I "diseredati" del rock

Spazio di riflessione dedicato a discussioni meta-musicali o che toccano diversi generi musicali contemporaneamente.

Moderatori: Harold Barrel, Watcher, Hairless Heart, MrMuschiato

Avatar utente

MrMuschiato
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 2568
Iscritto il: 12/09/2012, 0:57
Località: Veneto

Re: I "diseredati" del rock

Messaggio da MrMuschiato » 30/07/2013, 14:51

Qui suonano un brano tratto dal primo disco con LaBrie, e Dominici in effetti non sta dietro ad un James non al meglio della forma.



Non sono un cantante, ma per me fra i due c'è una bella differenza.
Gobelini, coboldi, elfi, eoni, la mandragora, il fico sacro, la betulla, la canfora, l'incenso, le ossa dei morti lanciate contro il nemico, i nani!

Avatar utente

Lorenzo Mentasti
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 563
Iscritto il: 11/11/2019, 16:14

Re: I "diseredati" del rock

Messaggio da Lorenzo Mentasti » 27/12/2019, 19:07

Mi vengono in mente:
-Dennis Stratton, chitarrista solista del primo album degli Iron Maiden, subito cacciato da Steve Harris in favore del leggendario Adrian Smith;
-Syd Barrett, chitarrista, cantante, compositore e fondatore dei Pink Floyd, sfrattato dagli altri tre per far posto a David Gilmour dopo tre singoli e un album, anche se va detto che si è sfrattato da solo, viste le pessime condizioni fisiche e mentali in cui si presentava in TV, sul palco e in studio di registrazione;
-Anthony Phillips, primo chitarrista dei Genesis che prese la (fu messo alla?) porta dopo il secondo album in favore dell'indimenticato (e indimenticabile!) Steve Hackett;
-Chad Channing, primo batterista dei Nirvana, sostituito da Curt Cobain dopo il primo album con la futura star anche in proprio Dave Grohl;
-George Young, primo bassista degli AC/DC, fratello maggiore dei chitarristi Angus e Malcolm, già leader degli Easybeats (quelli di "Friday on my mind"), che passò al ruolo di produttore della band, facendo posto a William Cliff;
-Tob Topham: chi era costui? Semplice: il chitarrista solista degli Yardbirds agli esordi nei locali londinesi, il quale poco prima della firma di un contratto discografico venne rimpiazzato da un ragazzino che avrebbe fatto molta strada: Eric Clapton!
-Glen Matlock, bassista e compositore della maggior parte dei brani dei Sex Pistols, sfrattato prima dell'ultimo singolo, "Holidays in the Sun"/"Satellite", per far posto a Sid Vicious, incapace a suonare, cantare e comporre ma sul palco polarizzava meglio l'attenzione del pubblico femminile ed era più trasgressivo;
-Dave Mustaine, chitarrista che venne allontanato dai Metallica da James Hetfield per problemi di droga poco prima dell'esordio discografico (e subentrò il ben noto Kirk Hammett); ebbe comunque modo di far carriera con i Megadeath;
-Ian Stewart, pianista dei Rolling Stones; più che sfrattato, venne ridotto al rango di sessionman, senza mai comparire sulle copertine in quanto giudicato poco ribelle nell'aspetto e nel modo di stare sul palco (era piuttosto compassato e si muoveva meno rispetto agli altri); suonò comunque in quasi tutti i dischi e concerti dal 1962 al 1985, anno della sua morte.
"Mother, didn't need to be so high."

Rispondi