I migliori cantautori italiani di ultima generazione

Qui parliamo della musica italiana, dai cantautori alle band progressive degli anni '70.

Moderatori: Harold Barrel, Watcher, Hairless Heart, MrMuschiato

Rispondi

Topic author
Sergio_Ottaiano
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 8
Iscritto il: 13/09/2015, 23:09

I migliori cantautori italiani di ultima generazione

Messaggio da Sergio_Ottaiano » 22/09/2015, 14:27

Quali sono, secondo voi, i migliori cantautori italiani del momento? Quelli che in futuro potranno rivaleggiare con De Andrè e simili?
Io penso questi dieci: http://www.cultora.it/10-cantautori-cui ... -de-andre/

Avatar utente

Il mago di Floz
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1074
Iscritto il: 11/12/2014, 15:32
Località: Provincia di Como

Re: I migliori cantautori italiani di ultima generazione

Messaggio da Il mago di Floz » 22/09/2015, 14:43

Davide Van De Sfroos.
I can't bring you, 'cause it's just too cold; and while I'm out here digging alone, well: I'll bring you home gold nuggets in the spring.

Avatar utente

Lamia
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2426
Iscritto il: 11/01/2014, 14:55

Re: I migliori cantautori italiani di ultima generazione

Messaggio da Lamia » 22/09/2015, 15:26

Nessuno potra' mai permettersi di "rivaleggiare" con un De Andre' o con altri cosiddetti "impegnati" ( Guccini, De Gregori etc) , perche' il periodo storico, sociale , il contesto in cui un autore vive e' completamente differente, quindi anche la poetica, in un certo senso, cambia: dalla scrittura alle liriche, alle melodie, la visione della realta', la realta' stessa e via dicendo. Ogni autore e' anche un po' figlio del suo tempo. La grandezza , a mio modesto avviso, sta nella capacita' di parlare alle generazioni in senso trasversale, sorpassando le epoche , le ideologie, la Storia; e quel particolare modo di essere, ognuno a modo suo, un precursore di un qualcosa: una poetica, una lettura della realta' imprescindibilmente unica, etc. De Andre' e altri ci sono riusciti e, senza disdegnare nessuno dei nominati nell'elenco, credo ci sia ancora molta strada da percorrere . [happy]

Poi se devo dire un nome ( ma evitando accostamenti pericolosi con i nomi sopra citati) a me piaceva Gianluca Grignani, i primi tre album sono bellissimi, poi si e' un po' perso nel sentimentalismo, si e' detto per meglio vendere ( forse e' cosi ) , pero' mantendo comunque una sua precisa poetica, cosa non da poco. Dente e' bravo, ho sentito qualcosa, gli altri non li conosco. Mi piace anche Cristina Dona', molto brava, anche se non proprio giovanissima, come Grignani.


Topic author
Sergio_Ottaiano
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 8
Iscritto il: 13/09/2015, 23:09

Re: I migliori cantautori italiani di ultima generazione

Messaggio da Sergio_Ottaiano » 22/09/2015, 18:45

Hai effettivamente ragione, forse parlare di "competere" non è corretto, ma bisogna essere pur sempre consapevoli che al giorno d'oggi ci sono nomi che in futuro potrebbero valere e anche molto.

Avatar utente

Lamia
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2426
Iscritto il: 11/01/2014, 14:55

Re: I migliori cantautori italiani di ultima generazione

Messaggio da Lamia » 23/09/2015, 15:58

vero [approve]

Avatar utente

Carlo Maria
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 673
Iscritto il: 03/06/2015, 22:34

Re: I migliori cantautori italiani di ultima generazione

Messaggio da Carlo Maria » 29/09/2015, 9:42

Un bell'argomento di topic, volto al futuro. [happy]
Personalmente, l'affetto che mi lega al grande cantautorato italiano degli anni Settanta mi fa dire che nessuno dei cantautori in erba che ho ascoltato mi sembra abbia le qualità per affiancarsi ai grandi nomi della stagione d'oro, però ci sono davvero alcune promesse!
Di quelli che citi, ne conosco 6 (gli altri quattro me li sono annotati e conto di esplorarli il prima possibile) e ne ho visti live tre.
Dente è il più brillante: dal vivo è simpaticissimo e regge il palco molto bene, con sicurezza, riuscendo a coinvolgere il pubblico e a farlo ridere sinceramente. I suoi brani sono carini, meno banali di tanti altri, e spesso contengono livelli di lettura non evidenti al primo ascolto. Sintomatico è il disco credo più famoso, L'amore non è bello, in cui i brani apparentemente sembrano le classiche canzoni d'amore trite e ritrite, mentre invece i testi sono decisamente sferzanti!
Brunori Sas ha cambiato il nome in Brunori Srl. L'ho visto a Torino alcuni anni fa: molto piacevole e alcuni brani sono proprio azzeccati, ma parlo alcuni brani. Lui è decisamente più leggero e solo alcuni testi mi sembra si elevino.
Curiosità: l'ho rivisto l'altro giorno, al concerto di Sufjan Stevens a Milano. Era seduto nella fila davanti alla mia. [happy]
Appino, invece, mi ha deluso un casino. Quando sono andato a vederlo suonare (col gruppo), ho visto all'opera animali da palco, perfettamente a loro agio, certo, però i brani in versione live sono semplificati, più scarni, e meno efficaci. Ti dico: furono surclassati dal gruppo spalla, quei Fast Animals and Slow Kids che secondo me si stanno facendo spazio a spallate e che mi divertono assai. Il loro cantante è un pazzo scatenato e sono bizzarri e simpatici. [hearts]
Tornando ai cantautori di ultima generazione, un nome che non mi stupisco manchi nella tua lista è quello di Le Luci della Centrale Elettrica. È noto che o lo si ama o lo si odia e parecchi lo detestano proprio, compresi per esempio i Lo Stato Sociale, che in un celebre brano lo sfottono. I suoi testi sono criptici, ma indubbiamente emozionali. L'incomprensibilità di certi brani è quasi sibillina, e mi ricorda i processi a De Gregori sulla presenza di eccessive metafore in alcuni dischi, che privavano di realismo la poetica. Io li ritengo suggestivi.
Bugo è un altro nome che mi suscita simpatia: testi ironici e sonorità diverse dalla media ne fanno un autore originale nel panorama nostrano.
Non mi dispiace Valentina Lupi, per citare anche una donna: mostra grinta e alcuni suoi brani sono decisamente ben fatti.

Rispondi