You may say i'm a dreamer

Moderatori: MrMuschiato, Harold Barrel, Watcher, Hairless Heart, reallytongues

Avatar utente

Autore del Topic
Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 6123
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

You may say i'm a dreamer

Messaggioda Hairless Heart » 07/10/2017, 19:40

Trattasi di un libro di commento ai testi di John Lennon, pubblicato nel 2014 ad opera di Riccardo Russino e Vincenzo Oliva. Al solito un ottimo lavoro (pazienza per qualche svarione/ripetizione dovute alla fretta dell'editore). Ogni capitolo tratta un album di Lennon inserendolo nel contesto della vita privata di John, per ogni canzone vengono tradotte le frasi più significative, a formare un vero e proprio diario personale (la sua relazione con Yoko, il rapporto con la madre, il rapporto con gli altri ex-Beatles, e quant'altro). E, dulcis in fundo, una carrellata dei brani inediti di Lennon, alcuni dei quali si possono trovare in cofanetti o bootleg, e spesso degni di attenzione.
Questo libro contribuisce a riportare a galla la verità sulla figura di Yoko Ono, la quale è molto meno colpevole dello scioglimento dei Beatles di quanto si sia sempre pensato, e anzi, è la figura di cui John aveva bisogno per completarsi come uomo.
Aneddoti ce ne sono tanti, ne cito solo uno, assolutamente esilarante. :lol:
Quando uscì The Wedding, il terzo degli album che per carineria mi limito a definire "sperimentali", contenente conversazioni, suoni e rumori, ne venne mandata una copia, fra gli altri, ad un giornalista del Melody Maker. La Emi inviava all'uopo dei test-press coi due lati del disco separati su due supporti, ognuno dei quali aveva nel lato vuoto dei sibili elettronici. L'ineffabile giornalista, credendo di aver ricevuto un album doppio, per farsi vedere esperto di avanguardia, scrisse che le facciate migliori erano la seconda e la quarta!....."con dei sibili dalle interessanti variazioni di toni e semitoni"... :lol: John gli rispose, via telegramma, che il critico aveva superato l'artista.....
Ancora complimenti al Russino e all'Oliva. Ricordo che Vincenzo Oliva è lo pseudonimo che usa nella vita di tutti i giorni il nostro twoofus, e che fra le altre cose aveva scritto

http://vintagerockforum.altervista.org/forum/viewtopic.php?f=37&t=1090
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow


twoofus
Apprendista Rocker
Apprendista Rocker
Messaggi: 77
Iscritto il: 19/06/2015, 13:29

Re: You may say i'm a dreamer

Messaggioda twoofus » 24/10/2017, 9:11

Grazie per le belle parole, Hairless. Ti invierò una cassetta con i sibili del Wedding Album! [smile]

Avatar utente

Autore del Topic
Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 6123
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: You may say i'm a dreamer

Messaggioda Hairless Heart » 26/10/2017, 16:58

Fremo nell'attesa.... [smile]
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow


Torna a “Beatles”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 8 ospiti

cron