Kenny Burrell

Una sezione dedicata a tutti gli appassionati del Jazz, nato nei primissimi anni del '900 negli Stati Uniti ma che influenza tutt'ora i più grandi musicisti.

Moderatori: Harold Barrel, Watcher, Hairless Heart, MrMuschiato

Rispondi
Avatar utente

Topic author
Mick Channon
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2100
Iscritto il: 19/09/2012, 15:35

Kenny Burrell

Messaggio da Mick Channon » 02/12/2013, 7:58

Kenny Burrell,chitarrista forse un po troppo sottostimato,con il suo stile essenziale ed elegante,ha influenzato non poche generazioni di chitarristi Jazz. George Benson ha detto:" Ci sono chitarristi bravi tecnicamente come lui,ma nessuno possiede la finezza di Kenny Burrell".Artista dalla vastissima discografia,è stato introdotto nel mondo del Jazz da Dizzy Gillespie.Si è trovato a suo agio in qualsiasi contesto si sia cimentato,dagli infuocati duetti con l'organista Jimmy Smith,all'orchestra di Benny Goodman o nelle infinite collaborazioni con altri mostri sacri.
Il suo album più famoso è sicuramente "Midnight Blue" disco immerso nelle atmosfere Blusey notturne,considerato un classico dagli amanti del Acid Jazz.Lo accompagnano in studio gente del calibro di Stanley Turrentine al sax tenore e Ray Barreto alle congas,completano il gruppo Major Holley al basso e Billy Gene English alla batteria.
Due brani dal disco,la title track (ditemi se Van morrison non ha attinto a piene mani per comporre la sua Moondance) e poi "Soul Lament" un pezzo di bravura solo chitarra.


Tutti sognano di tornare bambini,anche i peggiori fra noi.Forse i peggiori lo sognano più di tutti.


roberto63
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1347
Iscritto il: 07/03/2013, 16:23
Località: Savona

Re: Kenny Burrell

Messaggio da roberto63 » 03/12/2013, 18:30

Grande scelta di mick! Ho avuto il piacere di vederlo in concerto proprio con il re dell'hammond Jimmy Smith nel lontano '93.
Fra l'altro, molto interessante una sua collaborazione con l'Orchestra di Gil Evans nell'album Guitar forms con accenni di Third Stream Music, qui nella celeberrima Greensleeves:

Teorema di Stockmayer:
Se sembra facile, è dura.
Se sembra difficile, è fottutamente impossibile.

Avatar utente

Topic author
Mick Channon
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2100
Iscritto il: 19/09/2012, 15:35

Re: Kenny Burrell

Messaggio da Mick Channon » 04/12/2013, 9:19

Beato te Roberto che hai visto Burrell e Smith dal vivo,e chissà quanti altri ;)

Allora ascoltiamoceli [slurp] ,da "Home Cookin" disco del 1959 che vedeva Jimmy Smith come leader, "I got a Woman" un classico di Ray Charles
Tutti sognano di tornare bambini,anche i peggiori fra noi.Forse i peggiori lo sognano più di tutti.


roberto63
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1347
Iscritto il: 07/03/2013, 16:23
Località: Savona

Re: Kenny Burrell

Messaggio da roberto63 » 10/12/2013, 17:03

Fantastici! :)
Teorema di Stockmayer:
Se sembra facile, è dura.
Se sembra difficile, è fottutamente impossibile.

Rispondi