DREAM THEATER - Metropolis part 2: Scenes from a Memory

Moderatori: Harold Barrel, Watcher, Hairless Heart, MrMuschiato

Avatar utente

Topic author
MrMuschiato
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 2568
Iscritto il: 12/09/2012, 0:57
Località: Veneto

Re: DREAM THEATER - Metropolis part 2: Scenes from a Memory

Messaggio da MrMuschiato » 18/02/2013, 17:59

Traccia 10: One Last Time



'[N:]
It doesn`t make any sense
This tragic ending
In spite of the evidence
There`s something still missing

Heard some of the rumours told
A taste of one`s wealth
Did Victoria wound his soul?
Did she bid him farewell?

[V:]
One last time
We`ll lay down today
One last time
Until we fade away
One last time
We`ll lay down today
One last time
We slowly fade away


[N:]
Here I am inside his home
It holds the many clues
To my suspicions
And as I`m standing here right now
I`m finally shown what I have always known

Coincidence I can`t believe
As my childhood dreams slowly come true

Are these her memories
Awakened through my eyes
This house has brought back to life

An open door
I walk on through
Into his bedroom

Feeling as cold as outside
The walls disappear
To some woman who`s screaming
A man pleads forgiveness
His words I cannot hear'


Nicholas riflette sull'intera faccenda, e si rende conto che qualcosa nella storia non torna; sente che il giornale potrebbe contenere informazioni sbagliate, sente che non ha ancora scoperto la verità, e che deve continuare a cercare. Pensa ad una possibile relazione fra Edward e Victoria, e sente le parole di Victoria,

'One last time, we'll lay down today'

La ragazza potrebbe aver detto quella frase lasciando Edward.
Nicholas visita così la casa di Edward e scopre molti indizi sulla relazione fra il ragazzo e Victoria; qui Nicholas vive una sorta di sdoppiamento temporale, sentendo il freddo che normalmente lo pervade nelle sedute ipnotiche e nei suoi sogni; vede infine l'incontro fatale di Victoria, ma ancora non riesce a mettere a fuoco la scena.

Ballata che comincia con un tema suonato col piano da Jordan Rudess, la canzone si apre a partire dalla seconda metà del ritornello, con chitarre più presenti e batteria sul charleston; dopo il ritornello c'è un ponte e un breve solo di chitarra di Petrucci, mentre la strofa successiva è molto diversa dall'inizio, con una parte finale in crescendo e chiusura finale di piano.
Ultima modifica di MrMuschiato il 03/03/2015, 15:30, modificato 1 volta in totale.
Gobelini, coboldi, elfi, eoni, la mandragora, il fico sacro, la betulla, la canfora, l'incenso, le ossa dei morti lanciate contro il nemico, i nani!

Avatar utente

Topic author
MrMuschiato
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 2568
Iscritto il: 12/09/2012, 0:57
Località: Veneto

Re: DREAM THEATER - Metropolis part 2: Scenes from a Memory

Messaggio da MrMuschiato » 20/02/2013, 15:56

Traccia 11: Scene Eight: The Spirit Carries On



'[N:]
Where did we come from?
Why are we here?
Where do we go when we die?
What lies beyond
And what lay before?
Is anything certain in life?

They say " Life is too short"
"The here and the now"
And " You`re only given one shot"
But could there be more
Have I lived before
Or could this be all that we`ve got?

If I die tomorrow
I`d be alright
Because I believe
That after we`re gone
The spirit carries on


I used to be frightened of dying
I used to think death was the end
But that was before
I`m not scared anymore
I know that my soul will transcend

I may never find all the answers
I may never understand why
I may never prove
What I know to be true
But I know that I still have to try

If I die tomorrow
I`d be alright
Because I believe
That after we`re gone
The spirit carries on


[V:]
"Move on, be brave
Don`t weep at my grave
Because I`m no longer here
But please never let
Your memories of me disappear"

[N:]
Safe in the light that surrounds me
Free of the fear and the pain
My questioning mind
Has help me to find
The meaning in my life again
Victoria`s real
I finally feel
At peace with the girl in my dreams
And now that I`m here
It`s perfectly clear
I found out what all of this means

If I die tomorrow
I`d be alright
Because I believe
That after we`re gone
The spirit carries on
'


Nicholas si sottopone per l'ultima volta alla terapia ipnotica, e si è ormai convinto che la sua anima trascenderà e continuerà a vivere anche dopo la morte del suo corpo. Nicholas non ha più paura della morte, vive questa cosa con occhi diversi, consapevole che la morte non è la fine.
Il ragazzo crede che Edward sia in qualche modo coinvolto nell'omicidio, ma Victoria gli appare in sogno e gli dice di andare avanti per la sua strada, visto che lei ormai è libera, la verità è stata svelata, e gli chiede di non dimenticarla mai.
Nicholas sente un senso di pace e tranquillità per aver messo fine al tormento di Victoria, e come aveva detto l'ipnoterapeuta (nel finale di Fatal Tragedy), la morte non è la fine, ma solo un passaggio.

Penultimo brano del disco, pezzo lento ''alla Pink Floyd'' che parte con voce e piano, un altro elemento molto ricorrente che non si sente facilmente nei pezzi dei Dream Theater, The Spirit Carries On riprende il tema di ''Scene One: Regression'', ripetendo anche il verso:

'Safe in the light that surrounds me
Free of the fear and the pain'


Il pezzo si apre nella seconda strofa con batteria in shuffle e con dei piccoli riff di Petrucci ad accompagnare il resto della band.
Il pezzo è molto rilassato, molto diverso dai pezzi tesi e quasi angosciosi del resto del disco, tranne, in un certo senso, per il break dopo il secondo ritornello; questo però è solo l'intro ideale per la definitiva esplosione del pezzo, dopo ponte e solo di Petrucci, con la partecipazione di Theresa Thomason come seconda voce e del coro d'accompagnamento (Mary Canty, Sheila Slappy, Mary Smith, Jeanette Smith, Clarence Burke jr., Carol Cyrus, Dale Scott).

Il pezzo, come detto, riprende il primo brano, e in un certo senso chiude il disco, o almeno un pezzo della trama (capirete meglio dopo la recensione dell'ultimo brano). Questa idea, chiudere una storia da dov'era iniziata può far tornare in mente l'Octavarium (uscito anni dopo rispetto a Metropolis part 2), visto che nella suite del 2005 troviamo i versi:

'We move in circles
Balanced all the while
On a gleaming razor's edge'


E soprattutto

'A perfect sphere
Colliding with our fate
This story ends where it began'


A breve tornerò per l'atto conclusivo di questa storia.
Ultima modifica di MrMuschiato il 20/02/2013, 17:16, modificato 1 volta in totale.
Gobelini, coboldi, elfi, eoni, la mandragora, il fico sacro, la betulla, la canfora, l'incenso, le ossa dei morti lanciate contro il nemico, i nani!

Avatar utente

Watcher
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4194
Iscritto il: 06/12/2010, 8:47

Re: DREAM THEATER - Metropolis part 2: Scenes from a Memory

Messaggio da Watcher » 20/02/2013, 16:14

Caspita, che lavoraccio che stai facendo! :shock:
Attento che ti obblighiamo ad ascoltare per sei mesi consecutivi The Lamb Lies Down On Broadway e poi ci fai la recensione. Attento! [smile]
Quando mi contraddico ho ragione due volte.

Avatar utente

Topic author
MrMuschiato
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 2568
Iscritto il: 12/09/2012, 0:57
Località: Veneto

Re: DREAM THEATER - Metropolis part 2: Scenes from a Memory

Messaggio da MrMuschiato » 20/02/2013, 17:18

Hahaha, finito questo magari mi metto ad ascoltarli una volta per tutte sti Genesis! [smile]
Gobelini, coboldi, elfi, eoni, la mandragora, il fico sacro, la betulla, la canfora, l'incenso, le ossa dei morti lanciate contro il nemico, i nani!

Avatar utente

Topic author
MrMuschiato
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 2568
Iscritto il: 12/09/2012, 0:57
Località: Veneto

Re: DREAM THEATER - Metropolis part 2: Scenes from a Memory

Messaggio da MrMuschiato » 22/02/2013, 15:17

Traccia 12: Scene Nine: Finally Free



[Hypnotist:]
'You are once again surrounded by a brilliant white light.
Allow the light to lead you away from your past and into this lifetime.
As the light dissipates you will slowly fade back into
consciousness, remembering all you have learned.
When I tell you to open your eyes you will return to the present,
Feeling peaceful and refresh.
Open your eyes Nicholas.

[Miracle:]
Friday evening
The blood still on my hands
To think that she would leave me now
For that ungrateful man
Sole survivor
No witness to the crime
I must act fast to cover up
I think that there`s still time
He`d seem hopeless and lost with this note
They`ll buy into the words that I wrote

This feeling
Inside me
Finally found my love
I`ve finally broke free
No longer
Torn in two
I`d take my own life before losing you


[Victoria:]
Feeling good this Friday afternoon
I ran into Julian
Said we'd get together soon
He`s always had my heart
He needs to know
I`ll break free of the Miracle
It`s time for him to go

This feeling
Inside me
Finally found my love
I`ve finally broke free
No longer
Torn in two
He`d kill his brother if he only knew


Their love renewed
They`d rendezvous
In a pathway out of view
They thought no one knew
Then came a shot out of the night
"Open your eyes, Victoria"

[Sleeper:]
One last time
We'll lay down today
One last time
Until we fade away
One last time
We'll lay down today
One last time
We fade away

As their bodies lie still
And the ending draws near
Spirits rise through the air
All their fears disappear
It all becomes clear
A blinding light comes into view
An old soul exchanged for a new
Familiar voice comes shining through

[Nicholas:]
This feeling
Inside me
Finally found my life
I`m finally free
No longer
Torn in two
I learned about my life by living through you

This feeling
Inside me
Finally found my life
I`ve finally free
No longer
Torn in two
Living my own life by learning from you


We`ll meet again my friend
Someday soon

[CNN report:]
"... their lead story,
all anticipating the outcome of the man considered to be a member of American nobility.
And as you can imagine, as the skies have grown darker
here over Washington,
The moon has grown darker as well and people here are
beginning to resign themselves to the possibility that they are
witnessing yet another tragedy in a long string of misfortunes.
Reaction from everywhere, from Washington and certainly
from around the world has guess..."

[Hypnotist:]
"Open your eyes, Nicholas'"

[Nicholas:]
"AAAH!"'


Nicholas è uscito dall'ipnosi e sta tornando a casa tranquillo e felice, senza sapere che le cose non sono andate come lui crede. Nell'ultima scena l'ascoltatore viene a conoscenza della verità riguardo all'omicidio di Victoria.
Victoria si incontra per caso con Julian e decidono di vedersi di nascosto, per parlare. Victoria ha capito di essere innamorata di Julian e non di Edward, e spera che il senatore non venga a conoscenza della relazione col fratello. Ma Edward scopre i due innamorati, e comincia a lottare con Julian, che estrae un coltello. Edward a quel punto spara al fratello, e dopo aver detto 'Open your eyes, Victoria' spara anche alla ragazza. Julian, con le ultime forze striscia sul corpo esanime della ragazza e pronuncia le sue ultime parole, 'One last time'', le parole che aveva sentito Nicholas e che pensava si riferissero alla rottura fra Edward e Victoria. Successivamente Edward lascia un biglietto nella tasca di Julian dove il giovane dice che si sarebbe suicidato per non perdere la sua amata, e chiede aiuto.

Torniamo nel presente, Nichola torna a casa e accende la tv, poi mette un disco e si rilassa sul divano bevendo qualcosa. Si sente una macchina arrivare, una porta aprirsi. Dei passi, e una voce che dice:

''Open your eyes, Nicholas''

E' l'ipnoterapeuta, che è venuto ad uccidere Nicholas.


L'album finisce con un rumore sordo, Nichoals che spaventato urta il giradischi, e la puntina del giradischi stesso che ha finito di leggere il disco e continua a girare.

Nel 1928 Edward aveva ucciso Victoria (Open your eyes, Victoria), nel presente le due reincarnazioni si son trovate di nuovo faccia a faccia, e l'epilogo è stato lo stesso (Open your eyes, Nicholas).

Visto che c'è tanto da scrivere riguardo al pezzo in se, alla musica, ai richiami, intanto vi ho postato il testo, fra un po scriverò le riflessioni sulla canzone in se.
Gobelini, coboldi, elfi, eoni, la mandragora, il fico sacro, la betulla, la canfora, l'incenso, le ossa dei morti lanciate contro il nemico, i nani!

Avatar utente

Topic author
MrMuschiato
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 2568
Iscritto il: 12/09/2012, 0:57
Località: Veneto

Re: DREAM THEATER - Metropolis part 2: Scenes from a Memory

Messaggio da MrMuschiato » 22/02/2013, 17:39

Finiamo la recensione di Finally Free con la parte più importante, cioè la recensione/riflessione sulla canzone in sè, sulla parte musicale.

Il pezzo comincia con le parole dell'ipnoterapeuta e con un giro di chitarra molto disteso, molto tranquillo, che ci fa sentire la pace della mente di Nicholas; questo soave momento è però subito interrotto dalla verità che viene a galla con un riff più cupo e un accompagnamento d'archi molto oscuro, con campane e rumori in sottofondo. Ecco che torna il piano, filo conduttore del disco, e LaBrie ci spiega come sono andate le cose, la rabbia di Edward, e la sua idea di inscenare il suicidio; un riff molto emozionale, molto carico accompagna il pre ritornello, mentre il ritornello (che sarebbero le parole che Edward ha scritto nella lettera per far ricadere le colpe su Julian) è accompagnato da un giro di chitarra acustica e piano.

La batteria accompagna le parole gioiose di Victoria, contenta di aver ritrovato Julian, il suo amore, ed ecco che torna il ritornello, con LaBrie accompagnato dalle seconde voci e dalla straziante chitarra di Petrucci. Il ponte successivo è accompagnato dalle voci di Petrucci e Portnoy, intro perfetto per trasportare in musica il doppio omicidio, con rumori di colluttazioni e urla disperate, mentre un riff molto Heavy e un groove di batteria molto pesante accompagnano il tutto; e qui ecco tornare ''One Last Time'', questa volta con il significato vero, cioè le ultime parole di Julian mentre si sdraia sul corpo senza vita della sua amata.

La canzone è un continuo crescendo, ed ecco il solo di Petrucci, che si velocizza nella seconda parte con le parole di Julian e un cambio di tema, un tema più allegro, che però dura poco, visto lo stacco improvviso e la ripetizione del ritornello, prima con la sola chitarra ad accompagnarlo, poi molto più carico con tutta la band e le voci ad accompagnare l'angoscia della scena; angoscia che esplode definitivamente dopo le parole.

''We'll meet again my friend, someday soon''


(Che oltretutto suonano premonitrici);
la parte finale è un angoscioso, cupo e tetro riff di chitarra ripetuto più e più volte, con Portnoy che si scatena pian piano, passando dai 2/4 ai 4/4 e con Rudess che mette un accento prima solo sulla prima battuta di ogni strofa, e poi su ogni battuta, per caricare ancora di più il già cupo tema finale del pezzo, una chiusura monumentale, triste ma nello stesso tempo carica di energia.
Ultima modifica di MrMuschiato il 07/04/2013, 21:00, modificato 1 volta in totale.
Gobelini, coboldi, elfi, eoni, la mandragora, il fico sacro, la betulla, la canfora, l'incenso, le ossa dei morti lanciate contro il nemico, i nani!

Avatar utente

reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3852
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: DREAM THEATER - Metropolis part 2: Scenes from a Memory

Messaggio da reallytongues » 22/02/2013, 18:23

Il primo brano che hai postato dell'album "Image and Words" che rimanda all'album in questione mi ha fatto notare una grande differenza di impostazione stilistica. Ascoltando poi l'album interamente mi ha confermato questa opinione.
L'album del 92 è sicuramente un album innovatore e vede una band compattissima e lucidissima nel presentare un sound ricco di mille risvolti e di grandissima fantasia compostiva e timbrica.
"Metropolis" secondo me sembra cedere il passo ad una eleganza anche un pochino stucchevole e retorica.
Insomma se i primi Dream Theater sembravano esplodere di fantasia tipicamente progressive e possedere una cattiveria impressionante (supportata da tecnica sopraffina), più avanti mi sembrano mutare in qualcosa di più controllato e prevedibile.
Ho ascoltato i due album per cui la mia è un opinione parziale, anche se è consueto che molti artisti si esprimano meglio nei primi lavori e dopo abbiano un calo fisiologico.
nel continente nero paraponzi ponzi bo

Avatar utente

Topic author
MrMuschiato
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 2568
Iscritto il: 12/09/2012, 0:57
Località: Veneto

Re: DREAM THEATER - Metropolis part 2: Scenes from a Memory

Messaggio da MrMuschiato » 22/02/2013, 19:18

Il calo c'è stato ed è stato netto, ma secondo me si è presentato subito dopo Metropolis part 2, che secondo me è il coronamento dell'intelletto musicale dei 5; forse Images and Words è più sperimentale, più selvaggio, mentre Metropolis, come dici tu, è più ragionato, ma questo forse è dato dal fatto che i ragazzini vogliosi del 1992 si erano trasofrmati in musicisti consci di loro stessi.

Poi ovviamente ognuno ha le proprie opinioni, son contento che tu abbia ascoltato entrambi gli album (senza dubbio i migliori dei DT, insieme ad 'Awake'), ho provato a darti la mia opinione riguardo il tuo pensiero.
Gobelini, coboldi, elfi, eoni, la mandragora, il fico sacro, la betulla, la canfora, l'incenso, le ossa dei morti lanciate contro il nemico, i nani!

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8100
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: DREAM THEATER - Metropolis part 2: Scenes from a Memory

Messaggio da Hairless Heart » 24/02/2013, 0:55

Applausi a scena aperta per l'eccellente recensione! [nc] [bop] [exc]
Con calma ascolterò il malloppone.....
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

Topic author
MrMuschiato
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 2568
Iscritto il: 12/09/2012, 0:57
Località: Veneto

Re: DREAM THEATER - Metropolis part 2: Scenes from a Memory

Messaggio da MrMuschiato » 24/02/2013, 19:04

Grazie mille Hairless! [bye]

Vi consiglio questo fan movie che ricalca la trama di Metropolis part 2, è fatto in modo egregio:



Vi consiglio inoltre il dvd ''Metropolis part 2: Scenes from New York'', che si trova a prezzo irrisorio (per coloro che abitano in zona, io l'ho preso alla Casa del Disco a Mestre. Si, l'ho comprato :shock: )
Oltre all'intera trasposizione di Metropolis, c'è un altra intera ora di concerto, dietro le quinte e un paio di chicche....eh si, all'epoca facevano ancora concerti da 3 ore...
Gobelini, coboldi, elfi, eoni, la mandragora, il fico sacro, la betulla, la canfora, l'incenso, le ossa dei morti lanciate contro il nemico, i nani!

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8100
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: DREAM THEATER - Metropolis part 2: Scenes from a Memory

Messaggio da Hairless Heart » 25/02/2013, 18:59

Io non sono in grado di confrontare questo disco ai precedenti, certo questo Metropolis part 2 è sicuramente un lavoro monumentale sia dal punto di vista della trama che della parte musicale. Ma mentre la prima sono in grado di apprezzarla, la seconda decisamente non fa per me: l'effetto tachicardia è sempre dietro l'angolo, e non è questo che cerco nella musica. Se si pensa che anche un album ben più "innocuo" come A passion play dei Jethro Tull mi provoca questo, qui con i Dream Theater l'effetto è cento volte maggiore. Quello che contesto è anche la definizione di prog a cose come queste: io ci sento un 95% di metal (e dintorni) con qualche spunto qua e là che potrebbe richiamare il progressive. Per il resto quoto gli appunti di Watcher, specie per cose come Through my words che sviluppate maggiormente potevano diventare delle buone ballate, ma non avrebbe poi spostato così tanto il giudizio complessivo. Tra i brani più "duri" forse il mio preferito è The dance of eternity, dove c'è un po' più di fantasia (carino lo stacco anni '50), naturalmente anche altri frammenti sono più che apprezzabili, come il lavoro di piano in One last time.
Sia chiaro che il mio giudizio negativo al disco non intacca per nulla quello all'ottima recensione.

@MrMuschiato: non ricordo se i Marillion siano tra le cose che ascolti, credo che un disco come Brave (dei Marillion 2.0, quelli con Steve Hogarth) potrebbe piacerti.
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

Topic author
MrMuschiato
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 2568
Iscritto il: 12/09/2012, 0:57
Località: Veneto

Re: DREAM THEATER - Metropolis part 2: Scenes from a Memory

Messaggio da MrMuschiato » 25/02/2013, 19:19

I Marillion non li ho mai sentiti, provvederò, per il resto non posso dir nulla, una cosa o piace o no, di certo non contesto le tue idee, anzi son contento tu l'abbia ascoltato! [bye]
Gobelini, coboldi, elfi, eoni, la mandragora, il fico sacro, la betulla, la canfora, l'incenso, le ossa dei morti lanciate contro il nemico, i nani!

Avatar utente

Topic author
MrMuschiato
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 2568
Iscritto il: 12/09/2012, 0:57
Località: Veneto

Re: DREAM THEATER - Metropolis part 2: Scenes from a Memory

Messaggio da MrMuschiato » 28/02/2013, 13:49

Faccio un ultimo commento personale per chiudere il tutto, ovviamente se qualcuno vorrò commentare potrà ancora farlo, e sarò felice di leggere e rispondere.

Il disco è per me l'apice creativo della band, una band cresciuta rispetto ai primi dischi e meno sperimentale, ma più tecnica e riflessiva. La trama (molto importante, visto che si tratta di un concept album) è ben pensata e scritta in ottimo modo, e le musiche si adattano splendidamente alle varie vicissitudini della trama, oltre a risultare piacevoli e ben capibili anche senza leggere i testi. Il gruppo passa con disinvoltura da pezzi tranquilli e romantici a brani veloci, a brani più oscuri e epici.

Sicuramente il mio disco preferito della band, di tutto il genere, e nella top tre dei miei dischi preferiti di sempre (e forse forse pure al primo posto).

Mi son divertito molto a scrivere questa recensione, anche se c'è ben poco di tecnico, spero comunque di trovare altro materiale per cui scrivere una recensione del genere.

[bye]
Gobelini, coboldi, elfi, eoni, la mandragora, il fico sacro, la betulla, la canfora, l'incenso, le ossa dei morti lanciate contro il nemico, i nani!

Avatar utente

Watcher
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4194
Iscritto il: 06/12/2010, 8:47

Re: DREAM THEATER - Metropolis part 2: Scenes from a Memory

Messaggio da Watcher » 11/03/2013, 11:19

Traccia 6: Scene four: Beyond this Life

Molto duro, molto duro …
Mi piacerebbe averli visti live per capire come fa Petrucci a passare dall’elettrica all’acustica accordata aperta.
Mi sono piaciuti molto il cambio di tempo intorno al minuto 3:00 e tutta la parte “omaggio a Zappa”
C’è un po’ di tutto, a conferma della loro abilità nei cambi di tempo, e negli assoli iper-veloci.
Comunque è una bomba ‘sto pezzo.
Quando mi contraddico ho ragione due volte.

Avatar utente

Topic author
MrMuschiato
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 2568
Iscritto il: 12/09/2012, 0:57
Località: Veneto

Re: DREAM THEATER - Metropolis part 2: Scenes from a Memory

Messaggio da MrMuschiato » 11/03/2013, 12:49

Watcher ha scritto: Mi piacerebbe averli visti live per capire come fa Petrucci a passare dall’elettrica all’acustica accordata aperta
Comunque è una bomba ‘sto pezzo.

Credo che la risposta sia...pedali, costosi pedali [smile] Non so, ci sono molti video live dove poter capire come passa dall'elettrica all'acustica, forse è tutto studiato in modo che dopo tot note cambi suono, prova a guardare qualcosa dal live Scenes from New York, la tastiera di Rudess cambia suono senza che tocchi nulla (anche perchè non credo sia umanamente possibile cambiare suono mentre si sta suonando in quel modo li).

Watcher ha scritto: Comunque è una bomba ‘sto pezzo.
;)
Ultima modifica di MrMuschiato il 11/03/2013, 14:51, modificato 1 volta in totale.
Gobelini, coboldi, elfi, eoni, la mandragora, il fico sacro, la betulla, la canfora, l'incenso, le ossa dei morti lanciate contro il nemico, i nani!

Avatar utente

reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3852
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: DREAM THEATER - Metropolis part 2: Scenes from a Memory

Messaggio da reallytongues » 11/03/2013, 13:27

Watcher ha scritto:Traccia 6: Scene four: Beyond this Life

Molto duro, molto duro …
Mi piacerebbe averli visti live per capire come fa Petrucci a passare dall’elettrica all’acustica accordata aperta.
Mi sono piaciuti molto il cambio di tempo intorno al minuto 3:00 e tutta la parte “omaggio a Zappa”
C’è un po’ di tutto, a conferma della loro abilità nei cambi di tempo, e negli assoli iper-veloci.
Comunque è una bomba ‘sto pezzo.
Molto bella si...
mi ricordano un gruppo di fine 90 che ascoltavo molto
se ti interessa Muschio vai nel topic "80-90 e oltre" che posto un loro brano, ti piaceranno..
nel continente nero paraponzi ponzi bo

Avatar utente

Watcher
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4194
Iscritto il: 06/12/2010, 8:47

Re: DREAM THEATER - Metropolis part 2: Scenes from a Memory

Messaggio da Watcher » 13/03/2013, 9:49

Traccia 7: Scene five: Through her Eyes
mentre la batteria non è suonata da Mike Portnoy; per il pezzo è stata usata una drum machine
Oh! O Portnoy non riusciva a tenere il tempo, o non voleva abbassarsi a fare cose facili. [smile]
Un brano semplice nelle armonie e nell’arrangiamento. Carino.

Traccia 8: Scene Six: Home
Sono bravi tecnicamente da dar fastidio. [smile]
Assolo stratosferico a 8:40. Mi chiedo però il motivo di tenere per tutti i 13 minuti questo sound arabeggiante, enfatizzato soprattutto verso la fine, in relazione al testo. Sentito così a spanne mi sembra c’entri poco. Complessivamente è un buon pezzo anche se mi piace poco la parte cantata in:
hine-lake of fire
Lines take me higher
My mind drips desire
Confined and overtired

Così, tanto per trovare un difetto. ;)
Quando mi contraddico ho ragione due volte.

Avatar utente

Topic author
MrMuschiato
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 2568
Iscritto il: 12/09/2012, 0:57
Località: Veneto

Re: DREAM THEATER - Metropolis part 2: Scenes from a Memory

Messaggio da MrMuschiato » 13/03/2013, 15:26

Watcher ha scritto:Mi chiedo però il motivo di tenere per tutti i 13 minuti questo sound arabeggiante, enfatizzato soprattutto verso la fine, in relazione al testo. Sentito così a spanne mi sembra c’entri poco.
Credo sia per enfatizzare il rapporto fra Edward e Victoria, per metterci un tocco vagamente erotico diciamo.
Gobelini, coboldi, elfi, eoni, la mandragora, il fico sacro, la betulla, la canfora, l'incenso, le ossa dei morti lanciate contro il nemico, i nani!

Avatar utente

Topic author
MrMuschiato
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 2568
Iscritto il: 12/09/2012, 0:57
Località: Veneto

Re: DREAM THEATER - Metropolis part 2: Scenes from a Memory

Messaggio da MrMuschiato » 07/04/2013, 20:51

Vi posto una chicca: la demo di quella che doveva essere la suite originale di Metropolis part 2, e cioè un brano (un lungo brano) che doveva essere presente in Falling into Infinity del 1997. Da questa suite è nato Scenes from a Memory.

Gobelini, coboldi, elfi, eoni, la mandragora, il fico sacro, la betulla, la canfora, l'incenso, le ossa dei morti lanciate contro il nemico, i nani!

Avatar utente

Topic author
MrMuschiato
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 2568
Iscritto il: 12/09/2012, 0:57
Località: Veneto

Re: DREAM THEATER - Metropolis part 2: Scenes from a Memory

Messaggio da MrMuschiato » 08/06/2013, 0:43



L'idea verrà ripresa da Portnoy che realizzerà un vero e proprio documentario della realizzazione di Systematic Chaos (una cosa del genere l'ho fatta pure io [smile] ) , ma già qui si intravedono un paio di cose interessanti.

Esiste anche un bootleg ufficiale, rilasciato dalla Ytsejam di Mike Portnoy con tutti i take e le versioni base e grezze dell'omonimo album,
Gobelini, coboldi, elfi, eoni, la mandragora, il fico sacro, la betulla, la canfora, l'incenso, le ossa dei morti lanciate contro il nemico, i nani!

Rispondi