Il ruolo del basso nei Genesis

Moderatori: Hairless Heart, Harold Barrel, Watcher

Avatar utente

Topic author
tommy63
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 558
Iscritto il: 04/02/2011, 16:14
Località: Versilia

Il ruolo del basso nei Genesis

Messaggio da tommy63 » 03/04/2013, 21:25

Ultimamente mi stò riascoltando i grandi album dei genesis,da Trespass a Wind,e presto molta attenzione al ruolo del Basso,non so ma personalmente non ho mai considerato mike un grande bassista ed anzi proprio il ruolo stesso di questo strumento (a differenza di Yes,Jethro,Gentle ecc..) lo trovavo parecchio secondario.
Adesso invece stò rivalutando e di molto sia Mike sia il ruolo del basso specie in alcuni brani anche storici e nei live.
Voi che ne pensate?

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8130
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: Il ruolo del basso nei Genesis

Messaggio da Hairless Heart » 03/04/2013, 23:06

Innanzitutto, bentornato Tommy!
Dal punto di vista strettamente tecnico, probabilmente Rutherford non è al livello di Squire ed altri colleghi proggaroli. Ciò non toglie che la sua figura sia di primaria importanza nell'economia dell'architettura Genesis. Probabilmente è un po' sfavorito dal fatto di non suonare sempre il basso, spesso infatti imbraccia la 12 corde, a volte veniva usato il bass pedals (mi pare il Moog Taurus). Ma, oltre che essere importante sotto il profilo compositivistico, il nostro Mike sfoderava prestazioni superlative al basso, ne cito una su tutte: The fountain of Salmacis. [hearts]
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

Topic author
tommy63
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 558
Iscritto il: 04/02/2011, 16:14
Località: Versilia

Re: Il ruolo del basso nei Genesis

Messaggio da tommy63 » 04/04/2013, 10:49

Grazie Hairless.
Sono curioso,sai dirmi in quali brani viene usato il bass/pedal?
A riguardo di Fontain hai ragione,veramente notevole,mi stò divertendo a seguire la linea di basso e non è per niente facile.

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8130
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: Il ruolo del basso nei Genesis

Messaggio da Hairless Heart » 04/04/2013, 11:48

Così a memoria mi metti in difficoltà (in effetti è una ricerca che non ho mai fatto). Due su tutte però si possono citare, e non due qualsiasi: The musical box, nella parte dell'assolo di Steve e nel crescendo finale, e Supper's ready, più precisamente in Lover's leap e Eggs is eggs. Ma lo puoi scoprire da solo, nelle canzoni dove si sente la nota bassa "tenuta" e non ritmica.
Se hai la possibilità di vedere le esecuzioni live di questi brani, tipo il Bataclan o lo Shepperton (o se hai il 1° Vintage Rock Bootleg [smile] ), vedi chiaramente il Mike con la chitarra in mano e trafficare coi piedi.
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

Progknight94
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1199
Iscritto il: 21/05/2011, 19:09
Località: Cartelfranco Veneto (tv)

Re: Il ruolo del basso nei Genesis

Messaggio da Progknight94 » 04/04/2013, 13:51

Io so che Mike era anche autore importante nei pezzi, con Banks... Personalmente penso che in moltissimi pezzi senza basso la canzone avrebbe perso quasi tutta la coesione, Banks e Hackett hanno stili troppo diversi, immescibili a mio parere. Due esempi a caso: Get'em Out by Friday e The Knife, impensabili senza Rutherford.

Avatar utente

Watcher
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4201
Iscritto il: 06/12/2010, 8:47

Re: Il ruolo del basso nei Genesis

Messaggio da Watcher » 04/04/2013, 23:21

[bye] Ciao Tommy.
Mi chiedo cosa avrebbe potuto fare di più un altro bassista nei Genesis. Io personalmente lo trovo perfetto.
Tommy, tu di basso te ne intendi senz'altro più di me. Al di là dell'argomento Rutherford/Genesis, secondo te ... quando un bassista si può giudicare scarso?
Quando mi contraddico ho ragione due volte.

Avatar utente

Topic author
tommy63
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 558
Iscritto il: 04/02/2011, 16:14
Località: Versilia

Re: Il ruolo del basso nei Genesis

Messaggio da tommy63 » 05/04/2013, 12:09

Ciao Watcher.
Allora,a parte il fatto che giudicare scarso un bassista,cosi come un chitarrista o altri è molto personale,oltre che disdicevole, il ruolo che il basso svolge all'interno di un gruppo o di un genere musicale è quello di indirizzare la ritmica insieme alla batteria,però il basso a differenza di qust'ultima suona le note cioè armonizza un brano,e ciò lo rende indispensabile all'orecchio di tutta la band nel cambio di accordi, per esempio in un brano particolarmente articolato è proprio il basso che dà i tempi giusti per tutti.
Ora la bravura (secondo me)di un bassista è quella di non fermarsi solo alla tonica(Stile Ramone)ma di riuscire ad
incastrare(brutto termine che però rende l'idea)tutta una serie di note che fanno parte dell'armonia che si sta suonando.
Oltre a questo è fondamentale non perdere mai il tempo del brano.
Rimanendo in ambito rock vi sono bassisti eccelsi come:Entwistle,Squire,bruce,Jones Ecc.
ed altri che pur non mostrando mai una particolare tecnica sono essenziali e precisi per il suono di una band,penso a Wyman ad esempio.lo stesso sir Paul viene sempre messa in secondo piano la sua grandezza nel suonare il basso.
Rimanendo in tema credo che in alcuni gruppi (e sottolineo alcuni)Punk dove il basso trova posto come mero riempitivo a suon di toniche
i relativi bassisti siano per me sinonimo di scarsi.
.

Avatar utente

Progknight94
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1199
Iscritto il: 21/05/2011, 19:09
Località: Cartelfranco Veneto (tv)

Re: Il ruolo del basso nei Genesis

Messaggio da Progknight94 » 05/04/2013, 19:45

in un brano particolarmente articolato è proprio il basso che dà i tempi giusti per tutti
Quant'è vero!

Avatar utente

SH61
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 450
Iscritto il: 13/05/2011, 16:11

Re: Il ruolo del basso nei Genesis

Messaggio da SH61 » 12/04/2013, 8:21

tommy63 ha scritto:Grazie Hairless.
Sono curioso,sai dirmi in quali brani viene usato il bass/pedal?
Un altro brano dove Mike passa (sulla doppio manico) dal basso alla chitarra 12 corde, nel contempo azionando un bass pedal, è "Firth of fifth". Durante il lungo assolo di Hackett è molto evidente.

Avatar utente

SH61
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 450
Iscritto il: 13/05/2011, 16:11

Re: Il ruolo del basso nei Genesis

Messaggio da SH61 » 15/04/2013, 10:48

x Tommy

Hai qualche tablatura o spartito per provare a cimentarsi con "The Fountain" al basso ?

Avatar utente

reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3852
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: Il ruolo del basso nei Genesis

Messaggio da reallytongues » 15/04/2013, 11:00

tommy63 ha scritto:Ciao Watcher.
Allora,a parte il fatto che giudicare scarso un bassista,cosi come un chitarrista o altri è molto personale,oltre che disdicevole, il ruolo che il basso svolge all'interno di un gruppo o di un genere musicale è quello di indirizzare la ritmica insieme alla batteria,però il basso a differenza di qust'ultima suona le note cioè armonizza un brano,e ciò lo rende indispensabile all'orecchio di tutta la band nel cambio di accordi, per esempio in un brano particolarmente articolato è proprio il basso che dà i tempi giusti per tutti.
Ora la bravura (secondo me)di un bassista è quella di non fermarsi solo alla tonica(Stile Ramone)ma di riuscire ad
incastrare(brutto termine che però rende l'idea)tutta una serie di note che fanno parte dell'armonia che si sta suonando.
Oltre a questo è fondamentale non perdere mai il tempo del brano.
Rimanendo in ambito rock vi sono bassisti eccelsi come:Entwistle,Squire,bruce,Jones Ecc.
ed altri che pur non mostrando mai una particolare tecnica sono essenziali e precisi per il suono di una band,penso a Wyman ad esempio.lo stesso sir Paul viene sempre messa in secondo piano la sua grandezza nel suonare il basso.
Rimanendo in tema credo che in alcuni gruppi (e sottolineo alcuni)Punk dove il basso trova posto come mero riempitivo a suon di toniche
i relativi bassisti siano per me sinonimo di scarsi.
.
Molto bello quello che scrivi, quotissimo la grandezza di Wyman (sottovalutatissimo).
Riguardo al non fermarsi alla tonica un esempio memorabile è per me Tony Levin in "Thela Hun Ginjeet" come in altri brani dei King Crimson di "Discipline". Il ruolo del basso e della chitarra si invertono: le chitarre fanno la ritmica e il basso fa la melodia.
nel continente nero paraponzi ponzi bo

Avatar utente

SH61
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 450
Iscritto il: 13/05/2011, 16:11

Re: Il ruolo del basso nei Genesis

Messaggio da SH61 » 18/04/2013, 8:30

Hairless Heart ha scritto:Dal punto di vista strettamente tecnico, probabilmente Rutherford non è al livello di Squire..
Come dire che Bartali non era a livello di Coppi ... [smile]

Cimentandomi (con effetti esilaranti) nel suonare questo strumento ho sempre avuto come esempio di massima capacità tecnica (peraltro inelluttabile nel "prog") proprio Squire. Ma non posso non ammirare Rutherford nel sapiente uso del basso, sia pure non a tempo pieno. Ma, d'altro canto, le composizioni dei Genesis spesso hanno richiesto un intreccio melodico che non poteva trascendere dall'uso di più chitarre (su tutte "Musical box").

Avatar utente

aorlansky60
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1473
Iscritto il: 09/07/2018, 12:09

Re: Il ruolo del basso nei Genesis

Messaggio da aorlansky60 » 12/07/2018, 15:47

Il Lavoro svolto da Mike Rutherford per i Genesis [qui inteso nella sola veste di esecutore] è da ritenersi MONUMENTALE.

Non suonava solo il basso ma anche chitarra 6 e 12 corde acustiche (strumento col quale egli è nato musicalmente fin dai primi tempi della CharterHouse, il college dove giovanissimo conobbe Anthony Phillips suo coetaneo, iniziando con lui un sodalizio e un amicizia rimasti tali ancora oggi; con Anthony Phillips forma il binomio compositivo che di fatto ha sorretto quasi tutto TRESPASS) oltre alla chitarra ritmica elettrica specie "on stage" (le figure meglio associate al suo ruolo nella band lo ritraggono spesso con il celebre Rickenbacker 4001 "doppio manico" BASSO-CHITARRA quando si esibiscono live);

magari non così in evidenza come lo erano colleghi bassisti del tempo (caso più emblematico: Chris SQUIRE) ma fondamentale nell'architettura complessiva dei brani dei Genesis; quando ascolto i loro dischi -quelli del primo periodo anni 70-77 per intenderci- molto spesso mi soffermo SOLO sulla linea di basso che sorregge ogni brano, senza la quale "verrebbe giù tutto"; e il tutto suonato sempre con estremo buon gusto, senza strafare ne trabordare : Mike era/è davvero un musicista eccellente.

L'unico appunto che ho da fargli è sotto il profilo "compositivo", specie quando lasciato da solo a comporre : evidentemente Mike possiede una propensione naturale per il "melenso" da trasporre in song che personalmente faccio MOLTA fatica a digerire, lo prova il fatto che due brani dei Genesis che detesto sono 100% di sua composizione, sia testi che musica ("More fool me" e "Your own special way" ndr)
Ama tutti, credi a pochi, non far male a nessuno.

Avatar utente

twoofus
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1554
Iscritto il: 19/06/2015, 13:29

Re: Il ruolo del basso nei Genesis

Messaggio da twoofus » 11/04/2019, 14:05

Hairless Heart ha scritto:
04/04/2013, 11:48
Così a memoria mi metti in difficoltà (in effetti è una ricerca che non ho mai fatto). Due su tutte però si possono citare, e non due qualsiasi: The musical box, nella parte dell'assolo di Steve e nel crescendo finale, e Supper's ready, più precisamente in Lover's leap e Eggs is eggs. Ma lo puoi scoprire da solo, nelle canzoni dove si sente la nota bassa "tenuta" e non ritmica.
Se hai la possibilità di vedere le esecuzioni live di questi brani, tipo il Bataclan o lo Shepperton (o se hai il 1° Vintage Rock Bootleg [smile] ), vedi chiaramente il Mike con la chitarra in mano e trafficare coi piedi.
Rispolvero questo bellissimo topic. Ho sempre notato con rammarico la differenza tra il superlativo basso di Yes e Jethro soprattutto (ma anche di Greg Lake) e quello dei Genesis, decisamente meno protagonista.
Non sapevo che in Lover's Leap ci fosse il basso fatto col pedale del moog. Se anche nella versione in studio è così, perchè non sovraincidere?
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead.


capitan-trip
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 658
Iscritto il: 16/01/2019, 12:55

Re: Il ruolo del basso nei Genesis

Messaggio da capitan-trip » 11/04/2019, 14:18

I Genesis in generale sono meno virtuosistici rispetto altri gruppi prog.

Li ho sempre considerati i Beatles del Prog, nel senso ..geni assoluti più che strumentisti dotati.

Cosa che mi li fa apprezzare più di tutti in ambito progressive.

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8130
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: Il ruolo del basso nei Genesis

Messaggio da Hairless Heart » 11/04/2019, 17:30

twoofus ha scritto:
11/04/2019, 14:05
perchè non sovraincidere?
"Non so/non ricordo".
Ma possiamo azzardare due ipotesi:
-per una precisa scelta artistica (*), perché magari si riteneva che in quella (e in altre, in quel periodo) ambientazione sonora ci stava meglio un bass pedals a coprire i toni bassi anziché un basso ritmico (che, in fondo, mica è sempre obbligatorio....);
-per la volontà di incidere il disco esattamente come avrebbe poi dovuto essere riprodotto in concerto (o viceversa, visto che tutto o quasi veniva precedentemente "testato" dal vivo). Se ascoltiamo Genesis Live del '73, le differenze coi brani originali sono quasi impercettibili.


(*) Ricordo di aver letto su internet, anni fa, un commento secondo cui i Genesis avevano imparato ad arrangiare i pezzi solo dal '78 circa. Una visione delle cose un po' limitata, direi.
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

theNemesis
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2206
Iscritto il: 23/09/2013, 11:29
Località: Svizzera

Re: Il ruolo del basso nei Genesis

Messaggio da theNemesis » 11/04/2019, 17:35

Il bass pedal (Moog Taurus quello di Mike) viene usato per dare una maggiore profondità e drammaticità alla scena sonora quando il brano lo richiede.
Infatti lo ritroviamo non a caso in pezzi particolarmente "drammatici".
A mio parere, più che una scelta "live" sia proprio questo il motivo dell'uso del basso continuo, peraltro molto utilizzato anche in diversi brani di musica classica dell'800 (Beethoven fra tutti) ovviamente utilizzando strumentazione d'epoca.

Sull'affermazione che i Genesis avessero imparato ad arrangiare i pezzi solo dal '78 in poi stendo un velo pietRoso...
Dancing on time way...

Avatar utente

theNemesis
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2206
Iscritto il: 23/09/2013, 11:29
Località: Svizzera

Re: Il ruolo del basso nei Genesis

Messaggio da theNemesis » 11/04/2019, 17:44

capitan-trip ha scritto:
11/04/2019, 14:18
I Genesis in generale sono meno virtuosistici rispetto altri gruppi prog.

Li ho sempre considerati i Beatles del Prog, nel senso ..geni assoluti più che strumentisti dotati.

Cosa che mi li fa apprezzare più di tutti in ambito progressive.
Banks ha spesso affermato che aveva raggiunto un'abilità tecnica sufficiente per suonare le sue composizioni, che non sono sicuramente tutte come That's all... Direi che non è IL tastierista tecnico del prog, ma ha una tecnica mediamente alta (non ai livelli di Wakeman o Emerson) ed è sicuramente un genio in composizione e arrangiamento, quando ne ha voglia.

Rutherford è un buon bassista, tecnicamente non stratosferico, ma molto musicale. Con la 12 corde ha una buona tecnica, anche se Phillips lo supera di molto.

Collins è stato uno dei migliori batteristi rock e fusion di tutti i tempi.

Hackett è, ancora oggi, uno dei migliori chitarristi prog di tutti i tempi.

Gabriel alla voce è, ancora oggi, tecnicamente e timbricamente molto notevole.

Quindi direi che i Genesis se la giocano bene anche dal punto di vista tecnico con i colleghi prog dell'epoca.
Dancing on time way...

Avatar utente

twoofus
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1554
Iscritto il: 19/06/2015, 13:29

Re: Il ruolo del basso nei Genesis

Messaggio da twoofus » 11/04/2019, 19:11

Probabilmente oggi userebbero il basso a cinque corde per la maggiore profondità.
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead.


capitan-trip
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 658
Iscritto il: 16/01/2019, 12:55

Re: Il ruolo del basso nei Genesis

Messaggio da capitan-trip » 11/04/2019, 22:28

Forse il più dotato e' Collins gli altri sono ottimi musicisti ma non si possono ricordare per la perizia tecnica rispetto ai colleghi coevi del Progressive. Sono bravissimi compositori , soprattutto Banks e Hackett ma non fulmini di guerra nelle esecuzioni.

Gabriel è un discorso a parte. Dotato di quella voce unica puo' fare quello che vuole. Ma questo è genio più che altro.

Rispondi