...e non abbiam bisogno di parole

Spazio di riflessione dedicato a discussioni meta-musicali o che toccano diversi generi musicali contemporaneamente.

Moderatori: Harold Barrel, Watcher, Hairless Heart, MrMuschiato

Avatar utente

reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3845
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: ...e non abbiam bisogno di parole

Messaggio da reallytongues » 03/03/2013, 13:26

Infatti è più simile alla cattiveria di Red (ed infatti preferisco così).
Ma fai conto che ci sono tante canzoni bellissime brevi che spaziano tanti generi, inventandone pure alcuni (sembra una album dei 90 in molti episodi). Consiglio spassionato: fallo diventare tuo!
nel continente nero paraponzi ponzi bo

Avatar utente

Harold Barrel
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2315
Iscritto il: 03/12/2010, 15:43
Località: Udine
Contatta:

Re: ...e non abbiam bisogno di parole

Messaggio da Harold Barrel » 03/03/2013, 14:22

Uno dei miei pezzi strumentali preferiti è sicuramente After the Ordeal dei Genesis. Molto discusso già dai membri del gruppo, che non lo eseguirono mai dal vivo... Ma a me piace [happy]




Aggiungerei anche il già citato "Peter Gunn", già citato da RTongues, che si inserisce non alla perfezione, ma di più, nel film dei Blues Brothers.




E, per ultimo, un brano abbastanza famoso di "Booker T and the MGs": Green Onions. Utilizzato come colonna sonora in "American Graffiti" e in molti altri film.




PS. Vedo che lo fate quasi tutti, ma per sicurezza lo dico: inserite sempre i titoli dei brani, perchè i video di youtube vanno e vengono, grazie.
« La vita è la palingenetica obliterazione dell’io trascendentale che s’infutura nell’archetipo prototipo dell’autocoscienza cosmica. »

Ettore Petrolini

Avatar utente

reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3845
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: ...e non abbiam bisogno di parole

Messaggio da reallytongues » 03/03/2013, 19:26

Riguardo ai Booker T. & MGs due considerazioni:
prima ricordo il loro album solo strumentale che riprende per intero Abbey Roads dei Beatles
dal titolo McLemore Avenue del 1970;
secondo che il chitarrista Steve Cropper e il bassista Donald Dunn diventarono membri dei Blues Brothers

da wiki:
Nel 1969, Duck Dunn e, specialmente, Booker T. Jones, furono colpiti dalla musica dei The Beatles, in particolar modo dell'album Abbey Road. Il riconoscimento era reciproco tanto che i Beatles si ispirarono parecchio al lavoro dei Booker T. & MG's, i quali venivano chiamati affettuosamente da John Lennon (grande fan della Stax) Book a Table and the Maitre D's..

Sui rapporti tra MG's e Beatles si narra una leggenda secondo la quale dopo essersi chiusi nel Memphis Studio quando la band iniziò il tour del 1967 Hit the Road, Stax i Beatles mandarono una limousine all'aeroporto per baciare l'anello di Steve Cropper. Prima di allora gli MG's non avevano avuto idea dell'influsso che avevano su tanti musicisti in tutto il mondo.


nel continente nero paraponzi ponzi bo

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 7757
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: ...e non abbiam bisogno di parole

Messaggio da Hairless Heart » 04/03/2013, 16:48

reallytongues ha scritto:(Exposure) Consiglio spassionato: fallo diventare tuo!
Fatto! [approve]
Manca forse di compattezza, ma è un gran bel dischetto. E Here comes the flood e la title-track sono sempre due gran bei pezzi.
Le note del disco specificano che, come avevo letto su MAT2020 (la rivista on-line), si tratta in pratica della 3° parte della trilogia MOR, dopo Sacred songs di Daryl Hall e dopo Peter Gabriel 2, entrambi prodotti dallo stesso Fripp.
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

Topic author
mimmo il meccanico
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 371
Iscritto il: 18/12/2011, 9:54

Re: ...e non abbiam bisogno di parole

Messaggio da mimmo il meccanico » 06/03/2013, 17:41

Otitmi brani quelli che avete elencato, alcuni non li conoscevo, di altri mi ero un po' dimenticato ed è stato bello riascoltarli.

Qualche altro:
Dick Dale e la celeberrima Misirlou, brano inciso nel 1960, ma che ha vissuto di seconda e vastissima popolarità in quanto inserito nel soundtrack di Pulp Fiction



Sempre Pulp Fiction mi fa veinre in mente un altro bel pezzo, quello che di fatto chiudeva il film, altro capolavoro,
The Lively Ones, Surf Rider



Come già ebbi modo di dire diverso tempo fa, con tre amici abbiamo una "quasi" band, siamo io alla chitarra, poi basso, batteria e sax, non abbiamo il cantante, quindi brani come questi due qui sopra sono ad esempio due che che facciamo spesso, malissimo ovviamente.
Ultima modifica di mimmo il meccanico il 06/03/2013, 17:48, modificato 1 volta in totale.
ok e adesso?

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 7757
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: ...e non abbiam bisogno di parole

Messaggio da Hairless Heart » 06/03/2013, 17:46

Bene! Ora so di chi è, Mimmo! (intendo la prima delle due).
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3845
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: ...e non abbiam bisogno di parole

Messaggio da reallytongues » 07/03/2013, 7:58

Grandiosi i pezzi di Mimmo! Ho più volte immaginato dove Syd Barrett avesse preso ispirazione per gli incubi chitarristici di Interstellar Overdrive e Astronmy Domine:
secondo me da brani come Misirlou !!
Dick Dale è un mito, Leo Fender gli consegnò la prima Stratocaster che costruì...ciòè non so se mi spiego!


Edit: metto un strumentale del gruppo dove suono :oops:
https://soundcloud.com/#la-colpa/drugamata
nel continente nero paraponzi ponzi bo


roberto63
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1347
Iscritto il: 07/03/2013, 16:23
Località: Savona

Re: ...e non abbiam bisogno di parole

Messaggio da roberto63 » 13/03/2013, 16:20

Dal primo album di Santana, quello con il leone ruggente in copertina, con Gregg Rolie in spolvero:



Treat ~ Santana
Teorema di Stockmayer:
Se sembra facile, è dura.
Se sembra difficile, è fottutamente impossibile.

Avatar utente

Topic author
mimmo il meccanico
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 371
Iscritto il: 18/12/2011, 9:54

Re: ...e non abbiam bisogno di parole

Messaggio da mimmo il meccanico » 21/03/2013, 16:16

Il primo disco degli Iron Maiden è forse il loro album migliore, capolavoro assoluto la mitica Phantom Of The Opera, ma tutto il disco si mantiene sempre su livelli altissimi. Qui lo strumentale Transylvania

ok e adesso?

Avatar utente

MrMuschiato
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 2569
Iscritto il: 12/09/2012, 0:57
Località: Veneto

Re: ...e non abbiam bisogno di parole

Messaggio da MrMuschiato » 21/03/2013, 18:22

Phantom of the Opera e Transylvania sono due perle, grandissimi pezzi.
Gobelini, coboldi, elfi, eoni, la mandragora, il fico sacro, la betulla, la canfora, l'incenso, le ossa dei morti lanciate contro il nemico, i nani!

Avatar utente

Topic author
mimmo il meccanico
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 371
Iscritto il: 18/12/2011, 9:54

Re: ...e non abbiam bisogno di parole

Messaggio da mimmo il meccanico » 05/04/2013, 11:54

Alex Lifeson è veramente un chitarrista incredibile, a volte direi perfino sottovalutato, ha una tecnica che rasenta la perfezione, ma non è quasi mai "sborone", come invece tanti chitarristi virtuosi che spesso si lasciano andare a eccessivi personalismi.
"La Villa Strangiato", strumentale tratto dal sesto album dei Rush, Hemispheres, è uno di quei brani in cui da veramente il meglio. Il pezzo è diviso in più sezioni, con passaggi eleganti e suggestivi, e altri più tipicamente heavy; ha uno sviluppo apparentemente un po' intricato, ma alla fine tutti i nodi vengono al pettine. Ovviamente ottime anche le prestazioni di Neil Peart e Geddy Lee, ma qui è Lifeson che fa la parte del leone.

ok e adesso?

Avatar utente

Progknight94
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1199
Iscritto il: 21/05/2011, 19:09
Località: Cartelfranco Veneto (tv)

Re: ...e non abbiam bisogno di parole

Messaggio da Progknight94 » 05/04/2013, 19:46

Fantastica [approve]

Avatar utente

gigi75
Novellino
Novellino
Messaggi: 45
Iscritto il: 30/03/2013, 9:23
Località: napoli

Re: ...e non abbiam bisogno di parole

Messaggio da gigi75 » 05/04/2013, 20:20

che ne dite di questa?



Pink Floyd - A Saucerful Of Secrets

Avatar utente

rim67
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2386
Iscritto il: 06/04/2013, 22:23

Re: ...e non abbiam bisogno di parole

Messaggio da rim67 » 07/04/2013, 18:48

Orgoglio italiano:

Le Orme - Ritorno al nulla




Concerto grosso per i New Trolls: 1º tempo: Allegro




Due canzoni bellissime, soprattutto il pezzo delle orme che adoro!
Una convinzione non è solo un'idea che la mente possiede, è un'idea che possiede la mente.

Avatar utente

gigi75
Novellino
Novellino
Messaggi: 45
Iscritto il: 30/03/2013, 9:23
Località: napoli

Re: ...e non abbiam bisogno di parole

Messaggio da gigi75 » 08/04/2013, 12:44

io adoro concerto grosso dei new trolls, ma non capisco come abbiano fatto a diventare, dopo questo ottimo lavoro prog, i bee gees italiani!

Avatar utente

rim67
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2386
Iscritto il: 06/04/2013, 22:23

Re: ...e non abbiam bisogno di parole

Messaggio da rim67 » 14/04/2013, 21:18

Stupenda:



Steve Howe - Mood for a Day
Una convinzione non è solo un'idea che la mente possiede, è un'idea che possiede la mente.

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 7757
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: ...e non abbiam bisogno di parole

Messaggio da Hairless Heart » 14/04/2013, 23:39

[approve] Applausi! [approve]
E' talmente bella che alcuni passaggi (tipo quello interlocutorio a 1.25) li scopiazzerà per riproporli sotto altre forme in Tales from topographic oceans e in Relayer.
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

Bock'n'Roll
Novellino
Novellino
Messaggi: 21
Iscritto il: 19/03/2013, 15:00

Re: ...e non abbiam bisogno di parole

Messaggio da Bock'n'Roll » 17/04/2013, 13:23

non ho visto il brano più ovvio



Eruption Guitar Solo--Eddie Van Halen
It's been a long time since I rock and rolled

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 7757
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: ...e non abbiam bisogno di parole

Messaggio da Hairless Heart » 18/04/2013, 18:59

Perchè più ovvio? [chin]
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3845
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: ...e non abbiam bisogno di parole

Messaggio da reallytongues » 19/04/2013, 17:04



Jeff Beck "Led Boots" 1976
nel continente nero paraponzi ponzi bo

Rispondi