PFM in Classic

Sezione dedicata a tutti gli artisti che hanno contribuito alla scena progressive italiana.

Moderatori: MrMuschiato, Hairless Heart, Harold Barrel, Watcher

Avatar utente

Autore del Topic
Hairless Heart
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 6510
Iscritto il: 18/12/2010, 15:12
Località: Veneto

PFM in Classic

Messaggioda Hairless Heart » 30/10/2013, 18:55

Ancora non ne avevamo parlato....

LA PFM SI DA' ALLA MUSICA CLASSICA.
"SENZA PREGIUDIZI, IN FONDO E' SIMILE AL PROG"

La band torna in scena con un album realizzato assieme a un'orchestra, "PFM in Classic, da Mozart a Celebration". Quattro anni di lavoro e un obiettivo: dimostrare che tutta la musica "è gioia assoluta se si è disposti ad ascoltarla senza pregiudizi"

TANTI musicisti hanno provato a riarrangiare in chiave classica le proprie canzoni. La Pfm ha fatto il contrario: in Pfm in classic Franz Di Cioccio, Patrick Djivas e Franco Mussida hanno rifatto a modo loro Verdi, Rossini, Prokofiev e altri ancora. Un doppio album (o triplo se comprato nella versione vinile) che getta un ponte tra culture musicali soltanto apparentemente distinte. "L'idea iniziale era celebrare Mozart, uno che divertiva non solo le corti ma anche il popolo. Poi non se ne fece nulla e passammo a Verdi: nel 2009 suonammo vicino a Busseto l'ouverture del Nabucco e non ci lapidarono. Capimmo che poteva nascere qualcosa".
Così ecco brani come la Danza macabra di Saint Saëns o l'Adagietto dalla Sinfonia n. 5 di Mahler mescolarsi alle loro Celebration e Impressioni di settembre: "In fondo il prog degli anni Settanta aveva partiture e orchestrazioni molto simili alla classica, e noi siamo sempre stati musicisti che dipingono atmosfere, abbiamo trattato questi compositori nello stesso modo con cui abbiamo trattato De Andrè, ovvero prendendo spunti per poi espanderli attraverso la nostra musica".
Un album da ascoltare con calma, anche perché la durata media di ogni brano è di otto minuti: "Non è esattamente roba radiofonica, ma tanto le radio non ci vogliono, perché noi dovremmo volere loro?".


http://www.repubblica.it/spettacoli/musica/2013/09/11/news/pfm-66338424/

Altri articoli da Panorama....
http://cultura.panorama.it/musica/pfm-inclassic-recensione

e ancora da Repubblica.
http://torino.repubblica.it/cronaca/2013/10/16/news/la_pfm_dal_prog_alla_classica_cos_giochiamo_con_la_musica-68719420/
Siamo figli delle stelle
pronipoti di sua maestà Den Harrow

Avatar utente

rim67
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1815
Iscritto il: 06/04/2013, 22:23

Re: PFM in Classic

Messaggioda rim67 » 01/11/2013, 8:58

[slurp] un progetto interessante,
grazie Hairless.
La vita dentro agli occhi dei bambini denutriti, allegramente malvestiti, che nessun detersivo potente può aver veramente sbiaditi.

Avatar utente

2Old2Rock2Young2Die
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1392
Iscritto il: 20/09/2013, 16:15

Re: PFM in Classic

Messaggioda 2Old2Rock2Young2Die » 02/11/2013, 17:47

Devo dire che se la cavano egregiamente [happy] e poi era doveroso metterci la Tarantella di Rossini visto che La luna nuova, E' festa da lì venivano in fondo.
Immagine
Clicca qui o sull'immagine per ingrandire

"But don't you think that I know that walking on the water, Won't make me a miracle man?"

Avatar utente

Progknight94
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1199
Iscritto il: 21/05/2011, 19:09
Località: Cartelfranco Veneto (tv)

Re: PFM in Classic

Messaggioda Progknight94 » 03/11/2013, 22:22

Se c'è un gruppo italiano che può farlo sono loro.

Devo dire che non mi interessa per niente purtroppo, li vedrei meglio a incidere un nuovo disco di inediti che sarebbe ora...

Avatar utente

SH61
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 450
Iscritto il: 13/05/2011, 16:11

Re: PFM in Classic

Messaggioda SH61 » 12/12/2013, 9:01

Stranamente io li ho intercettati parzialmente proprio alla radio, un'intervista a Radio Capital dove ho potuto ascoltare anche il brano che include "Celebration" e il tutto non mi è dispiaciuto.
Riguardo all'auspicio di un disco di inediti sono invece molto pessimista. Da dopo "Jet Lag" la qualità delle composizioni è calata vistosamente e si parla di 30 anni fa abbondanti.

Avatar utente

Lamia
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1398
Iscritto il: 11/01/2014, 14:55

Re: PFM in Classic

Messaggioda Lamia » 20/01/2014, 15:40

Avvicinatomi scetticamente a questo album, debbo dire che sono stata piacevolmente smentita da questo gruppo fantastico, perche' l'album e' davvero godibililissimo. Un viaggio che ripercorre la storia delle loro musiche piu' belle accompagnata da momenti di Classica che s'intersecano piacevolmente. La difficolta', a mio avviso, potrebbe esser stata quella di minimizzare le proprie composizioni a favore di una inevitabile superiorita' tecnica e compositiva dei brani dei compositori di musica Classica, invece no, questo non succede. Anzi. Succede che , con un abile e gentile intreccio, si assiste ad una bella performance strumentale e vocale della P.F.M e dell'orchestra tra il classico e il moderno, senza prevaricazioni dell'uno sull'altro, insieme per la Musica.
Ottime le scelte e gli 'abbinamenti' . . [hearts] , tanto che al primo ascolto non ho guardato per non rovinarmi la sorpresa, e debbo dire che mai avrei pensato a certi 'duetti' , tipo la stupenda sinfonia n.4 Mendelssohn/E' Festa/La Danza Rossini. . cosi come altri. . cioe', incredibile, bello bello! 8-)


Torna a “Progressive Rock italiano”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti