Top 10 (le preferite di roberto63)

In questa sezione ciascuno di voi può proporre una classifica di 10 brani che a vostro parere hanno contraddistinto la carriera di tutti artisti Rock.

Moderatori: Hairless Heart, Harold Barrel, Watcher


Topic author
roberto63
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1347
Iscritto il: 07/03/2013, 16:23
Località: Savona

Re: Top 10 (le preferite di roberto63)

Messaggio da roberto63 » 03/06/2013, 14:18

Hairless Heart ha scritto:(Che Roberto ci perdoni.....)
Danger money decisamente si.
Il primo non lo conosco, ma in genere ha recensioni migliori.
Immagine
Clicca qui o sull'immagine per ingrandire
:lol:
Teorema di Stockmayer:
Se sembra facile, è dura.
Se sembra difficile, è fottutamente impossibile.


Topic author
roberto63
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1347
Iscritto il: 07/03/2013, 16:23
Località: Savona

Re: Top 10 (le preferite di roberto63)

Messaggio da roberto63 » 04/06/2013, 16:34

2° POSTO

CHICAGO - INTRODUCTION (CHICAGO AT CARNEGIE HALL, 1971)

Brano dal titolo anonimo, ma appunto indicativo delle coordinate musicali della band, contenuto nel primo album Chicago Transit Authority del 1969.
Questa versione è un po' più estesa, in linea con le notevoli doti solistiche dei componenti, in particolare del chitarrista Terry Kath che ha un ruolo predominante esprimendosi anche in veste di cantante. Palesi e ben amalgamate le influenze jazz, qui evidenziate dalla parte solistica affidata alla tromba di Lee Loughnane, una costante di larga parte della loro produzione dagli inizi almeno fino al '72-'73 per poi diluirsi ed estinguersi in favore di un soft rock elegante, ma molto commerciale.

In circa sette minuti danno prova delle loro grandi qualità, non ultima la favolosa sezione ritmica in cui spicca il batterista Danny Seraphine:

Teorema di Stockmayer:
Se sembra facile, è dura.
Se sembra difficile, è fottutamente impossibile.

Avatar utente

reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3852
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: Top 10 (le preferite di roberto63)

Messaggio da reallytongues » 04/06/2013, 17:16

Grande! Quel primo disco è una bomba! Poi cavolo Kath dal vivo era veramente un mostro, grande personalità vocale e chitarristica. Bellissima la progressione dal min 4,40.
CHICAGO VOTO: 8
nel continente nero paraponzi ponzi bo

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8130
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: Top 10 (le preferite di roberto63)

Messaggio da Hairless Heart » 04/06/2013, 18:43

Però, per i voti, è meglio se ci basiamo sulle versioni originali (a meno che non siano inediti live).
Ad ogni buon conto, posto qui l'originale (almeno credo sia questo). Poi chi deve votare facci come crede. ;)



Personalmente preferisco questa.
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

rim67
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2386
Iscritto il: 06/04/2013, 22:23

Re: Top 10 (le preferite di roberto63)

Messaggio da rim67 » 04/06/2013, 19:05

Accidenti che gran pezzo di canzone mi sono perso [wall] [wall] ...ho sempre sottovalutato i Chicago, mannaggia a me [wall] [wall]
Voto: 9
Una convinzione non è solo un'idea che la mente possiede, è un'idea che possiede la mente.


Topic author
roberto63
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1347
Iscritto il: 07/03/2013, 16:23
Località: Savona

Re: Top 10 (le preferite di roberto63)

Messaggio da roberto63 » 04/06/2013, 19:35

rim67 ha scritto:Accidenti che gran pezzo di canzone mi sono perso [wall] [wall] ...ho sempre sottovalutato i Chicago, mannaggia a me [wall] [wall]
Voto: 9
Beh, effettivamente i Chicago post metà anni '70 persero gran parte del loro smalto. La morte assurda di Terry Kath avvenuta nel 1978 li affossò dal punto di vista artistico.
I primi Chicago erano un fiume impetuoso di creatività. Introduction ne è un ottimo condensato. Certo, si sente poco Lamm, che è un musicista molto preparato.

Confesso che ero incerto fra il brano scelto - ho optato per la versione live perché ho quell'album in edizione lussuosa con quattro lp che nel 1984 mi costò la cifra di £ 48.000 a cui sono particolarmente affezionato - e Sing a mean tune kid, più lunga, molto jazzata e con una parte di chitarra solista di Kath da antologia. :D
Ultima modifica di roberto63 il 05/06/2013, 14:54, modificato 1 volta in totale.
Teorema di Stockmayer:
Se sembra facile, è dura.
Se sembra difficile, è fottutamente impossibile.

Avatar utente

Mick Channon
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2100
Iscritto il: 19/09/2012, 15:35

Re: Top 10 (le preferite di roberto63)

Messaggio da Mick Channon » 05/06/2013, 8:08

Ancora una grande scelta.Ora non esagero,se i Chicago si fossero fermati ai primi 3 album sarebbero sicuramente nella mia top 5 delle band preferite.Terry Kath un mostro,forse ingiustamente sottovalutato.Voto per il brano 9
Tutti sognano di tornare bambini,anche i peggiori fra noi.Forse i peggiori lo sognano più di tutti.

Avatar utente

Watcher
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4201
Iscritto il: 06/12/2010, 8:47

Re: Top 10 (le preferite di roberto63)

Messaggio da Watcher » 05/06/2013, 9:18

Sì, tre album sarebbero bastati, ... per noi, che ce ne freghiamo del successo altrui, ma la grana l'hanno fatta con le canzonette tipo If You Leave Me Now, Hard To Say I'm Sorry etc. Brani pop ben confezionati da hit parade ma molto lontani dalla genuinità dei primi lavori.
Ne conosco un'altra band, inglese però, ... che più o meno .... [fisc]

Voto 8,5 per Introduction
Quando mi contraddico ho ragione due volte.

Avatar utente

reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3852
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: Top 10 (le preferite di roberto63)

Messaggio da reallytongues » 05/06/2013, 9:28

Io al Liceo ero veramente un grande fan dei Chicago. Soprattutto il secondo l'ho ascoltato fino alla nausea. Poi avevo pure affittato e registrato un live mi sembra del 69 addirittura, ma ho perso la cassetta.
Anche nei brani più pop erano dei maestri. Ho il Greatest Hits album e secondo me è da avere.

Immagine
nel continente nero paraponzi ponzi bo

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8130
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: Top 10 (le preferite di roberto63)

Messaggio da Hairless Heart » 05/06/2013, 14:42

No, niente da fare, non rientrano nelle mie corde: sarà per la sezione fiati, sarà per la voce "nera", non so.
Darò lo stesso voto che ho dato a suo tempo al pezzo proposto da Mick Channon: voto 6.
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow


Topic author
roberto63
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1347
Iscritto il: 07/03/2013, 16:23
Località: Savona

Re: Top 10 (le preferite di roberto63)

Messaggio da roberto63 » 07/06/2013, 18:09

1° POSTO - 32-20 BLUES - GOV'T MULE - (Live... With a Little Help from Our Friends, 1999)

Canzone di Robert Johnson, figura fondamentale del Blues neroamericano degli anni '30. L'ho scelta per la brillante freschezza e la straripante energia che fuoriesce dai solchi di questo album uscito anche in versione collector's edition di 4 CD.
i "Muli" sono nati come una costola degli Allman Brothers riformatisi negli anni '90 e resuscitati a nuova vita. In questo leggendario blues dai forti aromi sudisti suonano Warren Haynes: chitarra e voce solista; Allen Woody: basso; Matt Abts: batteria; Derek Trucks - chitarra slide e Chuck Leavell: piano. Trucks e Leavell sono le guest stars. :)

Si tratta di un pezzo live inedito, mai inciso in precedenza negli album di studio dei Gov't Mule.

Teorema di Stockmayer:
Se sembra facile, è dura.
Se sembra difficile, è fottutamente impossibile.

Avatar utente

STH
Apprendista Rocker
Apprendista Rocker
Messaggi: 136
Iscritto il: 26/03/2013, 12:40

Re: Top 10 (le preferite di roberto63)

Messaggio da STH » 07/06/2013, 20:17

CHICAGO - INTRODUCTION

Voto: 8

32-20 BLUES - GOV'T MULE

Voto: 8

Non vado pazzo per il blues, ma questo pezzo è veramente bello.

Avatar utente

rim67
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2386
Iscritto il: 06/04/2013, 22:23

Re: Top 10 (le preferite di roberto63)

Messaggio da rim67 » 08/06/2013, 14:47

M'è piaciuto molto il piano che cammina sopra questo tappeto blues [smile] [smile]
Voto: 8
Una convinzione non è solo un'idea che la mente possiede, è un'idea che possiede la mente.

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8130
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: Top 10 (le preferite di roberto63)

Messaggio da Hairless Heart » 08/06/2013, 17:56

roberto63 ha scritto:Si tratta di un pezzo live inedito
[smile]

....Cosa penso io del blues, si sa.
Per quel che ne posso sapere io, questo brano è da considerarsi un blues da manuale (nel bene e nel male....), da tipica jam-session. Un pezzo così può essere nobilitato o da un riff portante particolarmente efficace, o da uno o più assoli di quelli che non si dimenticano. Qui purtroppo non ho trovato né l'uno né l'altro. Naturalmente c'è solo da inchinarsi alla bravura tecnica della band, ma io tutto sommato non vado oltre il 5. :o
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow


massy64
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 182
Iscritto il: 18/03/2013, 15:01

Re: Top 10 (le preferite di roberto63)

Messaggio da massy64 » 08/06/2013, 20:25

CHICAGO - INTRODUCTION

Conosco pochissimo i Chicago e quel poco, sinceramente, non mi fa impazzire.
Indubbiamente "questi" Chicago sono parecchio distanti, direi anni luce, da quelli che ho ascoltato io ma è evidente che quando una band sforna più di 20 dischi a meno di non voler restare attorcigliata su se stessa deve cambiare...in meglio o in peggio chi può dirlo? [happy]
Personalmente ho una concezione del rock che, mio grande limite certamente, esula da strumenti del tipo trombone e quant'altro per cui, sia pur a malincuore, non me la sento di andare oltre la sufficienza.

6


32-20 BLUES - GOV'T MULE

Il blues, ormai penso si sia capito, non è il mio pane quotidiano e quindi la tentazione sarebbe di bissare il 6 dei Chicago.
Però (c'è un però) in questo caso specifico ci troviamo al cospetto di un chitarrista che (lo vogliamo dire? :D ) è sostanzialmente un padreterno e siccome nella mia concezione del rock di cui sopra la chitarra occupa un posticino leggermente al di sopra del trombone stavolta dico:

8.....ma proprio perchè non amo il genere [smile]

Avatar utente

Aylene
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 151
Iscritto il: 02/03/2013, 7:44

Re: Top 10 (le preferite di roberto63)

Messaggio da Aylene » 08/06/2013, 23:08

Chicago -Introduction

Con tutta la buona volontà, pur non trovandolo inascoltabile, non mi piace. Sono sonorità che non apprezzo particolarmente.

Voto 6

Gov't Mule - 32-20 Blues

I Muli li conosco da tempo e li ho sempre apprezzati moltissimo. Hanno un chitarrista che, forse, è uno dei migliori 5 in circolazione, ascoltare come suona lui la chitarra è un godimento senza pari...nonostante il blues non sia tra i generi che prediligo pur non dispiacendomi. Un pezzo suonato in modo magistrale da Warren Haynes.

Voto 9


Topic author
roberto63
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1347
Iscritto il: 07/03/2013, 16:23
Località: Savona

Re: Top 10 (le preferite di roberto63)

Messaggio da roberto63 » 09/06/2013, 10:09

Considerazioni sparse su Gov't Mule, Blues e affini:
la scelta è stata fatta per celebrare il Blues ed una delle band migliori che nella contemporaneità tiene alto il vessillo del blues rock americano e per dare al sud degli States il ruolo che merita nella musica americana del XX secolo, sud inteso nell'accezione più ampia possibile a partire da New Orleans.
Ci sono decine (forse anche qualche centinaio a contarli tutti...) :) di pezzi nei quali compaiono assoli memorabili di chitarra in un repertorio che comincia dalla Butterfield Blues Band e passa attraverso Canned Heat, Cream, John Mayall e le varie edizioni dei Blues Breakers, Mike Bloomfield solista con e senza Al Kooper, Allman Brothers Band, Johnny Winter, Stevie Ray Vaughan ecc...fino a Joe Bonamassa e ai Gov't Mule, ma non m'interessava più di tanto far emergere uno dei grandi solisti, quanto piuttosto la forza e l'importanza del retroterra che ha dato luogo a tanta parte del rock.
I Gov't Mule tanto per capirci come i Phish, senza risultare talvolta troppo cerebrali e un po' narcisi, suonano da Afro Blue di Mongo Santamaria - qualcuno conosce senz'altro ciò che ne ha saputo fare un certo John Coltrane - a War pigs a 21st Century schizoid man.
Quindi eclettismo a livelli alti e tanto amore per le radici.

Ultima nota sul pezzo: sì, Haynes suona ispiratissimo, ma le due guest stars Trucks e Leavell elevano notevolmente lo spirito della canzone di Johnson.
Teorema di Stockmayer:
Se sembra facile, è dura.
Se sembra difficile, è fottutamente impossibile.

Avatar utente

Mick Channon
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2100
Iscritto il: 19/09/2012, 15:35

Re: Top 10 (le preferite di roberto63)

Messaggio da Mick Channon » 10/06/2013, 8:23

Devo ammettere che non conosco nulla dei Gov't Mule,come non conosco molto il blues moderno,ma è blues e di quello buono per giunta.Non conoscendo il brano e per i pochi ascolti il voto ne risente.7.5
Tutti sognano di tornare bambini,anche i peggiori fra noi.Forse i peggiori lo sognano più di tutti.

Avatar utente

reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3852
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: Top 10 (le preferite di roberto63)

Messaggio da reallytongues » 10/06/2013, 19:08

Li conoscevo di nome. Non mi esalta molto questo brano, la slide è molto ben suonata, ma questo tipo di rock blues non è molto nelle mie corde...
Aspetto che la ascolto ancora, non ho avuto molto tempo ultimamente.
Ciao
nel continente nero paraponzi ponzi bo

Avatar utente

Watcher
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4201
Iscritto il: 06/12/2010, 8:47

Re: Top 10 (le preferite di roberto63)

Messaggio da Watcher » 13/06/2013, 9:02

Ho problemi di connessione (almeno fino al 20 di questo mese, spero) e non riesco a vedere youtube. Per cui mi riservo di dare il mio giudizio sulle canzoni dopo questa data. Mi raccomando, aspettate!

Non ripeto questo post per le altre TOP10 in corso ma comunque vale anche per gli altri.
Quando mi contraddico ho ragione due volte.

Bloccato