Le migliori suite del progressive (prendendola larga)

Sezione dedicata a tutti i gruppi Progressive Rock.

Moderatori: MrMuschiato, Hairless Heart, Harold Barrel, Watcher

Avatar utente

Guaster
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 8
Iscritto il: 04/02/2015, 17:21

Re: Le migliori suite del progressive (prendendola larga)

Messaggioda Guaster » 21/03/2015, 19:17

Forse mi sono distratto :o ma non mi sembra d'aver visto la mitica suite di ELP del 71: Tarkus!

Avatar utente

Autore del Topic
Il mago di Floz
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1068
Iscritto il: 11/12/2014, 15:32
Località: Provincia di Como

Re: Le migliori suite del progressive (prendendola larga)

Messaggioda Il mago di Floz » 21/03/2015, 19:27

L'ho messa in ventesima posizione. ;-)
I can't bring you, 'cause it's just too cold; and while I'm out here digging alone, well: I'll bring you home gold nuggets in the spring.

Avatar utente

rim67
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1809
Iscritto il: 06/04/2013, 22:23

Re: Le migliori suite del progressive (prendendola larga)

Messaggioda rim67 » 21/03/2015, 23:08

Hairless Heart ha scritto:Evans al suo massimo assoluto, alcune parti sono solo sue.

Ahh quanto mi piace: indispensabile e sontuoso [approve]
La vita dentro agli occhi dei bambini denutriti, allegramente malvestiti, che nessun detersivo potente può aver veramente sbiaditi.

Avatar utente

rim67
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1809
Iscritto il: 06/04/2013, 22:23

Re: Le migliori suite del progressive (prendendola larga)

Messaggioda rim67 » 21/03/2015, 23:18

Il mago di Floz ha scritto:.....e il secondo di A passion play. :-D

anche se ai più non piace (e parlo di estimatori dei JT) secondo me è un capolavoro!
La vita dentro agli occhi dei bambini denutriti, allegramente malvestiti, che nessun detersivo potente può aver veramente sbiaditi.

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 6500
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: Le migliori suite del progressive (prendendola larga)

Messaggioda Hairless Heart » 21/03/2015, 23:27

Il mago di Floz ha scritto:(Sezione Jethro Tull o pietra miliare?)

Direi sezione J Tull, pietre tulliche ce ne sono già 2.
Poi mi aspetto comunque il contributo anche degli altri.
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

aorlansky60
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 170
Iscritto il: 09/07/2018, 12:09

Re: Le migliori suite del progressive (prendendola larga)

Messaggioda aorlansky60 » 18/07/2018, 9:38

Hairless Heart ha scritto:
Il mago di Floz ha scritto:3. The gates of delirium, Yes

Ho provato a riascoltarla ieri. L'inizio è buono, non parliamo del finale con Soon.
Ma la sezione centrale, quella che va più o meno dal minuto 8 al minuto 13?? La trovo una caciara inascoltabile, mi sono imposto di ascoltarla tutta ma ho fatto molta fatica.


...

INCREDIBILE

Nel senso che quanto ha scritto qui a suo tempo HAIRLESS riferito a "The GATES OF Delirium" è così simile al pensiero critico che ho su questa suite, che potrei avere scritto ESATTAMENTE LE STESSE PAROLE!
In particolare la "sofferenza d'ascolto" che si genera proprio dal minuto 8:00
Ultima modifica di aorlansky60 il 18/07/2018, 10:16, modificato 1 volta in totale.
Ama tutti, credi a pochi, non far male a nessuno.

Avatar utente

aorlansky60
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 170
Iscritto il: 09/07/2018, 12:09

Re: Le migliori suite del progressive (prendendola larga)

Messaggioda aorlansky60 » 18/07/2018, 10:08

Per quanto vale ormai, visto che è passato molto tempo da quando l'avete stilata, la mia personale classifica di preferenza.

NOTA: prendo in considerazione esclusivamente brani che al tempo "riempirono" una singola facciata di Lp, che era il criterio di base con il quale un brano era definito "suite" negli anni 70; tanto per fare capire che importanza avesse la capacità massima riempitiva del media standard del tempo (ovvero l'LP vinile, nei suoi 25 minuti per ogni facciata, comprimendo al massimo i solchi, oltre il quale insorgeva il pericolo che una puntina a taglio conico o ellittico del fonorivelatore potesse "saltare" i solchi) nello stimolare gli artisti del tempo a confrontarsi con un brano da oltre 20 minuti che celava il pericolo -contrariamente allo stereotipo pop da 3 minuti- di non essere sempre ad alto livello espressivo e quindi con il rischio di generare noia all'ascolto, un rischio che non tutti gli autori seppero schivare.

cito solo i titoli, visto che gli autori dovrebbero essere ormai noti anche ai sassi e perfino fuori dal Sistema Solare...

1) CLOSE TO THE EDGE
2) TARKUS
3) SUPPER's READY
4) HERGEST RIDGE part 1
5) TUBULAR BELLS part 1 e 2 (exequo)
6) PLAGUE OF LIGHTHOUSE KEEPERS
7) ATOM EARTH MOTHER
8) THICK AS A BRICK
9) NINE FEET UNDERGROUND
10) ERUPTION - una tra le meno note e quasi mai citate... FOCUS, dal loro 2ndo album MOVING WAVES
11) THE SONG OF SCHEHERAZADE
12) THE REMEMBERING (HIGH THE MEMORY)
13) ECHOES

Possono bastare.
Ama tutti, credi a pochi, non far male a nessuno.


Torna a “Progressive Rock”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti