I Pink Floyd come... simbolo del Rock?

Moderatori: Hairless Heart, Harold Barrel, Watcher

Rispondi
Avatar utente

Topic author
Harold Barrel
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2338
Iscritto il: 03/12/2010, 15:43
Località: Udine
Contatta:

I Pink Floyd come... simbolo del Rock?

Messaggio da Harold Barrel » 20/03/2012, 19:40

Qualche giorno fa, camminando per il centro di Milano, ho notato un negozio di dischi (che poi ho scoperto essere sterminato) che presentava all'entrata un muro con mattoni di polistirolo:

Immagine

Entrando nel negozio, ho cominciato a riflettere su come vengono considerati i Pink Floyd dagli amanti del Rock e della musica in generale al giorno d'oggi. C'è da dire che loro ci sono stati sempre, nei momenti piu' importanti e con il senno di poi significativi per la storia del Rock:
1) La Psichedelia
Gli Underground di Londra, gli inizi con Syd Barrett e i primi album: The Piper at the Gates of Dawn, Ummagumma, Relics...
2) Gli anni del Progressive Rock
Principalmente con Atom Heart Mother, per poi dirigersi alle sonorità pulitissime di Dark Side of the Moon, e forse anche Wish You Were Here.
3) Gli anni del New Age Rock
Anni in cui cominciavano ad emergere gruppi come Clash, e successivamente U2. I Pink Floyd cominciavano a cambiare il loro sound, perdendo per strada un bel po' di influenza psichedelica e Blues.

E poi?

Ho cercato di fornire, per sommi capi e forse con più di qualche imprecisione, una lettura di questo gruppo musicale nelle sue varie fasi di produzione.
Bisogna ammettere che mentre i Beatles si sono sciolti nel '71, i Genesis hanno sterzato sul Pop-Rock negli anni '80 (come gli Yes), i Led Zeppelin hanno subito un rapido declino, i Pink Floyd ci sono sempre stati.
Perchè, secondo voi?
Personalmente non credo che sia stata la grande fama a tenere insieme gli elementi della band (vedi caso Beatles).

Non mi dilungo oltre... Sono curioso di sentire qualche vostra osservazione [smile]
A voi ;)
« La vita è la palingenetica obliterazione dell’io trascendentale che s’infutura nell’archetipo prototipo dell’autocoscienza cosmica. »

Ettore Petrolini

Avatar utente

reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3852
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: I Pink Floyd come... simbolo del Rock?

Messaggio da reallytongues » 20/03/2012, 20:18

Come tu hai accennato senza approfondire, o meglio accostando il gruppo con band sbagliate dal punto di vista anagrafico e di durata, i Pink Floyd sono con gli Stones l'unico grande gruppo della prima generazione a durare almeno 3 decenni con grande successo. Questo (oltre ai meriti) li fa delle icone del rock.
I Genesis sono della seconda generzione....
nel continente nero paraponzi ponzi bo

Avatar utente

mimmo il meccanico
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 371
Iscritto il: 18/12/2011, 9:54

Re: I Pink Floyd come... simbolo del Rock?

Messaggio da mimmo il meccanico » 21/03/2012, 12:29

Beh i Pink Floyd sono un autentico munumento. A volte un disco come The Wall ad esempio viene un po' snobbato da alcuni, ma poi vai a vedere e ti accorgi che The Wall era il decimo disco in studio, undicesimo se si conta anche il soundtrack More, datato 1979 cioè ben 12 anni dopo l'esordio, e allora poi viene da chiedersi quale altro gruppo è stato in grado di tirar fuori qualcosa del genere al decimo disco? C'è chi l'ha fatto al primo, al secondo, al quinto, ma al decimo chi? Perciò li ho sempre considerati uno dei massimi esempi di longeva creatività e inventiva applicate al rock. P.S. consentimi però di non essere daccordo sul rapido declino dei Led Zeppelin, per me pur con qualche calo sono stati grandi fino alla fine, e soprattutto poi dopo la morte di Bonzo molto coerenti a dire stop, salvo qualche sporadica rimpatriata.
ok e adesso?

Avatar utente

reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3852
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: I Pink Floyd come... simbolo del Rock?

Messaggio da reallytongues » 21/03/2012, 13:41

Per me i Led Zeppelin dal quarto in poi a parte pochissimi brani sono un gruppo spento, niente a che vedere con la straripante produzione e incredibile evoluzione dei Pink Floyd, dei Beatles ma anche degli Yes, dei Genesis e King Crimson. Gli Stones anche loro sono stati capaci di titar fuori degli album piacevoli e delle hit addirittura anche alla fine dei 70 inizio 80 e pure 90, certo i dischi sono quello che sono, ma merito alla freschezza di alcuni brani ancora oggi da radio a palla. [bye]
nel continente nero paraponzi ponzi bo

Avatar utente

Watcher
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4201
Iscritto il: 06/12/2010, 8:47

Re: I Pink Floyd come... simbolo del Rock?

Messaggio da Watcher » 21/03/2012, 15:26

reallytongues ha scritto:Per me i Led Zeppelin dal quarto in poi a parte pochissimi brani sono un gruppo spento, niente a che vedere con la straripante produzione e incredibile evoluzione dei Pink Floyd, dei Beatles ma anche degli Yes, dei Genesis e King Crimson.
Mi trovi d'accordo sul calo dei Led Zeppelin, e l'evoluzione per i Pink Floyd e i Beatles, ma Yes e Genesis assolutamente no. I Genesis, a mio parere si sono evoluti fino a Trick, gli Yes al massimo fino a Relayer. Dei KC non lo so.
Quando mi contraddico ho ragione due volte.

Avatar utente

reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3852
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: I Pink Floyd come... simbolo del Rock?

Messaggio da reallytongues » 21/03/2012, 16:46

Si posso capire quello che intendi, gli Yes però sono riusciti negli anni 80 a trasformarsi in un suono parecchio moderno per il pop di quell'epoca risultando interessanti nell'aggiornare il prog. Forse meno interessanti i Genesis negli 80, ma queste trasformazioni denotano grande mestiere e classe. Gli Zep sembra che il mestiere e la classe l'abbiano proprio persa. Sono discorsi tirati un pochino per i capelli comunque lo ammetto. [spock]

Riguardo ai K.C di Fripp siamo su un altro pianeta:
i lavori degli 80 e 90 sono sempre eccellenti rimanendo prog.
nel continente nero paraponzi ponzi bo

Avatar utente

Topic author
Harold Barrel
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2338
Iscritto il: 03/12/2010, 15:43
Località: Udine
Contatta:

Re: I Pink Floyd come... simbolo del Rock?

Messaggio da Harold Barrel » 23/03/2012, 14:30

mimmo il meccanico ha scritto: A volte un disco come The Wall ad esempio viene un po' snobbato da alcuni, ma poi vai a vedere e ti accorgi che The Wall era il decimo disco in studio, undicesimo se si conta anche il soundtrack More, datato 1979 cioè ben 12 anni dopo l'esordio, e allora poi viene da chiedersi quale altro gruppo è stato in grado di tirar fuori qualcosa del genere al decimo disco?
Già, neppure i Genesis. Se non sbaglio la loro decima uscita in studio era Duke.
Parlando di The Wall, prima di giudicarlo aspramente (che chi lo fa senza pietà) bisogna anche dare un'occhiata alla storia dell'album: innanzitutto il grande potere decisionale di Waters e la fatica di imporsi da parte degli altri elementi della band... Primo fra tutti Rick Wright. Il clima un po' scontroso in cui il disco è stato concepito è secondo me totalmente diverso da situazioni di idee eterogenee che hanno portato alla realizzazione di capolavori (come lo è stato per Selling England by the Pound), più che altro perchè più di confronti di idee diverse si è imposta l'idea di uno, che sarebbe Waters. Indubbiamente Gilmour il suo contributo l'ha dato, ma non ha contribuito in nessuna maniera all'idea portante di The Wall, almeno per quanto ne sappia.
reallytongues ha scritto:Riguardo ai K.C di Fripp siamo su un altro pianeta:
i lavori degli 80 e 90 sono sempre eccellenti rimanendo prog.
Sì, diciamo che con Robert Fripp il termine Progressive arriva ad abbracciare un genere musicale con influenze e sound totalmente eterogenei, e questo già negli anni '70. Nessuno avrebbe potuto stargli dietro (e infatti nessuno l'ha fatto).
reallytongues ha scritto:Per me i Led Zeppelin dal quarto in poi a parte pochissimi brani sono un gruppo spento [...]
Certo, un declino c'è indubbiamente stato. Ma Houses of the Holy? [chin]
« La vita è la palingenetica obliterazione dell’io trascendentale che s’infutura nell’archetipo prototipo dell’autocoscienza cosmica. »

Ettore Petrolini

Avatar utente

tommy63
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 558
Iscritto il: 04/02/2011, 16:14
Località: Versilia

Re: I Pink Floyd come... simbolo del Rock?

Messaggio da tommy63 » 25/03/2012, 22:46

Io ho sempre amato i Pink,non ricordo un periodo più o meno lungo della mia vita dove i floyd non siano stati a me vicini.In fondo se pensate alla progressione di album considerati storici da loro sfornati in successione, c'è poco da dire, penso che Beatles a parte,non ci sia storia.Del resto io stesso da qualche mese suono in una tribute band dei Pink,e, a parte la soddisfazione di riproporre capolavori assoluti della musica,mi sorprende e mi compiaccio,di quanti (veramente tanti)ragazzi giovani,ma giovani veramente, conoscano a menadito questo immenso gruppo .Questo più di tante parole o considerazioni fa di loro un simbolo eterno nel Rock e nella musica di tutti i tempi.

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8124
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: I Pink Floyd come... simbolo del Rock?

Messaggio da Hairless Heart » 26/03/2012, 0:50

Del resto io stesso da qualche mese suono in una tribute band dei Pink
O.T. : perchè non ci parli più dettagliatamente di questa tua band, magari con un bel topic nell'apposita sezione? Scaletta, eventuali serate, ecc?
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

ella
Novellino
Novellino
Messaggi: 30
Iscritto il: 25/03/2012, 18:42

Re: I Pink Floyd come... simbolo del Rock?

Messaggio da ella » 27/03/2012, 21:05

W Syd Barrett
Il sonno della ragione genera mostri

Rispondi