Diffusori HI-FI

In questa sezione potete scambiarvi spartiti, suggerimenti, opinioni e critiche fra musicisti e amanti del suono.

Moderatori: Harold Barrel, Watcher, Hairless Heart, MrMuschiato

Avatar utente

theNemesis
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2146
Iscritto il: 23/09/2013, 11:29
Località: Svizzera

Re: Diffusori HI-FI

Messaggio da theNemesis » 11/04/2019, 10:46

Grazie a entrambi per l'apprezzamento!
Più che commenti pensavo a domande di chiarimento. Magari certe cose non le spiego al meglio!
Dancing on time way...

Avatar utente

theNemesis
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2146
Iscritto il: 23/09/2013, 11:29
Località: Svizzera

Re: Diffusori HI-FI

Messaggio da theNemesis » 11/04/2019, 11:21

Parliamo quindi di casse in Bass-Reflex.

Hanno la caratteristica contraria a quelle in sospensione pneumatica, ovvero sono casse "aperte".
Questo significa che il woofer lavora in comunicazione con l'esterno della cassa.
Questa configurazione permette di ottenere bassi pieni e profondi con una buona pressione sonora. Infatti, la resa acustica del woofer è maggiore rispetto a quella della sospensione pneumatica e quindi si può linearizzare la risposta in frequenza senza mortificare troppo l'efficienza degli altoparlanti che lavorano sulle frequenze medie e alte.
Se vi ricordate, parlando di risposta in frequenza, abbiamo sottolineato che è un dato che viene misurato anche in funzione della pressione sonora, tipicamente in un range +/- 3 dB. Ovviamente se abbiamo un woofer poco efficiente, per ottenere una risposta lineare dobbiamo intervenire abbassando l'efficienza di medi e acuti, altrimenti avremmo uno sbilanciamento sgradevole del suono su queste frequenze. E' per questo motivo che le casse in sospensione pneumatica hanno efficienze inferiori rispetto a quelle in bass-reflex e, in generale, abbisognano di maggiore potenza in ingresso per fornire una pressione sonora soddisfacente.
Allora tutti penseranno: ma perchè non costruire solo diffusori in reflex? Perchè il reflex presenta alcuni svantaggi rispetto alla sospensione pneumatica.
Il primo è quello di produrre sui bassi un suono più "colorato", ovvero meno rigoroso rispetto alla sospensione. Bassi corposi ma meno "frenati" e quindi meno precisi.
Il secondo difetto è quello della collocazione in ambiente più problematica. Infatti, l'interazione con l'ambiente non avviene solo tramite le emissioni dirette del woofer, ma anche con i cosiddetti "condotti reflex".
Che cosa sono?
Sono quei fori nella cassa, che spesso contengo dei tubi costruiti utilizzando vari materiali, che "raccolgono" le emissioni posteriori del woofer utilizzandole per mettere in movimento l'aria contenuta nei tubi stessi e ottenere così un ulteriore fonte di pressione sonora.
Quindi, sommando l'emissione diretta del woofer con quella dei condotti si ottiene una pressione sonora superiore alle basse frequenze.

Immagine

Immagine

Ovviamente, non è banale progettare un buon reflex, perchè il progettista deve "accordare" al meglio il woofer con i condotti onde evitare fastidiosi picchi di emissione alle cosiddette "frequenze di incrocio", cioè i punti in ci la curva di risposta del woofer si incrocia con quella dei condotti (che di fatto è come se fossero degli altri altoparlanti).

Generalmente le casse in reflex sono utilizzate quando occorre una buona estensione sui bassi e una pressione sonora elevata senza dover ricorrere a casse gigantesche (ad esempio, discoteche).
Il suono, e quindi il tipo di musica, che può far scegliere una cassa reflex, dipende molto dalla sua progettazione.
Ci sono diffusori reflex che quanto a precisione e smorzamento sui bassi non hanno nulla da invidiare a delle ottime sospensioni pneumatiche, a scapito comunque dell'efficienza (anche se maggiore della sospensione).
Ci sono poi "monitor" in reflex che offrono un suono dettagliato, senza colorazioni, "freddo", e molto potente ed esteso sui bassi.
Si può dire, quindi, che il mondo dei diffusori reflex è più variegato in quanto a sonorità rispetto a quello delle sospensioni.
Mai come in questo caso, la scelta può essere effettuata solo con un ascolto attento, partendo sempre da diffusori che abbiano caratteristiche elettroacustiche di buon livello.

Questo un tipico woofer per bass reflex (membrana rigida, sospensione robusta, massa magnetica importante e ben ventilata per ottenere un buon raffreddamento).

Immagine

I fantastici studio monitor JBL Synthesis 4307 - Precisi, efficienti, neutri.

Immagine

Nella prossima puntata parleremo di Trombe!
Dancing on time way...

Avatar utente

twoofus
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1535
Iscritto il: 19/06/2015, 13:29

Re: Diffusori HI-FI

Messaggio da twoofus » 11/04/2019, 13:15

theNemesis ha scritto:
11/04/2019, 10:46
Grazie a entrambi per l'apprezzamento!
Più che commenti pensavo a domande di chiarimento. Magari certe cose non le spiego al meglio!
Ma se sembra un'enciclopedia dell'alta fedeltà!
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead.

Avatar utente

theNemesis
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2146
Iscritto il: 23/09/2013, 11:29
Località: Svizzera

Re: Diffusori HI-FI

Messaggio da theNemesis » 16/04/2019, 10:52

E ora si parla di trombe!

I diffusori a tromba sono utilizzati soprattutto per il cosiddetto "Public Address", ovvero per la diffusione di suono in locali pubblici come cinema, teatri, stadi etc...
Il motivo è molto semplice: hanno un'efficienza sbalorditiva che consente di ottenere pressioni sonore elevatissime con bassa distorsione.
Considerate che la pressione sonora si dimezza ogni volta che la distanza dalla sorgente raddoppia.
Quindi se un diffusore emette 90 dB a un metro (con 1 watt di potenza), a due metri i dB sono già 87, ovvero tre in meno. Dato che la scala di misurazione dei dB è logaritmica, questo significa che a 2 metri la pressione si è dimezzata.
A 4 metri sarà 84 dB e via diminuendo.
Per questo motivo, per sonorizzare ampi spazi è necessario avere grandi pressioni sonore, altrimenti chi è distante dal palco sente poco e niente.
Le casse a tromba ottengono questo risultato. Il motivo è proprio insito nella tromba.
La parte vicina all'altoparlante è un "collo di bottiglia" per il suono, che viene quindi compresso (infatti, una definizione degli altoparlanti caricati a tromba è anche "driver a compressione") e, successivamente, si espande con forza nella parte della tromba che si apre.
Questo percorso permette al suono di potenziarsi moltissimo rispetto all'emissione dell'altoparlante, e quindi si ottengono pressioni sonore molto elevate.
La tecnologia della tromba è antica. Pensate che è stata utilizzata per la riproduzione dei primi dischi con i famosi "grammofoni". Il braccio che regge la puntina vibra in funzione del solco che la puntina stessa "legge". la vibrazione sarebbe troppo debole per innescare un suono udibile, e quindi viene "passata" nella tromba del grammofono che la amplifica in modo che il suono possa essere udito. Stesso principio dei diffusori.

Immagine

In ambito woofer, il caricamento a tromba è realizzato quasi sempre all'interno della cassa, soprattutto per motivi di ingombro dato che una tromba per woofer ha dimensioni molto ampie. Sfruttando anche il mobile, è possibile ottenere una tromba di dimensioni corrette senza ingombri impossibili. Il woofer viene montato al'interno della cassa e la tromba è realizzata sfruttando il cabinet (spesso si tratta di trombe "piegate" che ottengono un maggiore percorso sonoro con minor ingombro).

Ecco un esempio (Klipsch "La Scala")

Immagine

Progettare un diffusore con woofer a tromba non è uno scherzo.
Per questo motivo queste casse hanno costi molto elevati.

Immagine

I vantaggi di un buon diffusore a tromba sono molteplici.
Purezza di suono, neutralità, potenza, pressione sonora sono le caratteristiche più peculiari.
Gli svantaggi sono dovuti agli ingombri, spesso incompatibili con le mura domestiche, al fatto che non sono quasi mai facilmente pilotabili dagli amplificatori "home" (sono come si suol dire un "carico difficile" causa complessità del modulo dell'impedenza) e al prezzo elevato.

Nella prossima puntata faremo un breve riassunto delle caratteristiche anche degli altoparlanti per medi e acuti (altrettanto importanti dei woofer per una corretta riproduzione sonora) e poi proseguiremo con l'ambiente di ascolto.
Dancing on time way...

Avatar utente

Topic author
Watcher
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4194
Iscritto il: 06/12/2010, 8:47

Re: Diffusori HI-FI

Messaggio da Watcher » 17/04/2019, 8:57

Tutto molto interessante. Se ho ben capito i diffusori a tromba non hanno senso per un uso casalingo, anche se qualcuno per spirito di originalità li avrà comprati. Tipo quelli che spendono migliaia di dollars per una coppia di cavi hifi per collegare l'ampli ai diffusori, poi vorrei verificare se hanno l'orecchio talmente fino da sentire la differenza con una coppia da 50 dollari.

Nemesis, tornando ai diffusori, cosa ne pensi degli (ex) ESS con i tweeter AMT?
Quando mi contraddico ho ragione due volte.

Avatar utente

theNemesis
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2146
Iscritto il: 23/09/2013, 11:29
Località: Svizzera

Re: Diffusori HI-FI

Messaggio da theNemesis » 17/04/2019, 10:53

La ESS è ancora viva e vegeta e produce ottimi diffusori che sono contraddistinti, oltre che da una qualità progettuale e costruttiva eccellente, dal famoso tweeter AMT (Air Motion Transformer) più conosciuto come tweeter di Heil.
L'obbiettivo della ESS, soprattutto con i modelli dedicati al mercato italiano usciti qualche anno fa (AMT 330, 325, 316) e fabbricati accuratamente in Italia dalla Audiophile, all'epoca distributore italiano, è quello di coniugare la regolarità della risposta in frequenza e la naturalezza di una cassa home con l’alta dinamica tipica dei monitor professionali, due cose che, come abbiamo visto, sono spesso inconciliabili.

Oggi il distributore è la Openitem e i diffusori ESS sono ancora un punto di riferimento per l'home hifi di alto livello.

Il tweeter originale è stato creato dal noto fisico tedesco Oskar Heil e il suo brevetto è stato assegnato a ESS per la produzione negli Stati Uniti. ESS è l'unico produttore con licenza ufficiale della tecnologia AMT Air Motion Transformer.

La Heil AMT utilizza una tecnologia semplice ma molto efficace. La chiave del sistema è la progettazione del suo diaframma a doppio lato brevettato e dei suoi componenti magnetici. Ciò permette di concentrare il suono maggiormente rispetto agli altoparlanti tradizionali. Il segnale acustico si muove fino a cinque volte più velocemente rispetto al movimento di un driver convenzionale.
Questo permette di ottenere un suono preciso, privo di colorazioni e molto performante.

Riguardo al midrange ed al woofer, abbiamo coni tradizionali, di buona qualità, ma non paragonabili a marchi che hanno una tradizione nella riproduzione dei medi e bassi registri (JBL, Electro Voice, Klipsch, Yamaha monitor etc...)

PS Riguardo ai cavi, concordo. Un buon compromesso fa spendere non più di 30 / 40 euro per dei cavi di potenza per i diffusori. Spesso, però, ci si dimentica dei cavi di segnale, quelli che collegano le varie sorgenti sonore all'amplificatore. Sono critici anche più dei cavi di potenza. Meglio spendere qualcosa in più sui cavi di segnale per trovarne con connettori dorati e a bassa dispersione.
Dancing on time way...

Avatar utente

Topic author
Watcher
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4194
Iscritto il: 06/12/2010, 8:47

Re: Diffusori HI-FI

Messaggio da Watcher » 17/04/2019, 11:03

Te l'ho chiesto perché posseggo le piccoline ESS, le LE 20. Sempre e solo queste ho avuto. Adesso sono scassate però, e vago un po' nel buio per un nuovo acquisto. [chin]
Quando mi contraddico ho ragione due volte.

Avatar utente

theNemesis
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2146
Iscritto il: 23/09/2013, 11:29
Località: Svizzera

Re: Diffusori HI-FI

Messaggio da theNemesis » 17/04/2019, 11:34

Alcune domande:
- Che ampli hai? marca, modello, potenza RMS
- Misure dell'ambiente di ascolto (hxlxp)
- Ambiente assorbente o riflettente
- Sorgente sonora più usata (CD, giradischi, radio...)
- Generi musicali prediletti
- Livello sonoro senza rischio di arresto
Dancing on time way...

Avatar utente

Topic author
Watcher
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4194
Iscritto il: 06/12/2010, 8:47

Re: Diffusori HI-FI

Messaggio da Watcher » 17/04/2019, 18:40

Che ampli hai? marca, modello, potenza RMS
Attualmente il vecchio Marantz PM400 - 40 watt scarsi (ma ho intenzione di cambiarlo con uno di potenza almeno doppia)
- Misure dell'ambiente di ascolto (hxlxp)
Circa 4x4x2,85h
- Ambiente assorbente o riflettente
Boh, facciamo misto va. [smile]
- Sorgente sonora più usata (CD, giradischi, radio...
CD e giradischi
- Generi musicali prediletti
Ma sono domande da farsi?
- Livello sonoro senza rischio di arresto
Non ho problemi, casa singola.
Quando mi contraddico ho ragione due volte.

Avatar utente

theNemesis
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2146
Iscritto il: 23/09/2013, 11:29
Località: Svizzera

Re: Diffusori HI-FI

Messaggio da theNemesis » 18/04/2019, 11:58

A parte il dato sull'ampli, necessario per capire quanta "benzina" hai a disposizione, le altre info che mi hai dato sono importanti per la scelta del diffusore.
Sono parametri che illustrerò a breve. Spero che saranno utili, non solo a te, ma a tutti coloro che intendono rinnovare il proprio parco diffusori.
A breve si continua!

A proposito del Marantz... Prima di pensionarlo, pensaci bene, perchè negli anni 80 era un ottimo prodotto.
Se non hai sufficiente pressione sonora, non è sicuramente colpa sua, ma delle ESS che sono piccoline e dure da pilotare sui bassi.

Immagine

Immagine
Dancing on time way...

Avatar utente

twoofus
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1535
Iscritto il: 19/06/2015, 13:29

Re: Diffusori HI-FI

Messaggio da twoofus » 18/04/2019, 12:56

theNemesis ha scritto:
18/04/2019, 11:58
A proposito del Marantz... Prima di pensionarlo, pensaci bene, perchè negli anni 80 era un ottimo prodotto.
Io ho il Marantz 1090 che fa il suo bel lavoro da 40 anni, senza interruzioni... comprato nel 1979!
L'unica cosa è che da un po', di tanto in tanto, mi "frigge" su un canale, cosa che si elimina subito azionando, premendo o alzando le manopole dei potenziometri o del loudness. Mi hanno detto che dovrei pulirlo con uno spray...
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead.

Avatar utente

theNemesis
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2146
Iscritto il: 23/09/2013, 11:29
Località: Svizzera

Re: Diffusori HI-FI

Messaggio da theNemesis » 18/04/2019, 15:04

Più che con uno spray ti suggerirei di usare l'aria compressa.
Si trovano nei "self" delle bombolette che vanno benissimo.
Si tratta solo di un po' di polvere accumulata negli anni.
Bel pezzo il 1090!
Dancing on time way...

Avatar utente

twoofus
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1535
Iscritto il: 19/06/2015, 13:29

Re: Diffusori HI-FI

Messaggio da twoofus » 18/04/2019, 15:27

Grazie.
Domande:
-il nome o la marca di qualche bomboletta ad aria compressa tra cui poter scegliere; su Amazon ce ne sono diverse a 5 euro, Nilox, Ewent, Techly...
-dovrei aprire l'ampli per usarla, oppure basta spruzzare dall'esterno nelle intercapedini delle manopole? Spero la seconda...
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead.

Avatar utente

Topic author
Watcher
Amministratore
Amministratore
Messaggi: 4194
Iscritto il: 06/12/2010, 8:47

Re: Diffusori HI-FI

Messaggio da Watcher » 18/04/2019, 20:40

Seguo.
Stesso problema che ho io: la manopola del volume frigge, e anche i due selettori a volte non fanno bene contatto.
Quando mi contraddico ho ragione due volte.

Avatar utente

theNemesis
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2146
Iscritto il: 23/09/2013, 11:29
Località: Svizzera

Re: Diffusori HI-FI

Messaggio da theNemesis » 24/04/2019, 11:14

twoofus ha scritto:
18/04/2019, 15:27
Grazie.
Domande:
-il nome o la marca di qualche bomboletta ad aria compressa tra cui poter scegliere; su Amazon ce ne sono diverse a 5 euro, Nilox, Ewent, Techly...
-dovrei aprire l'ampli per usarla, oppure basta spruzzare dall'esterno nelle intercapedini delle manopole? Spero la seconda...
Non ci sono sostanziali differenze tra una marca e l'altra di bombolette. Controlla solo il volume contenuto per non ritrovarti con l'operazione a metà causa bomboletta vuota...
E' meglio aprire l'ampli (normalmente si tratta di 4 viti che assicurano il contenitore esterno allo chassis che contiene la componentistica) facendo attenzione alle manopole di volume etc... e ad eventuali sliders.
Quando si soffia l'aria, farlo sempre in maniera delicata, iniziando con il tenere il tubetto dell'aria ad almeno 2 / 3 cm dal punto dove si vuole intervenire, ed avvicinandosi piano piano sino ad ottenere il risultato voluto.
Se non te la senti di aprire l'ampli, puoi provare ad intervenire da fuori. In questo caso, cerca di soffiare l'aria nell'intercapedine tra manopola e contenitore.
Dancing on time way...

Avatar utente

theNemesis
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2146
Iscritto il: 23/09/2013, 11:29
Località: Svizzera

Re: Diffusori HI-FI

Messaggio da theNemesis » 24/04/2019, 11:15

Watcher ha scritto:
18/04/2019, 20:40
Seguo.
Stesso problema che ho io: la manopola del volume frigge, e anche i due selettori a volte non fanno bene contatto.
Vedi risposta a twoofus :D
Dancing on time way...

Avatar utente

theNemesis
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 2146
Iscritto il: 23/09/2013, 11:29
Località: Svizzera

Re: Diffusori HI-FI

Messaggio da theNemesis » 24/04/2019, 11:47

Altoparlanti per medi e acuti

Breve disamina dei principali responsabili della riproduzione della voce e degli strumenti musicali.

Ricordate che abbiamo detto che i suoni bassi si espandono in modo più uniforme ed esteso rispetto a quelli medi e alti.
Si tratta del fenomeno della "direzionalità", ovvero quanto è ampio l'angolo di diffusione del suono.
Le frequenze a partire dai 300/400 Hz diventano sempre più monodirezionali, ovvero l'angolo di diffusione si restringe sempre di più.
Questo fenomeno, durante l'ascolto, può produrre una ricostruzione compressa e distorta del fronte sonoro, dando l'impressione di una riproduzione artificiosa e poco esatta.
Per evitare questo fenomeno, o almeno ridurlo, i costruttori di casse acustiche si sono spesso inventati mirabolanti quanto complesse e costose soluzioni, spesso poco pratiche da utilizzare in ambienti domestici.
Esaminiamo qui quelle soluzioni che sono diventate standard di mercato perchè rappresentano un equilibrato compromesso tra il buon risultato ottenuto (angolo di dispersione sufficientemente ampio da ricostruire in modo credibile il fronte sonoro) e il costo per ottenerlo, sia in termini di denaro che di costruzione del mobile.

I Midrange

Gli altoparlanti per la riproduzione delle frequenza medie sono chiamati appunto Midrange, ovvero medio intervallo (di frequenze).
Normalmente i Midrange (o, per gli amici, Mid) sono altoparlanti a cono, di dimensioni intorno ai 12 / 14 cm di diametro, buona massa magnetica e cestello in lamiera. Riproducono le frequenze tra i 400 e i 2.000 hz (alcuni arrivano anche a 3.000) e si incrociano sia con il woofer che con l'altoparlante per gli acuti.
Questo doppio incrocio deve essere analizzato molto bene onde evitare effetti di rigonfiamento della pressione sonora dovuti a frequenze dove le emissioni di due altoparlanti si sommano.
Il Mid ha la caratteristica di riprodurre suoni che diventano sempre più monodirezionali all'aumentare della frequenza, pur rimanendo su angoli di dispersione ancora piuttosto ampi. Per questo motivo, il cono è la soluzione più adottata. E' efficiente, sopporta buone potenze e la sua forma permette di avere una buona dispersione angolare sia verticale che orizzontale.
Alcuni costruttori hanno sperimentato anche Mid a "cupola" e a "tromba".
Il primo tipo permette una migliore dispersione sonora a scapito di una tenuta in potenza inferiore e di una minore propensione a riprodurre frequenza inferiori ai 900 / 1.000 hz.
La struttura a tromba permette di ottenere una elevata pressione sonora a scapito dell'angolo di dispersione verticale che viene un po' ridotto (tipico effetto della tromba).
In definitiva, il miglior compromesso è il Mid a cono costruito con membrana di qualità (ottimi quelli in carbonio o in fibra di vetro) con buona tenuta in potenza (almeno una quarantina di watt).

Midrange a cono della Master Audio (13 cm in fibra di vetro)

Immagine

I Tweeter

Riproducono le alte frequenze da circa 2.000 hz in su. Spesso arrivano anche a 40 khz (anche se l'udito umano riesce a percepire fino al massimo a 16 Khz).
I più diffusi sono costruiti a "cupola", a "tromba", a "nastro".
I "cupola" sono senz'altro la maggioranza. Coniugano buona tenuta in potenza, buona dispersione e un timbro corretto.
Inoltre, poichè la cupola è molto leggera, hanno un'ottima risposta ai transienti, ovvero ai picchi sonori.
I "tromba" sono normalmente usati in applicazioni da studio, come monitor, perchè riproducono un suono neutro e molto potente. Hanno il solito problema delle trombe, ovvero la dispersione verticale ridotta. Ma sono senz'altro un'ottima soluzione anche per diffusori casalinghi.
I "nastro" sono eccezionali nella riproduzione del suono, hanno una buona spazialità ma tengono poca potenza (sono delicati) e spesso sono carichi "difficili" da pilotare per l'ampli.
In definitiva, un buon tweeter a cupola, magari in materiale composito o in titanio, è una scelta corretta che coniuga buone prestazioni e una più che soddisfacente dispersione sia verticale che orizzontale.

Lo splendido tweeter "Pure Titanium" della JBL

Immagine

La prossima puntata sarà dedicata al posizionamento in ambiente dei diffusori.
Dancing on time way...

Avatar utente

Humdrum
Grande Rocker
Grande Rocker
Messaggi: 627
Iscritto il: 09/01/2014, 20:54
Località: veneto

Re: Diffusori HI-FI

Messaggio da Humdrum » 29/04/2019, 17:21

Aspetto la puntata sull'ambiente..... [nc]
"Mi piacevano molto i Genesis con Peter Gabriel.Quando Peter ha lasciato il gruppo, ho smesso di seguirli." RICK WRIGHT(Pink Floyd)

Avatar utente

aorlansky60
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1454
Iscritto il: 09/07/2018, 12:09

Re: Diffusori HI-FI

Messaggio da aorlansky60 » 30/04/2019, 12:19

theNemesis ha scritto:
01/04/2019, 18:40
AOR non pervenuto...
Domani inizio io! ;)
perdonami, ho letto solo ora, 30 APR 2019, guarda caso anche giorno del mio compleanno [smile]

sono passato di qua solo perchè ho intravisto un post recente a nome "TheNemesis", solitamente le sezioni messe più in basso della videata mi sfuggono...

...vedo comunque che hai già fatto un discreto LAVORONE illustrativo, complimenti. [happy]
Ama tutti, credi a pochi, non far male a nessuno.

Avatar utente

twoofus
Vintage Rocker
Vintage Rocker
Messaggi: 1535
Iscritto il: 19/06/2015, 13:29

Re: Diffusori HI-FI

Messaggio da twoofus » 30/04/2019, 12:26

aorlansky60 ha scritto:
30/04/2019, 12:19
perdonami, ho letto solo ora, 30 APR 2019, guarda caso anche giorno del mio compleanno [smile]
E allora auguri, "vecchio" aorl!
You and I have memories longer than the road that stretches out ahead.

Rispondi