La Maschera di Cera: Le porte del domani (recensione)

Sezione dedicata a tutti gli artisti che hanno contribuito alla scena progressive italiana.

Moderatori: MrMuschiato, Hairless Heart, Harold Barrel, Watcher


Autore del Topic
onward
Novellino
Novellino
Messaggi: 24
Iscritto il: 03/05/2013, 16:52

La Maschera di Cera: Le porte del domani (recensione)

Messaggioda onward » 10/05/2013, 15:57

Immagine

L’attesa è finita. Il nuovo album de La maschera di cera “Le porte del domani” (“The gates of Tomorrow” il titolo dell’edizione in inglese”) è finalmente in nostro possesso.
Lungamente pubblicizzato come qualcosa di “mai tentato e mai osato”, “Le porte del domani” riprendono il discorso iniziato giusto 40 anni fa da Le orme con “Felona e Sorona” portandolo ad una possibile conclusione. Progetto intrigante, ma non privo di rischi: il paragone con il capolavoro del gruppo veneziano (una bella sfida non c’è che dire….), ma anche il confrontarsi con critiche (per quanto costruttive) per un’operazione che potrebbe apparire stucchevole o priva di reale ispirazione.
Ebbene da entrambe le ipotetiche situazioni il gruppo esce a testa alta, altissima, confezionando un lavoro di ottima fattura. L’importanza che si vuole dare al progetto è altresì evidenziata dalla pubblicazione di una versione dell’album in lingua inglese ed anche dalla possibilità di acquisire il cofanetto con le due versioni a cui si aggiungono vari gadget. Ma iniziamo con la storia.
Ora Sorona è illuminato dalla luce e Felona, un tempo vitale e rigoglioso, è nell’oscurità assoluta. Con “Ritorno dal nulla” ci addentriamo nel concept : ripresa intelligente di alcune frasi melodiche e liriche dell’album del 1973 (a sottolinearne la suggestiva continuità) sottoposte a “trattamento” moderno . Sezione ritmica rocciosa, aperture sinfoniche decise, vuoti atemporali ben riempiti dal flauto, anzi dai flauti (oltre al “titolare” Andrea Monetti, l’illustre ospite Martin Grice dei Delirium) e la solita convincente interpretazione vocale di Alessandro Corvaglia .
Il buio che avvolge Felona non può che essere foriero di drammatici eventi e “La guerra dei 1000 anni” ne è la logica conseguenza. E’ uno degli episodi più riusciti dell’intero album sia dal punto di vista lirico che strumentale malgrado la sua semplicità melodica con ancora il flauto a far bella mostra di sé.
Al fine lirismo di “Ritratto di lui” (Banco docet…a proposito i testi sono del duo Zuffanti/Di Tollo), segue l’energica “L’enorme abisso” con le numerose tastiere di Macor ad ergersi come protagoniste, ben coadiuvate dal flauto di Monetti e dal sax di Grice a conferire dissonanze crimsoniane. Si inserisce da par suo anche la chitarra elettrica (non più una novità per il gruppo) dell’ospite femminile Laura Marsano che indurisce ulteriormente il suono, per un brano tipicamente MDC.
La sofferta “Ritratto di lei” ( in cui la donna di Sorona invita l’uomo di Felona, di cui è innamorata, ad un viaggio spirituale per raggiungere la divinità e chiedere il sospirato equilibrio tra i due pianeti) anticipa un altro pezzo da 90: “Viaggio metafisico”. Il drumming “alla Bonham” di Di Tollo, il basso incalzante, il flauto molto rock di Monetti, un Corvaglia “arrabbiato” e le tastiere e la chitarra a saturare il tutto, rendono il brano molto heavy. L’alternanza tra “lana pungente” ed il morbido velluto continua con “Alba nel tempio”: il flauto è ora delicato, Corvaglia si adegua con naturalezza, prima dello scintillante finale con tanto di splendido “solo” della rivelazione Marsano.
La “Luce sui due mondi” e l’”uomo nuovo” nato dall’unione della donna di Sorona e l’uomo di Felona sono la speranza per il futuro. E’ un altro continuo crescendo che sfocia in un bel “solo” di Macor e che da “il là” ad “Alle porte del domani”, l’unico strumentale dell’album. Svolazzi hard psichedelici vanno ad intersecarsi con il leggendario tema principale di “Ritorno al nulla” di Dei Rossi e Co.
Album ineccepibile, per un gruppo in grande spolvero ed al massimo delle proprie capacità espressive che meriterebbe ulteriore e meritato riconoscimento, ed una pietra miliare per il nuovo prog italiano. Un omaggio sentito alle Orme (e non solo), ma eseguito con gusto, intelligenza e molto “mestiere” (il che non guasta ovviamente).
Concludiamo ricordando che Lanfranco ha” donato” una propria opera del 1968 a far da copertina a “Le porte del domani”. Nel segno della continuità appunto. Da cui proviene. Molto banalmente.

Avatar utente

Progknight94
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1199
Iscritto il: 21/05/2011, 19:09
Località: Cartelfranco Veneto (tv)

Re: maschera di cera:le porte del domani (recensione)

Messaggioda Progknight94 » 10/05/2013, 19:01

Avevo in mente di partire ad ascoltarli da questo! Me lo procuro [approve]

Avatar utente

Harold Barrel
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 2296
Iscritto il: 03/12/2010, 15:43
Località: Udine
Contatta:

Re: maschera di cera:le porte del domani (recensione)

Messaggioda Harold Barrel » 10/05/2013, 21:15

La tua recensione è molto motivante all'ascolto del disco di cui parli: complimenti, ottimo lavoro!
A dire il vero non avevo mai sentito parlare di questo gruppo: vedo che è nato in tempi abbastanza recenti (2001).
Prima di reperire l'album ti vorrei chiedere qualche dettaglio sul "sound" che il gruppo persegue: sono legati alle sonorità del progressive delle origini (di cui sono simboli fortemente evocatori strumenti come il sintetizzatore moog, l'organo hammond o il mellotron) o prevale un rapporto di emulazione nei confronti degli anni '70?
« La vita è la palingenetica obliterazione dell’io trascendentale che s’infutura nell’archetipo prototipo dell’autocoscienza cosmica. »

Ettore Petrolini


Autore del Topic
onward
Novellino
Novellino
Messaggi: 24
Iscritto il: 03/05/2013, 16:52

Re: maschera di cera:le porte del domani (recensione)

Messaggioda onward » 13/05/2013, 10:56

la MDC è deliberatamente vintage. nasce proprio per riproporre quei suoni. è uno dei tanti progetti di fabio zuffanti.

Avatar utente

rim67
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1815
Iscritto il: 06/04/2013, 22:23

Re: La Maschera di Cera: Le porte del domani (recensione)

Messaggioda rim67 » 14/05/2013, 10:46

Amo Moltissimo Felona e Sorona delle Orme.....ora sto ascoltando su youtube questo lavoro dei "La Maschera di Cera" e fin ora i brani che ho ascoltato mi piacciono molto, si sente più di un richiamo all'opera dalle Orme!
Grazie onward , non conoscevo il gruppo e questo lavoro in particolare [happy]
La vita dentro agli occhi dei bambini denutriti, allegramente malvestiti, che nessun detersivo potente può aver veramente sbiaditi.


Autore del Topic
onward
Novellino
Novellino
Messaggi: 24
Iscritto il: 03/05/2013, 16:52

Re: La Maschera di Cera: Le porte del domani (recensione)

Messaggioda onward » 15/05/2013, 16:16

anche gli altri album sono molto belli. e te li consiglio tutti.

Avatar utente

rim67
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1815
Iscritto il: 06/04/2013, 22:23

Re: La Maschera di Cera: Le porte del domani (recensione)

Messaggioda rim67 » 16/05/2013, 10:11

Grazie!
La vita dentro agli occhi dei bambini denutriti, allegramente malvestiti, che nessun detersivo potente può aver veramente sbiaditi.

Avatar utente

reallytongues
Moderatore Globale
Moderatore Globale
Messaggi: 3845
Iscritto il: 14/12/2011, 15:49
Località: Bergamo

Re: La Maschera di Cera: Le porte del domani (recensione)

Messaggioda reallytongues » 16/05/2013, 17:50

Finalmente visibile la copertina del disco nel post d'apertura :lol: .
Decisamente evidente il rimando al disco delle Orme.
nel continente nero paraponzi ponzi bo


Autore del Topic
onward
Novellino
Novellino
Messaggi: 24
Iscritto il: 03/05/2013, 16:52

Re: La Maschera di Cera: Le porte del domani (recensione)

Messaggioda onward » 17/05/2013, 12:38

il pittore lanfranco ha fornito una sua opera.


Torna a “Progressive Rock italiano”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 10 ospiti