Phil Collins vs Peter Gabriel

Moderatori: Harold Barrel, Watcher, Hairless Heart, MrMuschiato

Avatar utente

Topic author
Burning Rope
Apprendista Rocker
Apprendista Rocker
Messaggi: 114
Iscritto il: 14/12/2010, 20:43

Phil Collins vs Peter Gabriel

Messaggio da Burning Rope » 27/12/2010, 22:00

Non è una "battaglia" dialettica tra me e TRE tranquilli [smile]

Quello che voglio chiedervi è semplicemente se sono l'unico che riesce a far coesistere l'amore per Peter a quello per Phil.

Mi spiego meglio. In linea generale, preferisco il genere musicale fatto da Peter solista rispetto a quello fatto da Phil. Nello stesso tempo ritengo che Collins abbia un talento nello scrivere "canzonette" nel senso nobile del termine come pochi altri. Talento che manca completamente a Peter.

Aggiungiamoci che adoro come suona la batteria e mi piace davvero tanto la sua voce e per questo passo sopra al fatto che di fatto (scusate la ripetizione) non fa più progressive e che nella sua produzione la maggioranza di pezzi sono riconducibili al genere pop.

Ma quando sento quel colpo sul rullante riconoscibile tra mille non posso fare a meno di ammirarlo anche se magari sta facendo una cover di Madonna [smile]

Avatar utente

TRE
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 495
Iscritto il: 21/12/2010, 14:55

Re: Phil Collins vs Peter Gabriel

Messaggio da TRE » 27/12/2010, 22:35

amministratore!! come si cancellano i topic??? [smile]

tornando seri: è un topic bellissimo, ho poco tempo per discuterlo ma lo farò .... ah se lo farò .... [bye]

Avatar utente

Dalex_61
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 10
Iscritto il: 08/12/2010, 13:23

Re: Phil Collins vs Peter Gabriel

Messaggio da Dalex_61 » 27/12/2010, 22:38

No, non sei l'unico!

Anch'io apprezzo entrambi, ovviamente per qualità diverse. I Genesis sono stati fortunati ad avere in formazione più talenti, anche se questo, alla fine, ha portato a una certa instabilità nella formazione.

Avatar utente

Arya
Moderatore onorario
Moderatore onorario
Messaggi: 299
Iscritto il: 05/12/2010, 19:42
Località: Torino

Re: Phil Collins vs Peter Gabriel

Messaggio da Arya » 27/12/2010, 23:23

Anche a me piacciono entrambi. Preferisco Phil, ma se dovessi spiegare il perchè non saprei che dire. Ecco...hai dei begli occhi (un requisito indispensabile per un musicista :lol: [smile])

Parlando seriamente credo di trovarlo più...diretto, come musicista e come showman.
Secondo di New York: lasso di tempo che intercorre tra quando scatta il verde e il tassista dietro di voi comincia a suonarvi il clacson

La vita è uno stato mentale

Avatar utente

Harold Barrel
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2331
Iscritto il: 03/12/2010, 15:43
Località: Udine
Contatta:

Re: Phil Collins vs Peter Gabriel

Messaggio da Harold Barrel » 29/12/2010, 9:30

Devo ammettere che quando ho visto il titolo del topic mi sono spaventato non poco... Ma vedo che è innocuo :)
Io di Phil non conosco nulla a parte "another day in paradise" che è molto carina, però dopo qualche volta che l'ho ascoltata me ne sono stufato, non so perché. Invece i Genesis e la musica di Peter per me sono come la musica classica: più l'ascolto più mi piace. Non sono d'accordo sul fatto che Peter non abbia composto mai canzonette: prendi per esempio Steam (orribile, a mio sapere), Sledgehammer o Big Time. Più canzonette di così...
« La vita è la palingenetica obliterazione dell’io trascendentale che s’infutura nell’archetipo prototipo dell’autocoscienza cosmica. »

Ettore Petrolini

Avatar utente

Arya
Moderatore onorario
Moderatore onorario
Messaggi: 299
Iscritto il: 05/12/2010, 19:42
Località: Torino

Re: Phil Collins vs Peter Gabriel

Messaggio da Arya » 29/12/2010, 11:04

Another day in paradise non è male, ma non è certo la migliore! Se vuoi sentire il meglio di Phil a mio parere devi provare i primi due album.

Oh, a proposito, di Phil la mia canzone preferita è thru these walls, di Peter red rain.
Le vostre canzoni preferite quali sono?
Secondo di New York: lasso di tempo che intercorre tra quando scatta il verde e il tassista dietro di voi comincia a suonarvi il clacson

La vita è uno stato mentale

Avatar utente

Roke
Novellino
Novellino
Messaggi: 21
Iscritto il: 31/12/2010, 13:17
Località: http://spazioaipensieri.tumblr.com/
Contatta:

Re: Phil Collins vs Peter Gabriel

Messaggio da Roke » 31/12/2010, 16:02

Harold Barrel ha scritto:Devo ammettere che quando ho visto il titolo del topic mi sono spaventato non poco... Ma vedo che è innocuo :)
Io di Phil non conosco nulla a parte "another day in paradise" che è molto carina, però dopo qualche volta che l'ho ascoltata me ne sono stufato, non so perché. Invece i Genesis e la musica di Peter per me sono come la musica classica: più l'ascolto più mi piace. Non sono d'accordo sul fatto che Peter non abbia composto mai canzonette: prendi per esempio Steam (orribile, a mio sapere), Sledgehammer o Big Time. Più canzonette di così...
L'anno scorso, quando sono approdata sul GFI, la pensavo esattamente così! Credo di aver scritto parole molto simili alle tue... però a un anno di distanza, riascoltando Another day in paradise, l'ho davvero rivalutata: sarà che sono incappata in questo sito che spiega il testo della canzone (anche se è scritto un po' male), sarà che è stata la hit del mio primo Natale [smile] ...

Comunque, di Peter preferisco Don't give up e Washing of the water [bop]
Too much love will kill you, everytime.

Avatar utente

Romeo
Novellino
Novellino
Messaggi: 22
Iscritto il: 10/12/2010, 20:58

Re: Phil Collins vs Peter Gabriel

Messaggio da Romeo » 31/12/2010, 16:39

Si, effettivamente come dice Arya parlate di 'Another day come se fosse il brano migliore di Collins'.....per me non è altro che una canzonetta, il testo magari impegnato ma la melodia stufa....provate a sentire meglio i primi due lavori di Collins, poi ne riparliamo......
Per quanto riguarda il confronto Peter-Phil, argomento trito e ritrito, ma io ribadisco: nei Genesis 10 e lode a Peter, 8 a Phil.....da solisti paragone impossibile perchè di genere troppo diverso....

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8100
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: Phil Collins vs Peter Gabriel

Messaggio da Hairless Heart » 09/01/2011, 18:02

ritengo che Collins abbia un talento nello scrivere "canzonette" nel senso nobile del termine come pochi altri. Talento che manca completamente a Peter
Ammesso che sia vero, non gliene farò MAI una colpa.
nei Genesis 10 e lode a Peter, 8 a Phil
Qui non concordo. Nei Genesis do 10 e lode a Peter, e do 10 e lode a Phil. Con le bacchette in mano e come seconda voce di (strepitoso) supporto al Vocalist. Se poi Collins ha fatto altro non mi riguarda. [smile]

Riguardo alle carriere soliste, solo prendendo le canzoni piu commerciali di Gabriel, come Steam, Sledgehammer, Don't give up, Big time, è pensabile un paragone. Altrimenti, siamo distanti mille miglia.
Parliamo di un mostro sacro della musica (un tantino lento nello sfornar dischi [smile] ) e di un poppettaro come tanti.
Ah......., e non sono un fan di Gabriel.
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

Arya
Moderatore onorario
Moderatore onorario
Messaggi: 299
Iscritto il: 05/12/2010, 19:42
Località: Torino

Re: Phil Collins vs Peter Gabriel

Messaggio da Arya » 11/01/2011, 16:52

Hairless Heart ha scritto:...e di un poppettaro come tanti...
Aaalt!! [stop]
Puoi non apprezzare il genere fatto da Phil nei suoi album solisti, ma da qui a definirlo un 'poppettaro qualunque'!!! In th air tonight non è la canzone di un poppettaro qualunque, è una hit di rara originalità!
Quindi, per piacere, mi sta benissimo che non apprezzi la musica che ha fatto Phil, ma definirlo un poppettaro qualunque (mettendolo perció al livello di madonna o lady gaga) mi sembra esagerato.

[smile]
Secondo di New York: lasso di tempo che intercorre tra quando scatta il verde e il tassista dietro di voi comincia a suonarvi il clacson

La vita è uno stato mentale

Avatar utente

Topic author
Burning Rope
Apprendista Rocker
Apprendista Rocker
Messaggi: 114
Iscritto il: 14/12/2010, 20:43

Re: Phil Collins vs Peter Gabriel

Messaggio da Burning Rope » 11/01/2011, 23:44

Poppettaro qualunque uno che ha scritto:
- And so to F
- In the air tonight
- Hand in hand
- I don't care anymore
- Thru these walls
- The west side
- Long long way to go
- Take me home
- Colours
- I wish it would rain down
- Survivors
- We fly so close
- We wait and we wonder
- Lorenzo
- River so wide

Tra le altre....

De gustibus ma prima di dare del poppettaro ad un ARTISTA come Phil Collins sarebbe bene conoscere la sua musica... [gg]

Avatar utente

Watcher
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4194
Iscritto il: 06/12/2010, 8:47

Re: Phil Collins vs Peter Gabriel

Messaggio da Watcher » 12/01/2011, 9:11

Delle dispute Gabriel Collins solisti preferisco tenermi alla larga anche perché ritengo che non se ne va fuori. E poi, perché dobbiamo paragonarli? L’unico motivo valido sarebbe che sono stati i vocalist dei Genesis e quindi giudichiamoli per quello che hanno fatto con i Genesis. Per il resto due modi diversi di interpretare la musica e quindi imparagonabili.
Quando mi contraddico ho ragione due volte.

Avatar utente

Arya
Moderatore onorario
Moderatore onorario
Messaggi: 299
Iscritto il: 05/12/2010, 19:42
Località: Torino

Re: Phil Collins vs Peter Gabriel

Messaggio da Arya » 12/01/2011, 18:51

Be', Paolo, infatti questo topic non voleva paragonare i due artisti, se ho capito bene era un modo per indicare la preferenza e motivare il proprio amore artistico. Come è già stato detto paragonare i loro lavori solisti è tanto impossibile quanto assurdo.

Ho solo fatto quell'uscita sul poppettaro (a proposito straquoto burning) perchè mi sembrava un termine improprio. :)
Secondo di New York: lasso di tempo che intercorre tra quando scatta il verde e il tassista dietro di voi comincia a suonarvi il clacson

La vita è uno stato mentale

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8100
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: Phil Collins vs Peter Gabriel

Messaggio da Hairless Heart » 17/01/2011, 23:00

questo topic non voleva paragonare i due artisti, se ho capito bene era un modo per indicare la preferenza e motivare il proprio amore artistico
E' quello che, magari in maniera sbilenca, ho fatto. Non mi strappo i capelli per il Gabriel solista, ma certamente lo preferisco parecchio rispetto a Collins.
Come è già stato detto paragonare i loro lavori solisti è tanto impossibile quanto assurdo
Perchè è assurdo paragonare due discografie anche diversissime come le loro? Perchè questo "politically correct" a tutti i costi? Uno non può dire "amo Bono Vox, non sopporto Pavarotti"? Non ci trovo niente di strano!
Ho solo fatto quell'uscita sul poppettaro (a proposito straquoto burning) perchè mi sembrava un termine improprio
E come definiresti il genere di Phil Collins? Jazz? Swing? Lirica? Heavy Metal? Se il suo non è pop (melodico), allora cos'è il pop?

@BR [smile]
Ammetto che parte dei brani da te citati non li conoscevo, ho voluto ascoltarli prima di esprimermi. Per quanto possa fare testo un solo ascolto (che fatica....):
- And so to F non fa testo, mi risulta essere dei Brand X, parliamo della carriera solista
- Hand in hand Voto 6,5 (caruccia)
- I don't care anymore 6
- Thru these walls 5
- The west side 6 (di stima)
- Long long way to go 5
- Take me home 4
- Colours 6
- Survivors 6
- We fly so close 5
- We wait and we wonder 5
- Lorenzo 6
- River so wide 5

Mi soffermo sulle due che lasciato fuori:
-In the air tonight voto 6 In molti vi strappate i capelli per questo brano, io non lo trovo questo capolavoro. Ricordo all’epoca quanto girava nei juke-box, non risaltava particolarmente rispetto al resto della musica del periodo.
-I wish it would rain down voto 3. E qui si chiariscono definitivamente i nostri gusti così differenti. Per te forse è un capolavoro, per me è una cosa a livello di Sanremo, se non peggio.
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

TRE
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 495
Iscritto il: 21/12/2010, 14:55

Re: Phil Collins vs Peter Gabriel

Messaggio da TRE » 18/01/2011, 7:42

Hairless Heart ha scritto: ...
Mi soffermo sulle due che lasciato fuori:
-In the air tonight voto 6 In molti vi strappate i capelli per questo brano, io non lo trovo questo capolavoro. Ricordo all’epoca quanto girava nei juke-box, non risaltava particolarmente rispetto al resto della musica del periodo.
...
io nel 1981 c'ero, e questa canzone si sentiva dappertutto ed anche oltre.
non è in the air tonight il "peccato" di phil collins, è bel altro.

sull'argomento avrei molto da dire, spero un giorno di poterlo mettere per iscritto :)))

Avatar utente

Arya
Moderatore onorario
Moderatore onorario
Messaggi: 299
Iscritto il: 05/12/2010, 19:42
Località: Torino

Re: Phil Collins vs Peter Gabriel

Messaggio da Arya » 18/01/2011, 18:18

Hairless Heart ha scritto: Perchè è assurdo paragonare due discografie anche diversissime come le loro? Perchè questo "politically correct" a tutti i costi? Uno non può dire "amo Bono Vox, non sopporto Pavarotti"? Non ci trovo niente di strano!
Puó dirlo, ma questo significa esprimere una preferenza, che è quello che stiamo facendo, non paragonare; ho detto che il paragone è assurdo perchè hanno fatto generi molto diversi: è come il discorso che si era fatto per GB, qualcuno ha detto sarà un disco bellissimo, ma non mi piace la motown e non sarà la voce di Phil a farmela apprezzare (le parole non erano queste, ma l'importante è che rendano il concetto)
Morale: un artista puó essere bravo quanto vuoi, ma se non ti piace il genere non lo apprezzerai; allo stesso modo, se due artisti fanno lo stesso genere di musica, potrai giudicarli in base alla loro interpretazioni.
E come definiresti il genere di Phil Collins? Jazz? Swing? Lirica? Heavy Metal? Se il suo non è pop (melodico), allora cos'è il pop?
Aaalt! Io non ho detto che non è pop quello che fa, ho detto che non è un poppettaro qualunque (al pari con lady gaga e madonna, che poi, per carità, anche loro hanno un pubblico).
Ha fatto delle bellissime canzoni pop (se poi non ti piace il genere, com'è legittimo che sia, ovvio che non apprezzerai neanche le suddette canzoni).

Spero di essermi chiarita :)


@TRE: preparati un bel discorso che non vedo l'ora di risponderti [smile]
Secondo di New York: lasso di tempo che intercorre tra quando scatta il verde e il tassista dietro di voi comincia a suonarvi il clacson

La vita è uno stato mentale

Avatar utente

TRE
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 495
Iscritto il: 21/12/2010, 14:55

Re: Phil Collins vs Peter Gabriel

Messaggio da TRE » 22/01/2011, 11:35

io sono un fan dei genesis.
i genesis originali, quelli veri, quelli della prima metà degli anni 70.
quelli in cui c'era peter gabriel.
ritengo quella proposta musicale la migliore da me mai ascoltata: una proposta raffinata, sofisticata, colta, idealista, intransigente.
non c'erano limiti nè compromessi, solo creatività e perizia profuse a piene mani, senza guardarsi attorno ma al contrario tirando dritti per la propria strada al punto di indebitarsi fino al midollo o ad esempio rinunciare a partecipazioni a show popolarissimi che avrebbero potuto essere decisivi per il futuro del gruppo.
per me quel gruppo è stata la perfezione assoluta fatta musica.
nei mesi trascorsi nel per nulla rimpianto GFI io sono passato per un gabrielliano di ferro ma la verità è che in quel contesto estremamente ostile a gabriel mi sono trovato costretto a difenderlo a spada tratta.
nei primi tempi di appartenenza a quel forum non avevo risparmiato le mie critiche a gabriel:
nel sondaggio sui migliori album solisti dei componenti dei genesis accanto all'amore sviscerato ed incondizionato per PG3,PG4, birdy e passion scrissi anche della mia intolleranza per album per me orribili come so e us.
l'ho chiamato cialtrone quando è andato in sudamerica ed ha dichiarato che andava a vedere come era la situazione dei diritti umani in quel paese: cialtrone perché si comportava da politico che nessuno aveva eletto.
ad una serata di gala per beneficenza chi offriva un bel contributo si vedeva raggiunto al tavolo da gabriel che gli offriva un regalo: scrissi che si comportava come una sgualdrina di alto bordo.
queste cose le potevo scrivere liberamente visto che il boss aveva un sottile fremito di piacere sessuale ogni volta che si parlava male del signor gabriel.
si arrivò al punto di dire che era solo fortunato: c'era chi gli arrangiava i pezzi, chi gli pianificava la carriera, chi gli preparava tutto.
a questo ho reagito energicamente diventando uno dei talebani gabrielliani più agguerriti.
ma io cose "talebane" le ho scritte per tutti gli altri componenti dei genesis.
di banks ho scritto che mai crederò al fatto che la sua creatività sia finita: per me non è possibile e seven lo dimostra a detta non mia che non sono capace di apprezzare la musica classica ma di professori di conservatorio ai quali ho esplicitamente chiesto un giudizio in questo senso.
di rutherford ho scritto che lui è la vera base dei genesis, il motore , la scintilla capace di far muovere tutta quella perfezione.
di hackett ho scritto che il primo album dovrebbe essere pubblicato a nome genesis tanto è bello e degno. e che dal suo secondo, terzo e quarto album si potrebbe estrarre un altro magnifico album capace di portare quella sigla meravigliosa.
di collins ho scritto che in ambito rock è stato il miglior batterista di tutti i tempi. e questa mia affermazione va capita: e per capirla bisogna passare un mesetto ad ascoltare i primi quattro dischi dei led zeppelin.
metabolizzate bonham e solo dopo potrete apprezzare che razza di talebano collinsiano sia io a preferirlo a quella autentica mitragliatrice.
la voce di peter, le tastiere di tony, la chitarra di steve, il basso di mike e la batteria di phil: questi elementi si amalgamavano in quelle straordinarie architetture sonore così perfette.
tutti erano protagonisti alla pari.
perfetti.
e se alla perfezione ne togli uno allora questa perfetta non lo è più.
una volta andato via gabrel i genesis non sono stati più perfetti.
non che questo non gli ha impedito di scrivere due album tra i migliori della storia del rock, ma non erano più la band sublime che erano stati, e non potevano esserlo senza uno dei cinque.
senza peter hanno perso quella voce cosmica ed hanno perso quel modo di guardare le cose che li rendeva speciali.
hanno perso quel catalizzatore che favoriva quelle reazioni a catena.
nel GFI ho tentato invano di spiegare che NON è esatto dire che io NON credo che tony e mike abbiano composto la maggior parte di the lamb. sono stato accusato invece di parlare come se pensassi che l'abbia scritto solo peter.
non è così. ma quelle atmosfere tese e violente sono confacenti con la proposta solistica di gabriel e poco con quella di tony e mike.
e stato peter a spingere quei due a tanto, era lui a far esplodere la dinamite che c'era in tony banks.
è un crimine che tony e peter non scrivano nulla insieme da più di 35 anni: avrebbero scosso la musica tutta.
peter ha continuato, una volta uscito dai genesis a produrre una proposta raffinata e sofisticata.
l'uso degli stessi aggettivi non deve però ingannare: stessi aggettivi dei genesis ma il risultato artistico è stato enormemente inferiore e come poteva non esserlo!
ma il livello è stato sufficiente a farlo diventare una delle personalità più influenti e rispettate della musica rock.
quel rispetto e quell'influenza che io vorrei tanto fossero associate al nome genesis ma che purtroppo non è così.
perché i genesis senza peter, dopo aver cercato di ripercorrere le antiche strade si sono rivolti alla musica pop svalutando ignobilmente la loro arte.
non è che a me non piace il pop, ma è un genere per il quale non sento la necessità di comprare e collezionare dischi.
lo ascolto con disattenzione, non mi provoca le emozioni di altri generi.
certo i reduci dei genesis si sono trovati in una condizione difficilie.
i gusti del pubblico che cambiavano, e loro diventavano grandi e c'era la necessità di guadagnare con la musica.
per i genesisi originali è stato molto più facile: cavalcavano un filone del rock nel pieno del suo splendore ed erano giovanissimi, in una fase della loro vita in cui si ci può permettere di non pensare ai beni materiali.
non li condanno per questo.
ma è anche vero che se non ci fosse stato il nome genesis un disco come invisible touch non lo avrei mai ascoltato.
se non ci fosse stato il nome phil collins sopra un disco come dance into the light non mi avrebbe mai interessato.
non che peter non abbia fatto nefandezze.
ma sono di meno, sono circoscritte, gli sono servite per affrancarsi dal controllo delle casa discografiche.
ha fatto i soldi con "so" il caro peter gabriel.
e su quel successo peter ha costruito uno studio di incisione splendido, un etichetta discografica all'avanguardia.
ha costruito la sua libertà artistica.
cosa hanno fatto gli altri avendo venduto tonnellate di dischi in più di peter, anzi, facendo diventare il fare soldi l'unica ragione di attività?
lo studio dei genesis è un porcile in disfacimento dove si perdono i master dei pezzi e degli album.
la track list della riedizione di three sides live è dovuta ad un fan tedesco, altrimenti non si sapeva che pesci pigliare.
ho visto foto dell'ingegnere del suono che remixava quei capolavori seduto su una sedia con i buchi, smangiata come se fosse stata assaltata da un branco di topi inferociti.
ho ASCOLTATO il lavoro di quell'ingegnere del suono, che evidentemente era la soluzione più economica sulla piazza, che praticamente su quei capolavori ha studiato come si fa il remix di un album arrivando a risultati splendidi con il box live ma distruggendo gli album del primo box, trick su tutti.
ho letto di problemi di budget che stranamente non ha robert fripp nel rimasterizzare i lavori dei king crimson.
strano visto che i crimson non hanno album da 20 milioni di copie vendute in carriera.
e invece gli album dei crimson vengono remixati da un grande nei quotatissimi air studios di londra ed offerti in edizioni lussuose e dal suono magnifico mentre selling england by the pound giace negli scaffali con un grossolano errore sonoro proprio durante la prima immaginifica parte vocale ed un errore tipografico che ne ha cambiato il colore di copertina, cosa alla quale non si è voluto porre rimedio.
mi da fastidio questo fatto che i genesis superstiti pensino solo ai soldi ma che poi non ne reinvestano almeno una parte per rispettare il loro grande passato.
phil collins lo svilisce addirittura.
durante la conferenza stampa dei TIOA 2007 ha dichiarato ai quattro venti che non lo facevano per soldi, ma dei 120 milioni di dollari che il tour ha guadagnato tracce non se ne sono viste.
e per soldi lo facevano eccome, visto che hanno aggiunto al tour europeo quello americano.
peter è interessato ai soldi pure, ma a loro antepone l'arte.
perché lui ama la musica prima di tutto.
perché a glasgow nel 2005 si era presentato al meeting per pianificare la reunion dei genesis con un progetto clamoroso: 3-4 date nelle città più importanti del mondo con uno show multimediale in cui lui, sessantenne, avrebbe mosso un rael giovane sugli schermi.
uno spettacolo 4 anni in anticipo su avatar!!!!!
antieconomico ma capace di attualizzare la proposta dei genesis, toglierli di dosso tutta la polvere e le ragnatele che hanno e che purtroppo avranno per sempre ormai.
gli hanno detto no.
volevano che , sessantenne, avrebbe dovuto vestirsi da rael è fare la figura dell'idiota.
lui se ne è andato anche se aveva già firmato un precontratto.
perché i genesis sono quelli che abbiamo visto nel 2007 suonare le stesse cose di un tour di 15 anni prima.
tony banks con le tastiere settate un modo standard senza lo straccio di un innovazione che sia una.
rutherford a portare in giro la sua enorme bellezza senile con tanto di giacca e foulard
e phil collins?
quello per cui i genesis sono stati solo un lavoro.
per cui era logico affrontare il passo d'addio della carriera di una delle band più importanti del mondo con l'aria scocciata ed annoiata.
con una preparazione minima alla batteria al punto che gli è costato l'infermità di cui soffre adesso.
magro, emaciato, con la barba lunga, avvolto in quella tuta abbottonata fino a sotto il mento: se si metteva un paio di ciabatte era tale e quale a nonno simpson!!!!!
questo è il rispetto che hanno dimostrato al pubblico ed alla loro carriera.
qual era la domanda iniziale? chi preferite tra peter e phil e perché?
bene ora rispondo.
nei dischi di peter c'è ancora la sua voce, quella dei genesis.
nei dischi di phil (genesis compresi) la sua batteria non c'è più dal 1982.
nell'attività di peter c'è ancora traccia di quella ricerca e quel rigore della band originale, in quella di phil c'è solo il gusto di fare soldi.
peter gabriel lo adoro in quanto frontman dei genesis: e nel corso degli anni, pur con alcune cadute di tono anche fisiologiche, per me ha mantenuto fede a questo ruolo.
phil collins lo adoro in quanto batterista dei genesis: ma nel corso degli anni ha sconfessato questo ruolo.
come musicista è peggiorato invece di migliorare.
come uomo non mi piace il suo interesse smodato per i soldi.
e poi lui disprezza i genesis, e la cosa mi ha ferito molto in profondità.
non riesco a perdonargliela.
nella prima metà degli anni settanta erano entrambi parte della perfezione.
dopo non c'è stato più paragone come artisti e, per quanto mi riguarda, anche come uomini.

Avatar utente

Arya
Moderatore onorario
Moderatore onorario
Messaggi: 299
Iscritto il: 05/12/2010, 19:42
Località: Torino

Re: Phil Collins vs Peter Gabriel

Messaggio da Arya » 22/01/2011, 15:06

Solo una piccola precisazione: Phil Collins non disprezza i Genesis.
L'uomo che adesso 'rinnega' gli anni passati coi Genesis non è Phil Collins.
È la sua ombra, o la sua controfigura. Phil Collins era quel musicista entusiasta che a fare musica si divertiva (vedi Face Value e Hello i must be going!). Quello che nelle ultime interviste ha detto sui Genesis non puó essere della stessa persona.:(

Io credo che sia così, e spero che prima o poi (ma sarebbe meglio prima [smile]) torni quello di prima. Ma un po' più prima.
Secondo di New York: lasso di tempo che intercorre tra quando scatta il verde e il tassista dietro di voi comincia a suonarvi il clacson

La vita è uno stato mentale

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8100
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: Phil Collins vs Peter Gabriel

Messaggio da Hairless Heart » 23/01/2011, 12:11

A riecco il TRE di cui quotare l'intero post, virgole comprese!
Temo, Arya, che il "vero" Collins non si discosti molto da quello attuale. L'ha detto lui che il suo ultimo disco è fatto di brano che lui ascoltava da ragazzotto. Quello è il suo background. Diciamoci la verità, i Genesis dal punto di vista compositivo erano fuori dalla sua portata (al di là delle STREPITOSE ritmiche di batteria). Non crederete davvero che Collins abbia imparato a comporre solo nel 1980? No! Semplicemente, la musica dei Genesis era scesa ad un livello tale per cui anche lui poteva dire la sua. Naturalmente senza nulla togliere a quel capolavoro assoluto, che porta anche la sua firma, che è Blood on the rooftops.
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

Arya
Moderatore onorario
Moderatore onorario
Messaggi: 299
Iscritto il: 05/12/2010, 19:42
Località: Torino

Re: Phil Collins vs Peter Gabriel

Messaggio da Arya » 23/01/2011, 15:09

E invece la differenza tra il Phil di 30 anni fa e quello di adesso c'è: una volta facendo musica qualitativamente inferiore a Genesis si divertiva. Ora ha fatto un disco di cover (quindi neanche roba sua), è depresso e da ai Genesis la colpa del suo primo divorzio.

Ma questo Phil Collins non assomiglia più a sè stesso; cito alcune sue frasi:

-È la varietà delle situazioni che mi tiene in vita

-Scrissi un pezzo da inserire nel programma del tour, ricordando che dal 1970 i Genesis sono stati una parte importante della mia vita e che Mike e Tony non sono soltanto gli altri membri della band, sono soprattutto due grandi amici

Tutte parole sue, prese da Genesis Revelations, non mi sto inventando nulla. E stiamo parlando di 4 anni fa, non di chissà quando...
Ma l'attuale Phil Collins passa il tempo in casa a spolverare cimeli di Alamo e dà ai Genesis la colpa del suo primo divorzio. A me sembra un po' incoerente...e soprattutto molto cambiato.
Secondo di New York: lasso di tempo che intercorre tra quando scatta il verde e il tassista dietro di voi comincia a suonarvi il clacson

La vita è uno stato mentale

Rispondi