the cure

Moderatori: Harold Barrel, Watcher, Hairless Heart, MrMuschiato

Rispondi

Topic author
elio77
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 619
Iscritto il: 09/05/2014, 15:37

the cure

Messaggio da elio77 » 26/06/2015, 22:20

Questo complesso l'ho scoperto grazie ad una cover band con una cantante femminile parecchi anni fa e da quel momento l'ho sempre ascoltato moltissimo. I Cure a parte alcuni cambiamenti nella band sono rappresentati dal cantante,chitarrista e compositore Robert Smith. Sono un gruppo inglese che è partito facendo New wave fino ad arrivare a musiche abbastanza commerciali ma sempre ben fatte con un'influenza particolarmente dark che non hanno mai abbandonato del tutto. Volevo cominciare a parlare di questo bravissimo gruppo partendo dal loro album di debutto del 1979,Three immaginary boys. Smith alla voce,Dempsey al basso e Tolhurst alla batteria,il disco è decisamente new wave con atmosfere che accennano allo stile dark che abbracceranno da li a qualche anno. Da notare la bravura e la classe di Smith come cantante.

Fire in cairo

https://www.youtube.com/watch?v=oP04aWWCDeQ


Three imaginary boys

https://www.youtube.com/watch?v=PDVzELTbHPg

Avatar utente

Mick Channon
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2100
Iscritto il: 19/09/2012, 15:35

Re: the cure

Messaggio da Mick Channon » 26/06/2015, 22:27

Sono stati tra i primi eroi adolescenziali,"Pornography" e "Kiss me kiss me kiss me" i miei album preferiti.Poi "Wish" del 92 sono particolarmente legato,ha fatto da colonna sonora,con altri dischi ,all'anno di servizio militare :o
Tutti sognano di tornare bambini,anche i peggiori fra noi.Forse i peggiori lo sognano più di tutti.

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8098
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: the cure

Messaggio da Hairless Heart » 27/06/2015, 0:47

Ottima, Elio! [nc]
Mi hai anticipato, avrebbe potuto essere oggetto di una mia (oscena) monografia.
Notare che Robertina Smith, mentre pubblicava il primo album con i Cure che diverranno la band capofila del dark, continuava ad essere chitarrista per Siouxsie and the Banshees.....
I miei preferiti sono proprio i primi due dischi: Three Imaginary Boys (ma preferisco la versione americana, intitolata Boys Don't Cry) e Seventeen Seconds.

Boys Don't Cry
https://www.youtube.com/watch?v=9GkVhgIeGJQ
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3852
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: the cure

Messaggio da reallytongues » 27/06/2015, 6:55

non li ho mai filati, ma li conosco pure io per tanti brani che ho ascoltato in radio, discoteca, amici ecc...
mi ha sempre colpito la capcità di Smith di scrivere tante canzoni evergreen, ma pure la sua voce particolare, pure la sua buona verve chitarristica
anche la fase più pop è interessante
nel continente nero paraponzi ponzi bo

Avatar utente

2Old2Rock2Young2Die
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1392
Iscritto il: 20/09/2013, 16:15

Re: the cure

Messaggio da 2Old2Rock2Young2Die » 27/06/2015, 9:58

Disintegration è il primo CD che ho comprato in assoluto e rimane il mio preferito. Per gli anni '80 e per il Goth Rock è un album monumentale, con un uso dei sinth fantastico.

Immagine
Clicca qui o sull'immagine per ingrandire
"But don't you think that I know that walking on the water, Won't make me a miracle man?"

Avatar utente

Scardy in Exile
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 529
Iscritto il: 23/03/2015, 11:38

Re: the cure

Messaggio da Scardy in Exile » 27/06/2015, 11:58

Un gruppo fondamentale del filone dark-wave inglese. Hanno avuto almeno un paio di svolte importanti nella loro carriera. Agli esordi ("Three imaginary boys", 1979) erano un umile ma geniale trio che faceva una musica che 15 anni dopo avrebbero ribattezzato "lo-fi pop", ossia: musica orecchiabile ma minimale negli arrangiamenti e grezza nelle sonorità, intrisa di spleen adolescenziale.




Poi hanno virato verso atmosfere più marcatamente claustrofobiche e angoscianti, incorniciate da arrangiamenti più curati, in una fase culminata con "Pornography" (1982).




E poi ancora hanno mescolato la vena pop con quella dark nella seconda metà degli anni 80, rilasciando quel gioiellino di melanconia chiamato "Disintegration" (1989).




In assoluto, preferisco i Cure del primo album, che erano i più creativi e ispirati. In generale, non li ascolto spesso, perchè mi intristiscono e mi ricordano troppe cose.
Ultima modifica di Scardy in Exile il 28/06/2015, 23:01, modificato 1 volta in totale.


Topic author
elio77
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 619
Iscritto il: 09/05/2014, 15:37

Re: the cure

Messaggio da elio77 » 27/06/2015, 19:02

comunque gia dal secondo album,seventeen second del 1980 e faith del 1981 cominciano ad avere atmosfere un po' cupe.

A forest da seventeen second:

https://www.youtube.com/watch?v=xik-y0xlpZ0

other voices da faith

https://www.youtube.com/watch?v=BnwTjTR1NmY

con pornography dell'82 poi,come avete gia detto,si tocca il culmine dark

a strange day

https://www.youtube.com/watch?v=c4mym0EFKM8

da notare l'accoppiate basso-batteria che accompagna quasi tutto l'albumè stupenda,e qui Smith comincia a sfruttare meglio la sua voce.

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8098
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: the cure

Messaggio da Hairless Heart » 28/06/2015, 21:42

Scardy, se vuoi sostituire Fire in Cairo, già postata in precedenza da Elio..... ;)
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

Scardy in Exile
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 529
Iscritto il: 23/03/2015, 11:38

Re: the cure

Messaggio da Scardy in Exile » 28/06/2015, 23:07

Hairless Heart ha scritto:Scardy, se vuoi sostituire Fire in Cairo, già postata in precedenza da Elio..... ;)
Fatto! No me n'ero accorto. :oops:

Ho messo l'opener del disco, canzone ansiogena come poche altre. :)


Topic author
elio77
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 619
Iscritto il: 09/05/2014, 15:37

Re: the cure

Messaggio da elio77 » 29/06/2015, 18:19

nell'84 dopo un album come pornography diventare più dark credo significasse sorpassare un punto di non ritorno e così,non so se intenzionalmente o no hanno fatto un passo verso la musica commerciale anche se di gran classe.

The caterpillar

https://www.youtube.com/watch?v=nzxJ5YvYfx4

dressing up

https://www.youtube.com/watch?v=wJj5wSF48ZQ

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8098
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: the cure

Messaggio da Hairless Heart » 29/06/2015, 19:48

In precedenza, il mini-lp Japanese Whispers, contenente le canzoni di 3 singoli del periodo, era ancora più leggero e easy, in netto contrasto col periodo precedente. Di questo disco sono l'ottima The Walk, e la celebre Lovecats, che abbiamo sentito di recente in uno spot pubblicitario. Pare sia stata ispirata dal cartone animato Gli Aristogatti.

Lovecats

https://www.youtube.com/watch?v=mcUza_wWCfA

@ Scardy:
10:15 Saturday Night è da urlo! nella mia personale top5 senz'altro.
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

Mick Channon
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2100
Iscritto il: 19/09/2012, 15:35

Re: the cure

Messaggio da Mick Channon » 29/06/2015, 21:49

Del periodo più commerciale e più allegro [bop] sicuramente gli album " The Head on the door" del 85 e " Kiss me Kiss me Kiss me " del 87
Tutti sognano di tornare bambini,anche i peggiori fra noi.Forse i peggiori lo sognano più di tutti.


Topic author
elio77
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 619
Iscritto il: 09/05/2014, 15:37

Re: the cure

Messaggio da elio77 » 30/06/2015, 11:25

Album bellissimi,commerciale fa fatto benissimo,pensò a close to me e i can t to be with you

Avatar utente

Lamia
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2426
Iscritto il: 11/01/2014, 14:55

Re: the cure

Messaggio da Lamia » 30/06/2015, 15:33

Grandi The Cure, originalissimi!

Un pezzo d'amore che non t'aspetteresti , ma che ti cattura , pur senza essere melenso, bravissimi! "PIctures of You" [hearts]


Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8098
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: the cure

Messaggio da Hairless Heart » 05/07/2015, 23:51

elio77 ha scritto:i can t to be with you
Probabilmente intendevi Why Can't I Be You?....

Tornando al terzo album, il tetro Faith, il mio pezzo preferito è All cats are grey. Obbligatorio l'ascolto in cuffia, a luci spente. Mi piace particolarmente il suono del basso e delle tastiere.

https://www.youtube.com/watch?v=RmKX-VekF2s

In quello stesso anno uscì su singolo la famosa Charlotte sometimes.

https://www.youtube.com/watch?v=4KeII31qyck
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow


Topic author
elio77
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 619
Iscritto il: 09/05/2014, 15:37

Re: the cure

Messaggio da elio77 » 06/07/2015, 22:57

Charlotte sometimes é un capolavoro.gli ho seguiti fino a wish con la bella letter to elise anche se l abum non mi ha convinto poi ho smesso di seguirli

Avatar utente

Mick Channon
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2100
Iscritto il: 19/09/2012, 15:35

Re: the cure

Messaggio da Mick Channon » 07/07/2015, 21:49

Wish del 1992 ,penso sia stato il loro ultimo grande lavoro.Diversi i brani notevoli,il mio preferito e facente parte della mia top 10 Cure ,è From the edge of the deep green sea.
Tutti sognano di tornare bambini,anche i peggiori fra noi.Forse i peggiori lo sognano più di tutti.

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8098
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: the cure

Messaggio da Hairless Heart » 15/07/2015, 11:38

Tornando a The Head on the Door del 1985, è senz'altro l'album che ha aperto le porte dei Cure al successo globale. Grazie in primis a Close to me, canzoncina dallla ritmica che verrà poi scopiazzata nientepopodimeno che da George Michael per la celeberrima Faith. E grazie anche a In Between Days, decisamente meglio.



Altri brani significativi sono: la chitarristica Push, e direi A Night Like This.
A me piace particolarmente la spagnoleggiante The Blood.

Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Rispondi