Rick Wakeman - The Red Planet (2020)

Moderatori: Hairless Heart, Harold Barrel, Watcher

Rispondi
Avatar utente

Topic author
twoofus
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1570
Iscritto il: 19/06/2015, 13:29

Rick Wakeman - The Red Planet (2020)

Messaggio da twoofus » 17/11/2020, 12:44

Un tuffo nel passato, nuovo di zecca!
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead.

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8137
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Rick Wakeman - The Red Planet (2020)

Messaggio da Hairless Heart » 17/11/2020, 17:11

twoofus ha scritto:
17/11/2020, 12:44
Un tuffo nel passato, nuovo di zecca!
Grazie per la segnalazione!!!!!
Non ero aggiornato sul sommo RICK, urge procacciamento. Il brano proposto non è affatto male. Leggo dai commenti che si parla di un ritorno alle cose anni '70. Chissà quante volte lo si sarà detto in 40 anni....
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

Topic author
twoofus
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1570
Iscritto il: 19/06/2015, 13:29

Re: News musicali

Messaggio da twoofus » 18/11/2020, 12:20

Mi sa che stavolta è vero: l'ho ascoltato e sembra un ritorno alle sonorità si Six Wives e King Arthur con un tocco moderno. Mi piace.
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead.

Avatar utente

theNemesis
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2240
Iscritto il: 23/09/2013, 11:29
Località: Svizzera

Rick Wakeman - The Red Planet (2020)

Messaggio da theNemesis » 19/11/2020, 23:03

twoofus ha scritto:
17/11/2020, 12:44
Un tuffo nel passato, nuovo di zecca!
Si, discreto, ho sentito anche altri brani (l'album è uscito ad agosto), non mi impressiona.
Se si considera l'imponenza degli strumentisti e della produzione... beh... insomma...
Dancing on time way...

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8137
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: Rick Wakeman - The Red Planet (2020)

Messaggio da Hairless Heart » 21/11/2020, 19:12

Invece a me è piaciuto parecchio. Forse non è un capolavoro assoluto, ed ha più di un momento di stanca. Ma, tanto per cominciare, a livello di suoni lo trovo strepitoso: ha inserito dei suoni vintage, efficacissimi, su un tappeto sonoro complessivamente moderno. La buona notizia è che non c'è (quasi) traccia dei brutti suoni kitsch che abbondano soprattutto in Rhapsodies.
Questo è un disco prettamente progressive, dopo tanta new-age che aveva un po' rotto i maroni, ma un prog che dà le piste alla stragrande maggioranza degli alfieri del new-prog: questione di classe, di genio e di consapevolezza.
I rimandi alle sue cose anni '70 (quelle si, capolavori assoluti [suddito] ) affiorano qua e là: in Tharsis Tholus i primi venti secondi ci riportano direttamente a No Earthly Connection, la sequenza di accordi di South Pole è presa almeno per metà dal Viaggio al centro della terra. Mentre quando ho sentito l'intro di Valles Marineris, col suo incedere marziale, non ho potuto fare a meno di pensare ad un brano classico che ho conosciuto proprio qui nel forum, e cioè Mars-The Bringer of War di Gustav Holst; cosa volutissima, a mio parere.
Altra buona notizia è il fatto che, nonostante l'ovvia centralità delle tastiere, quando c'è da dare spazio agli altri strumenti il buon Rick lo fa senza problemi. E con ottimi risultati.
Il suo miglior disco da 40 anni a questa parte? Ne ho sentiti solo 3 o 4 sulle centinaia che ha fatto. Ma è molto probabile.

Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

Topic author
twoofus
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1570
Iscritto il: 19/06/2015, 13:29

Re: Rick Wakeman - The Red Planet (2020)

Messaggio da twoofus » 22/11/2020, 20:23

condivido.
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead.

Rispondi