Queen: Sheer Heart Attack

In questa sezione recensiamo e discutiamo quelle che sono secondo voi divenute pietre miliari del Rock.

Moderatori: Harold Barrel, Watcher, Hairless Heart, MrMuschiato

Regole del forum
Si invitano gli utenti a consultare il nuovo regolamento della sezione QUI.

In breve:

1. Contattate lo staff se volete inserire una vostra recensione in questa sezione, allegando una bozza della stessa;
2. La recensione non potrà più essere divisa in un numero eccessivo di post ma raggruppata in un numero limitato di messaggi;
3. L'inserimento di video da YouTube nelle recensioni dovrà essere contenuto;
4. Si richiede, nel limite del possibile, un’esposizione corretta sotto il profilo grammaticale.

E' vietato copiare integralmente recensioni da altri siti web.
In caso di citazioni estese è necessario indicare la fonte di quest'ultime.
Rispondi
Avatar utente

Topic author
mimmo il meccanico
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 371
Iscritto il: 18/12/2011, 9:54

Queen: Sheer Heart Attack

Messaggio da mimmo il meccanico » 06/02/2012, 8:57

Immagine

Gruppo controverso i Queen, chi li ama follemente, chi li odia. Io credo di essere più o meno nel mezzo, alcune cose le apprezzo molto, altre decisamente meno. Penso che gli album anni settanta siano tutti molto validi, soprattutto i primi cinque. Tra questi il mio preferito è Sheer Heart Attack del 1974, terzo disco della band inglese. Le premesse per la registrazione del disco non furono delle migliori in quanto il chitarrista Brian May fu colpito da epatite che lo costrinse a letto per diverso tempo, ma nonostante ciò continuò a scrivere pezzi, d'altra parte gli altri tre membri della band lavorarono sul nuovo materiale aspettando che Brian tornasse per completarlo. Ma per ironia della sorte sono proprio le parti di chitarra ad essere uno dei maggiori punti di forza del disco, quasi come se la convalescenza avesse rinvigorito il chitarrista che quando tornò in studio diede il meglio di se.
L'album si apre subito alla grande con la "rocciosa" Brighton Rock, un brano hard molto particolare, potente si, ma anche incredibilmente dinamico, tutti e quattro offrono una performance eccellente e Mercury sfodera una doppia voce, falsetto e normale, per emulare il dialogo fra una ragazza e un ragazzo che caratterizza il testo. May semplicemente grandioso e grande padrone nell'uso del delay. Dal vivo sarà uno dei cavalli di battaglia della band per tutti gli anni settanta, nei concerti degli anni ottanta il chitarrista ne riprenderà la sezione strumentale.

http://www.youtube.com/watch?v=TdUKi3_QntE

Altro classico del disco è Killer Queen, brano scritto da Freddie Mercury al piano, melodia orecchiabile al punto giusto, ma non banale, dove tutto si incastra alla perfezione, coretti, assolo, non una nota fuori posto, tre minuti che cristallizzano un perfetto esempio di pop rock alla queen.

http://www.youtube.com/watch?v=xVjOK2KCwqg

Sempre Freddie è l'autore della tiratissima Stone Cold Crazy, un pezzo quasi metal, tanto che anni dopo fu ripreso anche dai Metallica.

http://www.youtube.com/watch?v=Mmt2mgmrSUw

Altri ottimi pezzi sono l'hard rock Now I'm Here, pure questo uno dei classici live della band e Lily Of The Valley, ballata pianistica molto dolce che sembra un po' la continua di Nevermore dal disco precedente.

Che dire, in definitiva un album sicuramente riuscito, molto heavy, ma sempre con un occhio di riguardo per la melodia, a mio avviso non inferiore al successivo A Night At The Opera.
ok e adesso?

Avatar utente

Watcher
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4160
Iscritto il: 06/12/2010, 8:47

Re: Queen: Sheer Heart Attack

Messaggio da Watcher » 06/02/2012, 10:32

Un buon album che metto alla pari con il successivo A Night at the Opera, sicuramente superiori a Queen I e II.
Killer Queen è un gioiello, vero marchio di fabbrica del loro stile a venire.
Quando mi contraddico ho ragione due volte.

Avatar utente

mozo
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 246
Iscritto il: 26/12/2011, 17:03

Re: Queen: Sheer Heart Attack

Messaggio da mozo » 06/02/2012, 12:04

I Queen degli anni '70 sono una delle mie band preferite, personalmente li inserisco al quarto posto della mia classifica, dopo i Genesis (e Peter solista) al primissimo posto, i Pink Floyd, e i Deep Purple, quest'ultimo gruppo notevolmente distaccato dai primi due; Lo stesso Freddie Mercury (R.I.P.) è la mia terza voce preferita, dopo Peter al primo posto, Sting dei bei tempi al secondo, e seguito da Ian Gillan, al quarto. Negli anni '80 non mi convincono molto invece, con le loro sonorità danzerecce, ma apprezzo lo stesso le canzoni pop più famose di quegli anni, che trovo splendide, come Another One Bites the Dust, Dragon Attack (è vero, non è molto conosciuta questa, se non ai veri fan), Radio Gaga, Who Wants to Live Forever (rigorosamente cantata da May), e qualche sprizzata di sano Classic Rock che ogni tanto rispolveravano fuori, come la splendida I Wan't It All. Amo molto per altro l'album del '91, l'ultimo con Freddie in vita, Innuendo. Come hai ben detto tu Mimmo, riguardo un brano in particolare di tal bellissimo album che prende il nome di Sheer Heart Attack (per me, secondo solo al capolavoro assoluto A Night at the Opera), direi che punte di heavy metal c'erano un pò ovunque nella discografia "Regale" 8-) degli anni '70, e forse è questa la maggior attrattiva nella loro musica di quel decennio, sonorità dure e veramente "metalliche" sublimate dalla voce sovrannaturale di Mercury, unite al gusto neoclassico e dolciastro del chitarrismo di Brian May, molto melodico, ed un particolare gusto predominante per il glam ed il pomposo che in questo caso ci sta a pennello, per una band che si chiama Queen (per me il nome di una band, come le copertine dei dischi, è di vitale importanza per le sensazioni che arrivano all'ascolto), e soprattutto perchè bilancia l'equilibrio tra la musica e l'inarrivabile e sublime voce del signor Bulsara, dotato di vere e propie carature, come uno strumento musicale, capace di variare le propie corde vocali dal tenorile al soprano, dal lirico al rock, dal vellutato all'aspro ed aggressivo.

Ps: per citare Watcher, ritengo Killer Queen uno dei brani più belli in assoluto della loro produzione; vi amo molto la chitarra di May nella ripetizione del ritornello principale.

Avatar utente

Progknight94
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1199
Iscritto il: 21/05/2011, 19:09
Località: Cartelfranco Veneto (tv)

Re: Queen: Sheer Heart Attack

Messaggio da Progknight94 » 07/02/2012, 0:00

Non c'entra niente, ma i Metallica, tra le poche cose veramente buone che hanno fatto, c'e anche una splendida versione thrash di Stone Cold Crazy... :mrgreen:


Numb
Novellino
Novellino
Messaggi: 45
Iscritto il: 16/12/2011, 14:45

Re: Queen: Sheer Heart Attack

Messaggio da Numb » 03/03/2012, 10:37

Un album sicuramente molto buono. Con quest' album i Queen sono arrivati al non plus ultra della loro vena hard-rock; con il successivo A night at the opera sono arrivati al massimo della fusione fra hard rock e altri generi, persino l'operetta.

E' un peccato che abbiano poi abbandonato queste sonorità, altrimenti non sarebbero snobbati da molti.

Avatar utente

prog91
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 258
Iscritto il: 10/07/2011, 21:55

Re: Queen: Sheer Heart Attack

Messaggio da prog91 » 03/03/2012, 22:50

E' un peccato che abbiano poi abbandonato queste sonorità, altrimenti non sarebbero snobbati da molti.
Beh... C'è da dire con certa produzione successiva e con il Freddie pop solista qualche fan in più se lo sono guadagnati.
Non voglio essere critico, ma, come dice Mimmo, c'è chi li ama e chi, come me, non riesce ad apprezzarli troppo.


Lorenzo Mentasti
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 277
Iscritto il: 11/11/2019, 16:14

Re: Queen: Sheer Heart Attack

Messaggio da Lorenzo Mentasti » 15/12/2019, 14:19

I Queen dal 1973 al 1978 hanno sbagliato poco o niente.
A un primo album tiratissimo (con il quasi-metal galoppante "Keep yourself alive" e il primo abbozzo strumentale della hard-ballad "Seven seas of rhye"), ne hanno fatto seguire uno interlocutorio (dove c'è la versione definitiva con testo di "Seven seas of rhye"), quindi "Sheer heart attack". Secondo me, è un disco che può accontentare un po' tutti i gusti. C'è l'hard rock ("Now I'm here") e il baroque pop post-Beatles ("Killer queen"). "A night at the opera" direi che è unanimamente riconosciuto come il loro capolavoro, con un mini-musical come "Bohemian rhapsody" (che mischia opera lirica, hard rock, gospel e ballata soft) e incursioni nel gospel ("You're my best friend"). Segue il disco della conferma definitiva, "One day at the races", contenente "Somebody to love" (rock ballad con accenti gospel) e il proto-metal "Tie your mother down". "News of the world" è un lavoro di routine, dove segnalerei solo il gospel iniziale "We will rock you" e la madre delle songs da arena rock, "We are the champions". L'ultimo sussulto artistico è "Jazz", secondo me, un album contenente ballate a metà tra hard rock e gospel come "Bycicle race" e "Don't stop me now" e addirittura southern rock ("Fat bottomed girls"). Dal 1980, con "Flash" e "The game", ci si svenderà senza troppe remore allo show-business, passando all'incasso con motivetti facili che strizzano l'occhio al synth-pop, al funky e che fanno accorrere acquirenti nei negozi di dischi e folle oceaniche ai concerti ma che consegnano album in cui rimangono solo qua e là tracce del loro talento artistico. Nel frattempo, per non saper né leggere né scrivere, Freddie Mercury riuscirà a trovare il tempo per partorire un album solista danzereccio e uno di pop-lirico con la soprano Monserrat Caballé, vendutissimi ma musicalmente irrilevanti. Solo la tremenda malattia che lo colpirà nel 1987 e lo condurrà ad una triste morte prematura nel 1991, darà alla band la forza di tornare in studio e far uscire ancora due album in cui cercano di recuperare lo spirito rock degli esordi (con un non piccolo aiuto di Steve Howe per "Innuendo") ma la cosa riuscirà solo qua e là in alcuni brani e, nel frattempo, la scena rock sarà già stata occupata da nuove band. In soldoni, i Queen restano, per me, un gruppo mitico a metà: geniali dal 1973 al 1978, mediocri dal 1979 fino al 1991 (tralascio "Made in Heaven", disco-Frankenstein di cattivissimo gusto, e l'album con Paul Rogers e senza nemmeno più John Deacon, che dei Queen non ha proprio niente).
Ultima modifica di Lorenzo Mentasti il 15/12/2019, 20:15, modificato 1 volta in totale.


schemar71
Apprendista Rocker
Apprendista Rocker
Messaggi: 51
Iscritto il: 29/10/2018, 21:03

Re: Queen: Sheer Heart Attack

Messaggio da schemar71 » 15/12/2019, 14:40

Opinioni per carità e giustamente ognuno ha la sua, ma permettimi solo alcune precisazioni.
- il brano "fat bottomed girls" è contenuto nell'album Jazz del 78, forse volevi dire " '39".
- crazy little thing called love appartiene all'album "the game" dell'80, che precede " Flash" dell'81.

Inviato dal mio SM-N950F utilizzando Tapatalk


Lorenzo Mentasti
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 277
Iscritto il: 11/11/2019, 16:14

Re: Queen: Sheer Heart Attack

Messaggio da Lorenzo Mentasti » 15/12/2019, 14:56

Sì, intendevo '39.
Non ricordavo invece che "Crazy little thing called love" fosse contenuta in quellì'album.
Grazie, correggo subito!

Avatar utente

Lamia
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2299
Iscritto il: 11/01/2014, 14:55

Re: Queen: Sheer Heart Attack

Messaggio da Lamia » 18/02/2020, 12:47

Molto bello Sheer Heart Attack !

Non concordo con alcune considerazioni fatte, trovo che i Queen , invece, abbiano saputo rinnovarsi sempre, “Innuendo” del 1991, rappresenta un esempio di questa evoluzione, nonostante la malattia di Freddy, i nostri riescono a sfornare un album fantastico, fresco, intrigante, moderno , coraggioso. ( roba che oggi ci sogniamo, neanche su marte si troverebbe qualcuno capace di comporre e suonare un album cosi).


schemar71
Apprendista Rocker
Apprendista Rocker
Messaggi: 51
Iscritto il: 29/10/2018, 21:03

Re: Queen: Sheer Heart Attack

Messaggio da schemar71 » 19/02/2020, 10:26

Concordo pienamente ed aggiungo, trovatemi un'altra band in grado di restare sempre al top come livello di creatività ed anche continua evoluzione del sound al passo coi tempi, pur senza snaturalizzarsi.
E tutto ciò per 18 lunghi anni.

Inviato dal mio SM-N950F utilizzando Tapatalk

Avatar utente

twoofus
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1406
Iscritto il: 19/06/2015, 13:29

Re: Queen: Sheer Heart Attack

Messaggio da twoofus » 19/02/2020, 11:04

A costo di essere scontato, così su due piedi direi senz'altro e ancora di più, i Beatles.
Ma anche i Jethro Tull, i Pink Floyd, i primi Genesis, i Rolling Stones 64-71...
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead.


schemar71
Apprendista Rocker
Apprendista Rocker
Messaggi: 51
Iscritto il: 29/10/2018, 21:03

Re: Queen: Sheer Heart Attack

Messaggio da schemar71 » 19/02/2020, 11:10

I Beatles 18 anni? I Jethro Tull vada per l'evoluzione ma non hanno avuto proprio gli stessi numeri dei Queen. Sugli Stones qualche dubbio che il livello sia rimasto al top per tutta la carriera. Genesis si, forse gli unici.

Inviato dal mio SM-N950F utilizzando Tapatalk

Avatar utente

twoofus
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1406
Iscritto il: 19/06/2015, 13:29

Re: Queen: Sheer Heart Attack

Messaggio da twoofus » 20/02/2020, 13:48

I Beatles hanno fatto di tutto e di più, ma in soli 8 anni. Come evoluzione penso non abbiano rivali. Da Love me do del 62, quando imperava Cliff Richard (!), a Abbey Road e Let it be passano esattamente 8 anni scarsi, tempo in cui altre band hanno fatto due dischi...
Parliamo di "continua evoluzione", si tenga presente.
Degli Stones infatti ho specificato 64-71. Idem per i Genesis: se parliamo dei primi sono d'accordo, l'evoluzione va da Trespass a Lamb, poi basta.
Ma parliamo dei i Queen (che sia chiaro mi piacciono molto): hanno iniziato come tutti i gruppi (senza inventare nulla), seguendo i generi di moda all'epoca, tra il glam imperante e la scia dei Led Zeppelin (1° album). Hanno presto cambiato indirizzo con il secondo album e si sono evoluti passando per Attack fino a Night art the Opera (la vera evoluzione, mischiando sapientemente hard, prog, pop e rock in una miscela geniale - fondamentalmente Bohemian Rhapsody - che poteva sembrare nuova ma che stringi stringi tanto nuova non era). Poi hanno ripetuto l'identica formula, un po' sbiadita, per Day at the races e sono restati a quel livello con News of the world. Successivamente hanno iniziato la parabola discendente (per alcuni deludente) fino a The works. Hanno poi sterzato e strizzato l'occhio all'easy pop anni 80 con Magic e Miracle, per poi avere il colpo di coda finale con Innuendo (unico album - quasi - al livello dei fasti di Opera).
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead.


schemar71
Apprendista Rocker
Apprendista Rocker
Messaggi: 51
Iscritto il: 29/10/2018, 21:03

Re: Queen: Sheer Heart Attack

Messaggio da schemar71 » 20/02/2020, 18:36

Forse non ci capiamo. Io intendevo quali altri gruppi hanno performato album per 20 anni quasi sempre su livelli alti? Non parlo solo di evoluzione. Poi permettimi, dire che "i Beatles in 8 anni hanno .... quando altri in quel periodo hanno realizzato un paio di album" mi pare a dir poco una forzatura. Negli anni 60-70 tutti i gruppi sfornavano almeno un album all'anno. Poi certo , magari non tutti di alto livello, ma appunto si torna ancora sul discorso Queen. Se poi mi dici che Bo Rap non è niente di originale allora alzo bandiera bianca...

Inviato dal mio SM-N950F utilizzando Tapatalk

Avatar utente

twoofus
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1406
Iscritto il: 19/06/2015, 13:29

Re: Queen: Sheer Heart Attack

Messaggio da twoofus » 21/02/2020, 12:15

Per Bo Rap avevo parlato di "miscela geniale", e non mi pare poco.
Sono i 20 anni sugli stessi livelli (alti) che mi lasciavano perplesso. Se parliamo del livello di Opera non ne vedo altri... forse (e sottolineo forse) Race e Innuendo. Ma in mezzo c'è anche roba piuttosto mediocre. Ovviamente e come sempre, si tratta di gusti personali.
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead.

Rispondi