ROXY MUSIC - For Your Pleasure (1973- Island records)

In questa sezione recensiamo e discutiamo quelle che sono secondo voi divenute pietre miliari del Rock.

Moderatori: Harold Barrel, Watcher, Hairless Heart, MrMuschiato

Regole del forum
Si invitano gli utenti a consultare il nuovo regolamento della sezione QUI.

In breve:

1. Contattate lo staff se volete inserire una vostra recensione in questa sezione, allegando una bozza della stessa;
2. La recensione non potrà più essere divisa in un numero eccessivo di post ma raggruppata in un numero limitato di messaggi;
3. L'inserimento di video da YouTube nelle recensioni dovrà essere contenuto;
4. Si richiede, nel limite del possibile, un’esposizione corretta sotto il profilo grammaticale.

E' vietato copiare integralmente recensioni da altri siti web.
In caso di citazioni estese è necessario indicare la fonte di quest'ultime.
Rispondi
Avatar utente

Topic author
reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3852
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

ROXY MUSIC - For Your Pleasure (1973- Island records)

Messaggio da reallytongues » 11/02/2015, 19:17

Roxy Music - "For Your Pleasure" 1973 Island Records
Immagine
(in copertina Amanda Lear)

I Roxy Music, gruppo inglese formato nel 1971 dal cantante e pianista Bryan Ferry, sono tra i più originali esponenti del rock inglese di inizio '70.
Sono stati subito inseriti nel filone glam, ma la loro musica era assai più complessa e ambiziosa tanto da divenire influente sia per la futura scena punk come per la new wave.
Si inseriscono nel genere art-rock e i rimandi al kraut rock tedesco, più che al prog inglese, sono abbastanza evidenti anche se i Roxy sono pure un gruppo pop rock dove le canzoni sono fatte per divertire e ballare.
Il gruppo è davvero ricco di talenti e di future star:
il leader Bryan Ferry, cantante e compositore talentuoso, ispirato tanto dal rock'n'roll anni '50 quanto dal progressive (si ricorda una sua audizione per divenire cantante dei King Crimson);
Brian Eno, il non-musicista dichiarato, genio dell'elettronica e dei suoni trattati, personaggio centrale nell'evoluzione del pop verso scenari futuri (il suo lavoro di produzione per Bowie è solo l'inizio di una carriera fatta sia di uscite discografiche, ma pure di produzioni eccellenti sempre alla ricerca di novità stilistiche);
Phil Manzanera eccellente chitarrista, sorta di trat d'union tra Robert Fripp e Randy California, cioè tra il chitarrismo sperimentale di tradizione inglese e di quello americano.
Andy Mackay ai fiati, fondamentale per sonorità ricche di sfumature, e una sezione ritmica di tutto rispetto completano l'ensamble.
Il disco d'esordio, prodotto da Pete Senfield, è già un eccellente prova con un hit single divertente ed elettrizzante come la storica "Virginia Plain".
https://www.youtube.com/watch?v=y8DJP6XYGDQ
Il prodotto è fresco e ricco di originalità anche se forse è ancora un poco grezzo nelle sonorità.

Il passo in avanti definitivo verso la consacrazione avviene con "For Your Pleasure" prodotto e arrangiato dal gruppo stesso e completamente scritto da Ferry.
Breve e conciso, negli 8 brani che compongno l'opera si trovano brani rock esplosivi quasi pre-punk come "Do The Strand" che apre il disco ed "Edition Of You" in cui riff di pianoforte, eccellenti assoli di chitarra, effetti elettronici, sax esplosivi e una sezione ritmica punk fanno da accompagnamento alle esibizioni canore davvero istrioniche di Ferry.
Si trovano languide ballate gonfie di decadente espressività come "Beauty Queen", "Strictly Confidential", "Grey Lagoons" in cui Ferry si fa gioco quasi del Presley più intimista.
Ma ci sono pure i Roxy sperimentali:
"In Every Dream Home A Hearteache" è uno dei vertici del gruppo un brano che mette i brividi e provoca un senso di terrore e stranimento. Si tratta di una lenta e sofferta marcia funebre recitata in tono beffardo con un tappeto elettronico inquietante che esplode nel finale corale con un Manzanera sugli scudi.
"Bogus Man" è la traccia più iponotica, quasi kraut-rock, un ritmo ossessivo cadenzato con un basso molto scuro e funky, bellissimi suoni riverberati e una voce dall'oltretomba che si sublima nel ritornello in cui il mellotron fa da tappeto. Eccellente il lavoro fiatistico di Mackay.
Il finale è da capogiro:
la title track si apre con Eno che gioca filtrando i suoni del pianoforte su di un mid tempo di batteria, negli stacchi il bellissimo tema di chitarra riverberata che sarà il marchio di fabbrica dei futuri hits del gruppo; il finale evocativo ed espanso ci lascia quasi interdetti per ciò che in un solo album abbiamo sentito.

"Do the Strand"
https://www.youtube.com/watch?v=ykMdLEXQ4fQ

"In Every Dream Home a Heartache"
https://www.youtube.com/watch?v=G56DaSAeZfM
nel continente nero paraponzi ponzi bo

Avatar utente

Mick Channon
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2100
Iscritto il: 19/09/2012, 15:35

Re: ROXY MUSIC - For Your Pleasure (1973- Island records)

Messaggio da Mick Channon » 11/02/2015, 21:32

Uno dei miei dischi preferiti in assoluto.Ferry grande protagonista,autore spesso sottovalutato.
Tutti sognano di tornare bambini,anche i peggiori fra noi.Forse i peggiori lo sognano più di tutti.

Avatar utente

2Old2Rock2Young2Die
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1392
Iscritto il: 20/09/2013, 16:15

Re: ROXY MUSIC - For Your Pleasure (1973- Island records)

Messaggio da 2Old2Rock2Young2Die » 13/02/2015, 12:58

Il più perverso e sperimentale. Disco influentissimo col suo stile futuristico e le atmosfere "malate". Copertina Animal Fetish con l'Amandona.

Un piccolo appunto: credo che la canzone sulla bambola gonfiabile sia In Every Dream Home a Heartache
Immagine
Clicca qui o sull'immagine per ingrandire
"But don't you think that I know that walking on the water, Won't make me a miracle man?"

Avatar utente

Topic author
reallytongues
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 3852
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: ROXY MUSIC - For Your Pleasure (1973- Island records)

Messaggio da reallytongues » 13/02/2015, 13:15

Hai ragione Old.
Ho fatto confusione, grazie della segnalazione.
Anche il primo album ha dei brani capolavoro tipo "Remake Remodel" che con "Edition of you" (dal secondo album) è il loro brano più arrembante.
nel continente nero paraponzi ponzi bo

Avatar utente

Guaster
Appena iscritto
Appena iscritto
Messaggi: 8
Iscritto il: 04/02/2015, 17:21

Re: ROXY MUSIC - For Your Pleasure (1973- Island records)

Messaggio da Guaster » 15/02/2015, 19:29

Decisamente i migliori lavori della band, il perfetto mix tra sperimentalismo e tradizione. L'apparizione dei Roxy Music fu travolgente per il suono ma anche per l'inconsueta immagine. Poi dischi decisamente belli senza raggiungere il livello delle due prime opere.

Rispondi