Neil Young - Homegrown

In questa sezione parliamo principalmente delle Band "pioniere" del Rock anni '60 e '70, come lo sono stati i Beatles, i Rolling Stones, i Doors, i Led Zeppelin, e molti altri.

Moderatori: Harold Barrel, Watcher, Hairless Heart, MrMuschiato

Rispondi
Avatar utente

Topic author
Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8100
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Neil Young - Homegrown

Messaggio da Hairless Heart » 22/06/2020, 0:59

Neil Young e 'Homegrown', l'album perduto nella fine di un amore

https://www.repubblica.it/spettacoli/mu ... 259568312/

Esce dopo 45 anni il disco che l'artista aveva chiuso in un cassetto: "Avrei dovuto pubblicarlo un paio di anni dopo 'Harvest', era il lato triste di una storia d'amore. Qualche volta la vita fa male, sapete quello che voglio dire"

Le canzoni spesso raccontano la verità. E alle volte la verità può essere dolorosa e il dolore troppo intenso per essere condiviso con chi le ascolta. È quello che è accaduto 45 anni anni fa a Neil Young. Il 1974 fu un anno ricco e complesso per Young: l'anno precedente era stato segnato dalla produzione di Tonight's the night, che Neil decise di non far uscire, e poi dalle session per On the beach che avrebbe dovuto vedere la luce nell'estate dello stesso anno. Poi il raduno con Crosby, Stills e Nash, per un disco che non fu fatto e per il loro clamoroso tour negli stadi, apice della loro avventura collettiva. Young stava attraversando un periodo difficile, la relazione con l'attrice Carrie Snodgress alla quale era legato dal 1971 stava finendo e molte delle canzoni che stava scrivendo erano riferite a quella vicenda. Canzoni "troppo personali", disse Young a Cameron Crowe in un intervista per Rolling Stone dell'epoca: "Probabilmente non le pubblicherò mai, penso sarei molto imbarazzato a farlo, sono un po' troppo vere". E così fece, mise via il progetto, chiuse le canzoni in un cassetto, e decise di pubblicare invece il leggendario Tonight's the night, non meno personale, non meno doloroso, scuro e profondissimo.........

Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

Humdrum
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 628
Iscritto il: 09/01/2014, 20:54
Località: veneto

Re: Neil Young - Homegrown

Messaggio da Humdrum » 22/06/2020, 14:31

Amo il Neil Young degli anni '70. Non poteva sfuggirmi questa perla finalmente svelata dopo ben 45 anni!
Ascolto il disco in sequenza da venerdì, da quando mi è arrivato a casa.
Impressioni ? Sostanzialmente positive, come dice l'autore stesso Homegrown è l'anello di congiunzione tra Harvest e Comes a time, anche se parecchi brani erano già conosciuti per essere stati pubblicati in dischi successivi.
L'unico appunto negativo (per me ovviamente)può essere fatto al brano (?) Florida, in realtà una lunga stralunata digressione parlata da Neil stesso.
La cosa strana è che il testo venne stranamente stampato sul booklet interno di Tonight's The Night...
per i più curiosi sono in grado di fornirvene la traduzione.Lascio a voi il giudizio :
"Era una città come lo era la Florida negli anni '50,palazzi alti otto piani,ad eccezione di dieci e di un altro di quindici proprio al centro della città.
L'intero posto scintillava con chiarezza.Tutti indossavano vestiti colorati.La gente beveva coca-cola agli angoli della strada.Uomini scivolavano con gli alianti sopra le strade, girando gli angoli tra le strade e salendo velocemente nei vicoli.Era incredibile.Dissi "hey, come fanno quei ragazzi a salire nei cieli in quel modo .Sembra tutto troppo bello.Come fanno a non andare a sbattere contro i palazzi ?"All'improvviso uno degli uomini volanti si schiantò contro il palazzo di quindici piani al centro della città.l'uomo cadde a testa in giù attraverso l'aria come una specie di superman ferito.Cadde morto verso di me. Nel piazzale del parcheggio con me c'era una giovane coppia. Mentre parlavano camminando ,guardando in alto ,notarono l'uomo che cadeva! Cadde sopra di loro con un suono lento sul pavimento.Accanto ai tre corpi morti notai un bambino avvolto in una bella coperta rossa.Ho raccolto il bambino (non mi ricordo se fosse un bimbo o una bimba)e l'ho messo in una macchina parcheggiata sulla strada.Una folla si stava raggruppando nel piazzale del parcheggio.Una bellissima donna venne verso di me dall'altra parte della strada. Guardò all'interno della macchina parcheggiata."Quello lì dentro è il mio bambino"disse ."No"le risposi"questo bambino appartiene a quella coppia che giace lì morta nel piazzale del parcheggio". "No,ti sbagli"mi disse"cosa è successo a loro?".
"Mi piacevano molto i Genesis con Peter Gabriel.Quando Peter ha lasciato il gruppo, ho smesso di seguirli." RICK WRIGHT(Pink Floyd)

Avatar utente

twoofus
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1535
Iscritto il: 19/06/2015, 13:29

Re: Neil Young - Homegrown

Messaggio da twoofus » 22/06/2020, 20:42

Preso al volo!!!
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead.

Rispondi