The Rolling Stones - Beggar's Banquet (1968)

Moderatori: Harold Barrel, Watcher, Hairless Heart, MrMuschiato

Avatar utente

Topic author
Harold Barrel
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2327
Iscritto il: 03/12/2010, 15:43
Località: Udine
Contatta:

The Rolling Stones - Beggar's Banquet (1968)

Messaggio da Harold Barrel » 24/11/2011, 23:05

Immagine

Tracce

1. Sympathy for the Devil - 6:18
2. No Expectations - 3:56
3. Dear Doctor - 3:21
4. Parachute Woman - 2:20
5. Jigsaw Puzzle - 6:05
6. Street Fighting Man - 3:15
7. Prodigal Son - 2:51
8. Stray Cat Blues - 4:37
9. Factory Girl - 2:08
10. Salt of the Earth - 4:47


La copertina di quest'album non è certo delle più attraenti... [smile]
Ma cerchiamo di andare oltre questa piccola follia per avventurarci in una ancora più grande: la musica che vi è contenuta.

Wikipedia dice
In seguito alle lunghe sessioni di registrazione per l'album precedente (Their Satanic Majesties Request), Mick Jagger decise che la band avesse bisogno di una sorta di direttore in studio di registrazione.
In effetti questo è forse il primo album dei Rolling Stones che si può ascoltare dall'inizio alla fine senza avere quella fastidiosa tentazione di dare un bel calcio al giradischi. [smile]
Non è certo un disco perfetto, ma emerge uno stile perfettamente Blues-Rock, forse anche orecchiabile, che sarebbe poi stato da modello per le produzioni degli Stones fino alla prima metà degli anni '70.

Fra le prime canzoni incise per l'album ci fu Jumping Jack Flash, un bellissimo pezzo che però ne fu escluso e che, se non sbaglio, fu pubblicato come singolo e ottenne un grande successo.

Esprimerò delle preferenze per alcuni brani del disco che secondo me sono delle vere perle:
-in primis Sympathy for the Devil, un bel Blues di 6 minuti dove la pazzia di Jagger dà i suoi massimi frutti [smile]
-un'altra mia preferenza va Jigsaw Puzzle, registrata maluccio, ma secondo me ha un ritmo e un sound che prende molto
-infine Stray Cat Blues, che reputo uno dei brani più riusciti dei Rolling Stones. Un Blues decisamente poco banale, con una linea di basso coinvolgente.

A voi [smile]
« La vita è la palingenetica obliterazione dell’io trascendentale che s’infutura nell’archetipo prototipo dell’autocoscienza cosmica. »

Ettore Petrolini

Avatar utente

Topic author
Harold Barrel
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2327
Iscritto il: 03/12/2010, 15:43
Località: Udine
Contatta:

Re: The Rolling Stones - Beggar's Banquet (1968)

Messaggio da Harold Barrel » 24/11/2011, 23:09

Per chi non conoscesse l'album, alcuni consigli di ascolto.

Sympathy for the Devil
http://www.youtube.com/watch?v=Je8MXiwmNIk

Jigsaw Puzzle
http://www.youtube.com/watch?v=eyyLOOvwIts

Stray Cat Blues
http://www.youtube.com/watch?v=lDTe0aq0MkY

Buon ascolto [bye]
« La vita è la palingenetica obliterazione dell’io trascendentale che s’infutura nell’archetipo prototipo dell’autocoscienza cosmica. »

Ettore Petrolini

Avatar utente

tommy63
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 558
Iscritto il: 04/02/2011, 16:14
Località: Versilia

Re: The Rolling Stones - Beggar's Banquet (1968)

Messaggio da tommy63 » 25/11/2011, 20:37

Come ho già commentato fu facebook,per me questo disco insieme a Exile ed a sticky rappresenta la summa dei Rolling Stones,un album fondamentalmente acustico di una bellezza rara.Grazie ad Harold per averlo messo in rilievo.

Avatar utente

Topic author
Harold Barrel
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2327
Iscritto il: 03/12/2010, 15:43
Località: Udine
Contatta:

Re: The Rolling Stones - Beggar's Banquet (1968)

Messaggio da Harold Barrel » 26/11/2011, 13:51

tommy63 ha scritto:Grazie ad Harold per averlo messo in rilievo.
Grazie a te, Tommy [approve]
tommy63 ha scritto: (...) un album fondamentalmente acustico di una bellezza rara.
Questo è indubbio... Però che cosa intendi con "fondamentalmente acustico"? Che rappresenta una svolta nel sound degli Stones?
« La vita è la palingenetica obliterazione dell’io trascendentale che s’infutura nell’archetipo prototipo dell’autocoscienza cosmica. »

Ettore Petrolini

Avatar utente

JakeBlues
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 15
Iscritto il: 29/08/2011, 15:50

Re: The Rolling Stones - Beggar's Banquet (1968)

Messaggio da JakeBlues » 26/11/2011, 15:36

Disco bellissimo, fatta eccezione per la copertina come fa notare Harold [smile]
Grandi musicisti che in fondo avevano soltanto bisogno di riordinare perbene le loro idee per produrre qualcosa di strepitoso.
Credo anch'io che quest'album segni un punto di svolta nel loro modo di fare musica... Rispetto a quelli precedenti, non c'è confronto [approve]

Avatar utente

tommy63
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 558
Iscritto il: 04/02/2011, 16:14
Località: Versilia

Re: The Rolling Stones - Beggar's Banquet (1968)

Messaggio da tommy63 » 26/11/2011, 22:50

Scusa Harold,mi sono espresso male:intendevo che la chitarra acustica in questo album ricopre un ruolo importante,basta ascoltare Factory Girl,Dear Doctor,No expectetion,prodigal son ed anche salt of the earth ha diciamo una componente acustica,del resto gli Stones dopo il flop di between the buttons e la sbandata psichedelica di Satanic,tornarono con questo disco alle loro vere radici, fatte di r&B,blues e country.

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 7967
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: The Rolling Stones - Beggar's Banquet (1968)

Messaggio da Hairless Heart » 26/11/2011, 23:12

Come ho già ripetutamente detto, considero Sympathy di gran lunga la più bella canzone degli Stones.
Ma, come album, quello che contiene più canzoni di livello è Aftermath.
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

Topic author
Harold Barrel
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2327
Iscritto il: 03/12/2010, 15:43
Località: Udine
Contatta:

Re: The Rolling Stones - Beggar's Banquet (1968)

Messaggio da Harold Barrel » 27/11/2011, 12:08

tommy63 ha scritto:Scusa Harold,mi sono espresso male:intendevo che la chitarra acustica in questo album ricopre un ruolo importante,basta ascoltare Factory Girl,Dear Doctor,No expectetion,prodigal son ed anche salt of the earth ha diciamo una componente acustica,del resto gli Stones dopo il flop di between the buttons e la sbandata psichedelica di Satanic,tornarono con questo disco alle loro vere radici, fatte di r&B,blues e country.
Bene, ora ho capito.

Sì, e per quanto riguarda la chitarra (elettrica) aggiungerei una cosa: Mick Taylor se ne uscì con un suono a mio parere molto suggestivo, una specie di "tape overdrive"... Grezzo, molto Blues, credo perfetto per due canzoni come Jumping Jack Flash e Street Fighting Man. ;)
« La vita è la palingenetica obliterazione dell’io trascendentale che s’infutura nell’archetipo prototipo dell’autocoscienza cosmica. »

Ettore Petrolini

Avatar utente

Progknight94
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1199
Iscritto il: 21/05/2011, 19:09
Località: Cartelfranco Veneto (tv)

Re: The Rolling Stones - Beggar's Banquet (1968)

Messaggio da Progknight94 » 27/11/2011, 15:40

Vero! ottimo suono!

Avatar utente

Topic author
Harold Barrel
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2327
Iscritto il: 03/12/2010, 15:43
Località: Udine
Contatta:

Re: The Rolling Stones - Beggar's Banquet (1968)

Messaggio da Harold Barrel » 28/11/2011, 16:36

Progknight94 ha scritto:Vero! ottimo suono!
Già... Peccato però che non sono mai riuscito a riprodurlo!
E perdipiù dal vivo non lo usavano mai. Mistero.
« La vita è la palingenetica obliterazione dell’io trascendentale che s’infutura nell’archetipo prototipo dell’autocoscienza cosmica. »

Ettore Petrolini

Avatar utente

JakeBlues
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 15
Iscritto il: 29/08/2011, 15:50

Re: The Rolling Stones - Beggar's Banquet (1968)

Messaggio da JakeBlues » 07/12/2011, 17:59

Hairless Heart ha scritto:Come ho già ripetutamente detto, considero Sympathy di gran lunga la più bella canzone degli Stones.
Secondo me è il brano che spicca di più in questo album. Ed è anche la traccia registrata meglio. L'assolo di Mick, poi... Breve, ma prossimo alla perfezione.

Avatar utente

reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3852
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: The Rolling Stones - Beggar's Banquet (1968)

Messaggio da reallytongues » 14/12/2011, 16:34

Vero è che pur essendo un album con canzoni "dure" e ritmicamente selvagge è sempre (o quasi adesso non sto ascoltando il disco) una chitarra acustica a condurre, esempio incredibile è "Street Fighting Man" che travolge senza nessun bisogno di distorcere nulla.

Interessante il film sulla creazione di "Sympathy ..", per arrivare a quel ritmo hanno lavorato per tantissimo tempo, in effetti quella creazione ritmica è stata rivoluzionaria per il blues-rock, quasi un assaggio della futura era house rock dei Primal Scream.

"Jig Saw Puzzle" è bellissima...
nel continente nero paraponzi ponzi bo

Avatar utente

Topic author
Harold Barrel
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2327
Iscritto il: 03/12/2010, 15:43
Località: Udine
Contatta:

Re: The Rolling Stones - Beggar's Banquet (1968)

Messaggio da Harold Barrel » 14/12/2011, 18:22

reallytongues ha scritto:Vero è che pur essendo un album con canzoni "dure" e ritmicamente selvagge è sempre (o quasi adesso non sto ascoltando il disco) una chitarra acustica a condurre, esempio incredibile è "Street Fighting Man" che travolge senza nessun bisogno di distorcere nulla.
Secondo me un po' di distorsione in Street Fighting Man c'è, anche se non è una chitarra elettrica. Però mi hai fatto venire il dubbio... Me la risento e poi di saprò dire [chin]
reallytongues ha scritto:Interessante il film sulla creazione di "Sympathy ..", per arrivare a quel ritmo hanno lavorato per tantissimo tempo, in effetti quella creazione ritmica è stata rivoluzionaria per il blues-rock, quasi un assaggio della futura era house rock dei Primal Scream.
Qua mi cogli assolutamente sprovvisto [smile]
Non ho mai sentito parlare di questo film... Di che cosa si tratta??
reallytongues ha scritto:"Jig Saw Puzzle" è bellissima...
Verissimo [approve]
Però avrebbero potuto registrarla un po' meglio.
« La vita è la palingenetica obliterazione dell’io trascendentale che s’infutura nell’archetipo prototipo dell’autocoscienza cosmica. »

Ettore Petrolini

Avatar utente

reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3852
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: The Rolling Stones - Beggar's Banquet (1968)

Messaggio da reallytongues » 14/12/2011, 19:30

Il film "Sympathy For The Devil" è un film di Jean-Luc Godard. In due parole si tratta di un suo monologo per immagini e parole in cui tratta vari temi frammezzato con le riprese sulla registrazione della canzone.
Interessante perchè la lavorazione sul brano parte proprio dai 3 accordi iniziali buttati li con Jagger che prova a cantarci sopra e prima di arrivare alla soluzione finale non ricordo quante prove hanno fatto e quante soluzioni hanno tentato....
Uno dei documenti più preziosi su come nasce una canzone immortale.
nel continente nero paraponzi ponzi bo


Numb
Novellino
Novellino
Messaggi: 45
Iscritto il: 16/12/2011, 14:45

Re: The Rolling Stones - Beggar's Banquet (1968)

Messaggio da Numb » 16/12/2011, 15:33

adoro Street Fighting Man, un manifesto dello spirito rock

Avatar utente

mimmo il meccanico
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 371
Iscritto il: 18/12/2011, 9:54

Re: The Rolling Stones - Beggar's Banquet (1968)

Messaggio da mimmo il meccanico » 05/02/2012, 22:36

Sicuramente uno dei dischi migliori delle pietre rotolanti. Insomma Sympathy For the Devil è forse la loro canzone simbolo per eccellenza. Street Fighting Man, Stray Cat Blues... ma bellissima anche la conclusiva Salt of The Heart. Con gli Stones è il trionfo della ruvida semplicità, questo è un disco essenziale, senza fronzoli, ma allo stesso tempo intenso e pieno di fascino. Da questo fino a Exile on Main St sono solo Capolavori.
ok e adesso?

Avatar utente

Topic author
Harold Barrel
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2327
Iscritto il: 03/12/2010, 15:43
Località: Udine
Contatta:

Re: The Rolling Stones - Beggar's Banquet (1968)

Messaggio da Harold Barrel » 07/02/2012, 19:27

mimmo il meccanico ha scritto: questo è un disco essenziale, senza fronzoli
Credo non ci siano molti album degli Stones con fronzoli...
« La vita è la palingenetica obliterazione dell’io trascendentale che s’infutura nell’archetipo prototipo dell’autocoscienza cosmica. »

Ettore Petrolini

Avatar utente

twoofus
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1427
Iscritto il: 19/06/2015, 13:29

Re: The Rolling Stones - Beggar's Banquet (1968)

Messaggio da twoofus » 25/06/2015, 11:09

JakeBlues ha scritto:
Hairless Heart ha scritto:Come ho già ripetutamente detto, considero Sympathy di gran lunga la più bella canzone degli Stones.
Secondo me è il brano che spicca di più in questo album. Ed è anche la traccia registrata meglio. L'assolo di Mick, poi... Breve, ma prossimo alla perfezione.
Qual è l'assolo di Mick in Sympathy? Mick Taylor non è in Beggar's banquet.

Il film di Godard si chiama One plus One ed è facilmente reperibile in DVD.
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead.

Avatar utente

reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3852
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: The Rolling Stones - Beggar's Banquet (1968)

Messaggio da reallytongues » 25/06/2015, 20:03

fantastico il docu di Godard che riprende il work in progress su "Sympathy..."
l'idea di inserire quel ritmo di congas è stato un colpo di genio assoluto, tanto, secondo me da essere il primo brano "baggy" della storia precedendo di 20 anni il "madchester sound" anni 80-90 (diciamo il rock influenzato dagli anni 60 mischiato a ritmi ballabili)

mi sa che l'assolo è di Brian Jones, uno dei suoi ultimi assoli prima di morire
nel continente nero paraponzi ponzi bo

Avatar utente

twoofus
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1427
Iscritto il: 19/06/2015, 13:29

Re: The Rolling Stones - Beggar's Banquet (1968)

Messaggio da twoofus » 26/06/2015, 11:07

No no, è di Keith Richards. Jones suona l'acustica.
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead.

Rispondi