I dischi del 2015

Spazio di riflessione dedicato a discussioni meta-musicali o che toccano diversi generi musicali contemporaneamente.

Moderatori: Harold Barrel, Watcher, Hairless Heart, MrMuschiato

Rispondi
Avatar utente

Topic author
Carlo Maria
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 673
Iscritto il: 03/06/2015, 22:34

I dischi del 2015

Messaggio da Carlo Maria » 05/06/2015, 10:53

Inauguro un topic che per me potrebbe diventare a cadenza annuale: quello in cui riportare brevi o corposi giudizi sugli album che rigorosamente sono usciti durante l'anno solare in corso.
Valgono tutti: dischi in studio, live, raccolte, riedizioni rimasterizzate.
In questo modo, potremmo farci un'idea completa sugli orientamenti musicali dei vari forumisti e magari aggiornarci l'un l'altro sui titoli usciti e sulle tendenze musicali.
Comincio io con qualche giudizio sparso.

Sufjan Stevens - Carrie & Lowell: era forse l'album più atteso dell'anno e Sufjan andrà in tour mondiale per promuoverlo (ho preso il biglietto: sarò in nona fila centrale... non avrei potuto perdermelo!). L'album ha ricevuto critiche entusiastiche, ma a me ha tardato parecchio a piacere. Lo trovo un passo indietro rispetto alla sua produzione ultima, che poi risale a ben 5 anni fa. Al tempo, infatti, era uscito nel giro di un mese con un ep molto carino, che metteva in luce il suo amore per gli arrangiamenti barocchi e ricchissimi, e un disco virato sull'elettronica, che aveva stupito per l'abilità dell'artista nel trasferire su suoni totalmente differenti la sua matrice e le sue caratteristiche.
Con questo disco, Stevens torna all'origine, ossia al cantautorato classico ed agli arrangiamenti fastosi. I temi trattati, invece, ne fanno il disco più intimista della sua carriera, focalizzato sulla madre e sul patrigno.
La sua voce avvolge l'ascoltatore, è suadente e angelica.
Gli ascolti successivi fanno in modo che si riesca a penetrare nel mondo descritto e ci si senta più empatici ed emozionati. Voto: 7.


Angra - Secret Garden: l'epic metal è stata una delle mie passioni, ma qui il giudizio non è nostalgico: la formazione è cambiata negli ultimi anni e ritenevo di poter mettere una croce sopra a questo nome storico, e invece... aver puntato su Fabio Lione alla voce (il cantante dei miei amati Rhapsody!) è stata una scelta felice, ma è proprio un disco ispirato, al netto del mio apprezzamento per questo artista. I brani mostrano una buona tecnica e appassionano. Nulla di originale, ma sono godibili e il prodotto finale è meritevole! Voto: 6,3.


Ringo Starr - Postcards from Paradise: In lizza per il premio di peggior album 2015. Nulla di sorprendente, per altro. 11 brani, quasi tutti a firma Richard Starkey (e però in copertina il nome che mette è Ringo Starr). Si tratta di pezzi easy listening, con arrangiamenti banali, una batteria basica e qualche collaborazione che possa dare una spolverata. Idee zero.
Voto: 3.


Steve Hackett - Wolflight: la differenza è presto fatta. Hackett era il chitarrista dei Genesis, ossia di un gruppo che mi ha sempre scartavetrato i cosiddetti (eccezion fatta per il valido Lamb Lies), ma se sei un musicista vero, lo si vede e sente. Dieci brani, puro progressive rock, arrangiamenti iper curati e musicisti di supporto virtuosi. Non posso definirlo il mio genere, ma ne riconosco i pregi. Voto: 6,5.


James Bay - Chaos and the Calm: il folk rock di questo ragazzo venticinquenne, qui all'album del debutto dopo un paio di EP di successo, è più catalogabile come pop, a mio avviso. E non è di mio gradimento: le evoluzioni vocali sembrano quelle di un micio in calore, mentre gli arrangiamenti sono infinitamente già sentiti e di scarso interesse. Ovviamente, il disco ha raggiunto la prima posizione nel Regno Unito, un ottimo traguardo anche negli USA (15°) e gli ha fruttato anche candidature agli MTV Award. Nulla che mi stupisca. Voto 4,5.


Belle and Sebastian - Girls in Peacetime Want to Dance: sono un altro paio di maniche. Il loro indie pop ha una matrice delicata e sognante, che rende riconoscibili le loro melodie. Ritengo l'album decisamente riuscito, ma non ti entra subito, anzi: ad un primo ascolto ne scorre metà quasi senza colpo ferire, sfiorando l'ascoltatore senza lasciar traccia. Poi, i riffs cominciano a entrarti e allora rimetti dall'inizio tutto il lavoro e gli dai una scorsa più attenta e finisce che su questo e quel brano ci passi ore, rimandandoli da capo e fissandoli in modo che lo stereo e l'autoradio ti facciano ascoltare solo quelli. Il disco è curato come sempre ed estremamente piacevole, a dimostrazione che sono anche favorevole alle melodie pop, se mi significano qualcosa, se riescono a lasciarmi un segno. Voto: 6,6.

Avatar utente

MrMuschiato
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 2568
Iscritto il: 12/09/2012, 0:57
Località: Veneto

Re: I dischi del 2015

Messaggio da MrMuschiato » 05/06/2015, 19:10

Di questi ho ascoltato solo Secret Garden, l'unico album degli Angra che ho ascoltato...devo approfondire questo gruppo, paiono interessanti.
Gobelini, coboldi, elfi, eoni, la mandragora, il fico sacro, la betulla, la canfora, l'incenso, le ossa dei morti lanciate contro il nemico, i nani!

Avatar utente

Topic author
Carlo Maria
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 673
Iscritto il: 03/06/2015, 22:34

Re: I dischi del 2015

Messaggio da Carlo Maria » 07/06/2015, 1:05

Alabama Shakes - Sound & Color: gran bell'album, di blues southern rock, che consente alla band, a tre anni di distanza, di bissare l'ottimo lavoro fatto con il disco d'esordio. Brittany Howard è autrice dei testi e delle musiche, cantante e chitarra leader della formazione: credo ci metterà ancora poco per salutare gli altri e avviare una carriera da solista, se continua così. La sua voce urlata e raschiante ricorda molto Janis Joplin. Il secondo album riesce a rimescolare le carte e a non replicare solo pedissequamente la formula riuscita col primo lavoro: si nota sia un'evoluzione musicale (brani più complessi e articolati) sia una certa ricercatezza stilistica. Decisamente un bel disco. Voto: 7,3.

Avatar utente

Lamia
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2428
Iscritto il: 11/01/2014, 14:55

Re: I dischi del 2015

Messaggio da Lamia » 08/06/2015, 16:18

Concordo riguardo Steve Hackett e il suo ultimo album.

Un album che mi ha letteralmente entusiasmato , sorprendendomi perche' avevo alcuni pregiudizi, e' stato :

"Van Morrison - Duets"- marzo 2015.

Una rivisitazione fresca, leggiadra, vivace, emozionante e nessun sentimento nostalgico (tutt'altro, sembra di ascoltare pezzi nuovi !) di alcuni classici del grande Van. Ospiti bravissimi e senza pretesa di ostentare chissache'. . il risultato , a mio avviso, un album da ascoltare e riascoltare, per gli arrangiamenti intelligenti, le belle voci, la simpatia, la voglia di suonare, la passione, i brani stupendi! 8-)

Avatar utente

Il mago di Floz
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1074
Iscritto il: 11/12/2014, 15:32
Località: Provincia di Como

Re: I dischi del 2015

Messaggio da Il mago di Floz » 08/06/2015, 17:17

MrMuschiato ha scritto:Di questi ho ascoltato solo Secret Garden, l'unico album degli Angra che ho ascoltato...devo approfondire questo gruppo, paiono interessanti.
Un mio amico ai tempi era parecchio entusiasta di - mi pare - Temple of shadows. Io non conosco che qualche brano, tra cui una buonissima cover di Kate Bush (Wuthering Heights) dal primo album - Angels cry - e l'ottima Carolina IV dal successivo Holy land.
I can't bring you, 'cause it's just too cold; and while I'm out here digging alone, well: I'll bring you home gold nuggets in the spring.

Avatar utente

MrMuschiato
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 2568
Iscritto il: 12/09/2012, 0:57
Località: Veneto

Re: I dischi del 2015

Messaggio da MrMuschiato » 08/06/2015, 17:54

Il mago di Floz ha scritto: Un mio amico ai tempi era parecchio entusiasta di - mi pare - Temple of shadows.
Lo ascolterò!
Gobelini, coboldi, elfi, eoni, la mandragora, il fico sacro, la betulla, la canfora, l'incenso, le ossa dei morti lanciate contro il nemico, i nani!

Avatar utente

theNemesis
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2161
Iscritto il: 23/09/2013, 11:29
Località: Svizzera

Re: I dischi del 2015

Messaggio da theNemesis » 09/06/2015, 0:32

Suggerisco: THE TANGENT: A SPARK IN THE AETHER - THE MUSIC THAT DIED ALONE: VOLUME TWO

"“A Spark In The Aether” è un disco che cresce silenziosamente e senza effetti speciali grazie a una musicalità trasversale fra i generi; un lavoro eclettico, sperimentale e accattivante come dovrebbe essere un disco di progressive rock e che entra a pieno merito fra le uscite migliori degli ultimi anni almeno nel suo genere."
Dancing on time way...

Avatar utente

Lamia
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2428
Iscritto il: 11/01/2014, 14:55

Re: I dischi del 2015

Messaggio da Lamia » 12/06/2015, 15:47

A me e' piaciuto molto anche l'album di Noel Gallagher, che trovo molto bravo, infatti era lui la 'mente' degli Oasis e lo si percepisce molto bene. L'album si intitola "Chasing Yesterday", e contiene pezzi davvero belli, bravo!

Avatar utente

reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3852
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: I dischi del 2015

Messaggio da reallytongues » 12/06/2015, 18:43

Lamia ha scritto:A me e' piaciuto molto anche l'album di Noel Gallagher
i singoli in radio mi piacciono, certo è musica non ricercatissima, ma ha una sua interessanza come dice il buon Hairless

purtroppo è anni che non compro dischi contemporanei e non mi intendo della scena rock alternativa o mainstream che sia quindi non saprei cosa aggiungere
qualcosa comunque mi incuriosisce sempre, un bel pezzo in radio o in qualche locale, o segnalazioni sul web o sul nostro forum...
i Surfjan Stevens li avevo ascoltati e mi piaciucchiavano, anche i Mumford&Sons li ascoltai ma non me li ricordo
nel continente nero paraponzi ponzi bo

Avatar utente

Mick Channon
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2100
Iscritto il: 19/09/2012, 15:35

Re: I dischi del 2015

Messaggio da Mick Channon » 12/06/2015, 20:18

Anche io come really,non ascolto quasi mai musica recente,tra gli ultimi dischi comprati a inizio anni 2000 :shock: i Franz Ferdinand,poi poca roba o ascolti sporadici.Niente da fare sono un tipo troppo vintage :D
Tutti sognano di tornare bambini,anche i peggiori fra noi.Forse i peggiori lo sognano più di tutti.

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8113
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: I dischi del 2015

Messaggio da Hairless Heart » 12/06/2015, 21:08

Molto interessanti i Franz Ferdinand. Mi sono sempre ripromesso di approfondirli.
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

Mick Channon
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2100
Iscritto il: 19/09/2012, 15:35

Re: I dischi del 2015

Messaggio da Mick Channon » 13/06/2015, 11:07

I Franz Ferdinand sono tra le ultime band di certo prestigio che ho visto dal vivo,una grinta pazzesca,un concerto molto divertente
Tutti sognano di tornare bambini,anche i peggiori fra noi.Forse i peggiori lo sognano più di tutti.

Avatar utente

Topic author
Carlo Maria
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 673
Iscritto il: 03/06/2015, 22:34

Re: I dischi del 2015

Messaggio da Carlo Maria » 18/06/2015, 23:01

Halestorm - Into the Wild Life: il terzo disco di questa rock/metal band è stato un successone negli USA, in Canada e in Gran Bretagna e ha ricevuto voti anche piuttosto alti dalle riviste di settore (in particolare da quelle più rockettare), ma si tratta di un disco abbastanza easy. sorretto in gran parte dalla voce e dalla grinta di Lzzy Hale (da cui prende il nome la band stessa). Nel complesso, un ascolto divertente, ma nulla di più. Voto: 6.

Mumford and Sons - Wilder Mind: anche la band capitanata da Marcus Mumford è arrivata al terzo album, ma ci arriva male. Non da un punto di vista commerciale, beninteso, perché il disco ha primeggiato nelle classifiche di tutto il mondo anglofono, dal Canada agli USA all'Australia al Regno Unito, ma per le sonorità, che sono diverse da quelle contenute nei primi due, validi, lavori della band. Il risultato è un disco con alcuni sprazzi meritevoli, qualche brano valido, ma anche tanti altri che risultano medi o trascurabili. Ciò nonostante, se avessero piazzato una data anche a Milano, oltre a Firenze, Verona e Roma, sarei andato a vederli sicuramente! Voto: 5,5.

Elle King - Love Stuff: questo, invece, è un disco carino, in cui sono presenti un paio di pezzi decisamente di richiamo e che ho passato per giorni nella mia radio, continuando a mandarli indietro! [bop]
In particolare, "Ex's & Oh's" e "Song of Sorrow" sono decisamente accattivanti e trascinanti! Voto: 6,5.

Infine, Blind Guardian - Beyond the Red Mirror: dalle riviste di settore ha ricevuto voti altissimi, tipo 9 e 9,5 ma si tratta della solita minestra in salsa epic power. Li ho visti live nel 2007 al Gods of Metal, e fu un evento. Da quei tempi però è passata parecchia acqua sotto i ponti e si tratta di un ascolto che già ho cominciato a rimuovere e di cui credo non mi resterà nulla. Voto: 5.

Avatar utente

rim67
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2386
Iscritto il: 06/04/2013, 22:23

Re: I dischi del 2015

Messaggio da rim67 » 19/06/2015, 6:43

L'ultimo CD recente ( [spock] ) che ho acquistato è stato Automatic for the People dei R.E.M. del '92.
Cerco di prendere spunto da topic come questo per attualizzarmi un po' [smile]
Una convinzione non è solo un'idea che la mente possiede, è un'idea che possiede la mente.

Avatar utente

Topic author
Carlo Maria
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 673
Iscritto il: 03/06/2015, 22:34

Re: I dischi del 2015

Messaggio da Carlo Maria » 19/06/2015, 7:32

Allora dopo ti apro i topic anche sui dischi del 2014, 2013 e 2012, così hai più anni da sbirciare! ;)

Avatar utente

theNemesis
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2161
Iscritto il: 23/09/2013, 11:29
Località: Svizzera

Re: I dischi del 2015

Messaggio da theNemesis » 19/06/2015, 9:13

Suggerisco A Spark in the Aether dei Tangent, uscito ad aprile di quest'anno.
Tratto da Spazio Rock:
"“A Spark In The Aether” è un disco che cresce silenziosamente e senza effetti speciali grazie a una musicalità trasversale fra i generi; un lavoro eclettico, sperimentale e accattivante come dovrebbe essere un disco di progressive rock e che entra a pieno merito fra le uscite migliori degli ultimi anni almeno nel suo genere. "


Dancing on time way...

Rispondi