La voce di Jon Anderson...?

Moderatori: Harold Barrel, Watcher, Hairless Heart, MrMuschiato

Avatar utente

aorlansky60
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1454
Iscritto il: 09/07/2018, 12:09

Re: La voce di Jon Anderson...?

Messaggio da aorlansky60 » 20/05/2019, 12:33

twoofus ha scritto:
15/05/2019, 11:26

Le voci prog? Per me sono tre quelle che mi rimandano direttamente a quel genere e a quell'epoca.
A pari merito:
Jon Anderson, Peter Gabriel, Greg Lake (ordine alfabetico).

A livello di VOCI PROG STORICHE nella tua citazione ne mancano almeno due, per quanto mi riguarda :

PETER HAMMILL; grandissimo, non solo come voce ma anche come compositore;

e per finire [forse] il più grande di tutti in quanto a doti vocali e capacità interpretative :

ROGER CHAPMAN (FAMILY), una voce a dir poco portentosa, stranamente sottovalutata insieme alla sua band. Ma si sa che i geni molto spesso sono stati degli incompresi.
Ama tutti, credi a pochi, non far male a nessuno.


capitan-trip
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 658
Iscritto il: 16/01/2019, 12:55

Re: La voce di Jon Anderson...?

Messaggio da capitan-trip » 20/05/2019, 20:52

Gabriel ci si è ispirato molto quasi copiata in certe inflessioni. Sono simili davvero tanto.

Avatar utente

theNemesis
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2146
Iscritto il: 23/09/2013, 11:29
Località: Svizzera

Re: La voce di Jon Anderson...?

Messaggio da theNemesis » 21/05/2019, 11:29

Jon Anderson (è di lui che si parla in questo thread), ha una voce molto molto particolare.
Una estensione che gli permette di arrivare a toni acuti inusitati.
Ha anche una caratteristica timbrica notevole, che fa riconoscere la sua voce al primo ascolto.
A me non dispiace ascoltarlo nei brani dei primi Yes, dove ben si amalgama nei cori con gli altri vocalist della band.
Dagli anni 80 in poi forse si è messo ad urlare un po' troppo...
In ogni caso, grande cantante.
Dancing on time way...

Avatar utente

rim67
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2386
Iscritto il: 06/04/2013, 22:23

Re: La voce di Jon Anderson...?

Messaggio da rim67 » 23/05/2019, 4:45

Concordo su quanto dici theNemesis, per quanto riguarda il periodo d'oro degli Yes. Del periodo '80 conosco veramente poco e per quello che ho sentito nemmeno lo voglio approfondire.
Una convinzione non è solo un'idea che la mente possiede, è un'idea che possiede la mente.

Avatar utente

Lamia
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2426
Iscritto il: 11/01/2014, 14:55

Re: La voce di Jon Anderson...?

Messaggio da Lamia » 14/09/2019, 10:29

aorlansky60 ha scritto:
11/07/2018, 14:49

Per quanto mi riguarda, Jon Anderson possiede un timbro vocale godibilissimo (per chi ascolta) e l'ho sempre visto ben inserito nel contesto di quella GRANDE PROG BAND di nome YES, nel senso che non riesco ad immaginare gli YES senza di lui.

In qualche modo il suo timbro vocale doveva essere stimato anche da fuori, se Robert FRIPP lo chiamò per cantare PRINCE RUPERT nella suite di LIZARD dei King Crimson (peraltro una splendida performance vocale, quella di Jon)

Penso esattamente la stessa cosa!! Jon negli Yes e’ un altro strumento musicale, come se fosse un’orchestra. Trovo sia difficilissimo cantare le suite degli Yes , lui ha un’estensione vocale e un timbro che gli permettono invece di fare “voli pindarici “ con le note musicali, al tempo stesso di interpretare i testi , senza risultare affannato, mi piace anche la morbidezza del suo canto. . .bravissimo! [approve]

E’ vero, non ricordavo della suite dei King Crimson, sono andata a riascoltarla, bravissimooooo!!! 8-)

Avatar utente

twoofus
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1535
Iscritto il: 19/06/2015, 13:29

Re: La voce di Jon Anderson...?

Messaggio da twoofus » 14/09/2019, 12:35

Infatti quella suite è splendida, come la voce di Jon.
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead.

Avatar utente

aorlansky60
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1454
Iscritto il: 09/07/2018, 12:09

Re: La voce di Jon Anderson...?

Messaggio da aorlansky60 » 04/10/2019, 8:51

È da tempo che ho maturato una convinzione circa il particolarissimo timbro vocale di JON ANDERSON, cioè che per chi ascolta e giudica la sua voce quando interpreta brani degli YES (o da solo con Vangelis) non possono esserci vie di mezzo: o la si ama o la si detesta.
Di certo non si può dire che non sia una voce "del tutto particolare". È una voce che esce dai normali connotati ed archetipi medianti i quali si è/era soliti etichettare [dandone un voto] una voce solista in un essemble pop-rock.
Personalmente -l'ho detto spesso- l'ho sempre trovata integrata a meraviglia in quel contesto sonoro ben noto di nome YES, al punto che difficilmente riuscirei ad immaginare certi loro album storici senza "la voce" di JON ma interpretati da qualcun altro.
Ama tutti, credi a pochi, non far male a nessuno.

Rispondi