...And Then There Were Three...

Moderatori: Watcher, Harold Barrel, MrMuschiato, Hairless Heart

Avatar utente

Topic author
Harold Barrel
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2308
Iscritto il: 03/12/2010, 15:43
Località: Udine
Contatta:

...And Then There Were Three...

Messaggio da Harold Barrel » 01/11/2011, 19:43

L'unica cosa che non mi piace di quest'album è che nella copertina venga "riciclato" il font di The Lamb.

Devo dire che mi piace molto: l'unica canzone radiofonica del disco si trova confinata come ultimo brano, dura solo quei 4 minuti e non è odiosa come "Your Own Special Way", posta nel bel mezzo di Wind and Wuthering, e perdipiù lunga, bruttissima, odiosa, e con Phil Collins che canta in falsetto quel ritornello orripilante.
Non credo che si possa mettere una marcatissima linea divisoria tra Wind and Wuthering e And Then There Were Three. La fuoriuscita di Steve Hackett comporta un piccolo vuoto nella sezione chitarre, che però viene abbastanza colmato dalle tastiere di Tony, che ancora non abbandona la centralità dell'Hammond (cosa che negli album successivi sarà inevitabile - perdipiù l'effetto che ci mette su è lo stesso dell'album inciso ancora con Steve Hackett) e da un sound più duro e prima inaudito della chitarra elettrica di Mike Rutherford;
Per quanto riguarda gli altri brani, non vedo ancora una svolta verso il pop (cosa che avviene in modo molto marcato don Duke), o almeno non più di quanto ci si era avvinicinati con l'album precedente. Rimangono sempre complessi e con testi abbastanza lunghetti e sensati.

E voi che ne pensate? [nw]
« La vita è la palingenetica obliterazione dell’io trascendentale che s’infutura nell’archetipo prototipo dell’autocoscienza cosmica. »

Ettore Petrolini

Avatar utente

TRE
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 495
Iscritto il: 21/12/2010, 14:55

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da TRE » 01/11/2011, 21:28

penso che se mi riuscisse di parlare ancora dei genesis riempirei pagine e pagine di parole su questo disco.

disco pieno di perle nascoste che fatico a capire come faccia poi ad apparire così dimesso ed incompiuto una volta che lo si guarda nel suo insieme.

le interpretazioni di collins su say it's all'right joe e undertow sono estremamente convincenti: sono picchi emozionali che io mi sarei aspettato una volta letto il nome del gruppo in copertina.

burning rope mi fa addirittura pensare a foxtrot: non che sia a quel livello, e ci mancherebbe.

ma per quel che mi riguarda, il gruppo che ha inciso foxtrot inciderebbe burning rope, non certo domino.

Avatar utente

Topic author
Harold Barrel
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2308
Iscritto il: 03/12/2010, 15:43
Località: Udine
Contatta:

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da Harold Barrel » 02/11/2011, 13:44

TRE ha scritto:burning rope mi fa addirittura pensare a foxtrot: non che sia a quel livello, e ci mancherebbe.

ma per quel che mi riguarda, il gruppo che ha inciso foxtrot inciderebbe burning rope, non certo domino.
E' vero, Burning Rope è davvero una canzone bellissima. L'unica cosa che non mi convince moltissimo è il suono della chitarra di Mike, forse un po' troppo banale, mentre la chitarra di Steve era sempre così pulita... Forse è solo una mia impressione.

Tra Burning Rope e Domino lo stacco è molto grosso... Forse si potrebbe affiancarla a Dodo/Lurker, ma mi sembrerebbe comunque forzato, il sound è completamente diverso :? :?
« La vita è la palingenetica obliterazione dell’io trascendentale che s’infutura nell’archetipo prototipo dell’autocoscienza cosmica. »

Ettore Petrolini

Avatar utente

Watcher
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 3549
Iscritto il: 06/12/2010, 8:47

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da Watcher » 02/11/2011, 16:01

Sì, effettivamente è difficile capire cosa non va. L'unica cosa che so è che da questo album i Genesis hanno cominciato a piacermi di meno.
Quando mi contraddico ho ragione due volte.

Avatar utente

drumboy95
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 236
Iscritto il: 04/02/2011, 20:50
Località: Firenze

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da drumboy95 » 02/11/2011, 16:32

di quest'album butto via solo la sigla di pomeriggio 5
il resto è bellissimo...molto emozionale e sentito, una bellissima sorpresa da un album che avevo messo da parte poichè un po' diffidente dopo che molti dicono spesso i genesis finiscono nel 77, o 76, 75...
beh per me i genesis finiscono nel 1980 e and then there were three è davvero un bell'album...
anche se la copertina non si capisce assolutamente...o sono io ritardato, probabile

Avatar utente

SH61
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 450
Iscritto il: 13/05/2011, 16:11

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da SH61 » 02/11/2011, 17:49

Watcher ha scritto:Sì, effettivamente è difficile capire cosa non va. L'unica cosa che so è che da questo album i Genesis hanno cominciato a piacermi di meno.
Eh già!!! Proprio quello che mi è successo a me, sono cominciati a piacermi MOLTO meno. :evil:

E' che questo non è un LP come quello ai quali ci avevano abituato i Genesis. E' un accozzaglia di canzoni, alcune peraltro anche belle. La già citata "Burning rope" è quella che più ricorda il genere progressive, ma ce ne sono altre, come ad esempio "Many, too many" che è una bella canzone e che se fosse stata incisa da "Filippo e i suoi intrepidi" avrebbe avuto il mio apprezzamento.
Na non è tanto quello che c'è che non va bene. E' quello che manca. Un bel brano strumentale o dagli sviluppi coinvolgenti come (senza tornare neanche tanto indietro) ancora erano presenti in "Wind & wuthering", una tastiera bilanciata da una chitarra con i suoni che solo Hackett sapeva cavare fuori o altre mille sfaccettature che erano poi i particolari che ce li facevano amare.
Anche i testi sono cambiati, non più storie fantastiche sospese nel tempo nei quali, anche se non ci capivo niente, rimanevo sempre avviluppato.
Mi ripeto. Per me sono deceduti in un tragico incidente dopo le registrazioni di "Seconds out"....

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 6695
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da Hairless Heart » 02/11/2011, 22:10

Quoto tutti quelli che hanno parlato di strana sensazione all'ascolto. Penso al brano che apre il disco, un pezzo ambizioso, con un tempo particolarissimo, con un assolo incredibile (li sapeva, o meglio li VOLEVA ancora fare!) di Tonino Banchetti. Eppure non riesce a passare per un capolavoro all'altezza del passato, boh.... forse manca un po' di "cuore". Il mio pezzo preferito, The lady lies, dal ritornello stupendo che vorresti non finisse mai, ha per contro un'introduzione assolutamente pacchiana, quasi inascoltabile. Non sono un fanatico di Burning rope (l'amico che ne porta il nome mi scuserà [smile] ), anche se ha un bel passaggio di accordi verso la fine. Al contrario non mi dispiace del tutto Follow you follow me, una cosetta leggerina ci può stare, tutto sommato come finale di album la preferisco a quella montagna di miele che è la canzone che chiude il disco precedente. Ed anche Many to many ha il suo perchè.
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow


emmevu68
Novellino
Novellino
Messaggi: 30
Iscritto il: 09/03/2011, 22:34

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da emmevu68 » 02/11/2011, 23:29

Ho cominciato ad ascoltare i Genesis nel 1981, non ho avuto modo di sentirmi deluso da questo disco, perchè non l'ho atteso con trepidazione, l'ho semplicemete ascoltato come ultimo della serie disponibile allora, dopo i postumi duke e abacab.

Se l'avessi potuto ascoltare appena scartato dalla confezione, terminata Down and Out avrei pensato "però, ci sono ancora 'sti tre!!"
Il resto del disco lascia il tempo che trova.
Anche se The lady lies non è male.
Anche se l'apertura al pop, all'orecchiabile, che mi infastidisce, mi irrita addirittura, in many too many e in follow you follow me, mi smuove qualche emozione in Undertow.
Anche se avrei reagito con entusiasmo all'apertura di un concerto del duke tour alle prime note di Deep in the motherlode.

I Genesis, alla musica dei quali sono fortemente legato da 30 anni, sono ben altro.

Avatar utente

prog91
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 258
Iscritto il: 10/07/2011, 21:55

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da prog91 » 03/11/2011, 14:18

Sono d'accordo con voi. In sé le composizioni del disco sono di ottima qualità, ma manca un collante!
La mia canzone preferita dell'album è The Lady Lies. Bellissima.

Avatar utente

Itsacon
Apprendista Rocker
Apprendista Rocker
Messaggi: 82
Iscritto il: 29/03/2011, 1:03
Località: Bergamo

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da Itsacon » 04/11/2011, 5:47

Watcher ha scritto:Sì, effettivamente è difficile capire cosa non va. L'unica cosa che so è che da questo album i Genesis hanno cominciato a piacermi di meno.

sottoscrivo
The frog was a prince, the prince was a brick, the brick was an egg, the egg was a bird... (Fly away you sweet little thing, they're hard on your tail) :)

Avatar utente

Itsacon
Apprendista Rocker
Apprendista Rocker
Messaggi: 82
Iscritto il: 29/03/2011, 1:03
Località: Bergamo

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da Itsacon » 04/11/2011, 5:50

io trovo fastidiosissimi l'entrata del synth in many too many :x
The frog was a prince, the prince was a brick, the brick was an egg, the egg was a bird... (Fly away you sweet little thing, they're hard on your tail) :)

Avatar utente

prog91
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 258
Iscritto il: 10/07/2011, 21:55

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da prog91 » 04/11/2011, 13:55

Itsacon ha scritto:io trovo fastidiosissimi l'entrata del synth in many too many :x
Pure a me dà un pò fastidio; la cosa e secondo me compensata dal fatto che Follow You Follow Me sia caratterizzata da un sound molto gradevole. Non come Your Own, che come Harold considero abbastanza odiosa...

Avatar utente

drumboy95
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 236
Iscritto il: 04/02/2011, 20:50
Località: Firenze

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da drumboy95 » 04/11/2011, 14:01

bella many too many, l unico suo problema è che dura troppo poco

Avatar utente

Progknight94
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1199
Iscritto il: 21/05/2011, 19:09
Località: Cartelfranco Veneto (tv)

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da Progknight94 » 04/11/2011, 16:16

Tanta roba inutile, da sfrondare, in quel disco. Tipo Snowman, deep in the motherlode... potrebbe essere un EP da 4/5... invece è un LP da 2.5/5

Avatar utente

drumboy95
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 236
Iscritto il: 04/02/2011, 20:50
Località: Firenze

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da drumboy95 » 04/11/2011, 22:15

snowbound è troppo mielosa e noiosa
deep in the motherlode è una delle mie preferite dell'album , con the lady lies e burning rope.
down and out un bel brano potente,con una parte di batteria davvero bella ma difficile...
say it's alright joe pure è una bella canzone, mi piace meno ballad of big e scenes from a night's dream...carine ma niente di che.
bella undertow, follow you pessima, se non sbaglio l'unica firmata da tutto il gruppo...bruttissimo segno..

Avatar utente

TRE
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 495
Iscritto il: 21/12/2010, 14:55

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da TRE » 05/11/2011, 0:01

trovo che molte canzoni del disco siano liquidate molto in fretta.

anche la stessa follow you follow me viene un pochino presa come "progenitrice" della svolta commerciale dei genesis prendendo un abbaglio grandioso.

in follow you follow me c'è un arrangiamento originalissimo e soprattutto un assolo di banks stratosferico-
magari fosse stata quella la svolta pop.
invece ci troviamo con tonightx3 e il famoso TUTU.

poi ancora: date un po' più di attenzione ai testi e vedrete che the ballad of big o deep in the motherlode assumono una valenza molto maggiore.

cercate su internet una traduzione di say's all right joe e seguitela con la musica. capirete perché io considero questo il vero grande capolavoro contenuto nell'album.
dentro ci sono i genesis, quelli capaci di raccontare una storia emozionandoci e facendola apparire vera attraverso splendide pagine musicali.

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 6695
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da Hairless Heart » 05/11/2011, 1:07

follow you follow me c'è ....un assolo di banks stratosferico
Addirittura! Secondo me, se ti ci metti di impegno, riesci ad eseguirlo pure tu..... [smile]
Down and out, quella si ha un assolo incredibile.
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

drumboy95
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 236
Iscritto il: 04/02/2011, 20:50
Località: Firenze

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da drumboy95 » 05/11/2011, 22:18

cacchio si l'assolo di down and out è assurdo
follow you avrà anche il giro originale ma è una palla da radio assurda.... naa na na naa na, naa na na naa na...maronn maronn

Avatar utente

Arya
Moderatore onorario
Moderatore onorario
Messaggi: 299
Iscritto il: 05/12/2010, 19:42
Località: Torino

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da Arya » 06/11/2011, 15:24

drumboy95 ha scritto:bella many too many, l unico suo problema è che dura troppo poco
Io due paroline le direi anche sul testo. Mi è sempre sembrato un po' assurdo (uso questo termine perchè al momento non ne ho di migliori a disposizione)...
Undertow sì che è meravigliosa. Il suo ritornello...non smetterei mai di ascoltarlo... [hearts]
Secondo di New York: lasso di tempo che intercorre tra quando scatta il verde e il tassista dietro di voi comincia a suonarvi il clacson

La vita è uno stato mentale

Avatar utente

drumboy95
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 236
Iscritto il: 04/02/2011, 20:50
Località: Firenze

Re: ...And Then There Were Three...

Messaggio da drumboy95 » 06/11/2011, 16:17

non faccio molto caso al testo, se la musica mi soddisfa . poi essendo la canzone corta non saprei quanto potrebbe essere interessante il testo, magari dice due cose banali su un qualcosa.
con peter non erano mai banali, senza di lui ci stà roba banale quindi non ci faccio molto caso ai testi, trane nelle canzoni lunghe dove ci stà la storia dietro, però il testo influisce meno il mio giudizio, la cosa principale è la musica

Rispondi