Canzoni, gruppi, album e concerti più sopravvalutati...

Spazio di riflessione dedicato a discussioni meta-musicali o che toccano diversi generi musicali contemporaneamente.

Moderatori: Harold Barrel, Watcher, Hairless Heart, MrMuschiato


rutger
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 1
Iscritto il: 22/12/2019, 1:04

Re: Canzoni, gruppi, album e concerti più sopravvalutati...

Messaggio da rutger » 22/12/2019, 1:20

no, no, Queen sopravvalutati nu sse po' senti'.
Dalla critica no di certo, dato che li ha da sempre avversati.
Semmai sono sopravvalutati in termini di successo commerciale negli anni 80.
Purtuttavia Queen II, A Night At The Opera, A Day At The Races e innuendo sono lp da sette pieno.
E Inotre potevano contare su una voce unica .
Nessuno li considera i piu' grandi di ogni tempo e hanno raccolto sicuramente troppo rispetto ai loro meriti artistici, ma hanno realizzato canzoni ormai diventati classici e di sicuro non erano nemmeno tecnicamente scarsi.
Dal vivo spaccavano e si puo' rimproverare loro solo il cedimento commenciale a partire dal 78.
Love of my life, Bohemian, You take my breathe away, Don't try so hard: quello era di un altro pianeta. Fullstop.
Quella voce, unica, bellissima, sarebbe in grado di salare in corner anche un lp dei ricchi e poveri .
Anche qui , de gustibus.

Avatar utente

Lorenzo Mentasti
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 563
Iscritto il: 11/11/2019, 16:14

Re: Canzoni, gruppi, album e concerti più sopravvalutati...

Messaggio da Lorenzo Mentasti » 28/12/2019, 17:22

Certo, de gustibus. Peraltro, come specifico sempre quando parlo di loro, li ritengo sopravvalutati solo ed esclusivamente dal 1979 in poi, prima hanno prodotto camionate di ottima Musica Rock! Mi ero dimenticato di specificare invece che mi riferivo alla sopravvalutazione da parte del pubblico, la critica non li ha effettivamente mai calcolati, sbagliando i primi cinque anni, azzeccandoci i successivi dodici (sempre IMHO, ovviamente).
Parlando d'altro, un musicista che io ho sempre trovato eccessivamente valutato è Lenny Kravitz: buon chitarrista e conoscitore della Black Music in tutte le sue sfumature ma poco originale e certamente non l'erede di Jimi Hendrix, come qualche critico, per nulla sfiorato dal senso del ridicolo, disse anni fa.
"Mother, didn't need to be so high."

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8100
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: Canzoni, gruppi, album e concerti più sopravvalutati...

Messaggio da Hairless Heart » 03/01/2020, 22:23

rutger ha scritto:
22/12/2019, 1:20
no, no, Queen sopravvalutati nu sse po' senti'.
...
Nessuno li considera i piu' grandi di ogni tempo
Come no? Molte persone che conosco, a precisa domanda, rispondono "Queen e Pink Floyd".
rutger ha scritto:
22/12/2019, 1:20
ma hanno realizzato canzoni ormai diventati classici
Appunto, cosa "stabilita" dai consumatori di musica, mica dai critici.
rutger ha scritto:
22/12/2019, 1:20
... potevano contare su una voce unica.....e di sicuro non erano nemmeno tecnicamente scarsi.
E qui non si può non essere d'accordo.
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

Lorenzo Mentasti
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 563
Iscritto il: 11/11/2019, 16:14

Re: Canzoni, gruppi, album e concerti più sopravvalutati...

Messaggio da Lorenzo Mentasti » 07/07/2020, 13:58

Altro artista che considero valutato leggermente al di sopra dei suoi effettivi meriti è Bruce Springsteen.
Ecco i motivi, IMHO:
-ha fatto due dischi di valore, uno a inizio carriera, "Born to run", e uno nel pieno della maturità artistica, "Born in the USA"; il resto però non mi è mai sembrato così eccezionale, al netto di alcune canzoni sparse
-ha scritto indiscutibilmente dei bei testi ma la musica mi sembra nient'altro che un riciclo del Country-Rock-Soul americano della fine degli Anni '60
-all'inizio aveva una posizione da outsider, da chi è nato lontano da una vita agiata e sembrava dar voce all'uomo comune, poi con gli anni è diventato il megafono ufficiale del Partito Democratico (non precisamente un partito che ha sempre solo fatto opposizione; peraltro, opinione mia, un conto è cantare per i Kennedy o Martin Luther King, un altro per i Clinton e Kerry ma vabbé, lasciamo stare la politica) e un artista, per me, non può farsi ingabbiare nella propaganda sterile.
"Mother, didn't need to be so high."

Avatar utente

twoofus
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1535
Iscritto il: 19/06/2015, 13:29

Re: Canzoni, gruppi, album e concerti più sopravvalutati...

Messaggio da twoofus » 07/07/2020, 20:06

Mi oppongo! :lol:
Testi eccellenti, a volte eccezionali; tematiche importanti, voce potentissima (l'ho visto dal vivo diverse volte e fa ancora tremare le pareti: il suo show è un uragano di quasi 4 ore e non ce n'è per nessuno); una band unica, forse nel campo rock la migliore in assoluto. Quanto agli album:
Born to Run, Born in the USA, The River, Darkness on the edge of town, The rising e gli acustici Nebraska e Tom Joad sono da 10 e lode: dischi imperdibili i cui testi sono come dei film.
Di sue canzoni nella storia ce ne sono a iosa: da quelle degli album citati a Street of Philadelphia (oscar per la migliore colonna sonora), fino a The Wrestler.
Il fatto che ricicla i generi americani è un luogo comune molto abusato: nel rock e pop quasi nessuno ha inventato niente, in fondo.

Tutto, ovviamente, secondo me.
PS: Quanto alla politica, fu lui a dire allallora presidente Reagan che quando aveva lodato Born in the Usa non aveva capito una mazza del testo!
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead.

Avatar utente

Lorenzo Mentasti
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 563
Iscritto il: 11/11/2019, 16:14

Re: Canzoni, gruppi, album e concerti più sopravvalutati...

Messaggio da Lorenzo Mentasti » 07/07/2020, 22:55

Sì, ok, è una questione di gusti anche qui.
So dell'episodio di Reagan e a suo tempo gli aveva fatto onore perché era un modo per dire che non voleva farsi strumentalizzare.... peccato che molti anni dopo abbia fatto comunella con politici non propriamente pacifisti (i Clinton e Kerry, su tutti), dunque si è fatto strumentalizzare anche lui e, ahimè, non da un movimento veramente antagonista o antisistema (come invece aveva fatto John Lennon).
Come poetica dei testi, preferisco la visionarietà di Dylan, il decadentismo di Lou Reed, il maledettismo di Jim Morrison, il nichilismo di Patti Smith oppure la grazia di Leonard Cohen. Altrimenti noi italiani abbiamo una vasta schiera cui rivolgersi (De André, Guccini, De Gregori, Dalla, Conte, Battiato, Branduardi).
Sono d'accordo sul fatto che nessuno inventi nulla nel Rock e nel Pop però altri hanno riciclato meglio, secondo me.
Ultima modifica di Lorenzo Mentasti il 08/07/2020, 8:20, modificato 3 volte in totale.
"Mother, didn't need to be so high."

Avatar utente

aorlansky60
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1454
Iscritto il: 09/07/2018, 12:09

Re: Canzoni, gruppi, album e concerti più sopravvalutati...

Messaggio da aorlansky60 » 08/07/2020, 6:44

Lorenzo Mentasti ha scritto:
07/07/2020, 13:58
Altro artista che considero valutato leggermente al di sopra dei suoi effettivi meriti è Bruce Springsteen.
E' lo stesso che capita anche a me con B.Springsteen da molto tempo; non è che lo considero sopravvalutato (credo anzi che abbia avuto nel tempo quanto meritasse), ma è proprio che non l'ho mai capito fino in fondo e quindi non riesco a farmene piacere la sua proposta; Twoofus ha giustamente messo in risalto tra i suoi pregi, i TESTI, ed è questo il mio problema di base con artisti simili [smile] cioè che in fatto di pop rock ho sempre dato maggiore risalto alla base strumentale -con relative armonie e melodie di un brano- rispetto ai testi, di conseguenza mi piacciono nomi che [molti] altri magari detestano… [smile] ...mi riferisco in particolare al PROG, un genere prettamente europeo [per nascita e definizione] che la maggioranza degli americani non ha mai amato molto, preferendo invece proposte come quelle di B.Springsteen, non a caso perché la sua musica è figlia diretta di quella terra e di quell'ambiente culturale...
Ama tutti, credi a pochi, non far male a nessuno.

Avatar utente

Lorenzo Mentasti
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 563
Iscritto il: 11/11/2019, 16:14

Re: Canzoni, gruppi, album e concerti più sopravvalutati...

Messaggio da Lorenzo Mentasti » 08/07/2020, 7:59

Già, alla fine forse il punto è proprio questo. Eccezion fatta per gli artisti che ho citato, nel panorama anglo-americano ho sempre prediletto chi privilegia più la musica e/o l'arrangiamento che non i testi. Per quelli, ho sempre dato più importanza ai nostri cantautori migliori.
"Mother, didn't need to be so high."

Avatar utente

Lamia
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2426
Iscritto il: 11/01/2014, 14:55

Re: Canzoni, gruppi, album e concerti più sopravvalutati...

Messaggio da Lamia » 08/07/2020, 17:33

Invece io prediligo entrambi [approve]
Dirò di piu’: piu’ un artista e’ geniale, piu’ mi aspetto testi altrettanto geniali, particolari, poetici. Perche’ l’artista, quando e’ vero, comunica al mondo i suoi sentimenti, non si nasconde dietro finte liriche per compiacere il pubblico, ma si espone, dunque puo’ scrivere un testo di protesta, di amore, di rabbia, di orgoglio, di pura poesia, o semplicemente un testo leggero, perche’ cosi gli va in quel momento.

I testi scritti da Pete Sinfield sono poesia, uniti alla musica dei King Crimson scrivono la storia, emozionano, affasciano [hearts]
I testi di Gabriel, per quanto mi riguarda, sono criptici ma profondi, sempre attuali. Esempio: il pezzo “Noto one of us” ; inizia con “It’s only water, in a stranger’s tear”, c’e’ tutto il cinismo e la grettezza di una società’ che esclude qualcuno perche’ diverso, dunque lo si mette all’angolo e le lacrime che versa , per la mancanza di sensibilità’, diventano semplice acqua. Attualissimo.

Anche Springsteen ha raccontato l’America vera, quella dei lavoratori sottopagati, dei sogni irrealizzati, di un luogo che non e’ l’Eldorado che molti stranieri pensano. . Ha raccontato le fragilita’, il senso di impotenza di fronte alle ingiustizie, alle divergenze sociali, ma anche l’amicizia, la solidarieta’ e molto altro. . .

Jim Morrison era anche un poeta, i testi dei pezzi sono bellissimi, unici, accomunano milioni di persone, perche’ l’artista e’ universale, il suo messaggio non si chiude dentro steccati , ma vola alto.E cosi Lennon, Bowie, Neil Young, e via un lista infinita di artisti che hanno reso questo pianeta un po’ migliore. .. . [hearts]

Avatar utente

aorlansky60
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1454
Iscritto il: 09/07/2018, 12:09

Re: Canzoni, gruppi, album e concerti più sopravvalutati...

Messaggio da aorlansky60 » 09/07/2020, 9:24

@ Lamia

Fortunatamente, nel panorama musicale del XXmo secolo (ed oltre) non c'è solo pop o rock tra cui poter scegliere di ascoltare, ma anche artisti quali

BILL EVANS, J.COLTRANE, MILES DAVIS (quello della svolta "elettrica" senza ovviamente disdegnare il suo periodo precedente) e tutti quelli della sua "scuderia" di partenza -ai quali il grandissimo Miles ha fatto da chioccia e che poi hanno spiccato il volo- quali WEATHER REPORT, MAHAVISHNU ORCHESTRA, RETURN TO FOREVER, e poi ancora PERIGEO, BRAND X, STEPS AHEAD, Pat METHENY (Group e da solo), Keith JARRETT (in trio e da solo) e ancora un sacco di altri nomi tutti quanti legati alla "FUSION JAZZ"...

Cambiando genere, proprio ieri sera mi ascoltavo un album di Klaus Schulze (un mio caro ricordo fin dagli anni 80) che ha ancora il potere di ipnotizzarmi all'ascolto per la sua incredibile bellezza musicale (fine cristallo, oserei dire), e già che siamo nel genere, basta citare il grandissimo BRIAN ENO per rendere l'idea...

insomma, questo per dire che per essere "geniali" e per riuscire a procurare emozioni "cool" e positive per chi ascolta (e con me ci sono riusciti), in musica si può "anche" fare a meno dei testi e della voce, dato che

the MUSIC speak. [happy]
Ama tutti, credi a pochi, non far male a nessuno.

Avatar utente

twoofus
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1535
Iscritto il: 19/06/2015, 13:29

Re: Canzoni, gruppi, album e concerti più sopravvalutati...

Messaggio da twoofus » 09/07/2020, 9:52

Quoto @Lamia.
Se parlo di Bruce mi viene voglia di tradurre i suoi testi. Ditemi se non è fantastico questo:
THUNDER ROAD

La porta a vetri sbatte mentre il vestito di Mary svolazza
lei danza sulla veranda come una visione mentre la radio suona:
Roy Orbison sta cantando per la gente sola.
Hey, sono io, e voglio solo te, non mandarmi di nuovo a casa.
Non riesco ad immaginarmi ancora solo, non scappartene dentro
Tesoro, tu lo sai perché sono qui.
Hai paura e pensi che forse ormani non siamo più così giovani
ma dammi solo un po' di fiducia, perchè stanotte c'è magia.
Tu forse non sarai una bellezza, però sei ok, e a me vai bene così.
Puoi nasconderti sotto le coperte ad analizzare le tue pene
puoi mettere le croci sui tuoi vecchi amori e gettare le rose sotto la pioggia
puoi sprecare la tua estate a pregare inutilmente che da queste strade appaia il tuo salvatore.
Ebbene, io non sono un eroe, e questo è chiaro:
tutta la redenzione che posso offrirti io, ragazza, sta sotto questo cofano sporco,
C’è una possibilità che tutto vada per il meglio, non so come.
E cos'altro possiamo fare ora, se non abbassare il finestrino e lasciare che il vento soffi nei tuoi capelli?
La notte si apre davanti a noi,
queste due corsie ci porteranno ovunque vogliamo,
questa è l'ultima possibilità per realizzare i nostri sogni e per scambiare le nostre ali con delle buone ruote:
salta dentro, su queste strade ci attende il paradiso.
Dai, dammi la mano e stanotte cercheremo di arrivare alla terra promessa
Oh. thunder road!
La "Strada del Tuono" si distende là fuori come un killer sotto il sole.
Lo so che è già tardi, ma possiamo farcela se corriamo,
Oh thunder road, allacciati le cinture, tieniti forte: Thunder road!

Ho con me questa chitarra ed ho capito come farla parlare
e la mia macchina è qui fuori
se tu sei pronta per affrontare il lungo viaggio dalla tua veranda al mio sedile anteriore
Lo sportello è aperto, ma la corsa non è gratis!
So che ti senti sola a causa delle parole che non ti ho detto
Ma stanotte saremo liberi e tutte le promesse saranno infrante.
C'erano i fantasmi negli occhi di tutti i ragazzi che hai lasciato
ora loro infestano questa polverosa strada costiera nelle carcasse di vecchie Chevrolet bruciate
Di notte gridano il tuo nome nelle strade
mentre la tua toga universitaria è a terra, strappata sotto i loro piedi
E nella fredda solitudine che precede l'alba puoi sentire i loro motori che rombano,
ma non appena ti affacci sulla veranda spariscono nel vento.
E allora Mary, salta su:
Questa è una città di perdenti
e io me ne sto andando per vincere.
Ultima modifica di twoofus il 09/07/2020, 15:27, modificato 1 volta in totale.
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead.

Avatar utente

Lamia
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2426
Iscritto il: 11/01/2014, 14:55

Re: Canzoni, gruppi, album e concerti più sopravvalutati...

Messaggio da Lamia » 09/07/2020, 14:29

Accidenti , che meraviglia Thunder Raod, grazie twoofus! [happy]

Aor, ineccepibile il tuo discorso, ma alzi di molto l’asticella, a questo punto allora ci aggiungo anche la classica, che non ha bisogno di testi cantati, emoziona e basta. Pero’, ad esempio, la lirica ha bisogno di essere compresa anche nel testo, per capire la storia, e , per quanto mi riguarda, ho pianto vedendo le Opere, non solo per le musiche , ma anche per le interpretazioni cantate dai bravissimi protagonisti.

Rimanendo circoscritti nel mondo pop/rock e cantautorato, italiano in primis , cosa sarebbe un Guccini , un De Andre’, un Vecchioni e molti altri, senza i loro testi, che son diventati quasi materia di studio? Non dirmi che non ti sei mai emozionato anche per un testo, accompagnato dalla melodia certamente! [hearts]

Faccio un esempio “banale” : prendiamo Battisti, che in quanto a musica era sicuramente uno all’avanguardia, in anticipo con i tempi, che ne sarebbe stato, per dire, de “Il mio canto libero” con il testo di CIcale?
“In un mondo che
Non ci vuole piu’
Il mio canto libero
Sei tu”


. ..con (pensando alla musica)

“Solo rosso fa
Arancia di lassù ’
Luna rossa fa
Limone di quaggiu’”

. . . :mrgreen:





Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8100
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: Canzoni, gruppi, album e concerti più sopravvalutati...

Messaggio da Hairless Heart » 09/07/2020, 16:50

Suona meglio!.....
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

aorlansky60
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1454
Iscritto il: 09/07/2018, 12:09

Re: Canzoni, gruppi, album e concerti più sopravvalutati...

Messaggio da aorlansky60 » 10/07/2020, 9:11

Lamia ha scritto:
09/07/2020, 14:29


Aor, ineccepibile il tuo discorso, ma alzi di molto l’asticella...
Vero, anzi non vorrei fosse incorso un malinteso e/o un incomprensione per quanto riguarda il mio intervento,

citando quella serie di artisti "che hanno fatto la storia della musica" recente (è il caso di dirlo, soprattutto pensando all'importanza di Miles DAVIS e alle sue geniali intuizioni) non intendevo svilire i testi del rock e i suoi autori storici (anche se va precisato che a livello di prosa COLTA e FORBITA, non tutto il pop e il rock hanno saputo apportare testi di alto livello come ha saputo fare Bob DYLAN, che rimane il paragone numero 1 assoluto verso cui tutti si dovevano/devono/dovranno misurare)

ma semplicemente dire che la Musica creata e prodotta nella 2nda metà del 900 è così variegata nelle sue diverse forme e stili, che può accontentare i gusti di qualsiasi ascoltatore. [happy]

Se poi si procede ancora più a ritroso nel tempo, allora si trova un PATRIMONIO inestimabile (senza citare i nomi, che sono noti anche al di fuori del Sistema Solare...), che ha saputo influenzare parecchi artisti del 900, specie quelli del PROG.
[happy]
Ama tutti, credi a pochi, non far male a nessuno.


schemar71
Apprendista Rocker
Apprendista Rocker
Messaggi: 69
Iscritto il: 29/10/2018, 21:03

Re: Canzoni, gruppi, album e concerti più sopravvalutati...

Messaggio da schemar71 » 10/07/2020, 23:30

Da ignorante e sapendo di attirarmi fischi e pernacchi dico la mia. Ho sempre trovato gli U2 dei sopravvalutati, musicisti normali e canzoni orecchiabili , tutto qui, ma da lì considerarli la miglior band dagli 80 in qua ne passa...come al solito è questione di gusti, ma io sono integralista e resto della mia.

Inviato dal mio SM-N950F utilizzando Tapatalk


Avatar utente

Lamia
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2426
Iscritto il: 11/01/2014, 14:55

Re: Canzoni, gruppi, album e concerti più sopravvalutati...

Messaggio da Lamia » 11/07/2020, 8:34

Ma no , figurati , schemar, c’è la camera di tortura pronta , se vuoi accomodarti , prego [smile] :D :D :D

Avatar utente

Lorenzo Mentasti
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 563
Iscritto il: 11/11/2019, 16:14

Re: Canzoni, gruppi, album e concerti più sopravvalutati...

Messaggio da Lorenzo Mentasti » 11/07/2020, 16:45

U2 sopravvalutati?
Confesso che non saprei cosa rispondere.
Un po' sì, più che altro la figura di Bono Vox che, più che semplicemente un bravo cantante, autore di testi e frontman, talvolta viene considerato alla stregua di uno statista o un benefattore dell'umana stirpe per via delle sue discese in campo in favore di varie cause (debito dei paesi del 3o mondo, guerre, questione irlandese).
Parlando di dischi (che poi è il campo che più dovrebbe interessarci), gli U2 per un certo periodo (almeno fino al 1995) sono stati quelli in campo Pop Rock che più hanno tentato di rinnovarsi, di non assomigliare mai a sé stessi (non sempre riuscendoci IMHO). Da 20 anni a questa parte mi pare che abbiano acceso la fotocopiatrice.
Tirando le somme, salverei due album, "The Joshua tree" e "Achtung baby!" e diverse canzoni sparse qua e là (la vetusta "Stories for boys", "Sunday bloody Sunday", "Pride", la cover di "Helter skelter", "It's a beautiful day" ed "Elevation").
"Mother, didn't need to be so high."

Avatar utente

Humdrum
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 628
Iscritto il: 09/01/2014, 20:54
Località: veneto

Re: Canzoni, gruppi, album e concerti più sopravvalutati...

Messaggio da Humdrum » 11/07/2020, 20:41

Joshua Tree e Achtung Baby sono ottimi album: io li chiamo gli U2 "americani".
Sono particolarmente legato invece al periodo new wave (per averlo vissuto) che io definisco "inglese":
Boy,October,War e Unforgettable Fire sono un quartetto che non ha paragoni , IMHO.
"Mi piacevano molto i Genesis con Peter Gabriel.Quando Peter ha lasciato il gruppo, ho smesso di seguirli." RICK WRIGHT(Pink Floyd)

Avatar utente

Lorenzo Mentasti
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 563
Iscritto il: 11/11/2019, 16:14

Re: Canzoni, gruppi, album e concerti più sopravvalutati...

Messaggio da Lorenzo Mentasti » 15/07/2020, 12:50

Ho ritenuto sempre sopravvalutata Joan Baez.
Premesse per non attirarmi strali:
-onore al merito di avere marciato con Martin Luther King, cantato in una chiesa afro-americana nel Mississippi nel 1963 (quando a fare 'ste cose rischiavi il linciaggio o l'uccisione -vedere per credere "Mississippi burning" di Alan Parker-) ed essersi fatta arrestare nel 1967 per aver bloccato l'ingresso di una fabbrica d'armi
-"Farewell Angelina" è un bellissimo album folk dove la nostra si destreggia benino alla chitarra e rivisita con la sua splendida voce brani di Bob Dylan, Donovan, Woody Guthrie, Leo Ferré e Pete Seeger.
PERO'!
1) La sua carriera si snoda praticamente solo in ambito folk/cantautorale, dunque non capisco perché venga schiaffata ogni 3x2 nei libri sulla Storia del Rock (non ha neanche fatto la svolta elettrica di Dylan per cui non ne afferro il senso);
2) ha composto poco o niente e quel poco non lo definirei imprescindibile ("Diamonds and rust", a gusto mio, non lo metterei nei brani fondamentali del cantautorato americano);
3) mi sembra che le sue interpretazioni, al netto delle scelte di diversi autori a seconda dell'epoca, siano un po' tutte uguali e a volte appesantiscano la potenza di certi brani (penso a "The boxer", "Let it be", "Imagine", "Eleonor Rigby", "No expectations", "Salt of the earth" e "Blowin' in the wind", così belle nella loro essenzialità originale, così tirate per le lunghe dai virtuosismi vocali un po' gratuiti della nostra).
E adesso, tiratemi le pietre! ;-)
"Mother, didn't need to be so high."

Avatar utente

aorlansky60
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1454
Iscritto il: 09/07/2018, 12:09

Re: Canzoni, gruppi, album e concerti più sopravvalutati...

Messaggio da aorlansky60 » 15/07/2020, 14:08

Humdrum ha scritto:
11/07/2020, 20:41
Joshua Tree e Achtung Baby sono ottimi album: io li chiamo gli U2 "americani".
Sono particolarmente legato invece al periodo new wave (per averlo vissuto) che io definisco "inglese":
Boy,October,War e Unforgettable Fire sono un quartetto che non ha paragoni , IMHO.
Quoto al 100% gli albums che hai citato; anche per me, gli U2 sono sopratutto quelli; in particolare THE INFORGETTABLE FIRE (*), un album superbo; ricordo il periodo 85, il Luglio 85, quando ancora non li seguivo... poi assistetti -come miliardi di altre persone- al Live AID trasmesso in diretta mondovisione... e la loro esibizione (per me, insieme a quella dei QUEEN, è quella che ricordo come più entusiasmante di quell'evento)... ricordo che la loro performance di "BAD" (*) -tratta proprio da quell'album- mi fece venire i brividi; da quel momento iniziai ad interessarmi a loro, acquistando i loro primi albums anni 80.
Ama tutti, credi a pochi, non far male a nessuno.

Rispondi