il: 19/09/2012, 15:35

Re: Fusion-Jazzrock

Messaggio da Mick Channon » 19/12/2013, 9:26

Vai sul sicuro rim ;) . "Boogie Woogie Waltz" è tratto da "Sweetnighter",il mio preferito tra gli album dei Weather Report,il disco decisamente più Funk della band.Altro brano sulla falsariga di quello postato è "125th Street Congress",scritto sempre da Zawinul.
Tutti sognano di tornare bambini,anche i peggiori fra noi.Forse i peggiori lo sognano più di tutti.

Avatar utente

theNemesis
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2146
Iscritto il: 23/09/2013, 11:29
Località: Svizzera

Re: Fusion-Jazzrock

Messaggio da theNemesis » 19/12/2013, 10:48

Beccatevi un po' questa sequenza....







Tripletta da urlo... [smile]
Dancing on time way...


roberto63
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1347
Iscritto il: 07/03/2013, 16:23
Località: Savona

Re: Fusion-Jazzrock

Messaggio da roberto63 » 19/12/2013, 13:03

Una sequenza molto felice, quella proposta dall'amico theNemesis perché offre tre eccellenti declinazioni nelle quali il jazz fusion o jazz rock si è manifestato nel corso della sua storia, ormai vicina al mezzo secolo di vita. ;)
Teorema di Stockmayer:
Se sembra facile, è dura.
Se sembra difficile, è fottutamente impossibile.

Avatar utente

rim67
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2386
Iscritto il: 06/04/2013, 22:23

Re: Fusion-Jazzrock

Messaggio da rim67 » 19/12/2013, 13:20

Those Who Are About to Die Salute You - Morituri Te Salutant is the debut album by Colosseum, released in 1969 by Fontana. It is one of the pioneering albums of jazz fusion.
Cosi recita wikipedia e nonostante il mio pessimo inglese ho capito [smile] , infatti mi piacciono da matti anche perché la parte rock è comunque molto presente!

Dal loro primo album "Those Who Are About to Die Salute You":

Colosseum - Debut



Colosseum-Those About to Die

Una convinzione non è solo un'idea che la mente possiede, è un'idea che possiede la mente.

Avatar utente

Topic author
reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3852
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: Fusion-Jazzrock

Messaggio da reallytongues » 19/12/2013, 17:59

ci sono altri video su Youtube in cui sono ripresi durante l'esibizione di alcuni brani del debutto: spettacolari! (è un piacere vedere Hiseman all'opera alla batteria). Comunque vero! il primo album è tantissimo fusion. ma in definitiva anche la Graham Bond Organisation allora (quella con i futuri Colosseum). sentite che roba trovate e comprate Solid Bond!!!
nel continente nero paraponzi ponzi bo

Rispondi