...And Then There Were Three...

Moderatori: Harold Barrel, Watcher, Hairless Heart, MrMuschiato

Avatar utente

Topic author
Harold Barrel
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2315
Iscritto il: 03/12/2010, 15:43
Località: Udine
Contatta:

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da Harold Barrel » 06/11/2011, 18:04

TRE ha scritto:cercate su internet una traduzione di say's all right joe e seguitela con la musica. capirete perché io considero questo il vero grande capolavoro contenuto nell'album.
dentro ci sono i genesis, quelli capaci di raccontare una storia emozionandoci e facendola apparire vera attraverso splendide pagine musicali.
Finalmente qualcosa su cui posso acconsentire con TRE [smile]
Say it's Alright è bellissima.

Invece non mi trovi molto d'accordo su Folloy You... Pur non essendo odiosa, rimane comunque goffa e sempliciotta... [chin]
« La vita è la palingenetica obliterazione dell’io trascendentale che s’infutura nell’archetipo prototipo dell’autocoscienza cosmica. »

Ettore Petrolini

Avatar utente

Itsacon
Apprendista Rocker
Apprendista Rocker
Messaggi: 82
Iscritto il: 29/03/2011, 1:03
Località: Bergamo

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da Itsacon » 07/11/2011, 4:18

Hairless Heart ha scritto:
follow you follow me c'è ....un assolo di banks stratosferico
Addirittura! Secondo me, se ti ci metti di impegno, riesci ad eseguirlo pure tu..... [smile]
Down and out, quella si ha un assolo incredibile.
quello sì che è un gran pezzo [gg]
The frog was a prince, the prince was a brick, the brick was an egg, the egg was a bird... (Fly away you sweet little thing, they're hard on your tail) :)

Avatar utente

drumboy95
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 236
Iscritto il: 04/02/2011, 20:50
Località: Firenze

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da drumboy95 » 08/11/2011, 20:26

qualcuno mi spiega la copertina?

Avatar utente

TRE
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 495
Iscritto il: 21/12/2010, 14:55

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da TRE » 08/11/2011, 22:45

non ho mai letto nulla al riguardo ma a parer mio riflette molto bene l'atmosfera del disco: invernale e piena di personaggi al limite.

onestamente guardandola ho sempre pensato a the ballad of big: big jim che gioca nel saloon quando accetta la scommessa.

ed il tramonto arrossato me lo fa immaginare mentre corre sul suo cavallo dopo aver perso la scommessa.

a me onestamente, la copertina piace molto.

è dal 1981 che le cover dei genesis hanno cominciato a fare ribrezzo :D

Avatar utente

drumboy95
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 236
Iscritto il: 04/02/2011, 20:50
Località: Firenze

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da drumboy95 » 08/11/2011, 22:52

si davvero abacab è oscena... genesis non la capisco...invisible tocuh è orribile D:...forse we can't dance ha un qualche senso...calling all station anonimissima..

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 7734
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da Hairless Heart » 08/11/2011, 23:28

TRE ha scritto: è dal 1981 che le cover dei genesis hanno cominciato a fare ribrezzo
facciamo pure dall'80. Se confrontiamo quel disegno infantile della copertina di Duke con i magnifici quadri di Foxtrot o Nursery....
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

drumboy95
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 236
Iscritto il: 04/02/2011, 20:50
Località: Firenze

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da drumboy95 » 09/11/2011, 14:21

almeno ha senso e non è osceno...foxtrot è sicuramente la più bella...poi ci metto the lamb e le altre un po' a random

Avatar utente

Progknight94
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1199
Iscritto il: 21/05/2011, 19:09
Località: Cartelfranco Veneto (tv)

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da Progknight94 » 09/11/2011, 21:59

La mi apreferita è trespass..

Avatar utente

Itsacon
Apprendista Rocker
Apprendista Rocker
Messaggi: 82
Iscritto il: 29/03/2011, 1:03
Località: Bergamo

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da Itsacon » 14/11/2011, 15:31

The Lamb direi che è la perfezione anche in copertina [hearts]
The frog was a prince, the prince was a brick, the brick was an egg, the egg was a bird... (Fly away you sweet little thing, they're hard on your tail) :)

Avatar utente

Watcher
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4124
Iscritto il: 06/12/2010, 8:47

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da Watcher » 14/11/2011, 15:34

Non l'avevamo capito.
Quando mi contraddico ho ragione due volte.

Avatar utente

Musical Box_93
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 328
Iscritto il: 07/02/2011, 21:10
Località: Teramo

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da Musical Box_93 » 09/12/2011, 12:45

L'album in questione mi piace molto,io personalmente vedo i Genesis morire nel post Duke,ovvero Abacab.Quest'album mantiene ancora il sound dei veri Genesis(anche se imparagonabile al periodo 71-75),le canzoni che mi piacciono di più sono The Lady Lies,Burning Roep,Deep in the Motherlode e Undertow,dove ancora non riesco a capire il perchè abbiano voluto tagliare la splendida ed emozionante intro di piano di Tony(che poi mettere come intro nell'album A Curious Feeling).
You've got to be crazy

Avatar utente

Old King Cole
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 284
Iscritto il: 08/11/2011, 6:35

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da Old King Cole » 09/12/2011, 20:34

Anche a me questo disco non dispiace, lo trovo ancora collocabie nell'era post Gabriel che ha ancora un senso...
Saluti

Avatar utente

Topic author
Harold Barrel
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2315
Iscritto il: 03/12/2010, 15:43
Località: Udine
Contatta:

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da Harold Barrel » 09/12/2011, 22:03

Avete ragione entrambi nel dire che la vera svolta avvenne con il successivo duke. Perché se confrontiamo And then there were three con il suo predecessore, l''unica' differenza la troviamo nel suono della chitarra... La voce è la stessa, così come la batteria, il basso e le tastiere. Queste ultime tre subiscono negli anni immediatamente successivi una trasformazione notevole...
« La vita è la palingenetica obliterazione dell’io trascendentale che s’infutura nell’archetipo prototipo dell’autocoscienza cosmica. »

Ettore Petrolini

Avatar utente

Henry Hamilton
Apprendista Rocker
Apprendista Rocker
Messaggi: 142
Iscritto il: 20/02/2011, 23:26
Località: veneto

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da Henry Hamilton » 14/12/2011, 0:05

quello che forse manca, è l'atmosfera che complessivamente legava, negli altri album, il materiale.qui ogni pezzo è fine a se stesso.ciascuno è un microcosmo, che inizia e finisce, ma non lega con gli altri. certi momenti tonanti come Down and out lasciavano presagire un futuro migliore...

Avatar utente

Watcher
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4124
Iscritto il: 06/12/2010, 8:47

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da Watcher » 14/12/2011, 8:39

Innanzi tutto bentornato Henry Hamilton. [bye]

Una cosa che forse in questo thread non è stata particolarmente enfatizzata è considerare la mancanza di Steve Hackett, e scusate se è poco. Azzardo a dire che con lui (e con un titolo diverso) ATTWT sarebbe stato all’altezza del precedente.

Lo troviamo sì il brano che prende, oppure il grande assolo di banks, o la canzone con il testo emozionante. Follow You Follow Me non è poi tanto male si dirà ed è bella anche la copertina, ma non è perché, sotto sotto, ai Genesis vogliamo bene e ci stiamo accontentando?
Quando mi contraddico ho ragione due volte.

Avatar utente

drumboy95
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 236
Iscritto il: 04/02/2011, 20:50
Località: Firenze

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da drumboy95 » 14/12/2011, 14:05

non credo sia per accontentarsi...personalmente lo trovo di gran livello, per quello che è venuto poi è tanta roba (duke escluso).
si sene l'assenza di steve ma il cambio di rotta resta coerente col passato

Avatar utente

reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3845
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da reallytongues » 14/12/2011, 16:18

Uhe ciao sono nuovo.
Il disco in questione "...And Then..." che ho da 20 anni snobbato lo stò rivalutando da questa estate.
Le composizioni non sono granchè, ma nel complesso il lavoro ha una musicalità eccelsa, arrivo a dire che dal punto tecnico i Genesis non hanno mai suonato così bene insieme.
Insomma per essere del 77-78 è un prodotto anche abbastanza innovativo per il POP, ha delle sonorità che ancora oggi sembrano attuali e da riscoprire. Sicuramente siamo su di un livello superore a Duke e Abacab.
nel continente nero paraponzi ponzi bo

Avatar utente

prog91
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 258
Iscritto il: 10/07/2011, 21:55

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da prog91 » 14/12/2011, 18:35

reallytongues ha scritto:Uhe ciao sono nuovo.
Il disco in questione "...And Then..." che ho da 20 anni snobbato lo stò rivalutando da questa estate.
Le composizioni non sono granchè, ma nel complesso il lavoro ha una musicalità eccelsa, arrivo a dire che dal punto tecnico i Genesis non hanno mai suonato così bene insieme.
Insomma per essere del 77-78 è un prodotto anche abbastanza innovativo per il POP, ha delle sonorità che ancora oggi sembrano attuali e da riscoprire. Sicuramente siamo su di un livello superore a Duke e Abacab.
Parli dei Genesis senza Gabriel o dei Genesis in generale? :ugeek:
Siamo indubbiamente molto al di sopra dei due successivi, non c'è dubbio. Duke è sostanzialmente pop... Di rock non ci vedo nulla (invece in And the there were three ce lo vedo eccome), tantomeno di Prog. Poi ovviamente dipende da che cosa intendi come pop. Effettivamente è un termine abbastanza ampio, a volte viene affibbiato a tutto ciò che non è musica classica!
Ah, e di nuovo benvenuto [smile]

Avatar utente

reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3845
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da reallytongues » 14/12/2011, 19:53

No io parlo dei Genesis in generale, dal punto di vista dinamico questo album ha dei momenti eccelsi tipo "The Lady Lies" sembra prendere il volo...
Ripeto non ci sono composizioni importanti, ma i 3 sono affiatati come non mai.
Un brano pop come "Many Too Many" è un lento perfetto, arrangiato come non saranno mai più capaci in tutte le prove successive.
"Scenes From A Night's Dream" è un connubio riuscito tra il prog e il pop.
Diciamo che questo è il loro album pop definitivo.
I Genesis non potevano andare avanti senza aggiornarsi, "A Trick of The Tail" in fondo era abbastanza involuto rispetto al precedente e non portava avanti nessuna variazione, "Wind..." e questo disco invece sono buoni modi di cercare di rinnovarsi.
Musicalmente erano all'apice della forma e ripeto, tecnicamente questo album è il migliore mai fatto..
nel continente nero paraponzi ponzi bo

Avatar utente

reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3845
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da reallytongues » 14/12/2011, 20:04

:arrow:
Ultima modifica di reallytongues il 15/12/2011, 11:13, modificato 1 volta in totale.
nel continente nero paraponzi ponzi bo

Rispondi