LE ORME

Sezione dedicata a tutti gli artisti che hanno contribuito alla scena progressive italiana.

Moderatori: Harold Barrel, Watcher, Hairless Heart, MrMuschiato

Rispondi
Avatar utente

Topic author
ella
Novellino
Novellino
Messaggi: 30
Iscritto il: 25/03/2012, 18:42

LE ORME

Messaggio da ella » 27/03/2012, 21:15

Le Orme sono un gruppo musicale di rock progressivo italiano nato negli anni sessanta come gruppo beat. Convenzionalmente rappresenta con la Premiata Forneria Marconi e il Banco del Mutuo Soccorso la punta di diamante del progressive italiano, nonché uno dei gruppi che ha goduto maggiore visibilità all'estero. Negli ultimi anni il gruppo ha partecipato ad alcune tra le più importanti rassegne mondiali del genere.

Il primo nucleo del gruppo si formò a Marghera, periferia industriale di Venezia, su iniziativa del chitarrista veneziano Nino Smeraldi e del ventunenne muranese Aldo Tagliapietra, fresco di vittoria di un concorso per giovani cantautori e insoddisfatto del gruppo dove suonava, i "Corals", la tipica cover band della fine degli anni sessanta. Fu così che fondarono Le Orme, insieme al bassista Claudio Galieti e al batterista Marino Rebeschini.
Il gruppo aveva inizialmente scelto di chiamarsi "Le Ombre", in omaggio agli inglesi Shadows, passione comune del gruppo, ma secondo la versione ufficiale, i quattro optarono invece per "Le Orme", per evitare ironici doppi sensi, in quanto "ombra" in lingua veneta significa anche "bicchiere di vino" (dal veneto n'ombra de vin, appena un po' di vino). Inoltre all'epoca già esisteva in Veneto un gruppo emergente con quel nome.
(Da Wikipedia)
Il sonno della ragione genera mostri

Avatar utente

Topic author
ella
Novellino
Novellino
Messaggi: 30
Iscritto il: 25/03/2012, 18:42

Re: LE ORME

Messaggio da ella » 27/03/2012, 21:18

L'album che mi piace di più è "Collage" ed appartiene al periodo progressivo della band. Di questo album rimane famoso il singolo estratto Sguardo verso il cielo.


Un po' di info....

Dopo l'inizio della collaborazione con Gian Piero Reverberi nel singolo Il profumo delle viole (1970),il gruppo cambia stile e lascia dietro di sé ogni reminiscenza di musica beat cercando spunti nel pop internazionale.Tony Pagliuca si era recato a Londra per conoscere la scena del pop internazionale e nell'intento di procurarsi un sintetizzatore. Anche se il secondo obiettivo non viene raggiunto, rientra in Italia pieno di idee ed entusiasmo, trascinando il complesso in un progetto di sapore innovativo ed internazionale.
Il disco riprende tematiche fortemente attuali (come la prostituzione in Era Inverno). Nonostante la profonda tristezza dei testi, è chiarissimo lo sforzo creativo del complesso alla ricerca di nuovi stili: soprattutto, spicca l'intento di allontanarsi dallo schema tipico della canzone, pur senza rinnegarla.Di fondamentale importanza resta anche il legame con la musica classica, tant'è che il pezzo di apertura, Collage, contiene una sezione clavicembalistica tratta dalla famosa sonata K 380 di Domenico Scarlatti.
Il progetto è coronato da successo: è questo uno degli album che apre, per i complessi italiani, una via al pop di sapore internazionale. Caratteristici sono, per le parti cantate, gli effetti elettronici che danno alla voce un suono lievemente metallico.
Degni di nota sono anche il brano Cemento armato, la sperimentazione al limite dell'experimental rock di Evasione Totale ed Immagini, composizione sottilmente influenzata dal Rock psichedelico che aveva caratterizzato gli esordi del complesso.
(Da Wikipedia)

Posto il mio pezzo preferito

http://www.youtube.com/watch?v=A-MRcyC7MIY
Il sonno della ragione genera mostri

Avatar utente

SH61
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 450
Iscritto il: 13/05/2011, 16:11

Re: LE ORME

Messaggio da SH61 » 28/03/2012, 12:22

ella ha scritto:L'album che mi piace di più è "Collage"....
Anche a me.....

Avatar utente

Harold Barrel
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2331
Iscritto il: 03/12/2010, 15:43
Località: Udine
Contatta:

Re: LE ORME

Messaggio da Harold Barrel » 02/04/2012, 20:06

Bellissimo l'album "Uomo di Pezza", credo si possa considerare uno dei più riusciti delle Orme. [bye]
« La vita è la palingenetica obliterazione dell’io trascendentale che s’infutura nell’archetipo prototipo dell’autocoscienza cosmica. »

Ettore Petrolini

Avatar utente

tommy63
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 558
Iscritto il: 04/02/2011, 16:14
Località: Versilia

Re: LE ORME

Messaggio da tommy63 » 02/04/2012, 21:08

Mio fratello (8 anni più grande)ascoltava in continuazione Uomo di pezza e Felona e Sorona,grandi album e altri tempi......

Avatar utente

Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 8100
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

Re: LE ORME

Messaggio da Hairless Heart » 02/04/2012, 22:10

Harold Barrel ha scritto:Bellissimo l'album "Uomo di Pezza", credo si possa considerare uno dei più riusciti delle Orme. [bye]
Sicuramente, anche se all'epoca, e in parte anche adesso, venne considerato un mezzo passo indietro, per la presenza delle "canzoncine" Gioco di bimba e Figure di cartone. Poi Felona e Sorona mise (quasi) tutti d'accordo.
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

Harold Barrel
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2331
Iscritto il: 03/12/2010, 15:43
Località: Udine
Contatta:

Re: LE ORME

Messaggio da Harold Barrel » 03/04/2012, 22:14

tommy63 ha scritto:Mio fratello (8 anni più grande)ascoltava in continuazione Uomo di pezza e Felona e Sorona,grandi album e altri tempi......
Già, è vero, mi ero dimenticato di Felona e Sonora, capolavoro pure quello.
Invece "Gioco do Bimba", citata da Hairless... Uscì anche come singolo (45 giri), o sbaglio?
« La vita è la palingenetica obliterazione dell’io trascendentale che s’infutura nell’archetipo prototipo dell’autocoscienza cosmica. »

Ettore Petrolini

Avatar utente

SH61
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 450
Iscritto il: 13/05/2011, 16:11

Re: LE ORME

Messaggio da SH61 » 04/04/2012, 9:20

Harold Barrel ha scritto:Invece "Gioco do Bimba", citata da Hairless... Uscì anche come singolo (45 giri), o sbaglio?

Proprio così. Il lato B era "Figure di cartone".
Le Orme, a differenza degli altri gruppi prog dell'epoca (si sarebbe detto "pop", ma volevo evitare equivoci), hanno inciso vari 45 giri di dicreto successo; oltre all'appena citato "Giochi di bimba" in un'altra discussione ricordavo "Sera", forse il più interessante e, negli anni del declino, "Canzone d'amore".

Avatar utente

Progknight94
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1199
Iscritto il: 21/05/2011, 19:09
Località: Cartelfranco Veneto (tv)

Re: LE ORME

Messaggio da Progknight94 » 04/04/2012, 21:05

Gruppo bellissimo, ho avuto anche l'occasione di parlare con Pagliuca e Tagliapietra l'anno scorso, gente fantastica.
ultimamente sto rimpinguando i buchi che ho nella discografia.

ps io canzone d'amore la coverizzo e mi piace molto [smile]

Avatar utente

prog91
Giovane Rocker
Giovane Rocker
Messaggi: 258
Iscritto il: 10/07/2011, 21:55

Re: LE ORME

Messaggio da prog91 » 07/04/2012, 21:36

SH61 ha scritto: Le Orme, a differenza degli altri gruppi prog dell'epoca (si sarebbe detto "pop", ma volevo evitare equivoci), hanno inciso vari 45 giri di dicreto successo
A differenza dei Genesis, che pubblicarono su 45 giri una versione terrificante di Watcher of the Skies, nel '73.

Avatar utente

The Rocker 85
Novellino
Novellino
Messaggi: 20
Iscritto il: 20/01/2012, 16:46

Re: LE ORME

Messaggio da The Rocker 85 » 18/04/2012, 11:04

In questo periodo sto ascoltando moltissimo Felona e Sonora, è un disco eccellente. Molti, parlando delle Orme, parlano di scopiazzamenti da gruppi british prog... Non sono d'accordo [chin]
Before you slep into... unconciousness... I would like to have another kiss....

Avatar utente

SH61
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 450
Iscritto il: 13/05/2011, 16:11

Re: LE ORME

Messaggio da SH61 » 19/04/2012, 15:17

No, le Orme hanno avuto, negli anni 70, un'identità musicale ben definita.
Magari qualcuno può riferirsi all'usanza che aveva Pagliuca di imitare (per scherzo) i massimi rappresentanti dei tastieristi "pop" dell'epoca : Emerson e Wakeman, prendendo a coltellate l'organo oppure indossando una lunga parrucca bionda.
Poteva poi essere facile assimilare le Orme agli ELP, a causa della formazione triangolare; ma le somiglianze finivano lì.

Avatar utente

Lorenzo Mentasti
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 563
Iscritto il: 11/11/2019, 16:14

Re: LE ORME

Messaggio da Lorenzo Mentasti » 15/12/2019, 20:03

Secondo me, ciò che rendeva in un certo senso uniche le Orme, era anche l'abilità nello sposare al formato-canzone di 2-3 minuti, la complessità e la perizia strumentale tipiche del prog. Per questo, apprezzo molto anche i loro brani all'apparenza più facili, tipo "Gioco di bimba", "Amico di ieri" e financo il singolo "Canzone d'amore"/"E' finita una stagione" che segnò l'inizio del loro periodo più pop.
"Mother, didn't need to be so high."

Avatar utente

Lamia
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2426
Iscritto il: 11/01/2014, 14:55

Re: LE ORME

Messaggio da Lamia » 30/05/2020, 8:51

Concordo con Lorenzo , aggiungo anche la bella voce , cristallina , evocativa , carezzevole , di Aldo Tagliapietra [approve] . Una voce che definirei “perfetta “ per la musica delle Orme.

Avatar utente

Lorenzo Mentasti
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 563
Iscritto il: 11/11/2019, 16:14

Re: LE ORME

Messaggio da Lorenzo Mentasti » 04/06/2020, 9:49

Lamia ha scritto:
30/05/2020, 8:51
Concordo con Lorenzo , aggiungo anche la bella voce , cristallina , evocativa , carezzevole , di Aldo Tagliapietra [approve] . Una voce che definirei “perfetta “ per la musica delle Orme.
Grazie @ Lamia [happy]
"Mother, didn't need to be so high."

Rispondi