Ma la musica è un lavoro?

Spazio di riflessione dedicato a discussioni meta-musicali o che toccano diversi generi musicali contemporaneamente.

Moderatori: Hairless Heart, Harold Barrel, Watcher

Rispondi
Avatar utente

Topic author
leoravera
Novellino
Novellino
Messaggi: 27
Iscritto il: 11/07/2013, 12:48
Contatta:

Ma la musica è un lavoro?

Messaggio da leoravera » 30/04/2014, 9:58

Dopo una lunga riflessione, sono arrivato alla conclusione che la musica non è un lavoro. Ecco perché:

http://www.leoravera.it/2014/04/29/prim ... il-dovere/

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8130
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: Ma la musica è un lavoro?

Messaggio da Hairless Heart » 02/05/2014, 23:29

Sempre interessanti le tue riflessioni.
Non sono sempre d'accordo invece con tutte le risposte che ti sono giunte.
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow


elio77
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 619
Iscritto il: 09/05/2014, 15:37

Re: Ma la musica è un lavoro?

Messaggio da elio77 » 13/05/2014, 12:20

Io ho un amico che alla domanda: Che lavoro fai? Risponde: Musicista e per hobby il panettiere

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8130
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: Ma la musica è un lavoro?

Messaggio da Hairless Heart » 13/05/2014, 19:53

Vorrei vederlo rincasare alle 2 di notte dopo una serata, e alle 4 intento ad infornare michette..... [smile]
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3852
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: Ma la musica è un lavoro?

Messaggio da reallytongues » 14/05/2014, 10:13

il discorso di Ravera (si è proprio lui) è più che altro sulla possibiltà che comunque pure essendo un lavoro il muscista abbia il comunque il piacere di farlo a prescindere dal riscontro economico
se non c'è questa passione deve essere triste e snervante essere un musicista professionista
e qui si inseriscono le vittime del sistema capitalistico-musicale
nel continente nero paraponzi ponzi bo


elio77
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 619
Iscritto il: 09/05/2014, 15:37

Re: Ma la musica è un lavoro?

Messaggio da elio77 » 14/05/2014, 11:44

un musicista può permettersi di fare musica senza problemi in quanto economicamente può permettersi di non fare il muratore o il facchino e tornare a casa stanco morto. Un minimo di compromesso ci vuole in tutto,se ad una persona piace far musica per il piacere di farla e basta suonerebbe solo in casa sua senza dover far musica che piace o meno. Suonando in pubblico inanzitutto devi piacere se no ti tirano a dietro di tutto [smile] ,poi se non suoni da solo anche i tuo compagni hanno diritto di esprimersi e qui altri compromessi,poi se decidi di farlo per lavoro,quindi dedicando il maggior tempo disponibile a tua disposizione per creare musica i compromessi aumentano,questo non toglie che chi suoni con passione renda di più che chi lo faccia senza. Ho un amico che per lavoro si è trasferito negli stati uniti e fa il turnista in nord carolina per musica di liscio,lui odia il liscio e per conto suo ha un complessino blues del sud (genere allman brothers). Ha motivato la sua scelta così: Far musica mi piace e piuttosto che fare altro come lavorare in ufficio,in fabbrica o altre cose preferisco suonare liscio così entro nel giro e se riesco faccio la mia musica se no sempre meglio che fare unn lavoro che con la musica non ha niente a che fare. Ecco,ha perfettamente ragione. Quanti gruppi e artisti famosi iniziano per fare cose dalle cuoli prendono le distanze? Tantissimi,ed una volta che possono permetterselo fanno quello che vogliono,ma servono i soldi per farlo. Qundi la musica fortunatamente per me è un lavoro,serve cuore per farla bene e chi ha fortuna riuscirà a farla come vuole e chi non riuscirà si divertirà comunque parecchio [happy]

Avatar utente

reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3852
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: Ma la musica è un lavoro?

Messaggio da reallytongues » 14/05/2014, 14:13

io mi riferivo di più a quegli artisti che si sento ingabbiati nel proprio ruolo
legati a quel singolo di successo, appezzati per motivi sbagliati o per questioni extra musicali
non per nulla alcuni gruppi navigati al culmine del successo si sciolsero (senza arrivare a esempi più limite e drammatici)
nel continente nero paraponzi ponzi bo

Rispondi