Ascolto mensile – Crash Test Dummies – A Worm’s Life

Spazio di riflessione dedicato a discussioni meta-musicali o che toccano diversi generi musicali contemporaneamente.

Moderatori: Hairless Heart, Harold Barrel, Watcher

Rispondi
Avatar utente

Topic author
Watcher
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4201
Iscritto il: 06/12/2010, 8:47

Ascolto mensile – Crash Test Dummies – A Worm’s Life

Messaggio da Watcher » 01/06/2013, 8:04

Puntuale come un orologio sfizzero inserisco la mia proposta d’ascolto.
Sono molto lontano dalla proposta di Channon. Forse mi avvicino in parte a quella di Aylene.

Bene, dopo due band targate US, tanto per restare nel continente, saltino in Canada dai Crash Test Dummies, band originaria di Winnipeg.
Il genere? Mah … rock con iniezioni pop e risvolti folk. Ma ha molta importanza etichettarli?
L’album si titola A WORM’S LIFE ed è il loro terzo lavoro in studio.
Ne ho già accennato qui:
http://vintagerockforum.altervista.org/ ... ?f=5&t=391

Avviso agli udenti. Musica semplice, senza troppe pretese, ma che io personalmente non mi stanco di ascoltare. Nessuna canzone supera i 4 minuti (per vostra fortuna). Utilizzo di strumenti non spesso convenzionali nel rock quali banjo, armonica ma anche qualche chitarra elettrica distorta, molto pianoforte e hammond. La lead voice è quanto di più originale si possa trovare. A differenza di molti cantanti che fanno a gara a chi raggiunge l’ottava più alta qui ci troviamo al cospetto di un baritono vero e proprio, perfetto contrario e antitesi ad esempio di un David Surkamp o di un Robert Plant.

Le tracce:

1. Overachievers
Dopo il five, four, three, two, one, ignition, ritmo incalzante e chitarrona che esegue un intraducibile accordo all’unisono con la batteria. In questo brano la voce di Brad Roberts si evidenzia per la sua unicità, e ci accompagna (spero gradiate) per tutto l’album. Quella meravigliosa e perfettamente intonata di Ellen Reid [hearts] [hearts] (scusate il mio debole per la ex signorina), fa da controcanto nel ritornello.

2. He Liked To Fell It
Non passa mezzo secondo dalla fine del primo brano che viene subito sparata questa He Liked To Feel It.
L’elettrica con il suo riff domina, mentre la batteria e un basso senza fronzoli sostengono il ritmo con un tempo che più pari non si può.
Divertente il video ufficiale in versione non censurata. (So che i maschietti si tufferanno su youtube a cercarlo, immaginando chissà cosa). [smile]
Vi risparmio la fatica: http://www.youtube.com/watch?v=FoSU3KSEJGI e non mandatemi a FC.

3. A Worm’s Life

A worm’s life can be easy …
La vita di un verme può essere facile …
And one fine night I was gulped down in a shot.
E una bella notte sono stato ingoiato in un colpo.
(Penso che ci si riferisca al verme, che poi non è un verme ma una larva, che si trova(va) nelle bottiglie di Mezcàl, una particolare tequila)

Pulita, pulita … nei timbri, negli strumenti usati, nell’armonia. A tempo (se non sbaglio) di … rumba. [smile]

4. Our Driver Gestures
Il timbro dell’ elettrica con effetto tremolo (questo sempre presente in tutto l’album) mi ricorda tanto le chitarre degli Shadows. Il controcanto della Reid qui è perfetto e insostituibile.

5. My Enemies
Brano leggero, ma un riff di chitarra molto distorta che fa da contrasto la rende originale.

6. There Are Many Dangers
“Ci sono molti pericoli” fa il il titolo di questa canzone.

Se il vostro toast rimane incastrato nel tostapane
non mettere una forchetta nel tostapane mentre è collegato …

oppure:
Quando è molto, molto freddo fuori
Non mettere la lingua sulle cose metalliche fredde
Ad esempio, segnali di stop …
Ho fatto e hanno dovuto tirare fuori un po' di pelle
E poi hanno dovuto riempire la mia bocca con il cotone di notte […]


Ottimi consigli. Quanti di noi vorrebbero mettere la lingua sui segnali stradali ghiacciati. Attenzione però! [smile]

7. I’m Outlived By That Thing?

Chitarra acustica, chitarra elettrica “clean”, hammond, voci, sono un po’ le caratteristiche base di questa canzone, anzi di quest’album. Quello che distingue le varie canzoni sono le armonie, anche se in apparenza possono sembrare piuttosto simili. Questa in particolare scivola via senza particolari sussulti.

8. All of This Ugly
Un’armonica domina in apparenza questa canzone. Ottima scelta. Molto bella e azzeccata la chiusura finale dell’assolo, ben studiato e da prendere come esempio per tutti i giovani speed-guitarist che ritengono che più si è veloci più si è bravi.

9. An Old Scab
Il brano si divide in due parti: una prima con la canzone vera e propria, introduzione, ritornello etc. e la seconda strumentale legata strutturalmente ma non troppo. Grande pezzo secondo me.

10. My Own Sunrise
Non crea agitazione ed è perfetta per addormentarsi (in senso positivo spero). Quasi una ninna nanna, anzi, una ninna nanna.

11. I’m a Dog
Chitarra acustica, armonica, slide guitar e qualcos’altro. Il brano cresce in intensità quando interviene la voce di Ellen Reid. Bello e preciso secondo me il breve assolo di chitarra a circa due minuti e dieci.

12. Swatting flies

Schiacciare le mosche. Titolo strano per una dolce ballata in terzine, sempre con strumenti semplici e accordi di chitarra “facili”. Nel bridge il passaggio nella tonalità minore rende più cupa e drammatica la melodia, conferendogli un carattere malinconico.

Spero vi piaccia. [bye]
Quando mi contraddico ho ragione due volte.

Avatar utente

reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3852
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: Ascolto mensile – Crash Test Dummies – A Worm’s Life

Messaggio da reallytongues » 01/06/2013, 12:46

ma è quello con mmm, mmm, mmm ?
ricordo che ti piacevano un sacco, ascolterò spero con piacere :lol:
nel continente nero paraponzi ponzi bo

Avatar utente

Aylene
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 151
Iscritto il: 02/03/2013, 7:44

Re: Ascolto mensile – Crash Test Dummies – A Worm’s Life

Messaggio da Aylene » 01/06/2013, 19:25

Sono proprio loro, anch'io spero in un ascolto piacevole. Mi piacque un sacco quell'album, sono molto curiosa.

Avatar utente

Mick Channon
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2100
Iscritto il: 19/09/2012, 15:35

Re: Ascolto mensile – Crash Test Dummies – A Worm’s Life

Messaggio da Mick Channon » 05/06/2013, 8:18

dal 22 giugno andrò in vacanza al mare 8-) [fisc] ,quindi mi darò da fare per ascoltare il disco proposto da Watcher,prima di partire
Tutti sognano di tornare bambini,anche i peggiori fra noi.Forse i peggiori lo sognano più di tutti.

Avatar utente

reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3852
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: Ascolto mensile – Crash Test Dummies – A Worm’s Life

Messaggio da reallytongues » 05/06/2013, 9:10

Ho ascoltato le prime due e la numero 8. Le prime due sono piuttosto aggressive ed elettriche, è un bel connubio tra rock orecchiabile e influenze legate alla scena rock alternativa più particolare (nell'uso delle dissonanze ecc..).
Pure un connubio tra rock classico e forme di musicalità crossover tipica dei 90 (ritmiche funk rock o comunque parecchio in primo piano su melodie di altri generi).
Il video che hai postato è [what]
La numero 8 e invece un brano calmo e rilassante, anche in questo caso su di una composizione semplice e pop c'è sempre un arrangiamento e uso degli strumenti piuttosto obliquo e particolare (senti assolo).
L'unica cosa che ancora non mi convince appieno è la voce del cantante che pur bella tende a risultare un pochino monotona in tutte le canzoni, è un pochino sia il punto di forza che il punto debole assieme.

PS: Su youtube non c'è il FULL album.
nel continente nero paraponzi ponzi bo

Avatar utente

Topic author
Watcher
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4201
Iscritto il: 06/12/2010, 8:47

Re: Ascolto mensile – Crash Test Dummies – A Worm’s Life

Messaggio da Watcher » 05/06/2013, 9:57

Le voci fuori dallo standard, capisco possano piacere o meno. Della monotonia se n'è accorto anche il Brad Roberts.
Te lo immagini uno così che canta in falsetto? No, vero? :lol:

Prova ad ascoltare qui: http://www.youtube.com/watch?v=42IL0O6pPqQ

da Wiki:
Give Yourself a Hand, il quarto album dei Dummies, viene pubblicato il 23 marzo 1999. L'album mostra un nuovo sound per i Dummies. Ellen Reid è voce solista in tre tracce, e Brad Roberts canta in falsetto in molte altre. Tutto il sound dell'album presenta sonorità più elettroniche rispetto al passato. Ancora una volta il singolo "Keep A Lid On Things" entra nella Top Ten in Canada.
reallytongues ha scritto: PS: Su youtube non c'è il FULL album.
Già ... lo trovi completo su Spotify.
Quando mi contraddico ho ragione due volte.

Avatar utente

reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3852
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: Ascolto mensile – Crash Test Dummies – A Worm’s Life

Messaggio da reallytongues » 05/06/2013, 9:58

canta in falsetto? ma stai scherzando?
nel continente nero paraponzi ponzi bo

Avatar utente

Topic author
Watcher
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4201
Iscritto il: 06/12/2010, 8:47

Re: Ascolto mensile – Crash Test Dummies – A Worm’s Life

Messaggio da Watcher » 05/06/2013, 10:12

No no! Non su tutte, ma tre sicure. ;)
Quando mi contraddico ho ragione due volte.

Avatar utente

reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3852
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: Ascolto mensile – Crash Test Dummies – A Worm’s Life

Messaggio da reallytongues » 05/06/2013, 10:16

Ah si ho ascoltato il brano! Non male sembra di sentire Beck (quello di "Loser"). Non pensavo che facessero questo tipo di musica i CTD, i dischi precedenti quindi erano più folkeggianti immagino.
nel continente nero paraponzi ponzi bo

Avatar utente

Topic author
Watcher
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4201
Iscritto il: 06/12/2010, 8:47

Re: Ascolto mensile – Crash Test Dummies – A Worm’s Life

Messaggio da Watcher » 05/06/2013, 10:38

Il primo The Ghosts that Haunt Me è abbastanza folk: il più genuino come spesso gli album di debutto.
Il secondo God Shuffled His Feet è stato l'album del successo, più pop dovuto alla hit Mmm eccetera, molto bello comunque. Poi c'è quello che ho proposto nell'ascolto mensile. Il quarto è Give Yourself a Hand. Notevole cambiamento nel sound: suoni spesso elettronici + la voce in falsetto. Con il quinto I Don't Care That You Don't Mind ritorno alle origini, anzi, secondo me quello più "folkeggiante" come dici tu.
Sono tipi strani 'sti qua. [smile]
Quando mi contraddico ho ragione due volte.

Avatar utente

Mick Channon
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2100
Iscritto il: 19/09/2012, 15:35

Re: Ascolto mensile – Crash Test Dummies – A Worm’s Life

Messaggio da Mick Channon » 07/06/2013, 10:21

Allora,ho ascoltato i primi 4 brani del disco.Che dire a suo tempo avevo sottovalutato la band,in parte mi devo ricredere ,niente di innovativo,ma il tutto molto godibile.Il primo brano mi è sembrato il pìù elaborato e originale,il secondo il peggiore,un pop-rock poco originale,molto "ruffiano",mentre il brano che da il titolo all'album e il quarto,sempre un pop-rock,ma più originale,con quella chitarra "Western"molto piacevole,il brano "A worm's life" in particolare mi ha molto divertito e continuo a canticchiarla.Al contrario di Watcher,il controcanto di Ellen Reid,l'ho trovato di troppo,gusto mio personale ovviamente ;) ......a presto gli altri brani [bye]
Tutti sognano di tornare bambini,anche i peggiori fra noi.Forse i peggiori lo sognano più di tutti.

Avatar utente

rim67
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2386
Iscritto il: 06/04/2013, 22:23

Re: Ascolto mensile – Crash Test Dummies – A Worm’s Life

Messaggio da rim67 » 08/06/2013, 18:11

Mi spiace Watcher.....anche se ci sono degli spunti interessanti, la voce proprio non mi piace [gg]
Una convinzione non è solo un'idea che la mente possiede, è un'idea che possiede la mente.

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8130
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: Ascolto mensile – Crash Test Dummies – A Worm’s Life

Messaggio da Hairless Heart » 17/06/2013, 14:40

Ho sentito nominare per la prima volta i Crash Test Dummies, come tutti suppongo, con la celebre Mmm mmm.... (il cui testo mi pare sia stato scritto da Moana Pozzi). Brano certamente godibile ed adatto ad un ascolto radiofonico e....automobilistico. Godibile ma non esaltante al punto da incuriosirmi a cercare altre loro cose.
L'ascolto di questo album mi dà sostanzialmente ragione. Un onesto pop-rock, lineare, senza sbavature o ciofeche ma nemmeno senza picchi particolarmente esaltanti. Suono compatto con l'organo ad annacquare il tutto, senza spigoli o superfici abrasive. Quello che ho apprezzato di più è stato il tentativo di inserire qualche soluzione armonica ardita o comunque non convenzionale. Niente di così geniale, ma la cosa va comunque lodata.
La voce? Concordo con reallytongues, è il tipo di voce originale che all'inizio si può apprezzare e molto, ma dopo un po' tende a stancare. Non so se l'avrei preso in una mia band.....
I pezzi che ho preferito: Overachievers, There Are Many Dangers, An Old Scab, e un gradino sotto la ninna nanna finale, Swatting flies.
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3852
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: Ascolto mensile – Crash Test Dummies – A Worm’s Life

Messaggio da reallytongues » 23/06/2013, 18:29

definitivamente posso dare una valutazione che sfiora la sufficienza
insomma è il tipico gruppo che osa ma non troppo, oppure che ha idee ma non troppe, oppure ancora che ha scritto belle canzone ma non troppe
rimarranno sempre per "MMM MMM MMM", quindi un gruppo da "one hit wonder" che forse per via di quel successo epocale è rimasto ingabbiato in quella formula che nella sostanza è stata irripetibile
nel momento in cui hanno voluto cambiar pelle hanno perso in identità tanto da risultare simili a molti altri gruppi o musicisti tranne che a se stessi
Watcher scusa la critica feroce, ma è quello che penso, io ti consiglio "KIKO" o "Colossal Head" dei Los Lobos, che sono sul versante blues rock degli innovatori come i C.T.D. sono stati nel folk rock
ciao
nel continente nero paraponzi ponzi bo

Avatar utente

Topic author
Watcher
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4201
Iscritto il: 06/12/2010, 8:47

Re: Ascolto mensile – Crash Test Dummies – A Worm’s Life

Messaggio da Watcher » 24/06/2013, 8:07

reallytongues ha scritto: è il tipico gruppo che osa ma non troppo, oppure che ha idee ma non troppe, oppure ancora che ha scritto belle canzone ma non troppe
rimarranno sempre per "MMM MMM MMM", quindi un gruppo da "one hit wonder" che forse per via di quel successo epocale è rimasto ingabbiato in quella formula che nella sostanza è stata irripetibile
nel momento in cui hanno voluto cambiar pelle hanno perso in identità tanto da risultare simili a molti altri gruppi o musicisti tranne che a se stessi
Mi trovi perfettamente d’accordo.
Questo potrebbe essere il "nostro" giudizio complessivo sui Crash Test Dummies però, e non su questo disco. A worm’s Life non l’ho spacciato per capolavoro o semi-capolavoro o come disco innovativo, rivoluzionario, etc. ma semplicemente come un buon prodotto e come ho detto musica semplice e senza pretese. A mio parere, ovviamente, più che sufficiente, e nulla di più.
Quando mi contraddico ho ragione due volte.

Avatar utente

reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3852
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: Ascolto mensile – Crash Test Dummies – A Worm’s Life

Messaggio da reallytongues » 24/06/2013, 18:11

si si molto piacevole, come dice Hairless anche un 6- è un buon voto su di una scala che parte dallo zero assoluto (il gruppo)
nel continente nero paraponzi ponzi bo


massy64
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 182
Iscritto il: 18/03/2013, 15:01

Re: Ascolto mensile – Crash Test Dummies – A Worm’s Life

Messaggio da massy64 » 07/07/2013, 18:04

Ebbene sono finalmente riuscito ad ascoltare qualcosa di questo disco, purtroppo solo 4 brani su you tube perchè non ho spotify e oltretutto la mia competenza in materia di ascolto brani sul web è inversamente proporzionale alla mia passione per la musica e di conseguenza il "tubo" per me equivale alle colonne d'Ercole.....oltre proprio non vado [wall]

Purtuttavia quel poco che ho trovato non mi dispiace, musica gradevole, voce non di quelle urticanti, buono da ascoltare in auto ma non di quelli che il lettore di casa tende a respingere sdegnato.
Overachievers mi pare una buona apertura, non di quelle che ti rimangono in mente per settimane ma tutto sommato neppure uno di quei brani che se ascoltato in casa a volume medio rischi la visita di un condomino che viene a bussarti alla porta con lo spazzolone del pavimento [smile]

Mi Own Sunrise mi piace, non ha l'appeal immediato di Mmm Mmm Mmm Mmm ma si lascia ascoltare con piacere e devo dire che se devo addormentarmi ci sono cose nel rock più indicate di questo brano ed è chiaramente un complimento per i Crash Test Dummies.

Per il voto 4 brani su 12 mi sembra poco per dare un voto però certamente oltre la sufficienza.

Bellina anche All Of This Ugly, d'accordo sul discorso dei chitarristi che reputano la velocità d'esecuzione di primaria importanza...problema peraltro abbastanza annoso nel rock e sostanzialmente di ben difficile soluzione.

E arrivo all'ultimo brano ascoltato ovvero He Liked To Fell It, davvero gradevole e orecchiabile, sono giunto alla fine senza nemmeno accorgermene e anzi quasi mi è spiaciuto che fosse terminato.

In definitiva senza stare a sottolineare anch'io come dei Crash Test Dummies conoscessi solo il celeberrimo singolo direi musica gradevole e senza controindicazioni, da ascoltare in auto da soli e in compagnia (non si rischia la sollevazione popolare) ma anche in luoghi deputati ad una maggiore concentrazione.

Rispondi